Aquaman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aquaman
Universo Universo DC
Lingua orig. Inglese
Alter ego Arthur Curry, nato Orin
Autori
Editore DC Comics
1ª app. novembre 1941
1ª app. in More Fun Comics n. 73
Editore it. Arnoldo Mondadori Editore
app. it. in Albi del Falco n. 244[1]
Specie Ibrido umano/atlantideo
Sesso Maschio
Abilità
  • Capacità fisiche sovrumane
  • Capacità di respirare sott'acqua
  • Capacità di comunicare con la fauna marina
  • Mano magica dai molteplici poteri
Parenti
  • Regina Atlanna (madre, deceduta)
  • Atlan (padre)
  • Orm Marius (fratellastro)
  • Thomas Curry, Sr. (padre adottivo, deceduto)
  • Koryak (figlio, deceduto)
  • Mera (moglie)
  • Arthur Curry jr. (figlio, deceduto)
  • Garth (figlio adottivo, stato incerto)
  • Deborah "Deep Blue" Perkins (sorellastra)

Aquaman, il cui vero nome è Orin (ribattezzato Arthur Curry), è un personaggio dei fumetti creato da Mort Weisinger (testi) e Paul Norris (disegni) nel 1941, pubblicato dalla DC Comics.

È un supereroe della DC Comics, che ha spesso fatto parte della Justice League, di cui è considerato uno dei membri più prestigiosi per la sua influenza sul vastissimo mondo subacqueo.

Come Namor della Marvel Comics è un eroe che ha origine dal mitico regno di Atlantide. Secondo la versione più conosciuta, è Arthur Curry, il figlio di un uomo del faro e di una regina di Atlantide, ma le sue origini vengono spesso alterate dagli autori tramite la Retrocon.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la tradizione di Atlantide, i bambini con i capelli biondi sono portatori di sventura; per questo motivo il piccolo Orin, figlio di Atlanna, una principessa atlantidea, e di un mago chiamato Atlan, venne abbandonato quando era solo un neonato. Allevato da un branco di delfini, il piccolo Orin crebbe con la convinzione di essere un delfino deforme fino a quando, una volta cresciuto, non gli fu rivelata la sua origine. Venne successivamente adottato da un guardiano di faro, Tom Curry che lo allevò come un figlio, ribattezzandolo Arthur. Una volta divenuto adulto Arthur decise di girare per il mondo, e nel suo pellegrinare arrivò al Polo Nord, dove salvò una giovane eschimese di nome Kako da un orso polare. Arthur venne ospitato dalla famiglia di Kako, con la quale ebbe una notte d'amore; Kako venne pugnalata nel sonno da Orm, uno spasimante respinto più volte dalla giovane, e per salvarla Arthur affrontò una creatura degli abissi che, per vendicarsi, maledì la famiglia della giovane.

Arthur vagò per anni divenendo il protettore delle creature marine e, a seguito di un incontro col supereroe Flash, la sua presenza venne nota a tutto il mondo, e i media lo ribattezzarono Aquaman.

Aquaman, assieme a Flash, Lanterna Verde, Black Canary e Martian Manhunter, diede vita alla Justice League of America, il più grande team di super eroi della terra.

Venuto a conoscenza, grazie a Vulko, uno scienziato atlantideo, del suo titolo reale, Arthur rivendicò il trono di Atlantide, divenendone il re e principale difensore.

Aquaman venne affiancato nelle sue avventure da Garth, che divenne il suo partner col nome di Aqualad. In seguito Arthur sposò Mera, la principessa di un regno sottomarino di un'altra dimensione, che gli darà il suo primo erede, Arthur jr. ma il bambino ebbe una vita breve, perché venne assassinato da Black Manta, un nemico di Aquaman.

A seguito di questo lutto le cose per Arthur precipitarono in un susseguirsi di disgrazie: Mera lo abbandonò, e lui venne a conoscenza che la giovane Kako diede vita ad un figlio illegittimo, Koryak, che lo odia e vuole ucciderlo, e in un secondo momento scoprì che il criminale noto come Signore degli Oceani (Ocean Master) non è altri che il suo fratellastro Orm, lo stesso uomo che pugnalò Kako anni prima, figlio di suo padre Atlan.

Tutti questi avvenimenti portarono Arthur sull'orlo di un esaurimento nervoso, che lo portò a trascurare il suo aspetto, facendosi crescere barba e capelli. Aquaman venne privato di una mano dal suo nemico Cariddi (che gliela fece divorare da dei piranha) e la sostituì inizialmente con un uncino e in seguito con una mano artificiale; sostituì anche la sua classica maglia arancione con una manica di ferro tipica dei gladiatori.

Aquaman ha continuato a dividersi tra i suoi numerosi impegni, come re di Atlantide e come membro della Justice League, mettendo in secondo piano i propri interessi personali;

Durante gli eventi della saga Our Worlds at War Atlantide venne rimandata indietro nel tempo da una potente maga chiamata Gamemnae, che schiavizzò gli abitanti di Atlantide e trasformò Aquaman in un essere composto d'acqua e lo imprigionò nella propria piscina. Fu solo grazie alla JLA che Atlantide venne salvata, ma Aquaman venne esiliato dal popolo per alcune decisioni prese.

Nel suo vagare per il mondo Aquaman arrivò in Irlanda, dove incontrò la Dama del lago (la stessa del ciclo arturiano) che gli fece omaggio di una nuova mano di un materiale di lega indistruttibile composta di acqua magica dai diversi poteri. Per l'occasione Arthur tornò al tradizionale look, con la maglia squamata arancione, i capelli corti e il viso rasato.

Tempo dopo, la città di San Diego sprofondò nell'Oceano Pacifico in seguito ad un terremoto: i sopravvissuti svilupparono misteriosamente la capacità di respirare sott'acqua, e Arthur li aiutò a ricostruire la nuova città sommersa, che per l'occasione fu ribattezzata "Sub Diego".

Durante Crisi Infinita Lo Spettro ha attaccato e distrutto Atlantide, facendo numerose vittime, e Aquaman ha aiutato i sopravvissuti portandoli con sé a Sub Diego.

In un disperato tentativo di salvare la vita di molti abitanti di Sub Diego che stavano perdendo la capacità di vivere in acqua, Orin fece un accordo con le divinità del mare, per ottenere il potere di salvarli. Utilizzando la rottura delle ossa della sua mano sinistra in un magico rituale, gli dei del mare diedero ad Orin il potere di sollevare Sub Diego sulla terraferma.

Tuttavia, Orin mutò la sua forma in quella dell'Abitante degli Abissi, come un effetto collaterale della sua nuova abilità, perse la memoria e, in seguito, anche la vita.

Resurrezione come Lanterna Nera[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi La notte più profonda.

Successivamente, ad Amnesty Bay, Aquaman, assieme a Dolphin e Tula (ex Aquagirl, morta durante Crisi sulle Terre Infinite), venne resuscitato come Lanterna Nera. Arthur cercò di avvicinare sua moglie Mera, cercando di convincerla a seguirla nell'oltretomba e unirsi al Corpo delle Lanterne Nere, dove avrebbe potuto riabbracciare il suo defunto figlioletto ed essere nuovamente una famiglia, ma Mera fuggì terrorizzata, non riconoscendo suo marito in quell'abominio.

Durante lo scontro finale fra le Lanterne Nere di Nekron e gli agenti dei vari corpi, fa la sua apparizione la potentissima Entità e la luce della Lanterna Bianca, che riporta in vita tutti i supereroi e i criminali deceduti, tra cui Aquaman. Arthur torna così nel mondo dei vivi, riabbracciando finalmente l'amata Mera.

Ritorno alla vita[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Nel giorno più splendente.

Ancora rifiutando di riassumere il ruolo di re di Atlantide, Aquaman decide di viaggiare per gli oceani con Mera, aiutando il prossimo e ricucendo la relazione con la consorte.

Aquaman scopre con orrore che a causa del tempo passato come Lanterna Nera i suoi poteri sono stati alterati, dandogli il controllo sulle forme di vita marina morte, da lui involontariamente rianimate sotto forma di non-morti. Inoltre scopre che Xebel, la capitale della Dimensione Aqua da cui viene Mera non è un mondo parallelo, ma una colonia penale di Atlantide. Mentre Siren, la sorella minore di Mera, comincia a dare la caccia alla sorella maggiore ed al suo consorte per ucciderli, Mera gli rivela di essere la prima principessa di Xebel, inviata ad uccidere il Re di Atlantide per vendicare il suo popolo, e di aver abbandonato i suoi propositi di vendetta in seguito al suo sincero amore per lui.

Aquaman decide di perdonare Mera ed accoglierla nuovamente con sé, attirandosi nuovamente l'odio di Siren e di tutta Xebel ma riconquistando definitivamente l'affetto della consorte.

Ritorno alla terraferma[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The New 52.

Ritornato alla pienezza dei suoi poteri, Aquaman rinnova il suo proposito di non tornare agli oceani: invece, restaurata la casa nel Faro che fu di Tom Curry (a causa degli eventi di Flashpoint, viene modificato retroattivamente per diventare il suo padre biologico), decide di stabilirsi sulla terraferma con Mera.

Nonostante l'iniziale diffidenza della gente, Aquaman a poco a poco riconquista il loro affetto e la loro stima, e con l'aiuto di alcuni suoi alleati, ognuno detentore di uno dei tesori della passata Atlantide, rinnova la sua sfida contro Black Manta, il nemico di sempre.

Arthur Joseph Curry[modifica | modifica wikitesto]

Arthur Joseph Curry
Universo Universo DC
Lingua orig. Inglese
Autori
Editore DC Comics
1ª app. maggio 2006
1ª app. in Aquaman: Sword of Atlantis n. 40
Specie umano geneticamente modificato
Sesso Maschio
Luogo di nascita Miami, Florida
Abilità
Parenti
  • Philip Curry (padre)
  • Elaine (madre, deceduta)

Arthur Joseph Curry è il secondo personaggio a vestire il costume di Aquaman. È stato creato da Kurt Busiek e Jackson Guice, apparso per la prima volta Aquaman: Sword of Atlantis n. 40 (maggio 2006).

Recentemente, negli abissi, ha fatto la sua apparizione un ragazzo biondo di nome Arthur Joseph Curry, che tutti scambiano per Aquaman per via di un'incredibile somiglianza, nonostante sia più giovane. In realtà, Arthur Joseph sostiene di non aver alcun legame con Orin (l'Aquaman originale), essendo figlio del biologo americano Philip Curry: per salvare la vita al figlio, che a causa di una malformazione ai polmoni (dovuta ad un parto prematuro) rischiava di morire, lo scienziato sperimentò sul piccolo un siero mutogeno che gli diede la capacità di respirare sott'acqua.

Il ragazzo crebbe all'interno di una vasca nell'istituto di ricerca marina dove lavorava suo padre, e col tempo imparò a respirare anche fuori dall'acqua, ma solo per un limitato periodo di tempo. Dopo il terremoto di San Diego, Arthur J. andò alla ricerca dei sopravvissuti, tra cui spera vi sia il padre. Nel suo vagare Arthur ha fatto conoscenza con un misterioso mago, che si fa chiamare "Abitante degli Abissi" (Dweller of the Depths), che gli ha parlato di una misteriosa profezia che lo riguardava: tale profezia riservata al ragazzo altro non è la biografia della vita di Orin.

Nel suo vagare con l'"Abitante/Deweller", Aquaman II ha incontrato vari personaggi legati al suo predecessore, tra cui la moglie Mera, che pare aver riconosciuto nell'"abitante degli abissi" il suo amato marito scomparso. Oggi Arthur Joseph sta andando alla ricerca delle proprie origini, che sembrano essere misteriosamente legate a quelle di Orin.

La Dama del lago infatti ha svelato ad Arthur J. tale mistero: l'originale Aquaman aveva dato un campione di acqua magica della sua mano a suo padre, al fine di far risorgere il suo figlio morto, che chiamò Arthur, ovvero col nome "terrestre" di Orin. Quando Orin cercò di far risorgere Sub Diego, una parte della sua stessa anima venne collegata al corpo morto di Arthur Joseph Curry, mentre la forma fisica mutò in quella dell'Abitante degli Abissi.

Incolpando se stesso per la morte di Orin, Aquaman II fece voto di non usare mai più il nome "Arthur", chiedendo di essere chiamato solo Joseph in futuro.

Come nuovo Aquaman, Joseph fu tra le potenziali reclute di Batman per i nuovi Outsiders: pur avendo superato la sua missione in coppia con Metamorpho, non venne incluso nel team, in quanto Batman non vide in lui la stessa forza interiore che aveva Arthur.

In seguito agli eventi di Crisi Finale, Joseph comincia a sentire troppa pressione attorno a lui e al suo ruolo di "secondo Aquaman", e per questo motivo decide di abbandonare il ruolo: poco tempo dopo, infatti, Garth trova sul trono che fu di Orin il suo tridente e il suo costume. Il suo stato attuale è sconosciuto.

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

La doppia natura di Aquaman gli permette di sopravvivere negli abissi come sulla terra ferma, anche se per mantenere il suo vigore deve avere un frequente contatto con l'acqua (una doccia o una lunga immersione), altrimenti rischia di disidratarsi, indebolendosi fino a morire.

Può nuotare a una velocità incredibile, ed ha una super-forza che è decisamente superiore a quella di un normale essere umano (anche se comunque inferiore ad esseri potentissimi come Superman, Wonder Woman o Martian Manhunter), possiede inoltre una pelle estremamente resistente, in grado di resistere alla pressione oceanica.

Il suo principale potere è però la capacità di poter comunicare telepaticamente con tutte le creature degli abissi, e spesso Aquaman ricorre a questo potere per farsi aiutare in battaglie da balene, delfini, piovre o anche mostri marini.

Aquaman brandisce inoltre un tridente, simbolo del suo domino sugi oceani, come arma da combattimento, ed è molto abile con esso.

La sua mano bionica poteva trasformarsi in un uncino dotato di cavo, che Aquaman poteva usare in molti modi.

La sua nuova mano magica, composta da acqua solida, era di un materiale indistruttibile, inoltre donava a Orin i seguenti poteri:

  • la capacità di disidratare chiunque egli tocca con essa, uccidendolo istantaneamente
  • la capacità di modellare la mano in un'arma
  • la possibilità di sparare getti d'acqua
  • abilità di guarigione
  • la capacità di creare portali in dimensione mistica;
  • la capacità di comunicare con la Dama del lago attraverso la mano
  • la capacità di annullare la magia

In seguito alla sua resurrezione in La notte più profonda Aquaman ha perduto la mano di acqua solida, riacquistando il suo arto naturale. A causa dell'influsso rimanente dell'anello del potere nero, Aquaman ha acquisito il potere di rianimare le creature marine morte, sotto la forma di ferali non-morti.

Arthur Joseph sembra aver gli stessi poteri del suo predecessore seppur in forma ridotta, infatti pare non aver la stessa dimestichezza con i poteri telepatici. Inoltre, a causa della sua mutazione, non può stare a lungo fuori dall'acqua.

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Aquaman inoltre può comandare la forza dell'acqua.

  • In Vendicatori/JLA Aquaman è uno dei personaggi principali della storia.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Aquaman è apparso come protagonista della serie a cartoni animati I Superamici e come ospite in un'altra serie d'animazione, Justice League Unlimited.

Nella serie TV Smallville un giovane Arthur Curry, interpretato da Alan Ritchson, appare per la prima volta nell'episodio Aqua della quinta stagione. Nell'episodio La Lega della Giustizia della stagione successiva, entra a far parte della Justice League con il nome in codice di Aquaman, mentre in Odissea (8x01) aiuta Black Canary e Freccia Verde a trovare un disperso Clark Kent. Fa un'altra apparizione nel nono episodio della decima stagione, dove assieme alla moglie Mera tenta di distruggere alcuni impianti creati dall'esercito, come ribellione alla vigilante registration law.

Inoltre, venne realizzato un episodio pilota per una possibile serie televisiva, intitolata Aquaman, sulla giovinezza dell'eroe, spin-off di Smallville, ma questa fu bocciata dai produttori del network. A interpretare il giovane Arthur Curry in questo episodio è l'attore Justin Hartley, poi integrato nel ruolo di Oliver Queen/Freccia Verde nel cast di Smallville.

È anche uno dei personaggi sbloccabili nel videogioco Justice League Heroes (con 27 scudi JLA).

Inoltre una parodia di Aquaman è presente nel cartone animato Spongebob Squarepants, li nominato Waterman (Mermaidman nella versione originale, doppiato da Ernest Borgnine), supereroe in pensione che trascorre la vecchiaia a Bikini Bottom in compagnia del fidato assistente Supervista (Barnacle Boy, Tim Conway).

È stato più volte protagonista delle clip umoristiche/dissacranti della serie TV I Griffin, e uno dei supereroi più presi in giro dai protagonisti di The Big Bang Theory.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'abisso marino, nona tavola, terza vignetta.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics