Quora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quora
QuoraLogo.gif
URL quora.com
Tipo di sito Rete sociale
Lingua inglese
Registrazione Gratuita, ma disponibile solo negli Stati Uniti d'America (registrazione ad inviti nel resto del mondo)
Proprietario Quora, Inc.
Creato da Adam D'Angelo
Charlie Cheever
Lancio dicembre 2009

Quora è una rete sociale dedicata all'informazione, dove gli utenti possono pubblicare domande e risposte su qualunque argomento. Al mese di gennaio del 2011 conta oltre 500.000 utenti.[1]

È stata fondata nel giugno 2009 a Palo Alto, in California, lanciata in versione beta privata nel dicembre dello stesso anno e resa accessibile al pubblico il 21 giugno 2010.[2] A partire dal mese di aprile del 2012 è possibile l'iscrizione a Quora anche dall'Italia.

Quora raggruppa le domande e le risposte per argomento e permette agli utenti di votare o di aggiungere dei commenti.[3] I suoi principali concorrenti sono costituiti da siti che offrono analoghi servizi, tra cui Yahoo! Answers, Answerbag e Answers.com.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Quora è stata co-fondata da due ex dipendenti di Facebook, Adam D'Angelo e Charlie Cheever. D'Angelo si è dimesso da CTO del social network di Mark Zuckerberg nel gennaio 2010 per poter dare vita al suo progetto[4] ed ha dichiarato di aver fondato Quora perché, sebbene esistano molti siti di domande e risposte, nessuno di essi ha raggiunto una qualità soddisfacente.[5]

Nel marzo 2010 Quora ha ricevuto finanziamenti dalla Benchmark Capital, che ha valutato la start-up intorno agli 86 milioni di dollari,[6] mentre tra la fine di dicembre del 2010 e l'inizio di gennaio del 2011 il numero degli utenti registrati è cresciuto rapidamente, causando rallentamenti per accedere al sito.[7][8]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

In Quora gli utenti possono visualizzare nel proprio feed le domande correlate agli argomenti che scelgono di seguire. Il servizio consente loro di inviare domande e fornire risposte. Inoltre possono pubblicare commenti all'interno delle domande e votare le risposte positivamente (freccia in alto) o negativamente (freccia in basso).

Per il suo funzionamento, Quora fa ricorso ai web application framework Pylons e Comet, al sistema operativo Ubuntu e a MySQL, mentre per la memorizzazione dei dati usa la tecnologia Amazon Elastic Compute Cloud, basata sul cloud computing;[9] in più, indicizza le domande con un proprio algoritmo, simile al PageRank di Google.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ E adesso Quora sfida Facebook, Corriere della Sera, 11 gennaio 2011. URL consultato il 3 giugno 2011.
  2. ^ (EN) Quora's Highly Praised Q&A Service Launches To The Public (And The Real Test Begins), 21 giugno 2012. URL consultato l'8 aprile 2014.
  3. ^ (EN) Facebook Helps Social Start-Ups Gain Users, New York Times, 12 marzo 2010. URL consultato il 3 giugno 2011.
  4. ^ (EN) Why I Quit My CTO Job At Facebook And Started Quora, Business Insider, 10 settembre 2010. URL consultato il 3 giugno 2011.
  5. ^ (EN) The Mystery Behind Quora, Boston Innovation, 1 febbraio 2011. URL consultato il 3 giugno 2011.
  6. ^ (EN) Benchmark Invests at $86 Million Valuation, TechCrunch, 28 marzo 2010. URL consultato il 3 giugno 2011.
  7. ^ Quora Signups Explode, TechCrunch, 5 gennaio 2011. URL consultato il 3 giugno 2011.
  8. ^ (EN) Quora Signups Exploded In Late December — Then Doubled From That This Week, TechCrunch, 5 gennaio 2011. URL consultato il 3 giugno 2011.
  9. ^ (EN) Amazon Malfunction Raises Doubts About Cloud Computing, The New York Times, 22 aprile 2011. URL consultato il 3 giugno 2011.
  10. ^ Quora's New Algorithm for Ranking Answers, ReadWriteWeb, 6 febbraio 2011. URL consultato il 3 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]