Spotify

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spotify
Spotify.svg
URL www.spotify.com
Commerciale
Tipo di sito Streaming musica
Registrazione obbligatoria
Proprietario Spotify Ltd
Creato da Spotify Ltd
Stato attuale attivo

Spotify è un servizio musicale che offre lo streaming on demand di una selezione di brani di varie case discografiche ed etichette indipendenti, incluse Sony, EMI, Warner Music Group e Universal.[1][2] Lanciato nell'ottobre 2008 dalla startup svedese Spotify AB, il servizio ha circa dieci milioni di utenti al 15 settembre 2010,[3] 2,5 milioni dei quali sono membri a pagamento.[4][5]. Ad aprile 2013, il servizio è disponibile in Australia, Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Hong Kong, Islanda, Isole Faroe, Italia, Lettonia, Lituania, Malesia, Messico, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Singapore, Spagna, Svezia, Svizzera e Stati Uniti.

Spotify è attualmente fruibile attraverso Microsoft Windows, Mac OS X, Linux, Telia Digital-tv e i dispositivi mobili equipaggiati con iOS (iPod/iPhone/iPad), Android, BlackBerry (in versione beta limitata), Windows Mobile, Windows Phone, S60 (Symbian), webOS, Squeezebox, Boxee, Sonos, WD TV e MeeGo.[6][7][8][9][10][11]

La musica può essere visualizzata per artista, album, etichetta, genere o playlist così come grazie a ricerche dirette. Sui dispositivi desktop un collegamento permette all'ascoltatore di acquistare materiale selezionato presso venditori di terze parti.[12]

Spotify prevede 3 tipologie di utenze: una di base e gratuita, Free, già disponibile al momento della sottoscrizione del servizio accedendo con un account Facebook o Spotify, con la quale l'utente può ascoltare una quantità illimitata di musica, ma sovrapposta a pubblicità visiva e simil-radiofonica; una intermedia con abbonamento a pagamento, Unlimited, con cui si può ascoltare la musica senza la pubblicità; una avanzata con abbonamento a pagamento, Premium, che consente di accedere ad ulteriori funzioni come lo streaming con maggiore bitrate (fino a 320 kb/s), l'accesso offline alla musica e le applicazioni mobili.[13] In passato, per utilizzare Spotify era necessario disporre obbligatoriamente di un account Facebook, ma dal 30 agosto 2012 è stata reintrodotta la possibilità di creare un account su Spotify.[14] Gli abbonamenti sono disponibili solo agli utenti con carte di credito/debito oppure con un account PayPal residenti in certi Paesi.[15][16]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Daniel Ek si rivolge allo staff di Spotify

Spotify è stato sviluppato a partire dal 2006 dalla Spotify AB a Stoccolma in Svezia. L'azienda è stata fondata da Daniel Ek, ex CTO di Stardoll e da Martin Lorentzon, cofondatore di TradeDoubler. L'azienda madre è oggi la Spotify Ltd di Londra, mentre ricerca e sviluppo vengono ancora svolti dalla Spotify AB a Stoccolma.

alt text
Spotify a Stoccolma

Il programma Spotify è stato distribuito pubblicamente il 7 ottobre 2008. Mentre gli account gratuiti rimangono ancora oggi disponibili solo attraverso un invito, dal momento del lancio gli abbonamenti a pagamento sono disponibili a tutti. Nello stesso periodo, Spotify AB ha anche annunciato accordi di licenza con molte grandi case discografiche.[17] L'azienda ha riportato una perdita di 4,4 milioni di dollari nell'anno 2008.[18]

I primi passi nella direzione di offrire account gratuiti al pubblico senza inviti sono stati intrapresi il 10 febbraio 2009, quando Spotify ha consentito la registrazione gratuita nel Regno Unito.[19] Nel seguito all'aumento delle registrazioni dopo il rilascio dell'applicazione per dispositivi mobili, Spotify ha impedito le registrazioni libere nel Regno Unito per parte del 2009 ed è tornato al modello del solo invito.[20]

Nel febbraio 2010, Spotify ha ricevuto un piccolo investimento da Founders Fund in cui Sean Parker era tra i dirigenti ed era stato reclutato per aiutare Spotify a "vincere le etichette nel più grande mercato di musica mondiale".[21]

Il 4 marzo 2009, Spotify ha annunciato che si erano presentati dei problemi di sicurezza nel servizio, a causa dei quali informazioni private (inclusi indirizzi email e password in hash salato) degli utenti registrati prima del 19 dicembre 2008 erano state potenzialmente violate.[22][23][24][25]

Il 28 gennaio 2010, il software antivirus di Symantec ha individuato Spotify come un Trojan horse, disabilitando il programma in milioni di computer.[26][27]

Il 18 maggio 2010, Spotify ha annunciato la disponibilità di due ulteriori tipologie di account. Spotify Unlimited è come Spotify Premium ma non dispone delle applicazioni per dispositivi mobili e di altre funzioni. Spotify Open è una versione ridotta Spotify Free che consente agli utenti di ascoltare fino a venti ore di musica ogni mese.[28] Spotify Free rimane disponibile solo su invito.

Il 1 settembre 2010, il World Economic Forum ha conferito all'azienda il titolo di Technology Pioneer per il 2011.[29]

Roberta Maley[30] anche conosciuta come "Roberta di Spotify" è stata la presidente dei servizi Premium di Spotify. È nota per le sue comparse in alcune pubblicità di Spotify.[31][32]

Il 25 marzo 2011, Spotify ha temporaneamente disabilitato la pubblicità proveniente da fonti esterne per i suoi account gratuiti a causa di un attacco che sfruttava una vulnerabilità di Java per introdurre programmi ostili sul computer della vittima.[33]

Il 14 aprile 2011, Spotify ha annunciato attraverso il suo blog che avrebbero diminuito drasticamente la quantità di musica che i membri non paganti avrebbero potuto ascoltare a partire dal 1 maggio 2011. Il post diceva che tutti i membri "Spotify Open" e "Spotify Free" avrebbero avuto una nuova tipologia di account con un limite di dieci ore mensili. Inoltre un utente avrebbe potuto ascoltare la stessa traccia per un massimo di cinque volte. I membri "Spotify Unlimited" e "Spotify Premium" non sarebbero stati coinvolti in questo cambiamento. I nuovi utenti sarebbero stati esclusi dalle modifiche per sei mesi.[34]

Il 17 giugno 2011 è stato annunciato che Spotify si era assicurato altri 100 milioni di dollari di investimenti e intendeva utilizzarli per finanziare il suo lancio statunitense.[35] Con questi nuovi investimenti l'azienda era valutata un miliardo di dollari.

Il 14 luglio 2011, Spotify ha lanciato il suo servizio negli Stati Uniti: si è trattato di un importante traguardo raggiunto dopo anni di ritardi e negoziati con le quattro maggiori case discografiche.[36]

Il 30 novembre 2011, Spotify ha lanciato Spotify Apps e App Finder per "offrire nuove ed eccitanti esperienze musicali costruite attorno ai tuoi gusti". I partner del lancio includevano i Rolling Stone, We Are Hunted, Top10, Songkick, The Guardian, Soundrop e Last.FM

Il 9 dicembre 2011, Spotify ha completamente rinnovato il servizio delle Radio, aggiungendo stazioni senza limiti e un nuovo sistema di raccomandazioni musicali.[37]

Il 29 marzo 2012, Spotify ha rimosso la restrizione che limitava alcuni utenti ad ascoltare al massimo cinque volte la stessa canzone. Questa restrizione si applicava agli utenti che avevano un account gratuito per più di sei mesi.[38]

L'11 dicembre 2013, Spotify annuncia lo streaming "shuffle" gratuito e l'offerta finora limitata ai pc viene estesa a smartphone e tablet. Verrà rimosso anche il limite di 10 ore al mese. E annuncia anche che tra i brani a disposizione arrivano anche quelli dei Led Zeppelin.[39]

Il 15 gennaio 2014, viene annunciato che è stato rimosso il limite di 10 ore al mese per gli utenti Free.[40]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

[modifica | modifica sorgente]

A luglio 2011 il catalogo consentiva l'accesso a circa 15 milioni di canzoni[41] attraverso la ricerca per artista, album, titolo, etichetta e genere e permetteva agli utenti di accedere ai brani delle major e di molte etichette indipendenti. Alcuni artisti hanno deciso di non essere aggiunti a Spotify.[1][42] Inoltre, alcuni artisti sono assenti in certe regioni geografiche a causa di restrizioni sulle licenze imposte dalle case discografiche. Per esempio i Beatles non sono disponibili a causa di un accordo di distribuzione digitale in esclusiva per iTunes.[43] Il programma di Spotify permette di importare musica da iTunes,[44] con l'opzione della sincronizzazione con un dispositivo mobile.[45] Gli utenti del Regno Unito, Francia, Spagna, Norvegia, Svezia, Finlandia e dei Paesi Bassi possono anche comprare la maggioranza dei brani, se disponibili, dal partner di Spotify 7digital.[46]

Playlist[modifica | modifica sorgente]

Gli utenti possono creare playlist e condividerle,[47] e modificarle con la collaborazione di altri utenti (vedi software collaborativo). Per questo scopo i collegamenti alle playlist possono essere trascinati in una email o nella finestra di un programma di messaggistica istantanea. Se il destrinatario segue il collegamento, la playlist viene scaricata nel suo programma Spotify. Le playlist scaricate si autoaggiornano se l'autore aggiunge o rimuove dei brani. Proprio come dei normali collegamenti, questi possono essere utilizzati ovunque. Lo stesso principio si applica alle singole tracce che possono essere trascinate nei vari programmi a piacere.[48] Esistono numerosi siti web per condividere, votare e discutere le canzoni o le playlist di Spotify.[49]

Integrazione con Last.fm[modifica | modifica sorgente]

Mentre Spotify non crea automaticamente playlist basate sui gusti degli utenti, offre l'integrazione con Last.fm. Questa integrazione consente agli utenti di Spotify di inviare le canzoni ascoltate al loro account su Last.fm. L'analisi effettuata da Last.fm permette agli utenti di Spotify di capire quali canzoni o artisti ascoltino maggiormente. Inoltre gli utenti di Spotify possono aggiungere un collegamento nella loro libreria su Last.fm alle canzoni su Spotify.[50]

Radio[modifica | modifica sorgente]

Spotify comprende inoltre la funzionalità Radio disponibile per gli account Spotify Free, Unlimited e Premium, che genera playlist casuali basate su generi e decenni specificati dall'utente. La funzione Artist Radio crea playlist casuali di canzoni di artisti collegati all'artista selezionato, incluso l'artista stesso.[51] I canali Artist Radio su Spotify forniscono informazioni sull'artista selezionato, dalla sua biografia ai suoi singoli più famosi. La funzione radio di Spotify presenta varie differenze dal suo concorrente Pandora. Utilizzando la funzione radio di Spotify, gli utenti possono saltare tutte le tracce che vogliono, mentre Pandora ha un limite al numero di tracce che possono essere saltate. Inoltre Spotify consente agli utenti di valutare le tracce, limitando dunque la capacità di creare una radio basata sulle preferenze dell'ascoltatore.[52]

Integrazione coi social network[modifica | modifica sorgente]

Spotify permette agli utenti registrati di collegare i loro account con quelli esistenti su Facebook e Twitter. L'integrazione con Facebook è obbligatoria per i nuovi account. Una volta che un utente collega il suo account su Spotify con il proprio profilo su altri social network è in grado di accedere alle canzoni o alle playlist preferite dei propri amici.[53] Inoltre la compatibilità con Facebook permette agli utenti di Spotify di condividere delle canzoni coi loro amici su Facebook attraverso il servizio musicale. Gli utenti di Spotify sono in grado di inviare tracce o playlist agli amici che, per contro, possono accedere a questa musica attraverso i loro account su Spotify.[54] Il 26 settembre 2011 è stato annunciato che tutti i nuovi account dovranno accedere al servizio attraverso Facebook.[55] In quella settimana Sean Parker, ex presidente di Facebook e investitore di maggioranza di Spotify, ha commemorato questa integrazione a una festa f8 durante la quale si sono esibiti Snoop Dogg, the Killers e Jane's Addiction.[56]

Applicazioni[modifica | modifica sorgente]

Gli utenti possono accedere alle applicazione integrate nel programma di Spotify, scritto in HTML5. Sviluppatori di terze parti possono offrire funzioni legate all'ascolto musicale come la condivisione in diretta delle playlist, recensioni musicali, testi e informazioni sui concerti. Al momento del lancio (30 novembre 2011 in versione beta), le applicazioni supportate erano Billboard, Fuse, The Guardian, Last.fm, Moodagent, Pitchfork, Rolling Stone, Songkick, Soundrop, TuneWiki e We Are Hunted.

Informazioni tecniche[modifica | modifica sorgente]

Il software utilizzato da Spotify è proprietario e utilizza i digital rights management (DRM) per impedire usi non autorizzati dei contenuti. Gli utenti che approvano i termini e le condizioni di servizio di Spotify acconsentono a non utilizzare tecniche di ingegneria inversa sul programma.[57]

I contenuti della cache di ciascun client sono inseriti in un indice che viene inviato ai server di Spotify al momento della connessione al servizio. Questo indice è utilizzato per informare altri client della presenza di nodi addizionali a cui connettersi per ottenere le canzoni da riprodurre. Queste vengono trasmesse da ciascun client che dall'avvio si comporta come un server rimanendo in attesa di connessioni da parte di altri utenti di Spotify e scambiando i dati presenti nella cache quando opportuno. Attualmente non vi sono dettagli ufficiali da parte degli sviluppatori su quante connessioni e quanta banda dell'utente usi il client di Spotify quando si collega ad altri utenti; il client di Spotify non offre modo di configurare questo.

Gli stream audio sono nel formato Vorbis a q5 (circa 160 kbit/s),[58] o opzionalmente q9 (circa 320 kbit/s)[59] per gli abbonati Premium. Spotify dichiara di avere un servizio di streaming quasi privo di buffer.

Dalla versione 0.4.3 è anche possibile riprodurre file MP3 e AAC locali, anche se questa funzione non è disponibile su Linux attraverso Wine perché Spotify "[...] sta bloccando i codec con l'identificativo "WINE-MPEG3″ finché Wine non funzionerà in modo soddisfacente."[60] Tali file sono comunque riproducibili tramite la versione nativa per Linux.

La dimensione e la posizione dalla cache è configurabile. È raccomandato almeno un 1 GB di spazio disponibile. Su Mac OS X, è richiesto almeno un processore G4. L'utente deve registrare un account per utilizzare il software. Questo account può essere usato su più di un computer, ma la musica più essere ascoltata da un solo computer alla volta.

Modello economico[modifica | modifica sorgente]

Spotify è finanziato dagli abbonamenti, dalle pubblicità mostrate a chi non è abbonato e dagli acquisti musicali in negozi partner. Offre un abbonamento illimitato a 10 dollari al mese, in accordo con l'equilibrio economico stimato dall'Open Music Model (OMM) per l'industria musicale. Comunque l'uso di DRM si discosta dall'OMM, così come da concorrenti quali iTunes e Amazon MP3, che hanno eliminato i DRM.

Nel febbraio 2009 le pubblicità destinate agli utenti non paganti duravano 15 secondi[61] Nel maggio 2009, Neowin ha riferito che la lunghezza approssimativa era aumentata a 30 secondi.[62] L'intervallo tra le diverse pubblicità non è costante.

Il pagamento di un costo fisso mensile rimuove la pubblicità, i limiti di streaming e aumenta il bitrate a 320 kbit/s per alcune canzoni.[63] Consente anche l'uso del client per dispositivi mobili compatibile con iOS, Android, Symbian, webOS, Windows Mobile 6.x, Windows Phone, e la maggior parte dei dispositivi BlackBerry (anche se attualmente in una versione beta limitata). Il 2 dicembre 2009 Spotify ha lanciato le "Premium ecards" (dei codici premio) che trasformano un account ordinario in uno "Premium" per 1, 3, 6 o 12 mesi.[64]

Nel marzo 2009 Spotify ha iniziato ad offrire download musicali a £0,99 per traccia in partnership con il negozio musicale 7digital.[65] Questa funzione è stata spostata da un menù contestuale a un più esplicito collegamento "Acquista" a metà ottobre 2009. Per gli utenti che acquistano un gran numero di brani, è possibile scegliere dei pacchetti di download che consentono di pagare in anticipo e quindi scaricare un certo numero di tracce in un mese.

Nel maggio 2010 Spotify ha introdotto l'account "Unlimited" che consente di ascoltare musica per un mese senza pubblicità alla metà del prezzo del Premium; comunque non include nessuna delle altre funzioni speciali riservate agli account Premium.[66]

Nell'ottobre 2010 Wired ha rivelato che Spotify sta guadagnando di più di qualunque altro rivenditore di musica in Svezia, "online o offline".[66]

Durante il 2010 Spotify ha pagato più di 45 milioni di dollari alle case discografiche.[67]

Nel marzo 2011 Spotify ha annunciato di avere più di un milione di abbonati paganti in tutta Europa.[5] A settembre il numero degli abbonati è raddoppiato a due milioni, ovvero almeno 10 milioni di dollari al mese di incasso.[68]

Secondo About.com i musicisti indipendenti possono facilmente distribuire la loro musica attraverso Spotify; il guadagno per i download a pagamento è 0,70 dollari, per lo streaming è variabile in base al numero totale di ascolti mensili che un artista riceve.[69]

Software[modifica | modifica sorgente]

Versioni desktop[modifica | modifica sorgente]

I programmi in versione desktop ufficiali sono disponibili per Microsoft Windows (2000 o superiore) e Mac OS X (10.5 o superiore). Spotify ha ritirato una versione compatibile con i Mac OS precedenti alla versione 10.5 nel 2012.[70]

Un'anteprima della futura versione per Linux compatibile con Debian 6.0 "Squeeze" e Ubuntu 10.04 è stata resa disponibile il 12 luglio 2010, in un primo momento solo per gli abbonati Premium e Unlimited a causa di un problema nel mostrare le pubblicità; poi è stata disponibile per tutti gli utenti.[71] La versione di anteprima per Linux ora non è più supportata ufficialmente, ma viene comunque mantenuta aggiornata dalla comunità di sviluppatori. La versione per Windows può anche essere utilizzata su Linux e FreeBSD utilizzando Wine e il sito di Spotify ha una sezione dedicata a questo argomento.[72]

Versioni per dispositivi mobili[modifica | modifica sorgente]

L'applicazione di Spotify per Android è stata presentata al Google I/O il 28 maggio 2009,[73]; l'applicazione ufficiale per l'iPhone è stata annunciata il 27 luglio 2009.[74] Apple ha approvato l'applicazione un mese dopo, il 27 agosto 2009.[75] Spotify per WebOS è stata resa disponibile negli Stati Uniti attraverso l'App Catalog a metà luglio 2011 in contemporanea con il lancio statunitense di Spotify. Le applicazioni permettono agli abbonati Premium di accedere all'intero catalogo musicale, ascoltare la musica quando sono connessi e anche quando sono disconnessi utilizzando la modolità offline (che è anche disponibile sul programma per computer agli abbonati Premium). Le versioni mobili di Spotify sono state rilasciate sull'App Store di iTunes e sull'Android Market di Google lunedì 7 settembre 2009,[76] mentre una versione per Symbian è stata resa disponibile sul sito di Spotify il 23 novembre 2009.[77] Una versione per gli smartphone BlackBerry di RIM è in sviluppo,[78] al giorno 19 ottobre 2011, ed è stata pubblicata una versione in anteprima per il BlackBerry.[79] Il 4 ottobre 2010, Spotify ha rilasciato una applicazione ufficiale per la piattaforma Windows Mobile[80] che supporta molti dispositivi con Windows Mobile 6.0 o superiore. mySpot era un programma freeware che funzionava su Windows Mobile. L'applicazione mySpot 0.85b forniva l'accesso al servizio di Spotify sulla piattaforma Windows Mobile attraverso un proxy intermedio. Questo servizio è stato disabilitato alcuni mesi prima che l'applicazione ufficiale venisse pubblicata da Spotify.[81] L'applicazione per Windows Phone è stata lanciata il 7 novembre 2011 ed attualmente è alla versione 1.1. Il servizio è un concorrente della funzionalità Microsoft Zune integrata in Windows Phone; entrambi i servizi offrono uno streaming musicale illimitato per un costo fisso mensile. L'applicazione richiede un account Spotify Premium per l'uso, anche è disponibile un periodo di prova di 48 ore.

Librerie e software di terze parti[modifica | modifica sorgente]

Alcuni sviluppatori di terze parti hanno scritto del software open source per accedere ai servizi di Spotify. Il più famoso di questi programmi è Despotify, originariamente sviluppato con un'interfaccia testuale e funzionante su Linux e Mac OS X. Tutte le applicazioni di terze parte e le librerie in fase di sviluppo necessitano di un abbonamento premium a Spotify per funzionare.

  • Jotify: un client scritto in Java.

Despotify[modifica | modifica sorgente]

Despotify è un software libero progettato per Spotify. I suoi autori sono anonimi, ma hanno scritto sul loro sito che sono un gruppo di ricercatori informatici e professionisti della sicurezza svedesi che "credono fermamente nel diritto di giocare con la tecnologia".

Il software può essere eseguito sulla maggioranza dei sistemi operativi POSIX per i quali è disponibile un compilatore ANSI C. Richiede anche Core Audio, GStreamer, libao o PulseAudio per essere installato. Esiste anche un programma basato su Despotify, Spot, per gli iPhone jailbroken.[82]

Spotify ha bloccato l'uso di Despotify per gli account "Free" e "Open", ma coloro che dispongono di un account "Premium" possono utilizzare Despotify se lo desiderano. Gli sviluppatori di Despotify hanno dichiarato che non cercheranno di aggirare questo blocco. Il codice può comunque essere modificato da altri per cercare di aggirare questo limite.[83]

La libreria di Despotify è stata scritta per Python e Ruby. Dipende dalle librerie OpenSSL, zlib and libvorbis.

Disponibilità geografica[modifica | modifica sorgente]

Disponibiltà di Spotify nel mondo
La mappa mostra la disponibilità di Spotify nel mondo a giugno 2014

Nel 2011 Facebook e Spotify hanno tenuto delle discussioni sull'integrazione del servizio musicale in Facebook in modo significativo in occasione del lancio di Spotify negli Stati Uniti.[84] Spotify è stato lanciato negli USA il 14 luglio 2011.[85]

Nel 2012, Spotify è stato lanciato in Germania il 13 marzo.[86], in Australia e in Nuova Zelanda il 22 maggio 2012.[87].

Spotify ha raggiunto l'Italia il 12 febbraio 2013[88], in concomitanza con il Festival di Sanremo. Nello stesso giorno è stato attivato anche in Polonia e Portogallo. Successivamente, ad aprile, il servizio è stato attivato in Messico, Hong Kong, Malesia, Singapore, Estonia, Lituania, Lettonia e Islanda. Il numero di mercati in cui l'azienda è presente arriva quindi a 28, con oltre 24 milioni di utenti attivi e 6 milioni di abbonati.[89]

Il 24 settembre 2013 il servizio è stato esteso ad Argentina, Taiwan, Grecia e Turchia.[90]. L'11 dicembre entrano nel mercato di Spotify altre 20 nazioni: Bolivia, Bulgaria, Cile, Cipro, Colombia, Costa Rica, Ecuador, El Salvador, Guatemala, Honduras, Malta, Nicaragua, Panama, Paraguay, Perù, Repubblica Ceca, Repubblica Dominicana, Slovacchia, Ungheria e Uruguay.[91]. L'8 aprile 2014 Spotify approda nelle Filippine,[92] mentre il 29 maggio 2014 è la volta del Brasile.[93]

Abbonamenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 2011 esistono tre tipologie di account di Spotify. Spotify Open e Spotify Unlimited sono stati lanciati il 19 maggio 2010. Spotify Premium è disponibile dal 2008.

Nome Prezzo Senza pubblicità Tempo di ascolto Caratteristiche premium
Spotify Free[note 1][94] Gratis X mark.svg No SiY Illimitato X mark.svg No
Spotify Unlimited $ 4,99, £ 4,99 o € 4,99 al mese Yes check.svg  SiY Illimitato X mark.svg No
Spotify Premium $ 9,99, £ 9,99 o € 9,99 al mese Yes check.svg  SiY Illimitato Yes check.svg  [note 2]
  1. ^ Disponibile negli Stati Uniti per un periodo di lancio promozionale.
  2. ^ Modalità offline, supporto ai dispositivi mobili, migliore qualità audio e contenuti esclusivi.

Comunità di utenti[modifica | modifica sorgente]

Esiste una comunità di siti web, di blog e di strumenti ed applicazioni di terze parti per sostenere Spotify.[95] Le risorse comuni includono gruppi su Facebook e Last.fm, bot su Twitter e forum, strumenti per mostrare i testi delle canzoni e servizi per notificare agli utenti la disponibilità di nuovi brani.[96] Nel 2010 il blog The Pansentient League ha organizzato il primo concorso sui siti dedicati a Spotify con categorie come Best Playlist Sharing Site (miglior sito di condivisione delle playlist), Best News & Music Finder Site (miglior sito per trovare notizie e musica) e Best Playlist Generator (miglior generatore di playlist).[97]

Critiche[modifica | modifica sorgente]

Il servizio è stato accusato di non essere in grado di remunerare adeguatamente gli artisti indipendenti. Helienne Lindvall del The Guardian ha scritto che "le etichette indie... al contrario delle major e dei membri di Merlin, non ricevono alcun avviso, non ricevono alcun minimo per ascolto, ma ricevono solo il 50% delle pubblicità con base rateale."[98] Il musicista svedese Magnus Uggla voleva rimuovere la sua musica dal servizio, avendo constatato che dopo sei mesi aveva guadagnato solo "quello che un mediocre artista di strada potrebbe guadagnare in un giorno".[99] Il giornale norvegese Dagbladet ha riportato nel 2009 che la casa discografica Racing Junior aveva guadagnato solo 19 NOK (3,00 dollari) dopo che i loro artisti erano stati ascoltati oltre 55.100 volte.[100] Secondo un'innografia di David McCandless, un artista indipendente, su Spotify occorrono oltre quattro milioni di ascolti al mese per guadagnare 1160 $.[101] Luke Lewis del NME evidenzia i problemi del modello di business di Spotify dicendo che è "convinto che la parte gratuita di Spotify sia insostenibile" e che se "Spotify vuole avere un futuro ha bisogno di un business percorribile".[102]

Nel settembre 2011, l'etichetta indipendente di Brooklyn Projekt Records è entrata pubblicamente in disaccordo con Spotify, dichiarando "Nel mondo in cui voglio vivere immagino artisti ricompensati adeguatamente per le proprie creazioni, perché noi (il pubblico) crediamo nella ricchezza che creano gli artisti. La passione, l'ostinazione e l'espressione dell'artista sono rispettate e ricompensate. Spotify NON è un servizio che fa questo. Projekt non sarà complice di questo inaccettabile principio."[103]

Spotify contiene dei digital rights management e quindi è stato identificato da Defective by Design, un campagna della Free Software Foundation, come "defective by design" (carente per progettazione). Inoltre, per utilizzare il servizio, è necessario che l'utente installi sul proprio computer del software proprietario.[104]

Spotify utilizza dei trasferimenti Peer-to-peer per aumentare la banda disponibile. Questo ha portato Spotify ad essere vietato in grandi reti dove gli utenti non sono responsabili per il costo della banda.[105]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Chris Salmon, Welcome to nirvana in The Guardian (Londra), 16 gennaio 2009. URL consultato il 28 gennaio 2009.
  2. ^ (SV) Maria Ringborg, Musiktjänsten Spotify lanseras in Dagens Nyheter, 7 ottobre 2008. URL consultato il 24 aprile 2009.
  3. ^ Duncan Geere, Spotify hits 10 million users and 10 million tracks in Wired, 15 settembre 2010. URL consultato il 15 aprile 2011.
  4. ^ Spotify reaches 2.5 million subscribers.
  5. ^ a b Spotify hits milestone with 1 million subscribers in BBC News, 8 marzo 2011.
  6. ^ Spotify Mobile: A world of music in your pocket, Spotify. URL consultato il 25 ottobre 2010.
  7. ^ Spotify says hello to the iPod in Spotify Blog, 4 maggio 2011. URL consultato il 4 maggio 2011.
  8. ^ Ian Morris, Sonos hardware to get Spotify access and a lovely iPad app in cNET.com, 2 settembre 2010. URL consultato il 19 marzo 2011.
  9. ^ Spotify on Squeezebox is now available! in Spotify Blog, 24 gennaio 2011. URL consultato il 18 ottobre 2011.
  10. ^ Meet your TV’s new best friend, WD TV Live!, Spotify. URL consultato il 31 ottobre 2011.
  11. ^ Spotify App Lands on Windows Phone 7, PC World.
  12. ^ website: Background information, Spotify, 18 maggio 2008. URL consultato il 3 febbraio 2009.
  13. ^ Spotify Premium overview
  14. ^ Spotify sign-up page. URL consultato il 30 agosto 2012.
  15. ^ What countries is Spotify available in? Spotify.com FAQs
  16. ^ Spotify Free - A world of music, Spotify AB. URL consultato il 16 aprile 2010.
  17. ^ We've only just begun! Spotify AB blog. 7 ottobre 2008.
  18. ^ Spotify doubled its loss last year Swedishwire.com, 17 agosto 2009
  19. ^ Spotify now available to everyone in the UK. Spotify blog. 10 febbraio 2009.
  20. ^ Back to invites for a while in the UK - Spotify
  21. ^ Financial Times Tech Hub. Finanical Times 28 febbraio 2010
  22. ^ Spotify security notice. Spotify blog. 4 marzo 2009.
  23. ^ Updated security notice. Spotify blog. 4 marzo 2009.
  24. ^ Muncaster, Phil (5 marzo 2009). Spotify user details compromised in major hack. vnunet.
  25. ^ Despotify, Criticism. Gli sviluppatori del client open source Despotify spiegano le loro scoperte.
  26. ^ Spotify is detected as an Trojan Horse? | Symantec Connect Community
  27. ^ Spotify defined as a trojan by Symantec
  28. ^ Hallo Nederland in Spotify Blog, 18 maggio 2010. URL consultato il 14 aprile 2011.
  29. ^ Thirty-One Visionary Companies Selected as Technology Pioneers 2011
  30. ^ Rory Cellan-Jones, dot.life: Will Spotify change the music biz?, BBC, 26 febbraio 2009. URL consultato il 24 agosto 2009.
  31. ^ Milo Yiannopoulos, Roberta from Spotify must go - or I’m heading back to iTunes - Telegraph Blogs (London), Blogs.telegraph.co.uk, 14 aprile 2009. URL consultato il 24 agosto 2009.
  32. ^ Tim Walker: 'Like a charity mugger, Roberta from Spotify is secretly after my money' - Features, Gadgets & Tech (Londra), The Independent, 13 aprile 2009. URL consultato il 24 agosto 2009.
  33. ^ Spotify Drops Ads After Malware Attack in PC Pro. URL consultato il 27 marzo 2011.
  34. ^ Daniel Ek, Upcoming changes to Spotify Free/Open in Spotify Blog, 14 aprile 2011. URL consultato il 14 aprile 2011.
  35. ^ Spotify valued at $1bn, coming to US
  36. ^ Spotify music-streaming service to launch in U.S. Thursday. Consultato il 14 luglio 2011
  37. ^ Schroeder, Stan, 9 dicembre 2011 http://mashable.com/2011/12/09/spotify-radio-unlimited/?utm_source=feedburner&utm_medium=email&utm_campaign=Feed%3A+Mashable+%28Mashable%29
  38. ^ Your Spotify just got even better - Spotify
  39. ^ Svolta Spotify sul mobile: streaming "shuffle" gratuito
  40. ^ (EN) Diego Planas Rego, No more time limits on Spotify – #freeyourmusic, News Spotify, 15 gennaio 2014. URL consultato il 16 gennaio 2014.
  41. ^ Dan Check, Spotify vs. Girl Talk: What Is Spotify's Music Catalog Missing? in Slate, 22 luglio 2011. URL consultato l'11 agosto 2011.
  42. ^ Spotify FAQ: Missing artists, Consultato il 15 giugno 2009
  43. ^ Vince Horiuchi, Spotify takes on iTunes in the U.S. in The Salt Lake Tribune, 8 agosto 2011. URL consultato l'11 agosto 2011.
  44. ^ Kevin Purdy, Spotify Updates with iTunes Library Importing, Social Integration in Lifehacker, 27 aprile 2010. URL consultato l'11 agosto 2011.
  45. ^ Charlie Sorrel, Spotify Now on iPod Classic, Wirelessly Syncs to iPhone in Wired, 4 maggio 2011. URL consultato l'11 agosto 2011.
  46. ^ MacLean, Allan, Spotify's free music model – binge until your ears are fat!, Daily Music Guide, 11 aprile 2009. URL consultato il 16 aprile 2009.
  47. ^ ShareMyPlaylist, un popolare servizio di condivisione delle playlist. http://sharemyplaylists.com, aprile 2010.
  48. ^ FAQ: Share music, Spotify. URL consultato il 3 febbraio 2009.
  49. ^ Blog: Sharing is good, share your spotify playlists, Spotify. URL consultato il 16 febbraio 2009.
  50. ^ Spotify: The future of music is here- MSN Money
  51. ^ Spotify to start selling music downloads in The Daily Telegraph (London), 31 marzo 2009.
  52. ^ Spotify rolls out Artist Radio feature: It's nice, but it's no Pandora – Tech Products & Geek News | Geek.com
  53. ^ Utah Local News - Salt Lake City News, Sports, Archive - The Salt Lake Tribune
  54. ^ Suzy Khimm, Get complete access to The Washington Post online - it's FREE! in The Washington Post, 18 luglio 2011.
  55. ^ Spotify Defends Facebook Requirement as 'Good and Simple', Billboard.biz. URL consultato il 26 settembre 2011.
  56. ^ Dan Simon, Internet pioneer Sean Parker: 'I'm blazing a new path', CNN, 27 settembre 2011. URL consultato il 3 ottobre 2011.
  57. ^ Spotify Terms and Conditions of Use.
  58. ^ Spotify FAQ, Spotify. URL consultato il 16 marzo 2009.
  59. ^ Bumping up the bitrate - Spotify
  60. ^ Spotify under Wine. Spotify.com help pages.
  61. ^ McCormick, Neil (24 febbraio 2009). Make way for Spotify: a big digital jukebox in the ether. The Daily Telegraph.
  62. ^ Harrison, Elliot (2 maggio 2009). Spotify review: The iTunes killer? Neown.net.
  63. ^ Spotify Bitrategate, The Story So Far in Spotify Classical Playlists (blog), ulyssestone (pen name), 18 luglio 2011. URL consultato il 18 luglio 2011.
  64. ^ Spotify e-cards announced Spotify blog, 2 dicembre 2009
  65. ^ Expanded "Buy From" feature and a Spanish translation. URL consultato il 20 ottobre 2009.
  66. ^ a b Duncan Geere, Spotify now top-tier music revenue source in Sweden in Wired, 29 ottobre 2010. URL consultato il 30 dicembre 2010.
  67. ^ Spotify has 750 000 paying users. URL consultato il 30 gennaio 2011.
  68. ^ Jennifer Van Grove, Spotify Surpasses 2 Million Paying Subscribers in Mashable, 22 settembre 2011. URL consultato il 22 settembre 2011.
  69. ^ About.com: How to Get Your Music on Spotify. URL consultato il 26 luglio 2011.
  70. ^ http://chats-blog.com/2011/08/22/spotify-drops-support-for-all-powerpc-macs-report/
  71. ^ Spotify for Linux
  72. ^ Spotify in Wine. URL consultato il 13 settembre 2010.
  73. ^ Spotify mobile demo at Google Android I/O Spotify blog. 28 maggio 2009.
  74. ^ Spotify for iPhone Spotify blog. 27 luglio 2009.
  75. ^ Spotify app approved for iPhone in BBC News, 27 agosto 2009. URL consultato il 23 maggio 2010.
  76. ^ http://twitter.com/eldsjal/status/3667069562 Spotify CEO and Founder Daniel Ek Twitter Post
  77. ^ Spotify for Nokia and more, Spotify blog, 23 novembre 2009. URL consultato il 23 novembre 2009.
  78. ^ Spotify Planning BlackBerry Addition In Premium Mobile Tilt, paidContent, 27 ottobre 2009. URL consultato il 29 novembre 2009.
  79. ^ Spotify BlackBerry Preview Release, paidContent, 19 ottobre 2011. URL consultato il 19 novembre 2011.
  80. ^ Spotify Coming to Windows Phone, WM Power User, 20 ottobre 2010. URL consultato il 20 ottobre 2010.
  81. ^ mySpot - Project Ceased, XDA Developers, 20 ottobre 2010. URL consultato il 20 ottobre 2010.
  82. ^ Carl Grape, Han blev först med Spotify till Iphone, IDG, 20 luglio 2009. URL consultato il 14 aprile 2011.
  83. ^ "Update regarding the usage of 'free' or 'daypass' accounts". Despotify. 26 febbraio 2009.
  84. ^ Greg Sandoval, CNET. "Spotify, Facebook in talks on music service." 1 luglio 2011. Consultato il 1 luglio 2011.
  85. ^ (SV) Svenska Spotify lanseras i USA, Expressen. URL consultato il 14 luglio 2011.
  86. ^ Spotify Launching In Germany Tuesday
  87. ^ Spotify offers Australians 16 million tracks for free - with ads
  88. ^ Massimo Sideri, Spotify arriva in Italia con Sanremo in Corriere della Sera, 6 febbraio 2013. URL consultato il 6 febbraio 2013.
  89. ^ Spotify arriva in altri 8 Paesi e introduce la funzione "Segui". Milano regina dello streaming. URL consultato il 17 aprile 2013.
  90. ^ Argentina, Taiwan, Grecia e Turchia – è arrivato Spotify!, Spotify, 24 settembre 2013. URL consultato il 16 luglio 2014.
  91. ^ (EN) Spotify adds 20 new markets, Engadget, 11 dicembre 2013. URL consultato il 16 luglio 2014.
  92. ^ (EN) Spotify arrives in the Philippines, where you’ll pay just $3 a month for a Premium subscription, The Next Web, 8 aprile 2014. URL consultato il 16 luglio 2014.
  93. ^ Spotify in Brasile, presto anche in Russia e Giappone, Il Sole 24 Ore, 29 maggio 2014. URL consultato il 16 luglio 2014.
  94. ^ Spotify Invitations Include Unlimited Music, But Not for Long
  95. ^ Spotify on the Web, Spotify. URL consultato il 6 maggio 2011.
  96. ^ Blog: Spotify Resources, The Pansentient League. URL consultato il 5 maggio 2009.
  97. ^ Spotify Community Site Awards 2010: The Winners!, The Pansentient League. URL consultato il 6 maggio 2011.
  98. ^ Helienne Lindvall, Behind The Music: The real reason the major labels love Spotify (London), The Guardian, 17 agosto 2009. URL consultato il 17 agosto 2009.
  99. ^ (SV) Erik dung, Uggla ursinnig över Spotify och Sony Music [Magnus Uggla furious over Spotify and Sony Music] in Aftonbladet, 13 agosto 2009. URL consultato il 13 agosto 2009.
  100. ^ 55 100 avspillinger ga 19 kroner, Dagbladet. URL consultato il 12 ottobre 2009.
  101. ^ How Much Do Music Artists Earn Online?
  102. ^ The Problem With Spotify, NME. URL consultato l'11 settembre 2009.
  103. ^ Projekt Keeps Fighting; Calls Spotify an "Unprincipled Concept...".
  104. ^ Spotify is Defective by Design, 18 agosto 2011.
  105. ^ Oxford University bans students from Spotify, The Telegraph. URL consultato il 3 marzo 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]