Stephanie Brown

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Sono stata addestrata dalle persone in assoluto più pericolose al mondo e non sono qui per imparare. Sono qui per insegnare. »
(Stephanie Brown.)
Stephanie Brown
Lingua orig. Inglese
Alter ego
Autori
Editore DC Comics
1ª app. giugno 1992
1ª app. in Batman n. 647
Sesso Femmina
Abilità
  • Esperta d'arti marziali
  • Ginnasta eccellente
  • Condizione fisica olimpionica
  • Esperta di informatica, escapologia e tattica
  • Esperta in tecniche stealth
  • Ottima marksman
  • Discreta detective
Parenti

Stephanie Brown è un personaggio dei fumetti creato da Chuck Dixon e Tom Lyle nel 1992 e pubblicato dalla DC Comics. Il personaggio, che fa parte dell'universo narrativo di Batman ed esordì come Spoiler è famoso per aver nel tempo vestito i panni di Robin nel 2004 e quelli di Batgirl nel 2009.

Caratteristiche del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Venne inizialmente concepita come personaggio ricorrente sulle pagine di Robin, quando Tim Drake iniziò a vestire i panni del ragazzo meraviglia; vigilante imbranata e amatoriale in patria divenne popolarissima dopo soli tre numeri dalla sua apparizione. Capendo il potenziale del personaggio i suoi autori fecero di Spoiler la prima vera fiamma del terzo ragazzo meraviglia. Dotata di un umorismo acuto ed infantile, il segreto del suo successo è dovuto soprattutto al fatto di possedere un diario cui si rivolge come ad un amico immaginario e su cui scrive il resoconto di tutta la sua giornata, riempiendolo anche di scarabocchi e facendo uso di emoticons costantemente; dando però l’illusione di rivolgersi al lettore provocando così un'infrazione della quarta parete involontaria. Caratterizzata da pose ed atteggiamenti buffi e dal comportamento da tipica teenager americana immatura, Spoiler è uno dei personaggi più amati dai fan delle testate batmaniane in USA, soprattutto da quando, nel 1998, fu protagonista di una storia sulla gravidanza adolescenziale che valse alla testata Robin il titolo di miglior serie a fumetti rivolta ad un pubblico giovanile dell’anno.

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Stephanie Brown (detta Steph) è la figlia di Cluemaster, supercriminale e truffatore. La sua infanzia fu segnata dalla costante assenza del padre, sempre in prigione o in latitanza. Nonostante lei e la madre se la fossero sempre cavata anche senza di lui, la ragazza sperò potessero tornare ad essere una famiglia quando questi tornò a Gotham; quando scoprì che il solo scopo del suo ritorno in città era il crimine s'infuriò e decise di punirlo. Cucitasi un costume, forte della sua esperienza di judo e ginnastica a scuola, decise di diventare una vigilante adottando il nome di Spoiler, in netto contrasto col nome di battaglia del padre. Sebbene inesperta e poco convincente si mise sulle tracce del genitore, venendo ostacolata inizialmente da Batman e Robin che scoprirono praticamente subito la sua vera identità; convinti però della buona fede della ragazza l'aiutarono nel suo intento di mettere finalmente Cluemaster dietro le sbarre. Inizialmente Steph indossò il suo costume solo quando suo padre evadeva di prigione o progettava qualcosa di losco, sempre per fermarlo; dopo un po' decise che le piaceva essere una supereroina e cominciò a svolgere l’attività a tempo pieno. Questo la mise spesso nella situazione di lavorare a stretto contatto con Robin per il quale si prese una cotta. All’inizio tuttavia il ragazzo meraviglia, sebbene infatuatosi anch’egli della biondina, la respingeva in quanto aveva in corso una relazione con un'altra ragazza, Ariana. Tuttavia i due ragazzi lavorando a stretto contatto diventarono buoni amici, tanto che col tempo lo stesso Tim si rese conto di provare un sentimento molto più forte per Stephanie che per Ariana: dopo aver terminato la relazione con la ragazza si fidanzò con Steph, a cui tuttavia non poté rivelare il suo vero nome per mantenere il segreto dell’identità di Batman e dei suoi alleati. Sebbene si fosse detto disposto ad infrangere la regola per lei, Spoiler lo fermò affermando che per lei andava bene anche così.

La loro bizzarra relazione conntinuò con alti e bassi finché Steph non si rivelò incinta del suo ex-fidanzato. Tim, non volendo che la ragazza abortisse le fu vicino accompagnandola ad un corso pre-parto col nome fittizio di Alvin Draper. La situazione, che avvicinò estremamente i due, fu tuttavia un'esperienza difficile per Stephanie, che vista la sua giovane età non poté prendersi cura della bambina e fu dunque costretta a darla in adozione per concederle una vita migliore.

Poco dopo Robin fu mandato da suo padre in una scuola private fuori da Gotham: i due inizieranno una relazione a distanza, arrivando a lasciarsi per via della gelosia di Steph verso una ragazza di nome Star.

Poco dopo Batman avvicinò la ragazza e si offrì di allenarla ufficializzando dunque il suo ingresso ufficiale tra gli assistenti di Batman. In questo modo finalmente venne a sapere del vero nome di Tim e i due si riconciliarono. Nonostante tuttavia non le venisse rivelata l’identità dello stesso Batman e di molti altri suoi collaboratori, così come molti altri segreti del cavaliere oscuro. In questo periodo tuttavia farà la conoscenza di Barbara Gordon (Oracolo) che diverrà sua mentore assieme a Batman e Cassandra Cain (Batgirl) che diverrà la sua migliore amica.

Poco dopo riceverà la notizia che suo padre è morto mentre lavorava nella Suicide Squad, e nonostante il suo rapporto con l’uomo ne rimarrà profondamente turbata; sarà Tim ad offrirle una spalla su cui piangere e la ragazza ripensando al padre gli racconterà che a dodici anni il suo babysitter tentò di stuprarla e lei lo raccontò al genitore. Otto giorni dopo l’uomo fu trovato morto apparentemente per un'overdose. In seguito Steph rifletté sui pochi bei momenti passati con Arthur.

Tempo dopo, quando in una battaglia con lo stregone Johnny Warlock questi le ruppe una gamba, Tim lo picchiò a morte (salvo poi venire magicamente resuscitato).

Robin[modifica | modifica sorgente]

Quando Tim, in seguito al suo violento gesto fu costretto dal padre (che nel frattempo aveva scoperto della sua doppia vita) a smettere la carriera di vigilante ed a vivere una vita normale, Steph facendogli visita a scuola di sorpresa lo troverà tra le braccia di un'altra e sebbene Tim fosse innocente lei, arrabbiata e non volendo sentire ragioni se ne andrà senza ascoltarlo. Indossando un costume di Robin fatto in casa poi, irromperà nella Batcaverna e chiederà al cavaliere oscuro di prenderla con sé come quarto Robin. Il crociato incappucciato accetterà ed inizierà ad allenarla per un periodo di prova, fornendola anche di un costume più equipaggiato; tuttavia la ragazza si rivelerà troppo irruente, immatura ed impolsiva per obbedire scrupolosamente agli ordini di Batman, che dunque la "licenzierà" dal ruolo di Robin dopo appena due ronde.

Arrabbiata Steph trafugherà dei file dal computer della Batcaverna contenenti dei piani segreti di Batman nel caso le cose si mettessero male a Gotham, e che se portato a compimento con successo porterebbe tutte le famiglie criminali sotto il controllo di uomini in incognito che lavorano per lo stesso Batman. Ansiosa di dimostrare al cavaliere oscuro di essere degna di fiducia cercherà di metterlo in moto; tuttavia l'uomo chiave del piano è "Metches Malone", il quale però non esiste essendo un'identità segreta adottata dallo stesso Batman per svolgere le sue indagini (questa è una delle cose che l'uomo pipistrello non aveva mai rivelato alla ragazza), il risultato del suo maldestro piano è la più tremenda guerra tra bande della storia di Gotham. Sentendosi responsabile Steph tenterà di porvi fine, ma verrà tuttavia catturata e torturata da Maschera Nera, dal quale riuscirà a fuggire, solo per arrivare barcollante tra le braccia di Batman ed essere portata in ospedale, dove muore poco dopo per le ferite riportate.

Il Ritorno[modifica | modifica sorgente]

Durante Gotham Underground, saga che tratta di un'altra guerra tra bande a Gotham, una donna misteriosa con indosso un costume da Spoiler è vista alle dipendenze del Pinguino. Più avanti Tim scoprirà che la ragazza in questione è proprio Steph, e che la sua morte fu solo falsificata dalla dottoressa Leslie Thompkins, che per non comprometterne l'identità segreta la portò con sé in Africa, dove, a seguito di un lungo periodo di allenamento la ragazza ha deciso di tornare a Gotham lavorando part-time per il pinguino per tenerlo sottocontrollo. In seguito Steph viene riaccolta tra gli altri membri della Bat-Family, di cui ora è al corrente di tutte le identità.

In seguito smetterà di lavorare per Copplebot e tornarà a fare coppia con Robin; tuttavia dopo aver collaborato in segreto con "il Generale", nemico del ragazzo meraviglia, al fine di salvarlo dallo stesso, Tim, pur capendo della sua buona fede comincia ad avere dei dubbi sulla fiducia che ripone in lei.

Dopo la morte di Bruce, quando Dick Grayson diventa il nuovo Batman e sceglie Damian Wayne come nuovo Robin, lei conforterà Tim, convinto che il suo mentore sia ancora vivo, e quando questi indosserà i panni di Red Robin per iniziare la sua ricerca lei si dirà interessata a seguirlo, tuttavia il ragazzo la esorterà a lasciarlo partire da solo e restare a Gotham a fare il suo dovere.

Batgirl[modifica | modifica sorgente]

Dopo la morte di Bruce Wayne, non sarà tuttavia solo Tim il solo suo amico a soffrirne, Cass infatti diverrà angosciata triste e disillusa, tanto da desiderare smettere di essere Batgirl, e, dopo un'ultima ronda assieme all'amica Steph, vedendo in lei l'unica sua degna erede le cede il costume per poi sparire dalla circolazione.

Stephanie riluttante assume allora il ruolo di quinta Batgirl in totale e di terza Batgirl ufficiale. Oltre ad essere la prima Batgirl bionda dopo due more e due rosse (se non si conta la pre-crisis Bette Kane). Inizialmente Barbara non sarà molto d'accordo sulla decisione presa da Cass, in quanto considera Stephanie troppo irruente, ma dopo che la ragazza avrà dimostrato le sue migliorate abilità sarà proprio la prima Batgirl ad ufficializzare il nuovo ruolo della ragazza, dandole un costume che aveva progettato per sé anni prima di venire paralizzata, in sostituzione di quello di Cassandra.

Poteri e abilità[modifica | modifica sorgente]

Spoiler non ha alcuna abilità superumana, ma è stata addestrata da Batman, Batgirl e le Birds of Prey per essere un'ottima artista marziale, acrobata, detective ed escapologa. Stephanie è un'esperta di informatica, di tattica e di tecniche stealth, oltre ad essere un'ottima marksman e un eccellente ginnasta. Comunque anche prima di essere addestrata aveva una buona conoscenza del corpo a corpo. Inoltre si serve di diversi gadget ed accessori quali rampini, funi, fumogeni, esplosivi, ect. In oltre, dopo il suo ritorno dimostrerà l'abilità di rendersi completamente invisibile grazie ad una tecnologia rubata nel periodo in cui lavorava per il Pinguino. Tecnologia che smetterà di usare una volta assunta l'identità di Batgirl.

La sua personalissima Batsuit viola e nera realizzata in Kevlar è completamente antiproiettile, antiurto, resistente alle più alte temperatura, e isolata dagli attacchi elettrici. Il suo mantello le permette un'abilità di planata e un effetto simile a quello di un paracadute mentre la tuta è accessoriata con batarangs di vario genere ed altri congegni hi-tech, come un dispositivo che permette a Barbara di controllare costantemente i suoi segnali vitali.

Altri media[modifica | modifica sorgente]

Videogame[modifica | modifica sorgente]

  • Spoiler è un personaggio giocabile nel videogioco Lego Batman. Questo è il primo adattamento esterno ai fumetti del personaggio.
DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics