Il mostro è in tavola... barone Frankenstein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il mostro è in tavola... barone Frankenstein
Il mоstro è in tavola... barone Frankenstein.png
Una scena del film
Titolo originale Flesh for Frankenstein
Paese di produzione USA, Italia, Francia
Anno 1973
Durata 93 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere orrore, fantascienza
Regia Paul Morrissey, Andy Warhol (solo versione USA), Antonio Margheriti (solo versione europea; come Anthony M. Dawson)
Soggetto Mary Shelley (dal romanzo Frankenstein, o il moderno Prometeo)
Sceneggiatura Tonino Guerra (non accreditato), Pat Hackett (non accreditato)
Produttore Andy Warhol, Carlo Ponti e altri
Casa di produzione Carlo Ponti Cinematografica e altre
Fotografia Luigi Kuveiller
Montaggio Jed Johnson, Franca Silvi
Musiche Claudio Gizzi
Scenografia Enrico Job
Trucco Mario Di Salvio, Paolo Franceschi, Antonio Margheriti
Interpreti e personaggi

Il mostro è in tavola... barone Frankenstein è un film horror del 1973 per la regia di Paul Morrissey e Andy Warhol, liberamente tratto dal romanzo di Mary Shelley Frankenstein, o il moderno Prometeo del 1818. Il film è una coproduzione italo-franco-statunitense e tra i produttori annovera, oltre all'italiano Carlo Ponti, lo stesso Warhol, tanto che venne distribuito negli Stati Uniti col titolo Andy Warhol's Frankenstein, dove fu proiettato in anteprima in Space-Vision 3D.

Insieme a Dracula cerca sangue di vergine... e morì di sete!!! (1974) il film compone un dittico horror fantascientifico della squadra di Andy Warhol.[1]

La paternità della regia dei due film è da attribuirsi a Paul Morrissey con spunti creativi forniti da Andy Warhol, il quale è accreditato come co-regista nella versione americana; tuttavia al suo posto nella versione europea come co-regista venne accreditato Anthony M. Dawson (Antonio Margheriti), che in realtà si limitò a fornire un apporto tecnico e a girare soprattutto alcune scene in 3D.[2]

Trama[modifica | modifica sorgente]

In vena di esperimenti, il barone Frankenstein, serbo nazionalista col vizio dell'incesto e della necrofilia, tenta di creare la razza perfetta accoppiando due cadaveri, rattoppati con ago e filo e portati a nuova vita grazie a macabri esperimenti di laboratorio tenuti accuratamente nascosti. Ma la morte, espedienti scientifici o meno, è sempre dietro l'angolo.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Carlo Ponti, che aveva prodotto in precedenza quattro film di Antonio Margheriti, chiamà il regista italiano in aiuto alla produzione di due film che aveva in corso con Andy Warhol e Paul Morrissey come regista. L'apporto tecnico di Margheriti si limitò all'aspetto tecnico, in particolare dirigendo le riprese di alcune scene in tridimensionale Space-Vision (un nuovo sistema ottico a lenti polarizzate) e le sequenze aggiuntive dei due bambini "Sistole" e "Diastole" usate come collante alle altre scene. Nella versione per la distribuzione europea, per ragioni commerciali, venne tuttavia indicato come co-regista Margheriti (con il suo consueto pseudonimo di Anthony M. Dawson) al posto di Warhol dalla società di distribuzione, attribuzione che fu oggetto di un contenzioso legale.[2]

Benché fosse stato scritturato come sceneggiatore l'italiano Tonino Guerra, celebre per Amarcord di Fellini e Blow-Up di Antonioni, il film era privo di una vera e propria sceneggiatura, con un canovaccio di poche pagine su cui improvvisavano di giorno in giorno gli attori.[2]

Le scenografie e i costumi sono di Enrico Job. La fotografia in 3D è firmata da Luigi Kuveiller, direttore di classici come A ciascuno il suo e Profondo rosso.[1]

Critica[modifica | modifica sorgente]

« Il Mostro è in tavola... Barone Frankenstein si avvaleva del contributo alla sceneggiatura di Tonino Guerra e presentava un Frankenstein assetato di potere. Ne risulta un film cinico, senza lieto fine, dove non c'è personaggio che non sia oscurato dalla morbosità: la moglie è ninfomane, i figli dei sadici guardoni, il suo aiutante Otto un maniaco sessuale... »
(Fabio Giovannini, Danze macabre. Il cinema di Antonio Margheriti[3])
« Insieme a Dracula cerca sangue di vergine e ... morì di sete!, il film compone il diseguale e discutibile dittico fantaorririfico dell'equipe di Andy Warhol, a metà strada tra cinema d'autore e cinema di genere, tra parodia dissacratoria e metafora contestatrice, tra favola grandguignolesca e satira provocatoria.

Ampiamente rimaneggiata dalle forbici del censore, l'edizione italiana (che nel manifesto originale storpia il nome del protagonista in "Frankstein") - contrariamente a quelle straniere - attribuisce la regia ad Antonio Margheriti, indica Paul Morissey come autore del soggetto e coinvolge nella sceneggiatura il prestigioso nome di Tonino Guerra. »

(Fantafilm[1])

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis, Il mostro è in tavola... barone Frankenstein in Fantafilm. URL consultato il 22 aprile 2014.
  2. ^ a b c Edoardo Margheriti, Il Mostro è in tavola... Barone Frankenstein in antoniomargheriti.com. URL consultato il 22 aprile 2014.
  3. ^ Fabio Giovannini, Danze macabre. Il cinema di Antonio Margheriti, Grande enciclopedia del cinema di Profondo Rosso; Vol. 6 di Il cinema gotico e fantastico italiano, Mondo Ignoto, 2004, ISBN 8889084227.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti utilizzate

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]