Ian Fleming

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(EN)
« I have always smoked and drunk and loved too much. In fact I have lived not too long but too much. One day the Iron Crab will get me. Then I shall have died of living too much. »
(IT)
« Ho sempre fumato e bevuto e amato troppo. In effetti ho vissuto non troppo a lungo, ma troppo. Un giorno il granchio di ferro mi agguanterà. Allora sarò morto per il troppo vivere. »
(Ian Fleming)
Dipinto a olio raffigurante Ian Fleming

Ian Lancaster Fleming (Londra, 28 maggio 1908Canterbury, 12 agosto 1964) è stato un giornalista, militare e scrittore inglese, celebre per aver creato il personaggio dell'agente segreto James Bond, nome in codice 007, dando vita coi suoi romanzi a un nuova visione della letteratura gialla inglese.

Ian Fleming fu un ufficiale della Royal Navy durante la seconda guerra mondiale, arruolato nel Servizio Informazioni della Marina alle dipendenze dell’ammiraglio Godfrey. Fu poi un giornalista di discreto successo e fama. Nei primi anni della sua carriera come scrittore, ovvero dal 1952, data di pubblicazione del suo primo romanzo, Casinò Royale, Fleming non ebbe apprezzamenti da pubblico e critica. Col passare degli anni, e in particolar modo dal 1962, anno di approdo nelle sale cinematografiche del primo film ufficiale di James Bond, Agente 007 - Licenza di uccidere, interpretato da Sean Connery, l'autore inglese fu rivalutato e rappresenta uno dei più significativi scrittori inglesi del Novecento.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gioventù[modifica | modifica sorgente]

Nato da una famiglia aristocratica inglese, figlio di Valentine Fleming, deputato conservatore e ufficiale della Riserva, nipote di Robert Fleming, ricco banchiere scozzese, Ian Lancaster Fleming è il secondo di quattro fratelli. Nel 1917, quando ha solo nove anni, il padre muore nella Prima guerra mondiale, nominando la moglie Evelyn St. Croix Fleming sua erede, con il vincolo che la donna non si risposi. Lo spettro del padre grava per molto tempo sul giovane Ian, che lo vede come un esempio. Vive anche all'ombra del fratello maggiore, Peter, che ha ottimi risultati a Oxford.

Nel 1921 inizia a frequentare il college a Eton, dove si distingue in particolar modo per meriti sportivi, ma è costretto ad abbandonare gli studi a causa di un incidente con una ragazza.

La madre, con l'obiettivo di infondergli maggior rettitudine morale, lo iscrive all'Accademia Militare di Sandhurst, dove Ian rimane per poco tempo: la sua voglia di indipendenza lo porta a non impegnarsi nella carriera militare. La madre, esasperata, nel 1928 lo manda in Austria, a Kitzbühel, dove, grazie a un ambiente meno opprimente, Ian si forma come individuo, appassionandosi allo sci e all'alpinismo, attività che ricorreranno sovente nei racconti di 007.

In seguito Ian frequenta corsi di politica estera all'università di Monaco di Baviera, provando a scrivere poemi e brevi racconti, ma senza convinzione. Nel 1929 frequenta brevemente l'Università di Ginevra. Segue infine le orme del fratello: è giornalista per l'agenzia Reuters, come inviato a Berlino, a Londra e a Mosca, dove prosegue la carriera come inviato speciale del Times. La morte del nonno lo porta ad abbandonare il giornalismo: diviene socio della banca di famiglia, con la speranza di conseguire facili ricchezze.

Nel 1939, all'alba della seconda guerra mondiale, è reclutato dall'ammiraglio John Godfrey, direttore dell'intelligence della Royal Navy, come suo assistente personale.

Militare[modifica | modifica sorgente]

Nella Marina Britannica Fleming fa rapidamente carriera fino a raggiungere il grado di Comandante. Durante la Seconda guerra mondiale collabora attivamente con i servizi segreti della Marina. Le avventure e le situazioni vissute in questo periodo saranno utilizzate per dare forma al personaggio di James Bond, il cui nome è ispirato dalla passione di Fleming per l'ornitologia: James Bond ne era un noto studioso.

L'Operazione Ruthless (uno stratagemma per entrare in possesso di una macchina crittografica Enigma in dotazione alla Wehrmacht) e l'Operazione Goldeneye (un piano per mantenere i collegamenti con Gibilterra in caso di adesione della Spagna alle potenze dell'Asse) recano entrambe la sua firma. Fleming esce dalla guerra profondamente segnato, sebbene non sia mai stato in prima linea: la sua amante, Muriel Wright, rimane tragicamente uccisa in un bombardamento. La sua figura riveste per il giovane Fleming un ruolo simile a quello che Vesper Lynd rappresenta per Bond in Casinò Royale, tanto da far pensare che quest'ultima le sia quasi ispirata: l'unica donna che l'agente segreto abbia amato prima della moglie, Tracy Bond, e figura costante nei suoi ricordi.

Scrittore[modifica | modifica sorgente]

Nel dopoguerra, dal 1945 al 1959, lavora al Sunday Times e come capo dei servizi esteri per la catena di giornali Kemsley. Nel 1946 compra la sua amata tenuta giamaicana, Goldeneye: per sua ammissione impiega 6 anni a "conoscere" la Giamaica, dedicandosi ai suoi hobby, come la pesca subacquea e il golf.

Nel 1952 sposa Anne Geraldine Rothermere, contessa di Charteris, di cui era stato l'amante, nonostante la morte di Muriel Wright lo avesse reso diffidente verso il matrimonio e, dopo la morte del padre e del fratello, fosse diventato profondamente diffidente nei confronti di legami stabili come la famiglia. Durante il viaggio di nozze termina la prima stesura di Casinò Royale, il primo romanzo con protagonista James Bond.

Il matrimonio costringe Fleming a trovare un metodo per "sfuggire alle noie della vita coniugale": va in ritiro per due mesi all'anno, gennaio e marzo, retribuiti come da contratto, a Goldeneye e inizia a scrivere romanzi, intraprendendo la carriera di scrittore a tempo pieno. Scrive in totale undici romanzi e tre raccolte di racconti con protagonista James Bond, tutti usciti puntualmente ogni anno a fine marzo/inizio aprile, al suo ritorno da Goldeneye. Anche grazie a recensioni positive (spesso firmate da autori illustri come Raymond Chandler, che con gli anni diverrà suo amico personale) e una buona accoglienza all'estero, i romanzi di James Bond diventano best seller, catapultando Fleming in un mondo che non gli appartiene, rendendolo una celebrità.

Soprattutto in questo periodo Fleming diventa sempre più simile al suo personaggio, a sua somiglianza già intuibilmente plasmato: inizia a fumare assiduamente sigarette (una miscela speciale di tabacco, più aromatico, prodotte - come per Bond - appositamente per lui a Londra) e a far uso di alcolici. Il suo stato di salute inizia a peggiorare, ma il suo successo raggiunge vertici inaspettati. Nel 1962, due produttori inglesi allora semi-sconosciuti, Harry Saltzman e Albert Broccoli, decidono di trarre una serie di film dai romanzi di Fleming. Il successo è immediato quanto inaspettato: Licenza di uccidere, con Sean Connery nel ruolo di Bond, incassa cifre inimmaginabili e moltiplica esponenzialmente l'esposizione mediatica dei romanzi e di Fleming.

Il 12 agosto 1964, a 56 anni, Ian Fleming muore per un infarto. La moglie Anne muore nel 1981 e il loro unico figlio, Casper, a causa di una overdose nel 1975. Giacciono tutti e tre sepolti sotto un obelisco di pietra vicino alla piccola chiesa di Sevenhampton.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Il metodo[modifica | modifica sorgente]

Fleming aveva sperimentato un metodo di scrittura, che seguì con minuziosità[1] per ogni libro:

  • sei settimane di lavoro nei due mesi invernali che trascorreva in Giamaica: gennaio e marzo di ogni anno
  • 4 ore di lavoro giornaliere: dalle 9 alle 12 al mattino, dalle 18 alla 19 alla sera
  • 2000 parole al giorno senza correzioni
  • un'ulteriore settimana, la settima, per correggere gli errori vistosi e riscrivere brevi passaggi.

Grazie a questo metodo Fleming nell'estate giamaicana (inverno in Europa) scrisse dal 1952 al 1964, anno della sua morte avvenuta in agosto, 13 romanzi in 13 anni, che vennero puntualmente consegnati alle stampe, tanto da consentire l'uscita a fine marzo/inizio aprile di ogni anno. Octopussy, il suo 14° libro, pubblicato postumo nel 1966, anno successivo alla sua ultima pubblicazione canonica, è invece una raccolta di tre suoi racconti brevi: Octopussy, Di proprietà di una signora, Il lume dell'intelletto.

I romanzi[modifica | modifica sorgente]

Ian Fleming scrisse dodici romanzi, più due raccolte di racconti brevi, con protagonista l'agente segreto James Bond, tradotti e pubblicati per la prima volta in Italia sotto vari titoli dalla casa editrice Garzanti:

Altri scritti[modifica | modifica sorgente]

  • Thrilling Cities (Le città dell'avventura)
    • Una raccolta di tredici articoli su varie città del mondo commissionati a Fleming dopo i primi successi come scrittore. La prima edizione comprende solo sette articoli su altrettante città del mondo, che Fleming visitò spesato dal Sunday Times nel 1959. Le edizioni successive comprendono tutti gli articoli sulle thrilling cities, comprese quelle europee visitate nel 1960. Nelle edizioni più recenti è stato incluso anche un racconto con protagonista James Bond, 007 a New York. Per l'Italia un capitolo è dedicato a Napoli.
  • The diamond smugglers (Il traffico di diamanti)
    • Un saggio scritto durante gli studi preparatori de Una cascata di diamanti. Fleming rimane affascinato e colpito dal sistema del traffico internazionale di diamanti e decide di rendere pubbliche le abbondanti informazioni raccolte.
  • State Of Excitement
  • Chitty Chitty Bang Bang: The Magical Car
    • Un romanzo per bambini scritto nel 1964 per puro diletto. Pubblicato, raggiunge modesto successo, tanto che ne verrà poi tratta nel 1968 un'omonima e surreale trasposizione cinematografica, Citty Citty Bang Bang, diretta da Ken Hughes con Dick Van Dyke, e un musical teatrale.

Racconti[modifica | modifica sorgente]

Centenario[modifica | modifica sorgente]

La tomba di Ian Fleming a Sevenhampton

In occasione del centenario dalla nascita dello scrittore (2008) sono state varie le iniziative in tutto il mondo per omaggiarlo. In Gran Bretagna sono stati emessi francobolli raffiguranti le copertine dei quattordici libri di Ian Fleming su James Bond.

Il 28 maggio 2008, esattamente a cent'anni dalla nascita, è stato pubblicato in tutto il mondo il romanzo Non c'è tempo per morire (Devil May Care), commissionato allo scrittore Sebastian Faulks dalla Ian Fleming Publications. Segue in ordine cronologico l'ultimo libro di Fleming, Octopussy and The Living Daylights, descrivendo un James Bond più anziano e provato per le dure esperienze che ha affrontato durante la sua vita.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Sono tre le pellicole ispirate alla vita dello scrittore:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Guida completa a James Bond, pag. 45.
  2. ^ Raccolta di cinque storie brevi, tradotte con vari titoli: From a view to a kill (Un colpo di pistola, Paesaggio e morte); For your eyes only (Delitto in Giamaica, Solo per i tuoi occhi); A quantum of Solace (Una coppia felice, Un "quantum di sicurezza"); Risico (Affare pericoloso, Rischio); The Hildebrand rarity (La quinta signora Krest, La rarità Hildebrand).
  3. ^ a b c Thunderball, Al Servizio segreto di Sua Maestà e Si vive solo due volte sono i cosiddetti romanzi della Trilogia della SPECTRE
  4. ^ Fleming rifiutò la pubblicazione del titolo nel Regno Unito in collana economica. Apparentemente, la scelta ebbe ripercussione anche in Italia: il titolo sembra essere stato disponibile solo nella versione con copertina rigida.
  5. ^ Raccolta di due romanzi brevi, completati postumi, a cui ne è stato aggiunto un terzo nelle ultime edizioni: Octopussy, The living daylights (Il lume dell'intelletto), The property of a lady (Di proprietà di una signora).
  6. ^ Il ruolo di Ian Fleming è interpretato da Jason Connery, figlio di Sean.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 51689472 LCCN: n50004065