Classismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il classismo è la concezione in base alla quale lo Stato è e deve essere espressione degli interessi e dei privilegi di una classe, e cioè di una parte della società (inserendosi in una concezione di suddivisione della società in classi delineate dal reddito e dal livello di istruzione).

Può essere di:

  • stampo conservatore (classismo borghese) quando pretende che lo Stato sia garante dei privilegi acquisiti dalla borghesia capitalistica
  • stampo marxista quando, attraverso la dittatura del proletariato, mira ad una sua affermazione sociale come componente egemone e infine unica dello Stato (attraverso un processo di appiattimento delle classi sociali borghesi svuotate del loro ruolo egemone. Nel marxismo rappresenta la concezione storico–politica che vede nel contrasto fra le classi sociali il motore dell'evoluzione storica.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]