Vine (software)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vine
Logo
Sviluppatore Twitter
Sistema operativo iOS
Android
Windows Phone
Genere Video (non in lista)
Licenza Freeware
(Licenza chiusa)
Sito web vine.co

Vine è un'applicazione gratuita che permette agli utenti di creare video, chiamati appunto vines, e condividerli su numerosi servizi di social network, come Twitter o Facebook.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Vine venne fondata da Dom Hofmann, Rus Yusupov e Colin Kroll nel giugno 2012. La compagnia venne poi acquistata da Twitter nell'ottobre 2012.[1]

L'applicazione venne resa disponibile al pubblico il 24 gennaio 2013[2], in versione gratuita ai possessori di iPhone e iPod Touch. Il 9 aprile 2013 divenne l'applicazione gratuita con più download dell'App Store.[3]

Dal 2 giugno 2013 è disponibile gratuitamente anche per i dispositivi Android (con Android 4.0 o superiore).[4]

In un paio di mesi, Vine divenne l'applicazione di video sharing più utilizzata sia del market Apple che di quello Google, sebbene avesse ancora pochi utenti.[5]

Il 16 luglio 2013 è stata annunciata una versione per Windows Phone,[6] pubblicato poi il 12 novembre 2013.

Dettagli[modifica | modifica wikitesto]

L'applicazione permette agli utenti di creare un mini-video della durata massima di 6 secondi.[7][2] All'inizio era possibile registrare il video solo mantenendo il dito premuto sullo schermo, ma il problema fu sistemato poco tempo dopo. Venne inoltre aumentato il tempo di registrazione, da 6 a 6.5 secondi (0.5 secondi vengono registrati dopo che la barra del progresso arriva alla fine) per migliorare la qualità della fine del video.

Accoglienza ed utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

La BBC ha definito i video di Vine come "ipnotizzanti", e ha notato come le agenzie pubblicitarie abbiano immediatamente capito il potenziale dell'applicazione.[8]

L'applicazione è stata inoltre utilizzata come strumento di giornalismo: il 1 febbraio 2013 un giornalista turco ha usato l'applicazione per documentare la distruzione causata da un kamikaze fuori dall'ambasciata statunitense in Turchia, poiché aveva capito che 6 secondi erano sufficienti per dare tutte le informazioni necessarie.[9]

L'applicazione è stata utilizzata dalla Columbia Records per promuovere il nuovo album dei Big Time Rush, 24/seven, rivelando al pubblico i titoli delle tracce dell'album.[10]

Meno di una settimana dopo il lancio, cominciarono a comparire dei filmati pornografici, poiché la pornografia non è vietata dalle linee guida di Twitter.[11] Una clip sessualmente esplicita venne inserita nella sezione "Scelte dagli editor", che Twitter giustificò come "errore umano".[12] Poiché la pornografia va contro i termini di servizio di Apple,[13] il 5 febbraio 2013 Twitter alzò l'età limite per scaricare l'app da 12 a 17 anni, secondo le richieste di Apple.[14]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ina Fried, Twitter Buys Vine, a Video Clip Company That Never Launched – Peter Kafka and Mike Isaac – Mobile, AllThingsD, 9 ottobre 2012. URL consultato il 15 marzo 2013.
  2. ^ a b (EN) Jordan Crook, Twitter’s 6-Second Video Sharing App, Vine, Goes Live In The App Store, Tech Crunch, 24 gennaio 2013. URL consultato il 26 gennaio 2013.
  3. ^ (EN) Aaron Souppouris, The Verge – Vine is now the number one free app in the US App Store, theverge.com, 9 aprile 2013. URL consultato il 10 aprile 2013.
  4. ^ (EN) Vine for android, Vine.co. URL consultato il 4 giugno 2013.
  5. ^ (EN) Robert Moore, TechCrunch – Vine Takes Early Command In The Mobile Video Market Over Viddy, Socialcam And Others Despite Low Adoption, techcrunch.com, 6 marzo 2013. URL consultato il 10 aprile 2013.
  6. ^ Hipstamatic, Vine, Path e Flipboard presto su Windows Phone, Notiziario Italiano, 16 luglio 2013. URL consultato il 30 luglio 2013.
  7. ^ (EN) Pradeep Tiwari, Are You Ready For Vine ? | Vinoid – Vine Video Sharing App Blog, Vinoid. URL consultato il 25 luglio 2013.
  8. ^ (EN) Finlo Rohrer, BBC News – Vine: Six things people have learned about six-second video in a week, Bbc.co.uk, 31 gennaio 2013. URL consultato il 15 marzo 2013.
  9. ^ (EN) Neal Ungerleider, Using Vine To Cover Breaking News, Fast Company, 7 febbraio 2013. URL consultato il 15 marzo 2013.
  10. ^ (EN) Finlo Rohrer, Vine – Vine:24/Seven tracklist(deluxe), 30 aprile 2013. URL consultato il 30 aprile 2013.
  11. ^ (EN) Steven Musil, Pornographic video clips already showing up on Twitter's Vine in CNET, CNET, 27 gennaio 2013. URL consultato il 28 gennaio 2013.
  12. ^ (EN) Twitter accidentally promotes porn clip in 3 News NZ, 29 gennaio 2013.
  13. ^ (EN) ynori7, Waves Resulting From Twitter Vine, Valhalla News, 28 gennaio 2013.
  14. ^ (EN) Twitter's Vine Changes App Store Rating to +17, Adds Social Sharing Features – ABC News, Abcnews.go.com, 6 febbraio 2013. URL consultato il 15 marzo 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Web Portale Web: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Web