PlayStation Portable

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
PSP
PSP Logo.svg
La console
Produttore Sony
Tipo Console portatile
Generazione Settima
Presentazione
alla stampa
11 maggio 2004
In vendita Giappone12 dicembre 2004
Stati Uniti 24 marzo 2005
EuropaAustralia 1º settembre 2005
Dismissione 3 giugno 2014[1]
Supporto di
memorizzazione
UMD
Memory Stick
Dispositivi
di controllo
Integrato
Servizi online PlayStation Network (Wi-Fi)
Unità vendute 80,82 milioni (5 luglio 2014)[2]
Gioco più diffuso Grand Theft Auto: Liberty City Stories 7,59 milioni (5 luglio 2014)[3]
Successore PlayStation Vita

PlayStation Portable (プレイステーション・ポータブル Pureisutēshon Pōtaburu?, ufficialmente abbreviata come PSP), è una console portatile prodotta e venduta dalla Sony Computer Entertainment. Il suo sviluppo è stato annunciato all' del 2003 ed è stata svelata ufficialmente l'11 maggio 2004 ad una conferenza stampa prima dell'E³ 2004. La console è stata rilasciata in Giappone il 12 dicembre 2004, negli USA e in Canada il 24 marzo 2005 e in Europa e Australia il 1º settembre 2005. La PlayStation Portable offre la possibilità di giocare con i videogiochi, vedere video, ascoltare musica, visualizzare immagini, fornendo anche (nelle versioni più recenti del firmware) la possibilità di utilizzare un browser internet apposito.

Di rilievo, inoltre, è il supporto integrato alle reti Wi-Fi, che consente la connessione a Internet e la partecipazione contemporanea di più giocatori (fino a 32 in alcuni titoli) a determinati giochi. Il parco titoli di PSP risulta molto simile a quello PlayStation 2, riproponendo di fatto la maggior parte dei brand più famosi e conosciuti in versione portatile.

Dal settembre 2007 Sony ha introdotto una nuova versione della console chiamata PSP Slim & Lite denominata anche : PSP 2000; 2004 . Questa è del 33% più leggera (189 grammi contro 280) e del 19% più sottile (18,6 millimetri contro 23). La batteria ha una durata minore del 10% in quanto meno capiente rispetto a quella precedente (1200 contro 1800), supporta la ricarica via USB, include un'uscita video per collegare il dispositivo ad un televisore e ha gli speaker nella parte frontale; inoltre ha un lettore UMD più veloce. La nuova versione ha 64 Mb di RAM, il doppio del modello precedente, così da diminuire i tempi di caricamento dei giochi. Inizialmente la console è stata resa disponibile nel mercato Europeo (dal 5 settembre in Italia), ma è prevista una sua diffusione a livello mondiale.[4][5] Il lancio ufficiale in Giappone è avvenuto il 20 settembre 2007 ma alcune edizioni speciali sono state messe in commercio dal 13 settembre vendendo in una settimana fino a 320 000 console.[6]

È stata presentata in Giappone un nuovo modello di PSP, la versione 3000; 3004, che aggiunge nuove migliorie, come: uno schermo migliorato, con molti più colori e un ridotto coefficiente di riflesso; il video out migliorato con il supporto anche TV non HD; un microfono integrato, utile per Skype & Co; e la scritta HOME che ora viene sostituito dal simbolo PlayStation.

Dal 1º ottobre è in commercio la nuova PSP Go!, che possiede uno schermo di 3.8 pollici (più luminoso del 43% rispetto alla PSP-3000), una memoria flash da 16 Gb, conterrà anche il Bluetooth e non sarà presente il lettore di UMD ma solo download digitali direttamente nella memoria sd. La PSP Go! stata ufficialmente presentata all'E3 del 2009.

Dopo la PSP Go! è stata lanciata, nel 2011, la PSP Street (E1000;E1004) compatibile con tutti i giochi psp precedenti ma senza la possibilità di giocare in multipayer, in quanto la connettività WI-FI è stata rimossa.

Dopo oltre 5 anni, l'intera serie delle console PSP è stata affiancata e poi sostituita dalla PlayStation Vita, la nuova console portatile di Sony che ha esordito in Giappone a dicembre 2011 e nel resto del mondo a febbraio 2012.[7]

Il 3 giugno 2014, dopo oltre 10 anni di supporto, Sony annuncia lo stop alla produzione della console mandandola in dismissione.[1]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

La PSP è in grado di riprodurre film registrati su dischi Universal Media Disc (UMD), un formato sviluppato da Sony (ma standardizzato), avente una capacità di 1,8 Gigabyte. Ultimamente, per via delle pessime vendite di UMD Video, probabilmente causate da prezzi troppo alti, alcune case cinematografiche hanno dichiarato che non rilasceranno più film in tale formato.

Inoltre possiede uno slot per Memory Stick «Duo», una piccola memory card dalla capacità massima di 32 GB, sulla quale l'utente può memorizzare file multimediali da riprodurre con la console e salvare i progressi nei giochi.

Il firmware è il Sistema Operativo della PSP e gode di regolari aggiornamenti che introducono nuove funzionalità e risolvono gli eventuali bug. Ad esempio, con le versioni 2.00 e successive, sono stati introdotti un browser per Internet, un riproduttore di podcast e un riproduttore di video in streaming attraverso la tecnologia proprietaria Sony denominata Location free. L'ultima versione rilasciata è la 6.60.

Sono stati realizzati numerosi accessori opzionali per PSP, anche da famose marche di elettronica come Logitech: ad esempio un piccolo hard disk esterno che, collegato come una memory stick, fornisce alla PSP 4 Gigabyte di memoria. Da segnalare le utilissime custodie per la console e gli UMD.

Sono stati recentemente immessi sul mercato due nuovi, importanti dispositivi: il primo si chiama Go!Cam e consente di videochiamare via web, di utilizzare giochi che sfruttano il movimento del corpo e di scattare foto da salvare su memory stick; il secondo, invece, è un navigatore satellitare di nome "Go!Explore" che permette, tramite un'antenna e delle mappe, contenute in un dischetto UMD, di trasformare la PSP in un vero e proprio GPS portatile, con funzionalità grafiche superiori alla media dei normali navigatori satellitari.

Nel 2005 si vociferava di un possibile sintonizzatore Tv esterno ma il progetto sembra essere stato abbandonato fino al luglio 2007, quando la Sony ha lanciato ufficialmente il 1seg (uanseg), per poi metterlo in vendita a partire dal 20 settembre al prezzo di 6,980 yen ($57). Dagli amatori è stato giudicato carino, di facile uso e di buona riuscita. Purtroppo ad oggi è acquistabile solo in Giappone al prezzo di circa €69.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Versione Stand Alone Value pack Giga pack
Memory stick No 32 mb 1 gb
Umd demo
Cuffie No
Custodia No
Cinghia da polso No No
Panno No
Base No No
Cavo usb No No

La PSP è uscita in diverse versioni:

  • Stand Alone[10] è la versione 'liscia' della console. In essa sono presenti la console, l'adattatore AC, l'UMD demo e la batteria.
  • Value Pack[11] è la versione più famosa e diffusa della PSP. In essa sono presenti la console, le cuffie con comando a distanza, la custodia e la cinghia da polso, l'adattatore AC, l'UMD Demo, una memory Stick PRO Duo da 32 Mb, un panno e la batteria.
  • Giga Pack[12] è la versione fornita di più accessori (e più costosa). In essa sono presenti la console, le cuffie e il comando a distanza, una memory Stick PRO Duo da 1 Gb, l'UMD Demo, la custodia, il panno, la base (una specie di appoggio dove mettere la PSP) e un Cavo USB.

Colori[modifica | modifica wikitesto]

Esistono dieci diverse colorazioni per le versioni 2000:

  • Piano Black
  • Ice Silver
  • Ceramic white
  • Rose pink
  • Deep red
  • Champagne gold
  • Felicia blue
  • Mint green
  • Lavender purple
  • Metallic blue

Per le versioni 3000 ne sono stati lanciati altri 6:

  • Vibrant Blue
  • Pearl White
  • Radiant Red
  • Bright Yellow
  • Spirited Green
  • Lilac (Special limited edition).

Le psp venivano vendute in bundle con specifici giochi; rispettivamente: Harry Potter, Final Fantasy Dissidia, Monster Hunter 2, I Simpsons il gioco, Metal Gear Solid: Peace Walker e Hannah Montana.

La versione nera è stata la prima rilasciata della PSP, uscita il 1 settembre 2005; è stata la prima colorazione disponibile, ed è inoltre l'unica edizione disponibile in tutto il mondo[13]. Alcune di esse (ice silver, ceramic white, e deep red) sono infatti disponibili solo negli Stati Uniti e in Europa (in bundle rispettivamente con i videogiochi Daxter, Star Wars Battlefront e God of War) e in Asia (vendute separatamente). Le versioni rose pink, champagne gold, felicia blue, e lavender purple versions erano inizialmente disponibili solo in Asia ma da fine 2009 sono disponibili anche in Italia[13][14] mentre il modello mint green è venduto nel solo Giappone[15]. Per i mercati asiatici ed europei esiste una versione pink, realizzata in collaborazione con la cantante P!nk.

Go!Messenger e Go!Explore[modifica | modifica wikitesto]

Sony ha annunciato attraverso un nuovo sito internet denominato gopspgo, il prossimo rilascio, per l'inizio dell'anno 2008, di 2 nuovi servizi per PSP: il Go!Messenger ed il Go!Explore. Il Go!Messenger permetterà di trasformare la PSP in un client messenger sia audio che video oltre che al normale testo, la funzione di trasmissione audio/video potrà essere effettuata attraverso la fotocamera già rilasciata da Sony in precedenza, e cioè la Go!Cam. Il servizio è stato sospeso il 31 marzo 2009 la motivazione è spiegata nella mail inviata a tutti gli utenti di Go!Messenger: "Benché Go!Messenger abbia offerto soluzioni di comunicazione innovative alla comunità PSP, non è riuscito ad attirare la base di utenti che BT e Sony Computer Entertainment Europe (SCEE) si aspettavano".

Il Go!Explore invece, trasformerà la Play Station Portable in un sistema di navigazione GPS, grazie all'opportuno ricevitore GPS ed al software su UMD Go!Explore, che implementerà in se mappe sia 2D che 3D oltre a molte utili opzioni presenti in molti altri navigatori in commercio.

Browser[modifica | modifica wikitesto]

A partire dalla versione 2.00, esclusa la PSP Street,del firmware è presente un browser per navigare in internet[16] attraverso la connessione Wi-Fi e, sulla PSP Go, anche tramite Bluetooth collegato in tethering ad un cellulare[17].

Cronologia del firmware[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cronologia del firmware della PSP.

Difetti e curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Agendo sul tasto di accensione si può mettere la PSP nella modalità hold (blocco tasti), la modalità standby / sleep (ovvero, rimane accesa con lo schermo LCD spento consumando pochissimo) e si può spegnere totalmente la PSP spostando con una leggera pressione il pulsante di accensione verso l'alto per tre secondi.
  • È possibile trovare dei pixel morti ovvero dei pixel sempre accesi neri, bianchi (prevalentemente) o verdi, blu e rossi. La Sony è tenuta a cambiarla se i pixel morti sono più di 6.
  • Anche se non molto comune, dopo qualche mese di utilizzo si possono riscontrare problemi nel caricamento degli UMD.
  • L'autonomia della batteria non è molto elevata anche a causa delle specifiche della console e all'uso degli UMD.
  • In alcune PSP l'UMD non viene letto bene per via del sensore del lettore,oppure emette rumori durante il caricamento.
  • È possibile che il pad analogico non sia ben calibrato provocando leggeri "spostamenti" involontari nel gioco.
  • Dopo il rilascio del firmware 2.40 della Playstation 3 che includeva l'arrivo dei Trofei, all'E3 2008 era stato annunciato il rilascio di un aggiornamento che avrebbe inserito i Trofei anche in Playstation Portable. Tuttavia, durante l'E3 2009, Sony ha confermato di aver abbandonato il progetto a causa di alcuni problemi con i Trofei ottenibili con le copie "pirata" dei giochi.
  • Nel 2009 si vociferò l'introduzione del servizio PlayStation Home in PSP col nome di Room, ma in seguito Sony ha temporaneamente deciso di annullare il progetto almeno fino all'uscita della futura PlayStation Vita.
  • Alcuni segmenti di memoria cache (K2 e K3) sono stranamente inutilizzati.
  • Nonostante PSP Go non abbia un lettore di UMD, alcuni sviluppatori di videogiochi, per loro espressa volontà, si sono rifiutati di rilasciare alcuni titoli sul PlayStation Store costringendo i possessori di questo modello a rinunciare all'acquisto.
  • Con l'aggiornamento del fimware 6.60, sarà possibile giocare sulla PSP anche i vecchi giochi della prima PlayStation, e anche delle due console non-Sony TurboGrafx-16 (in questo caso PC Engine) e Neo-Geo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Sony interrompe la produzione di PSP dopo quasi dieci anni
  2. ^ VGChartz - Platofrom Totals
  3. ^ VGChartz - PsP
  4. ^ Sony svela la nuova PlayStation Portable, Punto Informatico, 13 luglio 2007. URL consultato il 16 luglio 2007.
  5. ^ Più autonomia e più RAM in Sony PSP Slim, Hardware Ungrade, 16 luglio 2007. URL consultato il 16 luglio 2007.
  6. ^ Debutto PSP Slim in Giappone: oltre 300.000 unità vendute in pochi giorni, Hardware Upgrade, 29 settembre 2007. URL consultato il 30 settembre 2007.
  7. ^ PSP2 presentata ufficialmente
  8. ^ Sony PSP: rimosse le restrizioni hardware, Hardware Upgrade. URL consultato il 25 giugno 2007. Fino a giugno 2007 la console era limitata a 222 MHz per ridurre i consumi energetici. Sony dal firmware 3.5 permette di regolare la frequenza fino al massimo teorico in modo da permettere lo sviluppo di giochi graficamente più complessi ma con minor autonomia del sistema a batteria.
  9. ^ A seconda della versione del firmware.
  10. ^ PSP Stand Alone
  11. ^ PSP Value Pack
  12. ^ PSP Giga Pack
  13. ^ a b Official PSP Colors, PSPVault.com. URL consultato il 18 marzo 2008.
  14. ^ Gold champagne PSP to release on February 21, 2007 (Japanese), Sony Computer Entertainment, 10 gennaio 2007. URL consultato il 18 marzo 2008.
  15. ^ Luke Plunkett, Japan gets new mint green PSP, Kotaku, 8 gennaio 2008. URL consultato il 18 marzo 2008.
  16. ^ Note di rilascio firmware 2.00 dal sito ufficiale Sony
  17. ^ Note di rilascio firmware 6.10 dal sito ufficiale Sony

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

PlayStation Portale PlayStation: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di PlayStation