Costa Rica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il comune brasiliano, vedi Costa Rica (Brasile).
Costa Rica
Costa Rica – Bandiera Costa Rica - Stemma
(dettagli) (dettagli)
¡Vivan siempre el trabajo y la paz!
Ci siano sempre il lavoro e la pace!
Costa Rica - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Repubblica di Costa Rica
Nome ufficiale República de Costa Rica
Lingue ufficiali Spagnolo
Capitale San José  (884 253 ab. / 2011)
Politica
Forma di governo Repubblica presidenziale
Presidente Luis Guillermo Solís
Indipendenza 15 settembre 1821
Ingresso nell'ONU 2 novembre 1945 1
Superficie
Totale 51 100 km² (125º)
 % delle acque 0,7 %
Popolazione
Totale 4 805 000 ab. (2012) (117º)
Densità 91 ab./km²
Tasso di crescita 1,288% (2012)[1]
Nome degli abitanti Costaricani o meno comune Costaricensi
Geografia
Continente America Centrale
Confini Nicaragua, Panamá
Fuso orario UTC -6
Economia
Valuta colón costaricano
PIL (nominale) 45 107[2] milioni di $ (2012) (82º)
PIL pro capite (nominale) 9 665 $ (2012) (69º)
PIL (PPA) 58 547 milioni di $ (2012) (86º)
PIL pro capite (PPA) 12 545 $ (2012) (77º)
ISU (2011) 0,744 (alto) (69º)
Fecondità 1,8 (2011)[3]
Varie
Codici ISO 3166 CR, CRI, 188
TLD .cr
Prefisso tel. +506
Sigla autom. CR
Inno nazionale Noble patria, tu hermosa bandera
Festa nazionale 15 settembre
Costa Rica - Mappa
1 È uno dei 51 Stati che hanno dato vita all'ONU nel 1945.
Evoluzione storica
Stato precedente Flag of the United Provinces of Central America.svg Province Unite dell'America Centrale
 

Coordinate: 10°N 84°W / 10°N 84°W10; -84

La Costa Rica, ufficialmente Repubblica di Costa Rica, è uno Stato (51 100 k, 4 805 000 abitanti, capitale San José) dell'America centrale.

La Costa Rica è situata fra gli 8° 03' e gli 11° 13' di latitudine nord e gli 82° 32' e gli 85° 57' di longitudine ovest. Includendo l'area insulare (Isola del Coco) si estende su una superficie di 51 100 k. È uno degli stati più piccoli del Centro America insieme al Belize e a El Salvador. Confina a nord con il Nicaragua, a est con il mar dei Caraibi e Panamá, a sud e a ovest con l'oceano Pacifico.

Le coste si estendono per 1 228 km, dei quali 1 016 si affacciano sul versante del Pacifico e 212 km sul Mare dei Caraibi. La costa pacifica è caratterizzata da numerosi promontori e penisole che danno luogo a golfi e baie, spiagge di sabbia bianca che hanno favorito l'installazione, seppure in maniera non aggressiva per l'ambiente, di infrastrutture turistiche. La costa atlantica, al contrario, sebbene sia più regolare, è meno adatta allo sviluppo del turismo balneare.

La Costa Rica è una repubblica presidenziale. La lingua ufficiale è quella spagnola. La nazione è stata classificata al primo posto per la felicità media della popolazione nella classifica della graduatoria Happiness in nations 2000-2009.[4]

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'origine della colonizzazione umana della Costa Rica risale probabilmente al periodo delle glaciazioni del Pleistocene, quando probabilmente lo Stretto di Bering si congelò e iniziarono le prime migrazioni provenienti dal continente eurasiatico. I primi abitanti si dedicavano alla caccia e alla pesca e alla raccolta dei frutti, ma ben presto si andarono sviluppando due tipi di agricoltura di sussistenza: la prima basata sulla coltivazioni dei tuberi (yucca) e l'altra, che prevalse nell'area centroamericana, basata sulla coltivazione del mais e dei fagioli. Grazie a questo tipo di coltivazioni fioriscono nel continente americano le tre grandi civiltà Maya, Azteca (Messico, Guatemala) e Inca (Perù).

La scoperta[modifica | modifica sorgente]

La Costa Rica fu scoperta da Colombo nel 1502 (Castilla del Oro) durante il suo quarto viaggio, ma la prima penetrazione nell'interno ebbe luogo soltanto nel 1563 quando J. Vásquez de Coronado conquistò il paese e fondò la città di Cartago, capoluogo della Costa Rica fino al 1823, mentre già nel 1519-20 G. de Espinosa e J. Ponce de León avevano esplorato la costa del Pacifico.

Colonia spagnola[modifica | modifica sorgente]

Nel 1540 la Costa Rica fu definita nella sua costituzione territoriale che coincise con il governatorato di Cartago, che a sua volta faceva parte della Capitanía general del Guatemala.

Indipendenza[modifica | modifica sorgente]

L'indipendenza del Messico coinvolse tutti i paesi dell'America centrale, che il 15 settembre 1821 proclamarono la loro indipendenza. I liberali centroamericani, riuniti in assemblea costituente a Città del Guatemala il 5 giugno 1823, non accettarono l'unione con il Messico; il 1º luglio successivo nacque la federazione delle Province Unite dell'America Centrale, scioltasi nel 1839. Ne seguì una guerra conclusasi soltanto nel 1842.

Nel 1855 e 1856 tutta la regione fu invasa dai filibustieri americani di William Walker; furono necessarie due battaglie, la prima a Santa Rosa, Guanacaste, e la seconda a Rivas, Nicaragua, per liberare il territorio.

Storia contemporanea[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra civile costaricana.

La Costa Rica ha abolito l'esercito nel 1949 dopo la guerra civile. È il primo paese senza un esercito. La Costa Rica è sede della Corte Inter-Americana dei Diritti Umani e Sede dell'Università per la Pace delle Nazioni Unite.

Nel 1986 viene eletto presidente Óscar Arias Sánchez, che vara un piano di pace centroamericano; riceverà per questo il Premio Nobel per la pace. Óscar Arias è stato rieletto presidente, a 20 anni dal suo primo mandato, nelle elezioni celebratesi il 5 febbraio 2006. Il 7 febbraio 2010 viene eletta presidente Laura Chinchilla Miranda, politologa, prima donna Presidente della Costa Rica.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Geografia della Costa Rica e Storia geologica della Costa Rica.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Il monte più alto è il Cerro Chirripó che raggiunge i 3 820 m s.l.m.

Monti[modifica | modifica sorgente]

Vulcani[modifica | modifica sorgente]

Il più attivo dei vulcani della Costa Rica è l'Arenal che emette costantemente gas e vapori.

Il vulcano Arenal

Idrografia[modifica | modifica sorgente]

Il sistema idrografico nazionale è formato da fiumi brevi, ma di portata relativamente elevata; il paese ottiene da questi il 75% dell'elettricità. I maggiori corsi d'acqua sono in parte navigabili.

Fiumi[modifica | modifica sorgente]

Lagune[modifica | modifica sorgente]

Oceani[modifica | modifica sorgente]

Mari[modifica | modifica sorgente]

Isole[modifica | modifica sorgente]

Clima[modifica | modifica sorgente]

Clima tropicale, temperato nella Meseta, dove vivono i 3/4 della popolazione. Di giorno le temperature possono superare i 30 °C, di notte invece superano di poco i 20 °C.

Popolazione[modifica | modifica sorgente]

Secondo le stime della Banca Mondiale, nel 2013 la popolazione della Costa Rica era di 4.872.000 abitanti[5] circa, con una densità di 95,34 abitanti per km2.

Demografia[modifica | modifica sorgente]

A luglio 2011 la popolazione stimata era di 4 576 562 abitanti circa: come si evidenzia dal grafico la popolazione è in costante crescita. Costa Rica demography.png

Etnie[modifica | modifica sorgente]

L'89% sono bianchi di origine europea, il 6% meticci (tra spagnoli e indiani), il 2% neri, il 2% cinesi, l'1% indios (amerindi).

Nel 1821 erano presenti in Costa Rica circa 800 000 abitanti, da allora l'immigrazione europea, principalmente spagnola, ha contribuito all'aumento e alla multietnicità della popolazione. A causa delle politiche antisemite del regno spagnolo, molti marranos (ebrei convertiti) si sono trasferiti qui, dando origine alla seconda comunità ebraica dell'America Latina, dopo quella argentina.

L'immigrazione italiana, alla fine del XIX secolo, aiutò a costruire il Teatro Nacional e parte della ferrovia dell'Atlantico. Il primo sciopero in Costa Rica fu organizzato da italiani. L'immigrazione europea è stata intensa, da Italia, Francia, Inghilterra, Germania e Istria, così come quella americana, da Stati Uniti d'America e Cile: la presenza di cittadini provenienti da molte diverse nazioni ha contribuito allo sviluppo di questo paese.

Lingue[modifica | modifica sorgente]

La lingua ufficiale è lo spagnolo. Nel Paese si riscontrano due accenti diversi: uno, il più diffuso, può essere definito l'accento costaricano standard; l'altro, detto nicoyano dalla penisola a nord-ovest del paese, è molto simile a quello nicaraguense. Una delle principali differenze tra lo spagnolo parlato nella Costa Rica rispetto a quello usato in molti altri stati è rappresentata dal fatto che il fonema /r/ è realizzato come un'apicoalveolare vibrante sonora multipla all'inizio di parola e anche all'interno, ma solo quando è doppio, e quindi suona più simile alla pronuncia inglese o siciliana. Il dialetto locale (e anche la popolazione del paese) viene spesso definito tico per l'uso eccessivo dei diminutivi.[6]

Abbastanza conosciuta è la lingua inglese. Un caso particolare è costituito dai discendenti di alcuni immigrati giamaicani nella provincia di Limón, che, giunti nel Paese nel XIX secolo, portarono un dialetto inglese evolutosi poi nel dialetto creolo noto come mekatelyu.

Religione[modifica | modifica sorgente]

Religione ufficiale del Paese, in base alla Costituzione del 1949, è il cattolicesimo: i cattolici rappresentano il 70,5% della popolazione e, secondo uno studio dell'Università della Costa Rica, solo il 45% è praticante. Il 13,8% è protestante, L'11,3% non dichiara alcuna appartenenza religiosa.

La comunità ebraica è insediata soprattutto nella capitale, concentrata nella zona del parco di La Sabana, a San José (dove è presente una sinagoga). A seguito di un'immigrazione recente (seppure modesta) dall'Asia, sono diffuse anche altre religioni, tra cui l'Islam, il bahaismo, l'induismo e, soprattutto, il buddhismo (quest'ultimo praticato dalla comunità cinese). Insieme rappresentano il 4,3% della popolazione.

Ordinamento dello stato[modifica | modifica sorgente]

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica sorgente]

La Costa Rica è suddivisa in 7 province, a loro volta divise in 81 cantoni e questi in 459 distretti.

Province della Costa Rica
  Provincia Capitale Cantoni Distretti Superficie (km²) Popolazione[Nota 1]
1 Alajuela Alajuela 15 108 9 757 848,146
2 Cartago Cartago 8 48 3124 490,903
3 Guanacaste Liberia 11 59 10141 326,953
4 Heredia Heredia 10 46 2657 433,677
5 Limón Puerto Limón 6 27 9189 386,862
6 Puntarenas Puntarenas 11 57 11266 410,929
7 San José San José 20 118 1915 1,404,242
  1. ^ () Gwillim Law, Provinces of Costa Rica. in Statoids.comURL consultato il 18 aprile 2012.

Città principali[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Città della Costa Rica.

Istituzioni[modifica | modifica sorgente]

Il potere esecutivo è esercitato dal presidente eletto ogni 4 anni.
Il potere legislativo è esercitato dall'Assemblea Legislativa (57 membri) viene eletta ogni 4 anni.
Attualmente la Costa Rica è uno stato pacifico e democratico che vive una delle situazioni più stabili sia politicamente che economicamente in tutta l'America Latina.

Ordinamento scolastico[modifica | modifica sorgente]

Tasso di alfabetizzazione: 96%.
Studenti universitari: 88 324. Obbligo scolastico fino a 18 anni.

Forze armate[modifica | modifica sorgente]

La Costa Rica non ha forze armate, per una precisa scelta di opportunità politica ed economica: dal 1949, dopo la guerra civile, ha abolito l'esercito e nel 1983 ha dichiarato la sua posizione di neutralità. La rinuncia al possesso di una forza militare ha permesso l'indirizzamento delle risorse in altri settori. Questo ha comportato un alto tasso di sviluppo umano, una discreta dotazione di opere pubbliche e una preservazione del proprio patrimonio faunistico e floristico: una notevole parte del territorio (27,9%) è dichiarata parco nazionale. Come effetto di sviluppo si notano gli alti livelli di alfabetizzazione (oltre il 95%), e un buon servizio sanitario pubblico. Fatto non trascurabile: l'assenza di un ceto militare ha prodotto una notevole stabilità politica nel paese (è uno dei pochi stati dell'intero subcontinente a non aver avuto colpi di stato negli ultimi decenni). La dismissione delle forze armate, con la conseguente vendita dell'arsenale, ha contribuito però a acuire l'instabilità delle nazioni confinanti. Armamenti furono venduti in Guatemala, El Salvador e a gruppi ribelli del Nicaragua.

La sola forma istituzionale definibile come “armata” è dedicata a compiti di polizia civile, guardie di frontiera, sorveglianza dei parchi naturali, ordine pubblico.

Politica[modifica | modifica sorgente]

Politica interna[modifica | modifica sorgente]

Il presidente attuale è Luis Guillermo Solís.

La condivisione delle linee di politica economica, tra i due maggiori partiti, è la proiezione di una linea di dominante pragmatismo con cui si cerca di superare le pur presenti ineguaglianze tra i ceti sociali[7].

Politica estera[modifica | modifica sorgente]

La Costa Rica internazionalmente si mantiene neutrale, ma allo stesso tempo riconosce le minoranze nel mondo. Riconosce come Stati il Kosovo (fu addirittura la prima nazione a riconoscerlo), il Sahara occidentale, la Palestina. Tuttavia, nel giugno 2007, dopo quasi 50 anni di relazioni diplomatiche, la Costa Rica ha spostato il suo ambasciatore da Taipei (Taiwan) a Pechino (Repubblica Popolare Cinese) cessando ogni rapporto con la Repubblica di Cina.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Un tempo l’economia nazionale si basava sulle ricchezze agricole, oggi è invece prevalentemente indirizzata alle esportazioni di prodotti non tradizionali, tra i quali l’elettronica, il tessile, il biomedico, l’agricoltura (che pesa solo per l’8%) con banane e ananas, di cui è il secondo produttore mondiale, caffè di alta qualità, e i servizi (call-center, software, banche ecc.). Le esportazioni nel 2006 sono state di circa 7 miliardi di dollari. La povertà riguarda circa il 18% della popolazione.

  • Prodotto nazionale lordo: $12,545 pro capite (a parità di potere d'acquisto, stime 2012)
  • Bilancia dei pagamenti: -254 milioni di dollari.
  • Inflazione: 13,2%.
  • Disoccupazione: 4,50%.

Risorse[modifica | modifica sorgente]

  • Produzione di energia elettrica: 1,2 GW.
  • Pesca: 27 928 t
  • Petrolio: non produttore, raffinazione 15 000 b/g.
  • Allevamento: bovini 1,5 milioni, suini 280 000, cavalli 115 000.
  • Minerali: oro, bauxite, argento, manganese, mercurio.

Agricoltura[modifica | modifica sorgente]

L'agricoltura (soprattutto la frutticoltura) era economicamente importante in passato; è rimasta di un certo rilievo la produzione agricola di cereali e legumi.

Risorse minerarie[modifica | modifica sorgente]

Industria[modifica | modifica sorgente]

Esportazioni[modifica | modifica sorgente]

USA 53%, Germania 5%, Nicaragua 4%, Belgio-Lussemburgo 3%, Canada 3%, altri 32%.

Importazioni[modifica | modifica sorgente]

USA 59%, Messico 6%, Venezuela 3%, Giappone 3%, Colombia 3%, altri 26%. Italia 0,5%

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Trasporti in Costa Rica.
Aeroporto Internazionale Juan Santamaría, presso Alajuela, a circa 20 km dalla capitale San José

Guida a destra.
Rete stradale: 5 814 km.
Rete autostradale: 663 km (panamericana).
Rete ferroviaria: 400 km.
Rete navigabile: 730 km.

Aeroporti internazionali: Juan Santamaría nella città di Alajuela, e Daniel Oduber Quirós nella città di Liberia.

Flotta nazionale: 14 navi (5 900 tsl).

Turismo[modifica | modifica sorgente]

1 visitatore l'anno ogni 4,5 abitanti. Provenienza: USA 35%, Nicaragua 14%, Panamá 7%, altri 44%.

Ambiente[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Parchi nazionali della Costa Rica.

Il 27,0% del territorio è protetto.

Flora[modifica | modifica sorgente]

Un colibrì della Costa Rica

Il territorio è abbondantemente coperto da una ricca foresta tropicale. Si può trovare la più vasta varietà di orchidee del mondo.

Fauna[modifica | modifica sorgente]

La Costa Rica ha una fauna straordinaria: 864 specie di uccelli (quasi il dieci per cento delle specie del mondo), 250 specie di mammiferi, di cui più o meno la metà sono pipistrelli, 230 specie di rettili, 215 specie di anfibi e 1522 specie di pesci. Sono inoltre presenti 4 specie di scimmie.

Arte[modifica | modifica sorgente]

L'arte precolombiana della Costa Rica mostrò tutto il suo splendore soprattutto nella scultura e nell'oreficeria.[8]

Architettura[modifica | modifica sorgente]

Pittura e scultura[modifica | modifica sorgente]

La scultura più diffusa fu quella in pietra e lo stile si differenziò a seconda della zona: nella penisola di Nicoya prevalse la produzione di figure umane grandi particolarmente curate nel viso, oppure scolpite in bassorilievo, oppure ancora in forma duale caratterizzata da un lato raffigurante un animale ritenuto uno spirito guida; nella zona atlantica si impose il gusto realistico, manifestato in statuette raffiguranti azioni musicali o religiose e nelle maschere da cerimonia. Di notevole interesse fu anche la realizzazione di pietre tombali e degli utensili di pietra vulcanica utilizzati per la macinazione del mais, alcuni dei quali, per la raffinatezza e la bellezza estetica, appaiono più oggetti scultorei che funzionali.
Caratteristica della penisola di Nicoya è la grande produzione di pendenti in giadeite e altre pietre verdi, sviluppatasi tra il 500 a.C. e il 700 d.C. circa.[9]
Anche la produzione ceramica presentò una certa varietà stilistica, pur nell'ambito di un'influenza dell'arte maya. Le decorazioni policroma dei vasi variarono dai temi geometrici a quelli zoomorfi.
Utilizzando la tecnica della cera perduta, gli artigiani nell'antichità realizzarono monili in oro, rame e in lega.

Sport[modifica | modifica sorgente]

La nazionale di calcio costaricana è una delle più titolate dell'America Centrale. Le principali squadre di calcio del paese sono l'Herediano, la Liga Deportiva Alajuelense e il Deportivo Saprissa.

Inoltre è molto presente il surf: surf con longboard e surf con bodyboard, adoperato non solo dai turisti che accorrono da tutto il mondo per gli svariati beachbreak presenti in tutta la costa, ma anche e soprattutto dai locali cioè i tiki o le tike, si possono vedere anche bambini molto piccoli praticare il surf, e addirittura cani praticare questo sport aiutati dal padrone.

Tradizioni[modifica | modifica sorgente]

I piatti tipici della Costa Rica sono il gallo pinto (gallo colorato) piatto a base di riso colorato e fagioli neri, e il casado (maritato), una mescolanza di carne o pesce, verdure, legumi, riso e plàtano (banana amilacea da cottura) fritto.

Di norma si mangia il pinto la mattina, gli ingredienti sono naturali ed è semplice da preparare. È usato il riso a chicco lungo e fragrante e fagioli mescolati con una salsa, si può avere il pinto con uovo (huevo) o anche con carne in salsa, come contorno è servito platano fritto o bollito, un frutto di aspetto simile alla banana, ma di gusto e consistenza molto diverse.

Il casado che si mangia a pranzo a differenza del pinto viene servito con i fagioli separati dal riso, può anche essere aggiunta della pasta; nel casado si trova l'insalata tagliata a fili, con a scelta pezzi di pesce o carne.

Come bevande si possono ordinare molti "batido" di frutta fresca come tamarindo, papaya, guayabana, anguria, che possono essere preparati o con acqua o con latte.

Festività[modifica | modifica sorgente]

Data Nome locale Nome Note
1º gennaio Año Nuevo Capodanno  
Ultima settimana di marzo - Prima settimana di aprile Jueves Santo Giovedì Santo Data variabile
Viernes Santo Venerdì Santo Data variabile
Domingo de Resurrección Pasqua Data variabile
11 aprile Día de Juan Santamaría Giorno di Juan Santamaría Eroe nazionale
Seconda domenica di giugno Día del Padre Festa del papà Data variabile
25 luglio Anexión del Partido de Nicoya a Costa Rica Annessione del Partido di Nicoya alla Costa Rica  
1º maggio Día del Trabajador Festa dei lavoratori  
maggio - giugno Corpus Christi Corpus Domini Di giovedì
2 agosto Día de la Virgen de los Ángeles Festa della Vergine degli Angeli  
15 agosto Día de la Madre Festa dell'Assunta  
24 agosto Día de los Parques Nacionales Giorno dei Parchi Nazionali Creato nel 1982
9 settembre Día del Niño(a) Festa del bambino  
15 settembre Día de la Independencia Giorno dell'Indipendenza  
12 ottobre Descubrimiento de América por Cristóbal Colón Giorno della scoperta dell'America  
2 novembre Día de Todos los Santos defuntos Giorno dei defunti
25 dicembre Natividad del Señor Natale  

Nel Guanacaste, una regione a nord-est del paese, durante il Viernes Santo si celebra la "Lagarteada". Questa celebrazione è andata avanti da più di 150 anni ed è la più grande caccia al coccodrillo.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nei libri di Michael Crichton Jurassic Park e Il mondo perduto la Costa Rica viene raffigurata in modo completamente diverso da come è realmente. Nella vicenda per esempio è coinvolta una fantomatica guardia nazionale armata di elicotteri, mezzi da guerra e addirittura di gas nervino. Nella realtà il paese, per esplicita scelta politica, non dispone di alcuna forza armata, ma solo di un corpo di polizia (usato solo per funzioni di ordine pubblico).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Population growth rate in CIA World Factbook. URL consultato il 28-2-2013.
  2. ^ Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013
  3. ^ Tasso di fertilità nel 2011. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  4. ^ (EN) World Database of Happiness
  5. ^ World Bank - Costa Rica
  6. ^ Geografía sonora del español, El Pais
  7. ^ Heubel, Edward J., "COSTA RICAN INTERPRETATIONS OF COSTA RICAN POLITICS" in Latin American Research Review, 25, no. 2 (April 1990): 217-225.
  8. ^ "Le Muse", De Agostini, Novara, 1965, Vol.III, pag. 473-474.
  9. ^ Balser, Carlos, "Jade precolombino de Costa Rica", Instituto Nacional de Seguros, 1993

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Stati per indice di sviluppo umano Successore
Kazakistan 69º posto Albania