Akira Toriyama

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Akira Toriyama (disambigua).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Akira Toriyama

Akira Toriyama (鳥山明 Toriyama Akira?) (Kiyosu, 5 aprile 1955) è un fumettista giapponese.

È divenuto celebre per aver realizzato il manga Dr. Slump & Arale, da cui sono stati tratti due anime (il secondo remake del primo), ma soprattutto il manga d'arti marziali Dragon Ball, da cui sono state tratte quattro serie animate, ovvero Dragon Ball, Dragon Ball Z, Dragon Ball GT e Dragon Ball Kai.

Nonostante abbia realizzato numerosi altri manga, Toriyama deve la sua fama principalmente a queste due opere, soprattutto alla seconda, da cui sono stati prodotti fino ad oggi diversi videogiochi, gadget, giocattoli, DVD, ed altro ancora. Inoltre è stato character design di molti celebri videogiochi, tra cui la saga Dragon Quest, Chrono Trigger e Blue Dragon.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Akira Toriyama nasce a Kiyosu, nella prefettura di Aichi, il 5 aprile del 1955[1]. Già in giovane età viene attratto dal disegno e decide, così, di iscriversi ad una delle scuole più prestigiose di disegno industriale di Tokyo, la Prefectural Industrial High School[1][2]. Conseguito il diploma nel 1974, lavora per circa due anni come progettista presso una rinomata industria in cui, anche se la sua abilità salta subito all'occhio, il suo estro viene limitato dai rigidi schemi della produzione industriale[1][2].

Dopo essersi licenziato inizia a dedicarsi ai manga, la sua vera grande passione (una leggenda vuole che l'amore per i fumetti sia scoccato durante la visione della Carica dei 101 della Walt Disney)[1]. Nel 1978 partecipa al Monthly Young Jump, un concorso per aspiranti mangaka della Shueisha, una delle case editrici di fumetti più importanti di tutto il Giappone[1][2]. La sua prima opera, Wonder Island, si aggiudica il primo premio e la pubblicazione; inizia quindi a lavorare per la rivista settimanale di manga Shonen Jump[1][2].

Il successo conseguente gli vale un contratto decennale con la Shueisha; per i due anni successivi Toriyama realizza quattro fumetti: il già menzionato Wonder Island, il suo seguito Wonder Island II, Today's Highlight Island e Tomato Police Woman, per i quali si occupa sia dei testi che dei disegni[1]; in seguito raggiunge il successo e la fama internazionale con la serie comica Dr. Slump & Arale, serializzata dal 1979 al 1984 in 18 tankōbon (volumi): l'immenso successo ottenuto fa sì che aumentino a dismisura le vendite della rivista settimanale Shonen Jump[1]. Le avventure strampalate e demenziali di Arale e del Dr. Slump, a cui alterna la realizzazione di alcune storie brevi, vengono ripagate con un'enorme popolarità: dopo un solo anno viene realizzato l'anime, trasmesso sul canale giapponese Fuji TV Network[2], che replica il successo della sua controparte cartacea[1]. Divenuto la colonna portante della Shonen Jump, ha l'onore di realizzare Akira Toriyama - Scuola di manga, in collaborazione con Akira Sakuma, un corso per aspiranti fumettisti, pubblicato sulle pagine della rivista stessa.

Terminato Dr. Slump & Arale, Toriyama si dedica completamente all'opera destinata a diventare il suo capolavoro: Dragon Ball, che non a caso è il suo manga più lungo. Dopo aver debuttato sul numero 51 della rivista Shonen Jump[2], il fumetto spopola talmente tanto che Toriyama viene sollecitato dalla Shueisha a lavorarvi per 11 anni, dal 1984 al 1995, realizzando 42 tankōbon per un totale di oltre 8000 pagine[1]. Anche le gesta di Goku e dei suoi compagni di avventure vengono trasposte in animazione (tre serie televisive tratte dal manga, Dragon Ball, Dragon Ball Z e Dragon Ball Kai, più una realizzata appositamente per la tv, Dragon Ball GT, oltre a diversi film, OAV e speciali) e in breve tempo raggiungono un successo che continua tutt'oggi anche dopo la conclusione del manga[1]. Inoltre sono da ricordare i numerosi videogiochi ed i tantissimi prodotti di merchandising ispirati al celebre manga, realizzati ancora ai nostri giorni.

Toriyama ha curato anche la parte grafica di diversi videogiochi, come Dragon Quest[1] per NES nel 1986 e Chrono Trigger[1] per SNES nel 1995, oltre a Tobal No. 1 e 2[2] realizzati per PlayStation, rispettivamente nel 1996 e nel 1997. Inoltre da Dragon Quest vengono tratti numerosi manga ed anime, tra cui Dai - La grande avventura.

Negli ultimi anni Toriyama si è dedicato al remake dell'anime Dr. Slump (curandone solo i testi)[1], oltre che ad alcune storie brevi e miniserie tra cui vanno menzionate Cowa!, Kajika, Sand Land, Nekomajin e Cross Epoch, quest'ultima realizzata a quattro mani con Eiichirō Oda, autore di One Piece[1]. Si occupa anche delle ambientazioni e dei personaggi del RPG Blue Dragon, da cui è stato tratto un anime che il mangaka ha dichiarato essere il suo ultimo lavoro. Toriyama ha anche collaborato alla sceneggiatura del live action Dragonball Evolution della 20th Century Fox, ispirato al suo più famoso manga.

Nel 2013 partecipa, come direttore creativo, alla realizzazione del nuovo film d'animazione cinematografico su Dragon Ball, Dragon Ball Z: Battle of Gods, realizzato dalla Toei Animation insieme alla 20th Century Fox.

Nel 2013 vince il premio speciale Grand Prix de la ville d'Angoulême per il quarantesimo anno della manifestazione.[3]

Toriyama ha fondato nel 1982 un proprio studio, il cui nome è Bird Studio, gioco di parole sulla traduzione del cognome dell'autore: infatti tori in giapponese significa "uccello" (come bird in inglese), mentre yama significa "montagna"; quindi Toriyama significherebbe, letteralmente, "monte degli uccelli", che è ancora oggi l'obiettivo più ambito dai giovani mangaka.

Il suo studio non ha molti documenti e fonti di ispirazione da cui attingere. Toriyama afferma di guardare molta televisione, mentre al cinema va poco per mancanza di tempo e per l'impossibilità di non poter portare le tavole da finire.

Nella creazione dei personaggi, comincia a disegnare la testa, passando poi al corpo e infine definendo i vestiti, pensandoli in modo da non intralciare i movimenti in caso di combattimenti.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Manga[modifica | modifica sorgente]

Serie[modifica | modifica sorgente]

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

Storie brevi[modifica | modifica sorgente]

Altro[modifica | modifica sorgente]

Videogiochi (Character design)[modifica | modifica sorgente]

  • Serie Dragon Quest: serie di Role-Playing Game (RPG) pubblicati da Enix (ora Square Enix). Apparsi su Nintendo's Famicom/NES, Super Famicom/Super NES, Game Boy Color, Game Boy Advance, Nintendo DS, Sony's PlayStation, PlayStation 2, Wii ed in futuro anche sulla nuova Wii U della Nintendo.
  • Serie Dragon Quest Monsters: serie di Role-Playing Game (RPG) pubblicati da Enix (ora Square Enix). Apparsi su Nintendo's Game Boy, Game Boy Color, Game Boy Advance, Nintendo DS, e Sony PlayStation.
  • Chrono Trigger: Role-Playing Game (RPG) sviluppato da SquareSoft (ora Square Enix) per Nintendo Super NES. Uscito con alcune aggiunte per la Sony PlayStation e per Nintendo DS.
  • Tobal: due picchiaduro per PlayStation sviluppati da Square Co., Ltd.
  • Blue Dragon: Role Playing Game (RPG) per Microsoft Xbox 360 sviluppati da Mistwalker studio per Artoon, basati sul design del creatore della serie Final Fantasy, Hironobu Sakaguchi.
  • Dragon Ball Online: un MMORPG basato sul manga Dragon Ball. Ha contribuito al progetto negli ultimi cinque anni.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Giorgio Mazzola, Akira Toriyama. Il mangaka sorridente, Edizioni Il Foglio, Piombino, 2014.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Biografia da Dragon Ball Forever
  2. ^ a b c d e f g Biografia da Dragon Ball Arena
  3. ^ (FR) Frédéric Potet, Le Néerlandais Willem couronné par le Grand Prix d'Angoulême in Le Monde, 18 marzo 2013. URL consultato il 31 ottobre 2013.
  4. ^ Il manga è uno one-shot realizzato da Tsunomaru che vede il proprio personaggio Mon Mon incontrare altri personaggi dei fumetti, come Son Goku di Toriyama, Ai Amano di Masakazu Katsura, Jotaro Kujo di Hiroiko Araki, Keiji di Tetsuo Hara e tanti altri.
  5. ^ Toriyama è accreditato solo come supervisore, mentre la sceneggiatura è curata da Takao Koyama e i disegni da Katsuyoshi Nakatsuru.
  6. ^ Toriyama è accreditato solo come supervisore, mentre la sceneggiatura è curata da Takao Koyama e i disegni da Katsuyoshi Nakatsuru.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 114308174 LCCN: nr95046446