Associazione Sportiva Dilettantistica Giulianova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Giulianova Calcio)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
ASD Giulianova Calcio 1924
Calcio
Giglie, Giallorossi, Lupi
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Giallo, rosso
SimboliCavaliere e lupo
InnoGiglie Alè
Graziano Caprioni
Dati societari
CittàGiulianova
NazioneBandiera dell'Italia Italia
ConfederazioneUEFA
Federazione FIGC
CampionatoEccellenza Abruzzo
Fondazione1924
Rifondazione1936
Rifondazione1948
Rifondazione2012
Rifondazione2016
Rifondazione2021
PresidenteBandiera dell'Italia Alessandro Mucciconi
AllenatoreBandiera dell'Italia Andrea Mosconi
StadioRubens Fadini
(4 347 posti)
Sito webwww.asdgiulianova.it
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'ASD Giulianova Calcio 1924, meglio nota come Giulianova o Giglie[1] dai tifosi giuliesi, è una società calcistica italiana con sede nella città di Giulianova.

La società è stata fondata, secondo varie ricostruzioni, il 7 dicembre 1924[2] con la denominazione di Società Sportiva Giuliese, nel 1936, come Polisportiva Castrum, adotta per colori sociali il giallo e il rosso. Assume il nome di Giulianova Calcio dal 1979 al 2012, denominazione che riprende nel 2023 con l'aggiunta dell'anno di fondazione. La squadra disputa le partite casalinghe allo stadio Rubens Fadini, impianto capace di ospitare sino a 4.347 spettatori.[3]

Vanta una lunga e costante tradizione calcistica, avendo partecipato a 43 stagioni di calcio professionistico, di cui 25 di terza serie, tra le quali spiccano il 2º posto del 1972-1973 e gli spareggi play-off per la Serie B 1996-1997 e 1998-1999. Nel 1994 fu finalista dello scudetto dilettanti contro la Pro Vercelli (3-2; 0-1). Il Giulianova per la sua storia calcistica è stato, fino alla stagione 2018-2019, tra i primi 100 club nel ranking nazionale della tradizione sportiva.

Nel palmares figurano, a livello nazionale, un campionato di Serie C2 (1979-1980) e due di Serie D (1970-1971, 1993-1994). Le altre promozioni sono state ottenute a seguito della vittoria dei play-off di Serie C2/Lega Pro Seconda Divisione (1995-1996, 2008-2009), la prima partecipazione in Serie C è stata raggiunta nella stagione 1938-1939.

Degno di nota è il settore giovanile dei lupi[4][5] giallorossi, che può fregiarsi di 10 titoli nazionali e ha lanciato decine di calciatori in massima serie.

Lo stesso argomento in dettaglio: Società Sportiva Giuliese.
Alfonso Migliori e l'avv. Italo Foschi.

Il gioco del calcio nella città di Giulianova era già presente nel 1920, un documento fotografico attesta l'attività di una compagine locale.[6][7]

Secondo alcune ricostruzioni,[8] la costituzione della Società Sportiva Giuliese[9] si verificò il 7 dicembre[10] 1924.[11] I fondatori furono Alfonso Migliori, futuro sindaco della città e figlio di una ricca famiglia locale, e Italo Foschi. La squadra, che indossa una divisa biancoazzurra o azzurra e disputa gli incontri al Campo della Fiera,[12] dopo aver giocato per i primi anni solo partite amichevoli, inizia a partecipare ai vari campionati regionali, diventò "Società Sportiva Pro Italia" e poi "Federazione Sportiva Giuliese". Dopo la vittoria nel campionato regionale del 1935, la Giuliese si sciolse.[13]

Il 26 dicembre 1929 la Pro Italia gioca il primo derby ufficiale contro l'A.S. Teramo, con il risultato finale di 1-1 al Comunale di Teramo.[14]

La prima Serie C

[modifica | modifica wikitesto]

Il 1936 vide la nascita della Castrum, in maglia giallorossa. Nella stagione 1936-1937 i giallorossi sfiorano la promozione in terza serie, i giuliesi chiudono il campionato al 2º posto distaccati di un solo punto dal Popoli,[15][16] ma nel 1938-1939, come "Società Polisportiva Castrum", approdano per la prima volta in Serie C. I giallorossi vincono il girone e il titolo marchigiano di Prima Divisione su Portocivitanova, Anconitana e l'A.C. Dalmazia[17] di Zara, inoltre partecipano nel 1937-1938 e 1938-1939 alla Coppa Italia Centrale,[18] e nel 1939-1940 alla Coppa Italia Nazionale. Fondamentale per la promozione risulterà la vittoria casalinga sul Portocivitanova[19] del 15 gennaio 1939 (1-0), con il raggiungimento della prima posizione in classifica, oltre all'1-1 di Zara del 2 aprile 1939.[20][21] Paolini è il cannoniere dei giuliesi con 24 reti, seguito da Morselli con 17 gol e Di Teodoro II con 6, la Castrum terminerà il campionato con 64 reti realizzate in 21 incontri.[22][23] In aggiunta, nel giugno 1939, sono finalisti a Roma nel Campionato Nazionale GG.FF. (1-3 contro il Brescia).[24] Formazione della Castrum: De Simone, Sponcichetti, Pipponzi, Bolzati, Ciurli, Di Teodoro I, Di Teodoro II, Morselli, Paolini, Piccioni, Granata. Allenatore Dario Compiani.[25]

I giallorossi del presidente Giuseppe Ianetti debuttano in Serie C il 24 settembre 1939 superando il Terranova Olbia per 4-2, e chiudono il loro primo campionato a livello nazionale al 15º posto. In seguito avviene il cambio nominale in "A.S. Giulianova".[26]

Nel 1940 il gioco del calcio si ferma per motivi bellici, tuttavia una compagine locale, la "Stella Rossa", lo tiene vivo disputando varie amichevoli contro località limitrofe.[27]

Alla ripresa delle attività dopo la seconda guerra mondiale, nel 1945-1946, il Giulianova riparte nuovamente dalla Serie C sostituendo la U.S. Portocivitanovese.[28] I giallorossi terminano il girone d'andata al 2º posto[29] dietro il Perugia, poi promosso in Serie B, anche la stagione 1946-1947 è positiva, con il 3º posto finale.

Il dopoguerra: i fatti di Fermo e l'esperienza della Freccia d'Oro

[modifica | modifica wikitesto]
Una formazione della Freccia d'Oro, anno 1949.

Nel 1947-1948 si chiude la prima avventura del Giulianova in terza serie. In un incontro con la Fermana (4 gennaio 1948) vi è un'invasione di campo dei sostenitori giallorossi,[30] e dopo una sconfitta casalinga ad opera dell'Avezzano (14 marzo 1948) avvengono altri gravi incidenti, con il pubblico giuliese che aggredisce e percuote l'arbitro. Il Giulianova si ritira e scompare dalla scena calcistica nazionale.[31][32]

Il 6 ottobre 1948[33][34] nasce così una nuova società, finanziata da Vincenzo Di Felice e chiamata "Freccia d'Oro", che disputa il campionato regionale di Prima Divisione. Il nome è legato al camion, messo a disposizione dal presidente Francesco Falini per trasportare la squadra, detto appunto "La freccia".[35] Ricordiamo alcuni giocatori che resero possibile la rinascita del calcio a Giulianova, dopo la guerra mondiale. Giustino Di Giandomenico, infaticabile mediano, Cassiani, Della Penna, i gemelli Romolo e Remo Aloisi, Canzanese e tanti altri. Le reti delle porte furono fatte da pescatori del luogo mentre la divisa ufficiale fu tessuta dalle monache. Lo stemma posto sulle maglie era rappresentato da una freccia rinchiusa in un cerchio, con accanto una medaglietta recante l'immagine della Madonna e fissata da una spilla.[36]

La "Freccia d'Oro" vince il campionato nella stagione 1950-1951, perdendo però le finali promozione giocate contro Termoli, Popoli e Tagliacozzo. La formazione base: Di Donato, Di Giandomenico, Cassiani, Falini, Di Felice, Aloisi II, Compiani, Di Donato, Marzi, Aloisi I, Piccioni. I giuliesi vincono il proprio girone con 37 punti, cinque in più del Termoli, poi promosso dopo le finali.[37]

L'anno successivo tornerà la denominazione in "Società Polisportiva Giulianova".

Gli anni cinquanta e sessanta: le promozioni in IV Serie e in Serie D

[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1951-1952, col terzo posto finale, i giuliesi vengono ammessi nel campionato regionale di Promozione, mentre nella stagione 1953-1954, il Giulianova dell'allenatore Valeriano Ottino, al termine di un'entusiasmante lotta con il Lanciano, viene promosso in IV Serie.

Il derby dell'11 aprile 1954.

I giallorossi terminano il campionato segnando ben 100 reti (media 3,33 a gara). Magheri, Olivieri e Ottino ne formano l'attacco, insieme realizzano la bellezza di 80 gol, di cui 42 registrate da Magheri,[38] 21 da Olivieri e 17 da Ottino. Nella memoria l'infuocato derby di Lanciano del 9 maggio 1954, terz'ultima di campionato e con violenti incidenti tra le opposte tifoserie,[39] così come la doppia vittoria sul Teramo, 2-1 al Comunale il 13 dicembre 1953 con rete decisiva di Ottino al 90', 5-1 al Fadini l'11 aprile 1954. A 180' dal termine le due compagini sono ancora appaiate al comando con 46 punti, ma la sconfitta dei frentani col Termoli determina il via libera ai giuliesi per il passaggio al quarto livello. La formazione titolare: Di Gennaro, Gerardini II, Michelassi, Gerardini I, Ferrari, Palma, Olivieri, Ghinazzi, Magheri, Vallese, Ottino (nella veste di allenatore-giocatore).[40]

Nel 1955-1956 il Giulianova si classifica al 5º posto, dopo che aveva chiuso il girone d'andata al comando insieme al Pescara con 23 punti (superato al Fadini per 3-2),[41] ma nella stagione 1958-1959 la mancata vittoria casalinga contro il Portocivitanova (0-0; 3 maggio 1959), costringe i giallorossi alla retrocessione.[42]

Nel campionato 1960-1961 il Giulianova del presidente Emidio Ciafardoni viene nuovamente promosso in Serie D, decisivo lo spareggio giocato all'Adriatico di Pescara il 21 maggio 1961 contro la Torrese di Torre de' Passeri e vinto 3-0 con doppietta di Giorgini e rete di Montebello. La partita di Pescara, giocata sotto la pioggia e con numerosi scontri tra tifosi, si era resa necessaria perché entrambe le compagini avevano ottenuto il successo nel proprio incontro casalingo di finale, il Giulianova 3-1 al Fadini il 7 maggio 1961 e la Torrese 1-0 al Montecatini di Piano d'Orta[43] il 14 maggio 1961. La differenza reti all'epoca non era presa in considerazione.[44][45] I giuliesi erano arrivati allo spareggio vincendo il proprio girone, dove avevano conquistato 38 dei 44 punti a disposizione, 7 in più dell'Atri.

Con il successo in campionato i giallorossi disputano le finali per lo Scudetto Dilettanti, venendo eliminati nella terza fase dalla Paolana (1-3; 1-0). In precedenza avevano superato la Libertas Invicta di Potenza (2-2; 4-1) e gli umbri del Bastia (0-2; 5-0). Il titolo viene vinto dal Borgomanero.[46]

Negli anni sessanta la stagione migliore in Serie D è la 1963-1964, chiusa al 4º posto con 40 punti, a sei lunghezze dalla capolista Ternana, mentre nel torneo 1962-1963 i giuliesi avevano mantenuto la categoria battendo allo “Zeppelle” di Ascoli, in un drammatico spareggio salvezza il Teramo (2-0; Angeloni, Menna),[47][48] qui rimangono, cercando di potenziare soprattutto il settore giovanile e con la conduzione di Emilio Della Penna, fino al campionato 1970-1971. Da ricordare che nel 1967 i giallorossi, superando a Roma il Pordenone, conquistano con la Juniores il loro primo titolo, mentre nel 1965 gli Allievi erano stati eliminati in semifinale dalla Juventus.[49]

Gli anni settanta: la Serie C e la sfida con la SPAL per la Serie B

[modifica | modifica wikitesto]
La rosa del Giulianova, che sfiorò la B nella stagione 1972-1973.

Nel 1970-1971 il Giulianova, sotto la presidenza del duo Tiberio Orsini-Pierino Stacchiotti, e guidato in campo dall'allenatore-giocatore Adelmo Capelli, si rende partecipe di un grande torneo, vincendo 20 partite su 34 e perdendone 6.[50] Tuttavia per la promozione si deve aspettare l'ultima giornata, quando la compagine giuliese, in un Rubens Fadini gremito da 8000 spettatori,[51] vince lo scontro diretto contro il Bellaria (2-1, gol di Capelli al 4', pareggio di Bean per il Bellaria al 37', Conte al 52'), fino ad allora al comando con un punto di vantaggio sui giallorossi.[52] È il 23 maggio 1971, il Giulianova è in Serie C.[53]

Un campionato esaltante, di cui rammentiamo la vittoria sul favorito Riccione (2-1) in un incontro giocato sotto una forte nevicata nel febbraio 1971,[54] l'organizzazione del primo treno speciale del club per la trasferta di Rovigo,[55] le 1500 bandierine distribuite in mattinata per la gara con la Civitanovese (4-1),[56] e lo 0-0 di Porto San Giorgio contro la Sangiorgese alla penultima giornata, punteggio che permise al Bellaria, vittorioso sul Pesaro, di presentarsi al Fadini per l'ultima di campionato col vantaggio di un punto.[57] Sempre in questa stagione vengono trasmesse le prime telecronache delle partite dei giallorossi, spesso riprese da posti di fortuna e proiettate il giorno successivo l'incontro in uno stipato cinema locale.[58]

Giulianova-Spal, del dicembre 1972.

Protagonisti in assoluto sono Roberto Ciccotelli con i suoi 19 gol, Adelmo Capelli "mago" dei calci di punizione, Sergio Conte, autore del gol decisivo nell'ultima giornata, e il più giovane della compagine, l'appena diciottenne Renato Curi, proveniente dalle giovanili.[59] La formazione titolare: Maurini, Erbaggi, Janni; Curi, Agostinelli, De Falco; Conte, Angelo Tancredi, Capriotti, Capelli, Ciccotelli.

Nel 1971-1972, il Giulianova (con Capelli passato definitivamente dal campo alla panchina) disputa finalmente la Serie C dopo più di vent'anni, riuscendo, con un 16º posto finale, a raggiungere l'obiettivo del mantenimento della categoria. La formazione titolare: Ciappi, Falcomer, Giorgini; Mambrin, Agostinelli, Caucci; Conte, Curi, Gambin, Vernisi, Ciccotelli.

Negli anni successivi, col Giulianova in Serie C, oltre a Curi cominciano a mettersi in evidenza diversi giocatori interessanti sfornati dal settore giovanile: il terzino Giuseppe Lelj (poi alla Fiorentina), il futuro allenatore dei giuliesi Francesco Giorgini, la mezzapunta Gabriele Alessandrini, il centrocampista Roberto Vernisi, Pasquale Iachini (poi in serie A tra Como e Fiorentina) e Franco Tancredi, futuro portiere nell'anno del secondo scudetto della Roma e che in seguito raggiungerà anche la Nazionale.[60]

Franco Tancredi, il tecnico Giovan Battista Fabbri, Renato Curi e Gabriele Alessandrini in allenamento nel 1972. Con Gibì in panchina, il Giulianova si avvicinò per la prima volta alla Serie B nel 1973.

Nella stagione 1972-1973 il Giulianova, allenato dal mai dimenticato Giovan Battista Fabbri,[61][62][63] è protagonista di un avvincente testa a testa con la SPAL[64] di Franco Pezzato (22 reti);[65] quest'ultima otterrà la promozione in Serie B solo all'ultima giornata vincendo a Olbia, mentre i giuliesi usciranno sconfitti da Empoli. I giallorossi sono inoltre semifinalisti nella prima edizione della Coppa Italia Semiprofessionisti, dove vengono eliminati dall'Avellino (1-1[66]; 0-1).[67] Tra i protagonisti ci sono il portiere Gianni Candussi, che rimarrà insuperato per 977 minuti[68] (dalla 28ª alla 37ª giornata), i bomber Ciccotelli e Giuseppe Santonico (14 gol), e ancora il giovane Curi. Nel girone di ritorno i giuliesi rimasero imbattuti per 16 turni, prendendo nel contesto una rete (1-1 con la Massese). La formazione titolare: Candussi, Carloni, Giorgini; Bertuccioli, Agostinelli, Caucci; Vernisi, Curi, Santonico, Alessandrini, Ciccotelli.

Di questo campionato ricordiamo l'esodo di Modena del 26 novembre 1972 (0-0), con l'organizzazione del treno speciale giallorosso,[69][70] la doppia vittoria con la Sambenedettese, 3-0 al Rubens Fadini il 19 novembre 1972 con tripletta di Santonico[71] e 2-0 al Ballarin il 15 aprile 1973 con doppietta di Alessandrini,[72] e l'immagine di uno stadio sempre pieno dove i giallorossi, in 19 incontri, subiranno due sole reti (Ravenna e Viareggio).[73] Una stagione indimenticabile, ancora oggi nella memoria calcistica dei giuliesi, e ricordata dallo stesso Gibì Fabbri nel novantesimo anniversario della nascita ufficiale del club:

«Altro che Vicenza, è il Giulianova la squadra che ha fatto parlare di sé in Italia per il suo gioco.»

Istante di un Parma-Giulianova alla fine degli anni '70.

Nel 1973-1974, con Tancredi tra i pali, i giallorossi disputano le prime tre gare interne a Teramo per il rifacimento del manto erboso.[75] Il debutto casalingo avviene l'11 novembre 1973 contro la Sambenedettese, battuta 1-0 (Polesello al 2') in un Rubens Fadini stracolmo in ogni settore, con circa 9000 presenze di cui 8365 paganti (record assoluto).[76][77] I giuliesi chiudono il torneo al 9º posto, ma nel girone d'andata tengono testa alla Sambenedettese, poi promossa in Serie B. Intanto si mette in luce un altro talento locale, il centravanti Alfredo Canzanese.

Il Giulianova continua la sua serie di campionati positivi: nell'annata 1974-1975, grazie agli 11 gol della punta Oriano Grop (l'anno dopo al Bologna in Serie A), i giallorossi guidati da Gianni Corelli disputano un altro ottimo campionato, chiudendo al 4º posto a pari merito con la Sangiovannese.

Nelle successive stagioni 1975-1976 e 1976-1977, il Giulianova conferma quanto ben fatto precedentemente, classificandosi nuovamente 4º prima, e al 7º posto poi. In panchina c'è il friulano Sergio Manente, ex-terzino sinistro della Juventus. Da ricordare i sei titoli conquistati dal settore giovanile tra il 1974 e il 1977.[78]

Dopo cinque campionati consecutivi caratterizzati da buoni piazzamenti, nel 1977-1978 il club (alla cui guida tecnica nel frattempo è tornato Adelmo Capelli, con minor fortuna) chiude al 14º posto e retrocede nella neonata Serie C2. In questo torneo il Fadini viene squalificato tre turni per degli incidenti avvenuti durante l'incontro col Pisa del 12 febbraio 1978 (0-0), causa una rete annullata ai giuliesi.[79] Il derby contro il Teramo del 26 febbraio 1978 è disputato sul neutro di Civitanova Marche con 6000 presenze (0-1)[80] e la sconfitta di Parma del giovane Carlo Ancelotti (1-3) decreta la retrocessione dei giuliesi.[81]

Gli anni ottanta: la promozione in Serie C1 e il decennio in Serie C2

[modifica | modifica wikitesto]
La rosa del Giulianova di Scibilia, che riconquistò la C1 nel 1979-1980.

La permanenza nella serie minore è breve, nel campionato 1979-1980,[82] il Giulianova dell'allenatore Corelli (anche in questo caso un ritorno) e del presidente Scibilia, si classifica al 1º posto nel girone C, vincendo il duello per la promozione con il Francavilla e la Civitanovese, e ottenendo quindi l'accesso alla categoria superiore. I giallorossi chiudono la stagione vincendo 20 partite su 34, con il record di 8 vittorie consecutive iniziali e perdendo solo tre volte. Il Giulianova supera nell'ordine: Civitanovese (2-0), Civitavecchia (2-0), Osimana (3-1), Lanciano (2-0), Latina (3-1), Vis Pesaro (2-0), Formia (1-0), Francavilla (1-0).[83][84] Il 25 maggio 1980, battendo in casa la L.V.P.A. Frascati per 5-0, il Giulianova raggiunge la promozione matematica in Serie C1. Un torneo condotto sempre al vertice, dove spiccano, oltre alle otto vittorie consecutive, il 2-2 esterno con la Civitanovese (reti di Ciccotelli al 12', Ilari al 32' e Villa al 63' per la Civitanovese, Lepidi al 68'),[85] in uno splendido incontro giocato il 3 febbraio 1980 dinanzi a 6000 spettatori,[86] il 2-0 casalingo contro l'Avezzano (Ciccotelli, Savoldi),[87] e il 3-1 con L'Aquila (Ciccotelli, Angelozzi, Palazzese).[88]

Formazione del Giulianova 1987-1988, fra i titolari: Iaconi, Marco Giampaolo (al centro, in piedi) e Federico Giampaolo (al centro, accosciato).

Tra i principali artefici della stagione ci sono Gianluigi "Titti" Savoldi, Guido Angelozzi, Roberto Ciccotelli (11 gol) e Salvatore Amato (15 gol).[53] La formazione titolare: Tuccella, Tortorici, Giorgini; Bellagamba, Triboletti, Angelozzi; Palazzese, Amato, Traini, Savoldi, Ciccotelli.

Una formazione del Giulianova, scesa in campo nel 1989.

Il Giulianova rimane in C1 per due stagioni, 1980-1981[89] e 1981-1982, quando chiude il torneo al 16º posto e retrocede di nuovo in C2, dove resterà per 10 campionati consecutivi, fino al 1991-1992. In questo periodo, torna al vertice della società Titì Orsini, e il Giulianova sfiora per due volte la promozione alla categoria superiore: la prima nel 1983-1984, dato che lo 0-0 alla penultima giornata in casa dell'Osimana preclude ai giuliesi la promozione diretta in C1. In questo campionato Giulianova e Teramo chiudono appaiate al terzo posto, a due punti dalla zona promozione. Da ricordare il derby del 1º aprile 1984, concluso sullo 0-0 e giocato al cospetto di oltre 7000 presenze;[90] la seconda nel 1986-1987, quando il pareggio all'ultima giornata contro il Galatina permise al Francavilla di aggiudicarsi il secondo posto utile per la promozione nella categoria superiore. Nel torneo 1986-1987 i giallorossi rimasero imbattuti per 22 incontri (dalla 5ª alla 26ª giornata).

In queste stagioni viene lanciato il giovane Tiziano De Patre, che poi approderà in Serie A con le maglie di Atalanta e Cagliari e altri "primavera" (tra gli altri, Luigi Leone), inoltre nei campionati 1983-1984 e 1984-1985 i lupi giallorossi conquistano il titolo nazionale Berretti, superando in finale rispettivamente il Bologna e la SPAL.

Gli anni novanta: dalla breve crisi in C.N.D. ai doppi play-off per la Serie B

[modifica | modifica wikitesto]
Il Fadini gremito degli anni '90.

Nel 1991-1992 il Giulianova si trova in Serie C2, ma a causa di una crisi societaria la squadra giuliese, dopo 21 campionati consecutivi tra i professionisti, si vede retrocedere in Serie D.[91] Il purgatorio tra i dilettanti dura due stagioni, nel 1993-1994 il Giulianova di mister Giorgini si piazza al 1º posto vincendo il girone G e riconquistando l'accesso tra i professionisti.[92] Fondamentali per la promozione sono l'1-1 in trasferta con l'Albanova (rete per i locali di Copasso al 9', pareggio per i giuliesi di Caruso al 53' su rigore),[93] la vittoria per 1-0 al Pinto di Caserta (De Feudis al 68') del 10 aprile 1994, e il 2-2 di Frosinone del 24 aprile 1994. La rete di Pugnitopo al 90', che agguanta il 2-2 finale, mantiene i ciociari a due punti di distanza a 180' dal termine, ipotecando il salto di categoria.[94][95] L'8 maggio 1994, ultima di campionato, i giallorossi battono al Rubens Fadini il Celano per 2-0 (reti di Minuti e Briata) dinanzi a 5000 spettatori,[96] e vengono promossi in Serie C2.[53] I giuliesi chiudono il torneo con un punto di vantaggio sull'Albanova e due sul Frosinone. Tra i protagonisti di quell'annata il trequartista "Totò" Caruso, autentico idolo dei tifosi, il centravanti Michelangelo Palladino, il goleador Pasquale Minuti, Ugo Dragone, Riccardo Di Bari. La formazione titolare: Merletti, Ulivi, Pugnitopo; Dragone, Parisi, Briata; Di Bari, De Feudis, Caruso, Minuti, Palladino.

Una formazione del 1995-1996.

Nella Poule Scudetto il Giulianova viene superato in finale dalla Pro Vercelli (3-2[97]; 0-1[98]); in precedenza aveva eliminato il Teramo (0-1; 3-0[99]) e lo Sporting Benevento (2-1[100]; 0-0). Dopo essersi piazzati all'ottavo posto nel primo anno di Serie C2 dopo la retrocessione in Serie D, nel 1995-1996 il Giulianova di Francesco Giorgini, al comando al termine del girone d'andata,[101] chiude il torneo al 3º posto solamente tre punti dietro la vincitrice Avezzano, conseguendo così l'accesso ai play-off insieme a Frosinone, Albanova e Viterbese. Il Giulianova supera in semifinale la Viterbese (1-2; 1-0[102]), e accede alla finale promozione in gara unica allo stadio "Zaccheria" di Foggia contro l'Albanova,[103] che aveva eliminato il Frosinone. L'incontro viene giocato giovedì 27 giugno 1996, i giuliesi, sostenuti da circa 4000 tifosi,[104] ottengono la promozione in Serie C1 ai calci di rigore (3-0),[53][105][106] dopo che i tempi supplementari si erano chiusi sullo 0-0, e tornano in terza serie dopo quattordici anni.[107][108] La squadra viene festeggiata in nottata da migliaia di supporter, sia in stazione al rientro da Foggia che allo stadio Fadini.[109][110]

La finale play-off per la C1, a Foggia (1996).
Il compianto Danilo Di Vincenzo. Grazie anche ai suoi gol, i giallorossi tornarono in terza serie.

Autentico trascinatore della compagine è il bomber Danilo Di Vincenzo,[111][112][113] che nelle due stagioni in maglia giallorossa realizzerà ben 30 reti. Da elencare anche il famoso 2-2 col Frosinone del 17 marzo 1996, incontro giocato in un Rubens Fadini gremito da 7000 tifosi e con le immagini trasmesse nei programmi televisivi La domenica sportiva[114] e Mai dire gol[115][116], servizi che hanno reso celebre questo evento.[117] La formazione titolare: Grilli, Parisi, Contadini; Ruffini, Chionna, Pugnitopo; Acampora, De Feudis, Di Vincenzo, Lo Pinto, Aldrovandi. Nel 1996-1997, il neopromosso Giulianova guidato ancora da Giorgini, milita nel girone B della Serie C1. Anche quest'anno la squadra giuliese si rende partecipe di un grande campionato, concluso con un 5º posto che vale l'accesso ai play-off per la Serie B,[118] dove viene eliminato in semifinale dall'Ancona (1-1; 1-2). La formazione di Ancona: Merletti, Di Liso, Pagliaccetti; Matarese, Bertoni, Savio; Pinciarelli, De Feudis, Micciola, Manari, Vadacca. L'incontro viene giocato dinanzi a 9513 paganti, con oltre 4000 giuliesi.[119] A fine stagione c'è una svolta per la società giallorossa, infatti alla presidenza arriva la famiglia Quartiglia. Nella stagione 1998-1999 il Giulianova chiude il campionato al 4º posto in classifica e vede ottenere nuovamente l'accesso ai play-off grazie alla vittoria di Ascoli,[120] 2-0 nello scontro diretto dell'ultima giornata con circa 15.000 presenze (reti di Molino e Testa).[121] Negli spareggi viene però eliminato nuovamente in semifinale, stavolta dalla Juve Stabia (3-2; 0-2).[122] La formazione titolare era composta da Grilli, Pastore, Peccarisi; De Sanzo, Evangelisti, Parisi; Di Corcia, Ferrigno, Molino, Calcagno, Delle Vedove. Il cannoniere dei giallorossi è Luigi Molino con 11 reti. Dopo questa stagione, il Giulianova chiuderà il decennio 1990-2000 conquistando la salvezza e rimanendo in Serie C1.

Gli anni duemila: la lunga permanenza in Serie C1

[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2000-2001 al 2005-2006 il Giulianova milita in Serie C1, con un record di abbonati (2195) nel torneo 2000-2001,[123] e con la conquista nel 2006 del decimo titolo nazionale giovanile, il quinto con la Berretti (dal 2020 denominato Primavera 3). Durante questi anni i giallorossi alternano campionati di alto livello (2001-2002: 6º posto finale a pari merito con il Lanciano, mancando i play-off per la B, per via della classifica avulsa[124][125][126]), a tornei più discreti, in due dei quali la salvezza viene ottenuta ai play-out, entrambi ai danni del Sora (2002-2003[127] e 2004-2005[128]). In queste stagioni sono passati per Giulianova, fra gli altri, calciatori come Gianni Califano (116 presenze e 52 reti in giallorosso[129]), secondo cannoniere di sempre in Serie C[130], Firmino Elia, Ottavio Palladini, Stefano Visi, Fabrizio Ferrigno, Maurizio Caccavale, Alfredo Cariello, Marcello Cottafava, Gianni Munari, Christian Puggioni, Massimiliano Tangorra, i talenti di casa Federico e Cristiano Del Grosso e Stefano Olivieri, e sono stati lanciati dal vivaio Giuseppe Cozzolino, Damiano Zanon, e Mirco Antenucci. Alle stagioni 2004-2005 e 2005-2006 risalgono le sfide contro Napoli,[131] e Genoa[132], eccezionalmente catapultate nel campionato di terza serie.

Il talento del vivaio: Mirco Antenucci

Nella stagione 2006-2007 il manifestarsi di problemi societari, porta all'allestimento di una squadra decisamente inadeguata, per inesperienza e giovinezza, al torneo in arrivo, e il Giulianova retrocede con sette giornate d'anticipo in Serie C2, chiudendo il campionato all'ultimo posto con soli 12 punti, e abbandonando la categoria dopo 11 anni consecutivi (striscia record inferiore solo a quella della Salernitana, 12). Non basteranno le 11 reti del giovane talento casalingo, Mirco Antenucci. A fine stagione la famiglia Quartiglia cede la società, che passa nelle mani di Bruno Sabatini.

La permanenza in Serie C2 dura due stagioni, e nell'annata 2008-2009 i giallorossi, guidati da Leonardo Bitetto, sono autori di un grande torneo che li vede costantemente nelle prime posizioni della classifica[133], e chiudono con un 3º posto che vale l'accesso ai play-off. Gli spareggi portano il Giulianova ad eliminare in semifinale il Bassano Virtus (1-1 a Bassano; 1-0 al Fadini), ed il Prato in finale, ottenendo la promozione al Rubens Fadini il 21 giugno 2009 in virtù del miglior piazzamento in classifica rispetto ai lanieri, dopo che il doppio confronto si era concluso in parità (vittoria 1-0 a Prato con 800 giuliesi presenti[134] e sconfitta 0-1 al Fadini dopo i tempi supplementari).[135][136]. La formazione titolare: Mancini, Ogliari, Garaffoni; Vinetot, Sosi, Pucello; D'Aniello, Croce, Lisi, D'Antoni, Improta. Nella stessa compagine milita anche Andrej Gălăbinov, in seguito approdato in Serie A e nella nazionale bulgara.[137]

Gli anni duemiladieci: le ultime stagioni di professionismo e le due rifondazioni

[modifica | modifica wikitesto]

Il campionato di Lega Pro Prima Divisione 2009-2010 è deludente in trasferta (10 sconfitte) e sfortunato fra le mura amiche:[138] al Fadini impattano Portogruaro, Pescara, Verona,[139] Reggiana e Ternana (cinque delle prime sei classificate al termine), ma alle poche sconfitte (4) fanno da contraltare soltanto 3 vittorie, e tanti pareggi (10) a volte stretti alla compagine giuliese, che sono costati un'immediata retrocessione dopo gli spareggi con l'Andria. Nonostante l'ultimo posto (penultimo, a seguito della squalifica del Potenza[140]) infatti, si mettono in mostra giocatori come Alessio Campagnacci, Kévin Vinetot e Francesco Migliore, tutti saliti di categoria l'anno successivo e Jacopo Dezi, ennesimo prodotto del vivaio giallorosso, acquistato dal Napoli, in Serie A.

Nelle due successive stagioni il Giulianova milita in Lega Pro Seconda Divisione, terminando a metà classifica la prima e salvandosi sul campo nella seconda.

Al 30 giugno 2012, data della scadenza per le iscrizioni al campionato di Seconda Divisione, la società non è in grado di iscriversi a causa di problemi finanziari.[141] Così, dopo 18 stagioni consecutive tra i pro, il calcio a Giulianova riparte con una nuova società, attraverso il cambio di denominazione dell'A.S.D. Cologna Paese,[142] società iscritta al campionato di Eccellenza, in A.S.D. Città di Giulianova 1924.[143]

La stagione 2012-2013, si chiude con un secondo posto in Eccellenza, dietro un sorprendente Sulmona. I giuliesi accedono direttamente alla fase nazionale dei play-off promozione, uscendo subito contro l'Imolese (0-3 al Fadini; 1-1 a Imola). I giallorossi beneficiano del ripescaggio, causa la mancata iscrizione di numerose compagini di Serie D e Lega Pro e vengono comunque promossi di categoria.[144]

Federico Del Grosso, capitano del Città di Giulianova prima e del Real Giulianova sino a fine carriera.

Il ritorno in Serie D a vent'anni dall'ultima partecipazione, è preceduto da un avvicendamento societario, nuovo presidente diventa l'imprenditore edile Adriano Mattucci[145][146][147]. Dopo un buon girone d'andata, i giuliesi chudono all'undicesimo posto, a quattro punti dalla zona play-out.

La stagione 2014-2015 si conclude al 9º posto grazie ad un discreto girone di ritorno. La salvezza, unica ambizione possibile per l'A.S.D. Città di Giulianova 1924, arriva con diverse giornate d'anticipo.

La stagione 2015-2016 è del tutto fallimentare per via di una squadra giovanissima e inesperta per un campionato di quarta serie. Le sorti non mutano né con l'avvento del nuovo presidente (il quarto negli ultimi quattro anni) Vincenzo Serraiocco, nel novembre 2015,[148] né con l'avvicendamento in panchina Giorgini-Gelsi. La compagine chiude al diciassettesimo posto, retrocedendo in Eccellenza e non iscrivendosi al campionato successivo.

Romano Tozzi Borsoi segna la sua ultima rete in carriera, nell'1-1 contro il Cesena. Per lui 54 reti nelle tre stagioni in giallorosso.

L'A.S.D. Città di Giulianova 1924, sommersa dai debiti, è destinata al fallimento. Al 30 giugno 2016, l'eredità viene raccolta da una nuova società con a capo l'imprenditore marchigiano Luciano Bartolini, che acquistando il titolo del Castellalto,[149] riparte dalla Promozione con il nome di A.S.D. Real Giulianova.[150] In questa seconda ripartenza dai campionati regionali la squadra conferma il favore dei pronostici e trionfa su tutti i fronti a disposizione: vince il campionato con cinque turni d'anticipo[151][152][153], la Coppa Italia di Promozione[154][155][156] e la Coppa Mancini[157] contro il Chieti F.C.Torre Alex (2-1), vincitrice dell'altro girone di Promozione abruzzese.[158][159][160]

Nella stagione 2017-2018, i giallorossi si riconfermano, trionfando nel testa a testa con il Chieti, sia in Coppa Italia Dilettanti Abruzzo[161], che in campionato, tornando in Serie D[162][163][164]. La partecipazione alla Coppa Italia Dilettanti, ottenuta a seguito della vittoria nella coppa regionale, si ferma invece ai quarti di finale contro l'UniPomezia (0-3;2-0).

Nella stagione 2018-2019 il Real Giulianova milita in serie D, e conclude al tredicesimo posto con salvezza conquistata solo all'ultima giornata grazie al pareggio contro il Cesena (1-1), che ha contemporaneamente sancito la promozione in serie C dei romagnoli. In Coppa Italia Serie D, i giallorossi sono autori di un cammino esaltante[165] arrivando sino in semifinale, contro il Messina (1-1, 3-2), perdendo rocambolescamente il ritorno dopo essersi portati sul doppio vantaggio[166][167][168]

Gli anni duemilaventi

[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 2019-2020, con l'ex capitano Federico Del Grosso catapultato in panchina[169], termina con un tredicesimo posto in serie D e aspre contestazioni verso la società tutta, da parte della tifoseria[170][171]. Il campionato viene tuttavia interrotto il 1º marzo 2020, per lo svilupparsi della pandemia di COVID-19, quando il distacco fra la 14ª (Giulianova) e la 15ª (Sangiustese) è di 8 punti, sufficiente, da regolamento, a portare alla retrocessione diretta delle ultime 4 squadre, evitando la disputa degli spareggi e salvando di fatto il Real Giulianova[172].

Nella stagione 2020-2021, la squadra conclude al sedicesimo posto un'altra stagione tribolata[173], che vede di nuovo assieme, dopo 15 anni, i gemelli Federico e Cristiano Del Grosso, allenatore il primo e il secondo intenzionato a chiudere la carriera nella sua città[174][175][176]. A stagione in corso, subentra in panchina Leonardo Bitetto[177], autore dell'ultima promozione in terza serie dei giallorossi, dodici anni prima. Ancora una volta però, è la pandemia di Covid-19 a condizionare il torneo, a tal punto che il 20 maggio 2021 la FIGC ufficializza la cancellazione dei play-out, certificando la retrocessione diretta delle ultime due classificate[178]. Il terzultimo posto, regala dunque al Real Giulianova la terza salvezza consecutiva in Serie D.

La formazione scesa in campo nel play-off regionale di Eccellenza, contro L'Aquila.

Nel luglio 2021 il presidente Luciano Bartolini, trasferisce il titolo del Real Giulianova a Nereto[179]. L'A.S.D. Giulianova[180], dell'imprenditore edile Alessandro Mucciconi, raccoglie l'eredità della tradizione calcistica giuliese[181][182][183][184].

Durante la stagione 2021-2022, la squadra affidata a Luciano Cerasi, sebbene con un'età media inferiore ai 21 anni, occupa costantemente i primi posti della graduatoria, restando fino alla fine a ridosso della capolista Avezzano[185], favorita assieme a L'Aquila per la vittoria finale. Al termine del campionato, è seconda, è la meno battuta (4 sconfitte) e registra la miglior difesa. Accede direttamente alla finale dei play-off regionali, giocata allo stadio Adriatico di Pescara, di fronte a 1000 supporters giuliesi, contro L'Aquila, venendo sconfitta per 2-0[186][187][188].

La stagione 2022-2023, conferma l'ossatura della squadra dell'anno passato e nuovamente l'A.S.D. Giulianova deve accontentarsi del secondo posto alle spalle, questa volta, dell'attrezzatissima ed esperta L'Aquila. La squadra accede direttamente ai play-off nazionali, dove incontra in semifinale l'SCD Progresso Calcio di Castel Maggiore. Il 3-0 subito in terra emiliana, di fronte ad oltre 700 giuliesi[189], compromette la partita di ritorno, per di più giocata a porte chiuse conseguentemente alle decisioni del giudice sportivo[190], che termina 0-0[191].

Il torneo 2023 2024 è monopolizzato dal duello tra Giulianova Calcio 1924[192][193] e Città di Teramo 1913, che tornano ad affrontarsi in campionato a distanza di quindici anni[194]. Quattro pareggi di troppo costano il primo posto, in favore dei rivali biancorossi, autori di una marcia pressoché perfetta, che trova ostacoli solo in occasione dei Derby (2-2 al Bonolis con 5520 paganti[195] e vittoria giallorossa 1-0 in un Fadini gremito oltre la capienza[196][197]). Al Giulianova, che vede durante la stagione l'avvicendarsi di ben tre guide tecniche[198] (Luciano Cerasi, Alessandro Lucarelli e Angelo Pagliaccetti), non sono sufficienti la miglior difesa e il secondo miglior attacco. Lo stesso copione si ripete nella Coppa Italia regionale[199], con le due società che si fronteggiano nella finale, giocata in campo neutro a Teramo, dove una sorte avversa[200] regala il trofeo ai, di fatto, padroni di casa, dopo i calci di rigore[201]. La squadra di Pagliaccetti affronta successivamente i play-off nazionali, superando con sofferenza, in semifinale, il Terre di Castelli (1-0[202]; 0-1, 3-4 d.c.r.)[203][204][205], ma impattando in finale con il Terranuova Traiana, compromettendo l'esito negli ultimi dieci minuti della gara d'andata del Fadini, dinanzi a circa 4000 spettatori (1-3; 1-1)[206][207] e rimandando per il terzo anno consecutivo la promozione in Serie D.

Le singole voci sono elencate nella Categoria:Stagioni del Real Giulianova.
Cronistoria del Giulianova Calcio 1924[208][209][210]

Vince il titolo provinciale di Prima Categoria U.L.I.C. - Coppa Danesi (1º titolo).[224]
  • 1934-1935 - 1º nel girone unico del Direttorio XII Zona (Abruzzi) di Seconda Divisione.
Vince il titolo regionale Abruzzi (1º titolo).[225] Il torneo cambia nome in Prima Divisione.
  • 1935-1936 - Il club non partecipa al campionato di Prima Divisione e cessa l’attività.
  • 1936 - Viene costituita la Società Polisportiva Castrum con il giallo e il rosso come colori sociali.[223]
  • 1936-1937 - 2º nel girone unico del Direttorio XII Zona (Abruzzi) di Prima Divisione.[226]
  • 1937-1938 - 5º nel girone unico del Direttorio IX Zona (Marche - Abruzzi - Dalmazia) di Prima Divisione.[227]
Primo turno di Coppa Italia Centrale.[228]
Vince il titolo regionale Marche di Prima Divisione (1º titolo).[231]
Primo turno di Coppa Italia Centrale.[228]
Qualificazioni di Coppa Italia.



  • 1960-1961 - 1º nel girone A[242] della Prima Categoria Abruzzo. Promosso in Serie D dopo aver vinto lo spareggio delle finali regionali.
Secondo turno dello Scudetto Dilettanti.[243]
  • 1961-1962 - 12º nel girone E della Serie D.
  • 1962-1963 - 14º nel girone E della Serie D. Salvo dopo aver vinto gli spareggi.
  • 1963-1964 - 4º nel girone D della Serie D.
  • 1964-1965 - 10º nel girone E della Serie D.
  • 1965-1966 - 6º nel girone E della Serie D.
  • 1966-1967 - 9º nel girone E della Serie D.
Vince il primo titolo nazionale giovanile con la Juniores.

Semifinalista di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Fase a gironi di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Ottavi di finale di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Ottavi di finale di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Semifinalista di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Fase a gironi di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Semiprofessionisti.

Fase a gironi di Coppa Italia Semiprofessionisti.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.

Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
  • 1992-1993 - 15º nel girone G del Campionato Nazionale Dilettanti.
Fase a gironi di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1993-1994 - 1º nel girone G del Campionato Nazionale Dilettanti. Promosso in Serie C2.
Finale della Poule Scudetto.
Fase a gironi di Coppa Italia Dilettanti.
Primo turno di Coppa Italia Serie C.
Primo turno di Coppa Italia Serie C.
Secondo turno di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.

Ottavi di finale di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Secondo turno di Coppa Italia Serie C.
Vince il decimo titolo nazionale giovanile, il quinto con la Berretti.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Serie C.
Fase a gironi di Coppa Italia Lega Pro.
Primo turno di Coppa Italia.
Secondo turno di Coppa Italia Lega Pro.

Secondo turno di Coppa Italia Lega Pro.
Fase a gironi di Coppa Italia Lega Pro.
  • 2012 - Il sodalizio non si iscrive al campionato successivo e riparte dal campionato di Eccellenza come Associazione Sportiva Dilettantistica Città di Giulianova 1924, attraverso il cambio di denominazione dell'ASD Cologna Paese.[245]
  • 2012-2013 - 2º nel girone unico dell'Eccellenza Abruzzo. Perde la semifinale dei play-off nazionali, ma viene ripescato in Serie D dal direttivo della Lega Nazionale Dilettanti a completamento organici.
Primo turno di Coppa Italia Dilettanti Abruzzo.
  • 2013 - 28 novembre, l'associazione di tifosi A.S.D. Giuliesi per sempre acquisisce, tramite bando pubblico del tribunale di Teramo, il titolo sportivo e logo del Giulianova Calcio (matricola 21780), non esercitando alcuna attività agonistica.
  • 2013-2014 - 11º nel girone F della Serie D.
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.
  • 2015-2016 - 17º nel girone F della Serie D. Retrocesso in Eccellenza e in seguito non iscritto per motivi economici.
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.
  • 2016 - Il 30 giugno viene costituito un nuovo sodalizio denominato Associazione Sportiva Dilettantistica Real Giulianova, che si iscrive al campionato di Promozione dopo avere acquisito il titolo sportivo dell'ASD Castellalto.
  • 2016-2017 - 1º nel girone A della Promozione Abruzzo. Promosso in Eccellenza.[246]
Vince la Coppa Italia Promozione Abruzzo (1º titolo).
Vince la Coppa Mancini e il titolo regionale di Promozione (1º titolo).
Vince la Coppa Italia Dilettanti Abruzzo (1º titolo).
Quarti di finale di Coppa Italia Dilettanti.
Semifinalista di Coppa Italia Serie D.
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.

  • 2020-2021 - 16º nel girone F della Serie D.
  • 2021 - Al termine della stagione il Real Giulianova trasferisce titolo sportivo e Serie D a Nereto, nel contesto si costituisce l'Associazione Sportiva Dilettantistica Giulianova dalla fusione tra Nereto Calcio 1914 e A.S.D. Giulianova, che si iscrive al campionato di Eccellenza.
  • 2021 - 16 agosto, l'Associazione Sportiva Dilettantistica Giulianova ottiene dall'associazione Giuliesi per sempre il patrocinio e l'uso del logo storico del Giulianova Calcio.[247]
  • 2021-2022 - 2º nel girone unico dell'Eccellenza Abruzzo. Finale dei play-off regionali.
Quarti di finale di Coppa Italia Dilettanti Abruzzo.
  • 2022-2023 - 2º nel girone unico dell'Eccellenza Abruzzo. Semifinale dei play-off nazionali.
Semifinalista di Coppa Italia Dilettanti Abruzzo.
  • 26 luglio 2023[248] - La società acquisisce dall'associazione Giuliesi per sempre, a titolo definitivo, logo e marchio del Giulianova Calcio, riprendendone la tradizione sportiva originale e torna alla denominazione di Associazione Sportiva Dilettantistica Giulianova Calcio 1924.[249][250]
  • 2023-2024 - 2º nel girone unico dell'Eccellenza Abruzzo. Perde la finale dei play-off nazionali.
Finale di Coppa Italia Dilettanti Abruzzo.
  • 2024 - Centenario della società.

Colori e simboli

[modifica | modifica wikitesto]
Cronologia delle denominazioni
  • 1924-1929: Società Sportiva Giuliese
  • 1929-1933: Società Sportiva Pro Italia
  • 1933-1936: Federazione Sportiva Giuliese
  • 1936-1940: Società Polisportiva Castrum
  • 1940-1945: Associazione Sportiva Giulianova
  • 1945-1948: Società Sportiva Giulianova
  • 1948-1951: Freccia D'Oro
  • 1951-1979: Società Polisportiva Giulianova
  • 1979-2012: Giulianova Calcio
  • 2012-2016: A.S.D. Città di Giulianova 1924
  • 2016-2021: A.S.D. Real Giulianova
  • 2021-2023: A.S.D. Giulianova
  • 2023: A.S.D. Giulianova Calcio 1924

Escluso il periodo compreso fra il 1929 e il 1936, cioè quando la S.S. Pro Italia indossava una casacca azzurra[251], colore presumibilmente scelto in onore di Casa Savoia, ricordando nell'ottobre 1860 la visita del re Vittorio Emanuele II in città[252], i colori ufficiali del Giulianova Calcio sono sempre stati il giallo e il rosso,[253] in riferimento a quelli comunali dovuti alla presenza del vessillo d'Aragona nello stemma della casata degli Acquaviva (tale diritto fu concesso nel 1481 da Ferdinando I di Napoli a seguito della morte del duca Giulio Antonio I Acquaviva d'Aragona, per i suoi "onorevoli servigi" alla casata).[252]

La maglia è tradizionalmente divisa in strisce verticali giallo-rosse, con pantaloncini e calzettoni rossi (alcune volte anche neri o bianchi o blu) con bordature gialle; ciò nonostante, questa, ha talvolta presentato un design scostato dal classico, per occasioni celebrative, o semplicemente per sporadiche rivisitazioni stilistiche.

La seconda maglia è generalmente bianca con una fascia gialla e una rossa, varianti in posizione (centrali, laterali) e direzione (orizzontali, verticali, oblique). Bianchi sono anche pantaloncini e calzettoni, con bordature giallo-rosse. La terza maglia è blu o nera, con la medesima aggiunta di fasce nei colori principali del club. Allo stesso modo sono pantaloncini e calzettoni.

Simboli ufficiali

[modifica | modifica wikitesto]
Lo stemma storico utilizzato fino al 2012 e riadottato dal 2021.
Il cavaliere in un murale.

Simbolo della squadra e prima ancora della città[254] è il cavaliere armato di spada, rappresentante il fondatore della città: Giulio Antonio I Acquaviva d'Aragona.

Il simbolo storico del Giulianova Calcio è composto da un scudo spagnolo, partito d'oro e di rosso, caricato sul tutto da uno scudo sannitico bianco al cavaliere nero attraversante, cimato da una corona d'oro, accompagnato in capo dalle parole Giulianova Calcio e in punta dalla parola 1924.

Nel 2021, dopo nove stagioni, il logo del Giulianova Calcio è tornato ad essere stampato sulle divise ufficiali in patrocinio, dal 2023 a titolo definitivo.[255][256]

Nel 2001 viene presentato l'inno ufficiale del Giulianova, Giglie Alè,[257] con testo e voce solista di Graziano Caprioni,[258] produzione Digital TV, arrangiamenti Registrazione Audio e Keyboards. A causa della discontinuità societaria è in seguito accantonato. Nel 2021 l'inno viene rivisitato e riproposto dal cantautore abruzzese Adriano Megna.[259]

In precedenza, alla fine degli anni settanta, veniva a volte esibito allo stadio Fadini il canto dialettale Oh Giulianova, inno scritto nel 1922 dal compositore Franco Tancredi in omaggio alla città di Giulianova.[260]

Storicamente la mascotte del Giulianova è un lupo[261] con la divisa giallorossa. L'accostamento è legato a Italo Foschi, che nel 1924 fondò la S.S. Giuliese insieme ad Alfonso Migliori, e nel 1927 divenne il primo presidente dell'A.S. Roma, il cui simbolo è appunto una lupa.[262][263]

Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Rubens Fadini.
Il Rubens Fadini.

La squadra disputa le partite interne allo Stadio Rubens Fadini. Costruito nel 1923, all'inizio era uno spiazzo chiamato Campo della Fiera. Lo stadio, dopo aver abbandonato nel dopoguerra il nome Castrum,[264] risalente al periodo fascista, prese il nome più generico di Comunale. Fu nel novembre 1951 che assunse la denominazione attuale di "Rubens Fadini", in ricordo di uno dei giocatori periti nella tragedia di Superga del 4 maggio 1949[265][266]. La scelta del nome avvenne casualmente, tramite un sorteggio effettuato in sede tra tutti gli atleti dell'indimenticabile Grande Torino[267][268]. Negli anni settanta lo stadio fu sottoposto a lavori di ampliamento che portarono la capienza a 8000 spettatori,[269] oggi ridotta a 4347 posti a sedere.[3] Il 31 marzo 1999 il Fadini ha ospitato il match dell'Italia Under-21 contro la Bielorussia Under-21, incontro valido per le qualificazioni al Campionato europeo 2000.[270]

Una fase di allenamento al Castrum-Orsini.

Il record di presenze è relativo all'incontro di Serie C Giulianova-Sambenedettese (1-0) dell'11 novembre 1973, con 8365 paganti[271].

Centro di allenamento

[modifica | modifica wikitesto]

Il Giulianova svolge le sue sedute di allenamento allo stadio Fadini e al campo sportivo Castrum-Orsini.[272] Il Castrum, costruito nella metà degli anni settanta, è stato completamente ristrutturato nell'estate 2016 con erba sintetica, nuovo impianto di illuminazione, ampi spogliatoi, tribuna da 500 posti. Situato in un parco nel quartiere Annunziata, è utilizzato per le partite interne del settore giovanile. Nella stessa struttura ha giocato anche l'Atletico Giulianova, seconda compagine cittadina. Dal novembre 2016 il campo sportivo Castrum-Orsini è omologato per la Serie D.[273][274]

Organigramma societario

[modifica | modifica wikitesto]

Dal sito Internet[275] e dalla pagina Facebook ufficiale della società.[210]

Aggiornato al campionato 2023-2024.[276]

Staff dell'area amministrativa
  • Bandiera dell'Italia Alessandro Mucciconi - Presidente
  • Bandiera dell'Italia Carlo Di Carlo - Copresidente
  • Bandiera dell'Italia Cesare Spinelli - Vice presidente
  • Bandiera dell'Italia Ferdinando Ruffini - Direttore generale[277]
  • Bandiera dell'Italia Sandro Federico - Direttore sportivo[278]
  • Bandiera dell'Italia Massimo Daniele - Segreteria
  • Bandiera dell'Italia Matteo Bianchini - Team manager
  • Bandiera dell'Italia Gabriele Martella - Dirigente
  • Bandiera dell'Italia Orazio Coccia - Dirigente
  • Bandiera dell'Italia Mario Maneschi - Accompagnatore
  • Bandiera dell'Italia Enzo Cinthi - Accompagnatore
  • Bandiera dell'Italia Michele Baldini - Resp. sett. giovanile

Dal sito Internet e dalla pagina Facebook ufficiale della società.[210][279]

Cronologia degli sponsor tecnici
  • 1993-1995 Top 87
  • 1995-1998 Pienne
  • 1998-1999 Kelme
  • 1999-2004 Pienne
  • 2004-2005 Agla
  • 2005-2006 Erreà
  • 2006-2007 Umbro
  • 2007-2009 Agla
  • 2009-2010 Puma
  • 2010-2013 Givova
  • 2013-2015 Top 87
  • 2015-2016 Joma
  • 2016-2017 Givova
  • 2017-2018 Erreà
  • 2018-2021 Giosport
  • 2021- Joma
Cronologia degli sponsor ufficiali
  • 1993-1994 Gelati Gis
  • 1994-1995 LAS Mobili
  • 1995-1996 China Italy
  • 1996-2005 Tercas
  • 2005-2006 Diamondhead
  • 2006-2008 Domoclima
  • 2008-2009 Beta Costruzioni
  • 2009-2012 Bi-energy
  • 2012-2013 Betafence
  • 2013-2014 TermoMat
  • 2014-2016 Diba Metalli
  • 2016-2017 ATR Group
  • 2017-2018 LAS Mobili
  • 2018-2019 Fork Lift Service - Erregi
  • 2019-2020 Consorzio Solaris
  • 2020-2022 Globo[280] - AlexCostruzioni[281]
  • 2022-2023 Mucciconi Group - Compagnia Artigiana - Di.Car - Italia Box[282]
  • 2023- Mucciconi Group - Passacqua Group[283]

Impegno nel sociale

[modifica | modifica wikitesto]

In seguito al terremoto dell'Aquila del 2009,[284][285] e per lo stesso episodio ad Amatrice nel 2016, la società e gli ultras in particolare, hanno collaborato attivamente con la raccolta di fondi, viveri e vestiario per aiutare le popolazioni colpite dal sisma.[286][287][288]

Anche per la tragedia di Rigopiano del 18 gennaio 2017, società e tifosi si resero operativi nel territorio per dare un apporto alle esigenze degli abitanti, isolati dalla neve e dal terremoto.[289]

Settore giovanile

[modifica | modifica wikitesto]

La società del Giulianova Calcio ha sempre adottato una politica rivolta ai giovani del proprio vivaio. Il blasonato settore giovanile è infatti uno dei più prolifici d'Italia.[290] Di seguito sono riportati i dieci titoli nazionali conseguiti dai lupetti giallorossi:[291][292][293]

  • 1966-1967: Campioni d'Italia "Juniores". Allo Stadio Flaminio di Roma finì 1 a 1 con il Pordenone e dopo i calci di rigore 5 a 4 per i giuliesi.
  • 1973-1974: Campioni d'Italia "Juniores". Al "Fadini" finì 4 a 2 con l'Udinese.
  • 1974-1975: Campioni d'Italia “Berretti”. Al "Nicoletti" di Riccione finì 1 a 1 con il Padova e dopo i calci di rigore 5 a 4 per i giuliesi.
  • 1974-1975: Campioni d'Italia “Allievi”. Al "Benelli" di Ravenna finì 2 a 0 contro l'Almas Roma.
  • 1975-1976: Campioni d'Italia “Allievi”. Al "Fattori" di Civitavecchia finì 4 a 1 contro l'Alessandria.
  • 1975-1976: Campioni d'Italia “Juniores”. Allo Stadio Comunale di Levico Terme finì 2 a 1 contro il Prato.
  • 1976-1977: Campioni d'Italia “Berretti”. All'andata finì 2-2 al "Zini" con la Cremonese, al ritorno 3-1 al Fadini.
  • 1983-1984: Campioni d'Italia “Berretti”. All'andata finì 1-0 al Fadini, al ritorno 0-1 al "Dall'Ara" con il Bologna.
  • 1984-1985: Campioni d'Italia “Berretti”. All'andata finì 3-1 al Fadini, al ritorno 4-2 per la SPAL al "Paolo Mazza", poi 3-1 ai rigori per i giuliesi.
  • 2005-2006: Campioni d'Italia “Berretti”. All'andata finì 3-1 per il Cittadella al "Tombolato", al ritorno 3-0 per il Giulianova al Fadini.[294]
Altri piazzamenti

Diffusione nella cultura di massa

[modifica | modifica wikitesto]

In ambito televisivo, la Gialappa's e il programma satirico-calcistico Mai dire gol, resero famoso l'incontro di Serie C2 Giulianova-Frosinone (2-2)[296] del 17 marzo 1996, per via di una storica e atipica radiocronaca del giornalista giuliese Francesco Marcozzi.[297] A distanza di anni, quel servizio è diventato un video cult dal contenuto surreale e inimitabile.[298][299]

Nella primavera 2020 il reportage è stato riproposto in prima serata sul canale Mediaset Extra,[300] mentre nel dicembre 2020 il quotidiano La Città ha ricordato l'evento con un titolo rilevante: "Quella cronaca sportiva che ha fatto storia".[301]

Allenatori e presidenti

[modifica | modifica wikitesto]
Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del Real Giulianova.

Allenatori e presidenti del Giulianova:[208][210][302][303][304]

Allenatori
Presidenti
  • 1924-1929 Bandiera dell'Italia Alfonso Migliori
  • 1929-1932 Bandiera dell'Italia Attilio Quercetti
  • 1932-1936 Bandiera non conosciuta Dati mancanti
  • 1936-1940 Bandiera dell'Italia Giuseppe Ianetti[305]
  • 1940-1944 Attività sportiva sospesa
  • 1944-1945 Bandiera non conosciuta Dati mancanti
  • 1945-1948 Bandiera dell'Italia Emidio Ciafardoni
  • 1948-1949 Bandiera dell'Italia Francesco Falini
  • 1949-1952 Bandiera dell'Italia Luigi Granata
  • 1952-1964 Bandiera dell'Italia Emidio Ciafardoni
  • 1964-1965 Bandiera dell'Italia Corrado Valeri
  • 1965-1975 Bandiera dell'Italia Tiberio Orsini
  • 1975-1978 Bandiera dell'Italia Dante Di Giuseppe
  • 1978-1979 Bandiera dell'Italia Corrado Valeri
  • 1979-1982 Bandiera dell'Italia Pietro Scibilia
  • 1982-1987 Bandiera dell'Italia Tiberio Orsini
  • 1987-1988 Bandiera dell'Italia Carmine Elefante
  • 1988-1991 Bandiera dell'Italia Danubio Baratiri
  • 1991-1992 Bandiera dell'Italia Paolo Potenza
  • 1992-1994 Bandiera dell'Italia Benito Di Gregorio
  • 1994-1995 Bandiera dell'Italia Berardo D'Antonio
  • 1995-1997 Bandiera dell'Italia Umberto Mastellarini
  • 1997-2007 Bandiera dell'Italia Alessandro Quartiglia
  • 2007-2008 Bandiera dell'Italia Bruno Sabatini
  • 2008-2012 Bandiera dell'Italia Dario D'Agostino
  • 2012-2013 Bandiera dell'Italia Vincenzo De Adducis
  • 2013-2014 Bandiera dell'Italia Adriano Mattucci
  • 2014-2015 Bandiera dell'Italia Antonio Esposito
  • 2015-2016 Bandiera dell'Italia Vincenzo Serraiocco
  • 2016-2021 Bandiera dell'Italia Luciano Bartolini
  • 2021- Bandiera dell'Italia Alessandro Mucciconi
Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Real Giulianova.

Tra i calciatori cresciuti nel Giulianova e che in seguito sono approdati nella massima serie,[306] ci sono:

Come allenatore, Marco Giampaolo, sulle panchine di Ascoli, Cagliari, Siena, Catania, Cesena, Empoli, Sampdoria, Milan e Torino.

Come allenatore dei portieri, l'ex calciatore Franco Tancredi, con le divise di Roma, Juventus, Real Madrid ed Inghilterra. Nel 2012 rifiuta l'offerta della Russia.

Nel maggio 2020, dopo un sondaggio effettuato sulla pagina societaria, viene stilata la formazione ideale di tutti i tempi del Giulianova Calcio, che risulta essere la seguente:[311]

Franco Tancredi, Cristiano Del Grosso, Francesco Giorgini, Renato Curi, Maurizio Caccavale,[312] Ivo Iaconi, Gianni Califano,[313] Roberto Vernisi,[314] Giuseppe Manari, Tiziano De Patre, Danilo Di Vincenzo.[315] Allenatore: Giovan Battista Fabbri.

Come riserve: Stefano Grilli,[316] Gianni Candussi, Federico Del Grosso,[317] Angelo Pagliaccetti, Giuseppe Tortorici,[318] Roberto Cappellacci, Vittorio Pinciarelli, Ferdinando Ruffini, Mirco Antenucci, Roberto Ciccotelli.

Il giuliese Franco Tancredi è inoltre presente nella hall of Fame ufficiale della Roma.[319]

Francesco Giorgini è il capitano storico del Giulianova, quello che ha indossato la fascia per il più lungo periodo di tempo, dal 1976 al 1983.[320] Altri condottieri storici, sempre negli anni settanta, sono stati Adelmo Capelli[321] e Roberto Vernisi.

Contributo alle Nazionali

[modifica | modifica wikitesto]

Franco Tancredi, portiere cresciuto nel Giulianova, ha disputato da titolare i giochi olimpici di Los Angeles nel 1984, e venne convocato da Enzo Bearzot per il campionato del mondo 1986 in Messico, anche se il ruolo da titolare alla fine fu assegnato a Giovanni Galli.[322] Il suo esordio in Nazionale è del 26 settembre 1984, incontro Italia-Svezia 1-0.[323] Jacopo Dezi, Federico Giampaolo e Tiziano De Patre hanno invece preso parte dell'Italia Under 21. Nel luglio 2015 Jacopo Dezi ha inoltre vinto, come capitano, le Universiadi in Corea del Sud. In finale gli azzurri di Massimo Piscedda, superarono i padroni di casa coreani per 3-0.[324] Giuseppe Cozzolino è stato convocato dalla Italia U-20, nel corso della stagione 2004-2005. Mirco Antenucci durante il periodo di militanza in maglia giallorossa, è stato convocato dalle Nazionali Under-20 (2002) e Under-21 (2003) di Lega Pro, e dalla Nazionale universitaria di calcio dell'Italia (2005).

Tra i calciatori stranieri ricordiamo Andrej Gălăbinov, in forza al Giulianova nella stagione 2008-2009 e in seguito attaccante della Nazionale bulgara.[325][326]

Competizioni giovanili

[modifica | modifica wikitesto]
1974-1975, 1976-1977, 1983-1984, 1984-1985, 2005-2006
1966-1967, 1973-1974, 1975-1976
1974-1975, 1975-1976

Altre competizioni

[modifica | modifica wikitesto]
1979-1980 (Girone C)
Promozione:1 1995-1996 (Girone C)
Promozione:1 2008-2009 (Girone B)
1970-1971 (Girone D)
1993-1994 (Girone G)
1938-1939[327]
1934-1935
1960-1961
2017-2018
1953-1954, 2016-2017 (Girone A)
2017-2018
  • Coppa Italia Promozione Abruzzo: 1
2016-2017
2017
1934

Statistiche e record

[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati

[modifica | modifica wikitesto]

Il Giulianova ha partecipato in totale a 87 stagioni sportive, prendendo parte a 66 campionati nazionali. La società ha sospeso le sue attività nel periodo 1940-1944 per cause belliche. Il massimo risultato raggiunto è il secondo posto in Serie C nel torneo 1972-1973, oltre ai play-off di Serie C1 nei campionati 1996-1997 e 1998-1999.

Campionati nazionali

[modifica | modifica wikitesto]
Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie C 11 1939-1940 1977-1978 25
Serie C1 13 1980-1981 2006-2007
Lega Pro Prima Divisione 1 2009-2010
IV Serie 5 1954-1955 1958-1959 38
Serie D 15 1961-1962 2020-2021
Serie C2 15 1978-1979 2007-2008
Lega Pro Seconda Divisione 3 2008-2009 2011-2012
Campionato Nazionale Dilettanti 2 1992-1993 1993-1994 3
Serie D 1 2013-2014

Il Giulianova ha collezionato 66 stagioni a livello nazionale.

Campionati regionali

[modifica | modifica wikitesto]
Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
I Terza Divisione 2 1926-1927 1929-1930 20
Seconda Divisione 2 1933-1934 1934-1935
Prima Divisione 7 1936-1937 1951-1952
Promozione 2 1952-1953 1953-1954
Prima Categoria 2 1959-1960 1960-1961
Eccellenza 5 2012-2013 2023-2024
II Promozione 1 2016-2017 1

Il Giulianova ha collezionato 21 stagioni a livello regionale.

Partecipazione alle coppe

[modifica | modifica wikitesto]

Il Giulianova ha preso parte a 50 competizioni nazionali, a partire dall'esordio in Coppa Italia nel 1939-1940. Il massimo risultato raggiunto sono le semifinali in Coppa Italia Semiprofessionisti nelle stagioni 1972-1973 e 1977-1978, oltre alla finale per lo Scudetto dilettanti 1993-1994. Negli anni trenta i giuliesi hanno partecipato alla Coppa dell'Italia Centrale, torneo interregionale organizzato dalla FIGC ad imitazione della Coppa dell'Europa Centrale. In due occasioni (2016-2017 e 2017-2018), i giallorossi hanno vinto la Coppa Italia regionale di categoria. Nel 2018-2019 sono stati semifinalisti in Coppa Italia Serie D.

Competizione Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Coppa Italia 2 1939-1940 2009-2010 2
Coppa Italia Semiprofessionisti 9 1972-1973 1980-1981 38
Coppa Italia Serie C 25 1981-1982 2007-2008
Coppa Italia Lega Pro 4 2008-2009 2011-2012
Scudetto Dilettanti 2 1960-1961 1993-1994 2
Coppa Italia Dilettanti 3 1992-1993 2017-2018 3
Coppa Italia Serie D 5 2013-2014 2019-2020 5

Il Giulianova ha partecipato a 50 competizioni a livello nazionale.

Statistiche di squadra

[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornato al campionato 2023-2024.

Statistiche individuali

[modifica | modifica wikitesto]
Roberto Ciccotelli, bomber giallorosso con 81 reti.

Il recordman di una sola stagione è Silvano Magheri, con 42 reti realizzate in 30 giornate nel campionato 1953-1954,[340] seguono Romano Tozzi Borsoi (31 reti, 2016-2017) e Dante Paolini (24 reti in 21 giornate, 1938-1939).[341] Francesco Giorgini (366),[342] e Silvano Magheri (94)[343] hanno il record di presenze e reti segnate nella storia del sodalizio, inoltre Roberto Ciccotelli (81)[344] ha il primato di marcature conseguite nelle stagioni di calcio professionistico con 62 reti.[345]

Gianni Candussi, con 977 minuti senza subire gol nella stagione di Serie C 1972-1973, risulta ai primi posti nella classifica di imbattibilità della Serie C/Serie C1.[346]

Gianni Califano, con 15 reti, è stato capocannoniere del girone A di Serie C1 nella stagione 2005/06 (ex aequo con Massimiliano Guidetti).[347]

I dati riportati nelle tabelle partono dalla fondazione del club, e includono le sole partite di campionato.[348][349][350][351]

Dati aggiornati alla stagione 2023-2024.

Record di presenze
Record di reti
Lo storico C.U.G., nel settore "Distinti".

Sotto l'aspetto storico il Giulianova ha potuto contare costantemente su un forte seguito di pubblico, da sempre per tradizione caldo e viscerale.[357] Il tifo giuliese ha la sua roccaforte nello stadio Fadini, con la Curva Ovest e le tribune praticamente addossate al rettangolo di gioco. Nel 1979 è nato il primo gruppo organizzato, il Commando Ultrà Giulianova,[358][359] posto nel settore distinti. Fondato da un gruppo di giovanissimi tifosi giuliesi, col passare del tempo le adesioni di massa al gruppo aumentarono sempre di più, fino ad arrivare a circa un migliaio di persone.

La curva Ovest ad inizio anni 2000

È soprattutto grazie all'azione del C.U.G. se Giulianova, nel corso degli anni, si è guadagnata una più che discreta fama a livello nazionale per la qualità del suo tifo. Nel 1989 al C.U.G. si affiancano le Brigate Giallorosse, mentre negli anni novanta ci sarà un fiorire di numerosi gruppi come Reparto Neuro, Li Lip' e Torcida, che si riuniranno nel 1998 dietro lo striscione Ultras Giulianova nella Curva Ovest, costruita nel 1994. Negli anni 2000 ci sarà una nuova scissione con un forte ridimensionamento, e a guidare la Ovest saranno i gruppi Collettivo Blasco e Pirates.[360][361]

Dal 2017 i maggiori gruppi presenti in curva sono: Ultras 1924, Vecchio Stile e C.U.G. 1979, uniti nel 2024 dietro la scritta Curva Ovest Giulianova.[362][363][364][365]

Gemellaggi e rivalità

[modifica | modifica wikitesto]
Lo stesso argomento in dettaglio: Derby calcistici in Abruzzo.

La tifoseria giuliese non ha nessun gemellaggio, mentre buoni rapporti ci sono con i tifosi del Bologna (gruppo ControTendenza Bologna)[366][367] e della Santegidiese.[368] Altri legami sono stati quelli con Juve Stabia,[369] Pescara,[370] SPAL,[371] Pro Vercelli[372] e soprattutto L'Aquila,[373] con la quale si è mantenuto un rapporto di reciproco rispetto,[374][375][376] e vecchie amicizie con Molfetta e Trani.[377]

La rivalità più accesa per i tifosi giallorossi è da sempre quella con i "cugini" del Teramo, tanto che il derby tra le due squadre è chiamato "Derby d'Abruzzo",[378] con un antagonismo documentato già negli anni trenta[379] e costellato da incidenti fin dal suo primo incontro, giovedì 26 dicembre 1929.[380] Alla fine degli anni sessanta le due società si accordarono per disputare il primo Derby dell'amicizia, giocato nel settembre 1969 e organizzato per attenuare gli animi delle due tifoserie.[381] Un progetto che servirà a poco visto i disordini avvenuti nel susseguente derby di campionato del Fadini, il 29 marzo 1970.[382][383] Tafferugli si sono verificati anche in incontri di Coppa Italia, soprattutto negli anni novanta e con diverse diffide da ambo le parti.[384]

Altre rivalità storiche sono con il Lanciano[385][386] e l'Avezzano,[387][388] oltre ad Ancona,[389] Ascoli,[390] Chieti,[391] Fermana[392] e Sambenedettese,[393] ulteriori rivalità da menzionare sono quelle con il Frosinone,[394] la Pistoiese,[395] il Sora[396] e la Viterbese.[397] Altri screzi si sono verificati con le tifoserie di Montevarchi,[398] Lodigiani[399] e negli anni novanta di Casertana e Palermo.[400]

  1. ^ Nel dialetto locale. Pagina ufficiale Facebook Giulianova Calcio del 5 dicembre 2021.
  2. ^ asdgiulianova.it del 7 dicembre 2022.
  3. ^ a b Almanacco illustrato del Calcio 2010 - Edizioni Panini Modena, 69° volume, pag. 271.
  4. ^ I giuliesi sono chiamati anche giallorossi o lupi giallorossi. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 3.
  5. ^ Teramo-Giulianova: Tra diavolo e lupo derby della rabbia. Il Tempo d'Abruzzo di domenica 7 marzo 1976, pag. 7.
  6. ^ a b Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 7.
  7. ^ Foto del Giulianova nel 1920, giulianovacalcio.blogspot.it, su giulianovacalcio.blogspot.it. URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2017).
  8. ^ I nostri 98 anni di storia, asdgiulianova.it del 7 dicembre 2022.
  9. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 7-8-9.
  10. ^ Il Centro del 22 novembre 2014, pag. 20, tuttavia non ci sono dati documentari che confermino l'evento.
  11. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 6-7.
  12. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 8-10-25.
  13. ^ La stagione 1934-1935 vista da Chieti, tifochieti.com, 3 ottobre 2011
  14. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 25-26.
  15. ^ Il Popoli otterrà la promozione in serie C nonostante la sconfitta di Giulianova del 14 marzo 1937 per 5-0. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 33.
  16. ^ Nel campionato di Prima Divisione 1937-1938 vengono giocati i primi derby contro la S.S. Pescara, S.S. Ascoli e U.S. Sambenedettese, con trasferte al Comunale dei Giardini (o Campo dei Giochi) ad Ascoli Piceno, Campo Rampigna a Pescara e Campo sportivo del Littorio a San Benedetto del Tronto. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit. pag. 35-36.
  17. ^ L'Ac Dalmazia di Zara e cenni sulla stagione 1938-1939, kramarsic.com, 14 febbraio 2009
  18. ^ Nel 1937-1938 la Castrum è eliminata al primo turno dalla Sambenedettese, poi finalista. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 35.
  19. ^ Dopolavoro Aziendale Cecchetti era l'esatta denominazione del Portocivitanova, cambiata nel 1940 in Associazione Sportiva Cluana. Fino al 1938 Porto Civitanova è stato un Comune autonomo, diviso da Civitanova Alta.
  20. ^ Il Dalmazia era reduce da sette successi nelle ultime otto gare. All'andata l'incontro venne registrato 2-0 per la Castrum, causa l'aggressione dello zaratino Detoni verso l'arbitro. Il gioco del calcio a Zara a dispense scritto da Igor Kramarsich.
  21. ^ La trasferta di Zara, con partenza in piroscafo da Ancona, costò alla società giuliese una spesa compresa tra le 50 e le 100 lire a persona. Una somma davvero considerevole per l'epoca. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 35.
  22. ^ La Pergolese si è ritirata al termine del girone d'andata, tuttavia rimarranno validi i risultati per le altre compagini, come il 3-0 ottenuto dalla Castrum il 26 febbraio 1939. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 40.
  23. ^ In questa stagione la Castrum schiera una seconda compagine in Prima divisione Abruzzi. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 37-38-39.
  24. ^ La G.I.L. vi partecipa in una selezione provinciale con nove giocatori della Castrum. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 41–42.
  25. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 38-40.
  26. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 43.
  27. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 13.
  28. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 49.
  29. ^ Stagione 1945-1946, tifochieti.com, 3 ottobre 2011
  30. ^ Il calcio a Giulianova dalle origini al 1960 - I fatti di Fermo e l'esperienza della "Freccia d'Oro", giulianova.it, 4 maggio 2004 Archiviato il 5 febbraio 2013 in Internet Archive.
  31. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 53-54-55.
  32. ^ Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 8.
  33. ^ Il 6 ottobre 1948 viene fondata la società Freccia d'Oro, che disputa il torneo di Prima Divisione. Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 8.
  34. ^ Nell'immediato dopoguerra vengono costituite numerose compagini minori, tra tutte ricordiamo La Rondinella e La Stazione. Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 123.
  35. ^ Conte, De Berardinis, Galantini. Op. cit., pag. 14.
  36. ^ Conte, De Berardinis, Galantini. Op. cit., pag. 14-15.
  37. ^ Alle finali partecipano Popoli, Tagliacozzo, Freccia d'Oro e Termoli. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 58-59.
  38. ^ Viaggio nel mondo della scuola calcio da Silvano Magheri ad oggi, gazzettaregionale.it, 30 luglio 2014, su gazzettaregionale.it. URL consultato il 28 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2018).
  39. ^ La storica rivalità col Lanciano nasce in questo torneo, quando si verificarono numerosi tafferugli in entrambi gli incontri di campionato. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 16-17-18.
  40. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 16-17-18-69-70.
  41. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 71-72.
  42. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 81.
  43. ^ Incontro disputato in notturna allo stadio Montecatini di Piano d'Orta in Bolognano. Rete di Rapagna. gelocal.it del 27 maggio 2005.
  44. ^ Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 11-12.
  45. ^ Storia della Torrese dalle origini al 2011, torresecalcio.it, 2011 Archiviato il 17 febbraio 2015 in Internet Archive.
  46. ^ Dal 1958 al 1962 lo scudetto dilettanti viene assegnato tra le squadre vincitrici del rispettivo campionato regionale di Prima categoria. Riportiamo le altre compagini vittoriose: Civitavecchiese (1958), Cascina (1959), Ponziana (1960), Nocerina (1962). Nel 1960 la Ponziana viene dichiarata vincitrice dopo sorteggio. Il Piccolo del 18 luglio 1960.
  47. ^ Salvo dopo spareggi contro Molfetta e Teramo.
  48. ^ Gli spareggi del Giulianova dal 1960-1961 al 2002-2003, gelocal.it, 27 maggio 2005
  49. ^ Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 13-14.
  50. ^ Classifica girone d'andata (prime posizioni): Bellaria 23, Giulianova 21, Rovigo 21, Riccione (una partita in meno) 21, Alma Juve Fano 20. Maurizio Franchi Op. cit. pag. 53.
  51. ^ Per questa sfida i quotidiani locali dell'epoca riportano una presenza di 7-8.000 spettatori. La capienza del Fadini viene ampliata nel settore distinti e con il montaggio provvisorio di una curva est. Il Tempo-Abruzzo di lunedì 24 maggio 1971, servizio incontro Giulianova-Bellaria 2-1.
  52. ^ Maurizio Franchi, Op. cit. pag. 64-65-66.
  53. ^ a b c d 1971-1996:La storia dei trionfi, giulianovailbelvedere.it
  54. ^ Maurizio Franchi, Op. cit. pag. 54-55.
  55. ^ In realtà il treno venne organizzato due volte, in quanto il primo incontro fu rinviato per nebbia. Maurizio Franchi, Op. cit. pag. 50-51.
  56. ^ Maurizio Franchi, Op. cit. pag. 50.
  57. ^ Maurizio Franchi, Op. cit. pag. 60.
  58. ^ 1971: D'Antonio e le sue telecronache, giulianovailbelvedere.it, 26 ottobre 2015
  59. ^ L'amarcord di Conte col Bellaria, iltempo.it, 1º settembre 2007 Archiviato il 12 luglio 2015 in Internet Archive.
  60. ^ Maurizio Franchi, Op. cit. pag. 16-17.
  61. ^ Il grande Giulianova di Gibì, giulianovailbelvedere.it, 4 giugno 2015
  62. ^ Giovan Battista Fabbri: 50 campionati story, polesinesport.it, 29 maggio 2015
  63. ^ Fabbri: Gibì a gogò, altervista.org, marzo 1980, su storiedicalcio.altervista.org. URL consultato il 14 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2012).
  64. ^ A Giulianova la Spal iniziò la cavalcata, ilrestodelcarlino.it, 31 marzo 2008
  65. ^ Spal: stagione 1972-1973, ilrestodelcarlino.it, 16 marzo 2011
  66. ^ In questo incontro si ebbero forti proteste del pubblico verso la terna arbitrale per una rete annullata ai giuliesi, con tentativo di invasione di campo. L'incontro venne sospeso per circa dieci minuti. Il Tempo-Abruzzo del 22 giugno 1973, servizio incontro Giulianova-Avellino.
  67. ^ Finale Coppa Italia 1972–1973, museogrigio.it, 2016
  68. ^ Portieri imbattuti in Serie C, gelocal.it, 30 settembre 2014
  69. ^ A Giulianova il cuore nel pallone, giulianovanews.it, 5 agosto 2014
  70. ^ Classifica girone d'andata (prime posizioni): Modena 26, Lucchese 25, Giulianova 22, Livorno 22, Spal 22, Viareggio 22, Sambenedettese 21. La Gazzetta dello Sport del 29 gennaio 1973.
  71. ^ I precedenti al Fadini, rivieraoggi.it, 29 aprile 2006
  72. ^ La vittoria al Ballarin del 1973 e precedenti con la Sambenedettese, giulianovailbelvedere.it, 13 settembre 2014
  73. ^ Nella stagione 1972-1973 i giuliesi totalizzano il minor numero di reti interne subite (2) in un campionato di Serie C (dati aggiornati dalla stagione 1952-1953, la prima a girone unico). notiziedicalcio.jimdo.com
  74. ^ Giuliesi per sempre: con Fabbri una manifestazione memorabile, viveregiulianova.it, 19 aprile 2014, su viveregiulianova.it. URL consultato il 6 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2014).
  75. ^ Maurizio Franchi, Op. cit. pag.132.
  76. ^ La Gazzetta dello Sport di lunedì 12 novembre 1973, servizio incontro Giulianova-Sambenedettese 1-0, pag. 20.
  77. ^ Storia, curiosità e immagini di Giulianova-Samb del 1973 e 1980, sambenedettesecalcio.it, 5 marzo 2016, su sambenedettesecalcio.it. URL consultato il 17 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 5 agosto 2016).
  78. ^ giulianovacalcio.blogspot.it, 4 luglio 2007.
  79. ^ La Gazzetta dello Sport di lunedì 13 febbraio 1978, servizio incontro Giulianova-Pisa 0-0.
  80. ^ La Gazzetta dello Sport del 27 febbraio 1978, servizio incontro Giulianova-Teramo 0-1.
  81. ^ La Gazzetta dello Sport del 5 giugno 1978, servizio incontro Parma-Giulianova 3-1.
  82. ^ Nel 1979 viene fondato il primo gruppo di tifo organizzato, il C.U.G.-Commando Ultrà Giulianova.
  83. ^ Le otto vittorie consecutive iniziali costituiscono il record per un campionato di Serie C2/Lega Pro Seconda Divisione, eguagliato dalla Reggina nella stagione 1983-1984. repubblica.it del 27 ottobre 1997; giulianovailbelvedere.it del 20 gennaio 2013.
  84. ^ Classifica girone d'andata (prime posizioni): Giulianova 26, Francavilla 23, Civitanovese 22, Avezzano 22, Lanciano 20, Osimana 19. Maurizio Franchi Op. cit. pag. 89.
  85. ^ Corriere dello Sport del 4 febbraio 1980.
  86. ^ Maurizio Franchi, Op. cit. pag. 89-90.
  87. ^ Maurizio Franchi, Op. cit. pag. 92.
  88. ^ Maurizio Franchi, Op. cit. pag. 93.
  89. ^ Guido Angelozzi racconta Samb-Giulianova della stagione 1980-1981, ilquotidiano.it, 1º marzo 2004
  90. ^ Il Messaggero-Abruzzo del 2 aprile 1984.
  91. ^ Nella stagione 1992-1993 il Giulianova schiera l'albanese Amanto Shllaku, centrocampista del 1971, probabilmente il primo giocatore non italiano nella storia del club. Freeforumzone.com del 1º maggio 2011.
  92. ^ Classifica girone d'andata (prime posizioni): Giulianova 25, Frosinone 22, Casertana 22, Albanova 21, Gabbiano Napoli 21, Ferentino 19. Il Centro del 3 gennaio 1994.
  93. ^ Al 58' viene annullata dall'arbitro Dondaroni di Finale Emilia una rete all'Albanova segnata da Matarese, ciò porta a numerosi incidenti che si protraggono soprattutto dopo la gara. In seguito il campo campano viene squalificato per 5 giornate. Il Centro del 9 novembre 1993.
  94. ^ Maurizio Franchi, Op. cit. pag. 148-149.
  95. ^ I marcatori: Pesacane (F) al 12', Minuti (G) al 35', Russo (F) al 61', Pugnitopo (G) al 90'. Espulso: Di Bari (G) al 40'. Spettatori: 7200, con circa 1000 giuliesi. Arbitro: Ayroldi di Molfetta. Il Corriere dello Sport del 25 aprile 1994, servizio Frosinone-Giulianova 2-2.
  96. ^ Il Centro del 9 maggio 1994, servizio Giulianova-Celano 2-0.
  97. ^ Marcatori: 13' Minuti, 32' De Feudis, 64' Palladino, 67' Weflork (PV), 83' Col (PV). Il Centro del 6 giugno 1994, servizio Giulianova-Pro Vercelli.
  98. ^ Marcatore: 88' Artico. Il Centro del 13 giugno 1994.
  99. ^ Marcatori: 22' Minuti, 25' Caruso, 90' Minuti. Spettatori 6500. La Gazzetta dello Sport del 23 maggio 1994, servizio Giulianova-Teramo.
  100. ^ Marcatori: 36' Briata, 37' Rossi (B) su rigore, 83' Caruso. Il Centro del 30 maggio 1994, servizio Giulianova-Benevento.
  101. ^ Classifica girone d'andata (prime posizioni): Giulianova 36, Frosinone 35, Avezzano 32, Albanova 26, Viterbese 25, Catania 25, Castrovillari 25, Matera 25, Bisceglie 25. Il Centro dell'8 gennaio 1996.
  102. ^ La rete decisiva viene segnata da Ruffini all'83'. Il Centro di lunedì 17 giugno 1996.
  103. ^ La storica Albanova, altervista.org, su webinfert.altervista.org. URL consultato il 31 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  104. ^ Il Centro del 28 giugno 1996.
  105. ^ I rigori sono realizzati da Di Vincenzo, De Feudis, Rosone. Il Centro di venerdì 28 giugno 1996.
  106. ^ Giulianova terzo in campionato e promosso in C1 nel 1995-96, giulianovailbelvedere.it, 17 maggio 2009
  107. ^ La formazione schierata da Francesco Giorgini nella finale di Foggia contro l'Albanova: Grilli, Parisi, Contadini (112' Rosone); Ruffini, Chionna, Pugnitopo; Acampora (91' Campanile), De Feudis, Di Vincenzo, Lo Pinto, Aldrovandi (87' D'Incecco). Il Centro del 28 giugno 1996.
  108. ^ Maurizio Franchi, Op. cit. pag. 183-184-185.
  109. ^ Viene realizzato un video, Alba giallorossa, che racconta la stagione 1995-1996 dei giuliesi. Streaming World TV, 8 marzo 2017.
  110. ^ Maurizio Franchi, Op. cit. pag. 189.
  111. ^ Nell'aprile 1998 viene disputato il Memorial Danilo Di Vincenzo in omaggio al giocatore romano. Il Giulianova lo vince superando L'Aquila (1-0) e Castel di Sangro (1-0). Il Centro del 19 aprile 1998.
  112. ^ Diciotto anni senza Biondi e Di Vincenzo, ilcentro.gelocal.it, 10 dicembre 2014, su ilcentro.gelocal.it. URL consultato il 6 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2016).
  113. ^ Prima dell'incontro al Fadini del 18 dicembre 2016, la curva Ovest ha ricordato con una coreografia il bomber Danilo Di Vincenzo a 20 anni dalla scomparsa. Il Centro del 19 dicembre 2016, pag. 42.
  114. ^ La domenica sportiva del 17 marzo 1996, servizio di Stefano Mattei.
  115. ^ Quando Lo Pinto sembra Del Piero titolo servizio Giulianova-Frosinone 2-2. Corriere dello Sport del 18 marzo 1996, pag. 1. Marcatori: Fantini (F) al 9' e 46', Di Vincenzo (G) al 27' e 74' (rig.). Spettatori 7000 circa.
  116. ^ Mai dire gol: Marcozzi e Giulianova-Frosinone (con video), bergamo.corriere.it, 29 agosto 2015
  117. ^ .La partita è conosciuta per la radiocronaca del giornalista giuliese Francesco Marcozzi, resa famosa e diventata cult grazie a Mai dire gol. La Città del 5 dicembre 2020, pag. 15.
  118. ^ La rivelazione Giulianova, gazzetta.it, 30 maggio 1997
  119. ^ Le reti sono realizzate da Tentoni (A) al 16' su rigore, Vadacca (G) al 66', Briaschi (A) all'82'. Rigore fallito da Micciola (G) al 18', espulsi Pagliaccetti (G) al 55' e Trinchera (G) al 90'. All'andata del 1º giugno al Fadini le reti vennero realizzate da Pellegrini (A) al 3' e Manari (G) all'81'. Espulsi Grilli (G) al 45' e Gabriele (A) al 90'. Spettatori al Fadini 5.200, paganti 4.817, incasso record di lire 121.225.000 (euro 62.607,48). In entrambe le gare ci furono incidenti tra le opposte tifoserie. La Gazzetta dello Sport di lunedì 2 e 9 giugno 1997, servizio incontro Ancona-Giulianova di Gennaro Bozza.
  120. ^ In Serie C, il precedente successo dei giuliesi ad Ascoli, è stato ottenuto nella stagione 1996-1997. Il 29 settembre 1996, quinta di andata, i giallorossi vincono al Del Duca 2-0 con le reti di Micciola e Pianciarelli al 6' e 12' del primo tempo. La Gazzetta dello Sport del 30 settembre 1996, servizio Ascoli-Giulianova di Danilo Dionisi.
  121. ^ Ascoli: Di Bitonto; Aloisi, Da Rold; Ariatti, Bucaro, Deoma; La Vista (53’ Pandullo), Longhi (46’ Frati), Savoldi (75’ Porro), Aruta, Marta. Giulianova: Grilli; Carannante, De Sanzo; Gianella, Parisi (61’ Amato), Pastore; Calcagno (77’ Testa), Delle Vedove, Molino, Evangelisti, Di Corcia (53’ Pieroni). Reti: 9' Molino, 89' Testa. Spettatori 15.000. Il Centro del 17 maggio 1999.
  122. ^ I play-off stagione 1998-1999, juvestabia.info Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive.
  123. ^ Giulianova-Savoia 2-3; abbonati 2195, gazzetta.it, 4 settembre 2000
  124. ^ il Giulianova perde lo scontro diretto dell'ultima giornata di campionato (3-2), il 5 maggio 2002, venendo raggiunto in classifica dal club frentano che, proprio grazie all'esito positivo degli scontri diretti, ottenne l'accesso ai play-off a discapito dei giallorossi.
  125. ^ Questo ed altri match della stagione, suscitarono sospetti sull'effettivo impegno dei giocatori in campo e in effetti alcuni di loro, nel 2004, furono indagati dalla procura di Napoli in una inchiesta di calcio scommesse. Repubblica.it del 12 luglio 2004.
  126. ^ In questo campionato si registra una media interna di 3047 paganti a gara; da Il Centro del 29 aprile 2002, pag. 24.
  127. ^ Il Giulianova condanna il Sora, gelocal.it, 2 giugno 2003, su ricerca.gelocal.it. URL consultato il 31 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2014).
  128. ^ Sora-Giulianova 1-3, giulianova.it, 6 giugno 2005 Archiviato il 31 dicembre 2014 in Internet Archive.
  129. ^ transfmark.it; Gianni Califano
  130. ^ mondorossoblu.it, Serie C, la top 10 dei migliori marcatori di sempre
  131. ^ 35.712 spettatori paganti, Corriere dello Sport di venerdì 7 gennaio 2005, servizio incontro Napoli-Giulianova.
  132. ^ 17.324 spettatori paganti, Corriere dello Sport del 5 novembre 2005, servizio Genoa-Giulianova 2-0. Per questo incontro vengono effettuati dei collegamenti in diretta con Genova nel corso del programma televisiviso Quelli che... il calcio, trasmesso su Rai2 e condotto da Simona Ventura.
  133. ^ Classifica girone d'andata (prime posizioni): Figline 33, Viareggio 33, Prato 29, Giulianova 26, Cisco Roma 25, Bassano Virtus 24. Il Corriere dello Sport del 22 dicembre 2008.
  134. ^ Prato-Giulianova 0-1, giulianovailbelvedere.it, 14 giugno 2009
  135. ^ Finale play off Seconda Divisione Giulianova-Prato, giulianovailbelvedere.it, 21 giugno 2009
  136. ^ La storia della festa, giulianovailbelvedere.it, 21 giugno 2009
  137. ^ ilsussidiario.net del 16 novembre 2014.
  138. ^ Abruzzesi bloccati dai legni, lopinionista.it, 1º marzo 2010
  139. ^ Verona–Giulianova (1–0) viene giocata al Bentegodi il 22 marzo 2010 in notturna, 15.075 gli spettatori paganti. giulianovailbelvedere.it del 22 marzo 2010.
  140. ^ Potenza retrocesso ma riammesso al campionato, tuttomercatoweb.com, 1º aprile 2010
  141. ^ Il Giulianova non si iscriverà al campionato, tuttolegapro.com, 30 giugno 2012
  142. ^ abruzzoweb.it del 22 giugno 2012.
  143. ^ Giulianova calcio: riparte dall'Eccellenza con Pagliaccetti, abruzzoweb.it, 18 luglio 2012
  144. ^ Angolana e Giulianova in Serie D, gelocal.it, 31 luglio 2013, su ilcentro.gelocal.it. URL consultato l'8 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2013).
  145. ^ Nel frattempo ebbe fine la storia anche legale della vecchia società, quando l'11 settembre 2013 arrivò la radiazione dalla FIGC per fallimento. Nel giugno 2014 l'associazione sportiva dilettantistica “Giuliesi per sempre” ha registrato alla camera di commercio il logo del Giulianova calcio, acquisendone tutti i diritti in esclusiva. L'associazione è nata nel novembre 2013 dopo aver acquistato tramite bando pubblico del tribunale di Teramo, il titolo sportivo, il logo, i colori, le coppe e i trofei della squadra del Giulianova Calcio srl. Il Giulianova era l'unica squadra professionistica abruzzese a non aver subito ancora l'onta del fallimento. giulianovanews.it del 30 novembre 2013, gelocal.it del 15 giugno 2014.
  146. ^ Comunicato ufficiale FIGC, 11 settembre 2013 (PDF), su figc.it. URL consultato il 1º novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2013).
  147. ^ Giulianova calcio, il logo è dei "Giuliesi per sempre", gelocal.it, 15 giugno 2014, su ilcentro.gelocal.it. URL consultato il 15 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  148. ^ Serraiocco nuovo presidente, cityrumors.it, 22 novembre 2015
  149. ^ ilcentro.it del 15 giugno 2016.
  150. ^ Il Real Giulianova, cityrumors.it, 30 giugno 2016
  151. ^ 1-0 (Di Paolo) sul campo della Torrese, con 800 tifosi al seguito. Il Giulianova chiude il campionato a 86 punti e 10 vittorie consecutive
  152. ^ Il Messaggero-Abruzzo del 27 marzo 2017, pag. 44.
  153. ^ Il Real Giulianova batte la Torrese e vola in Eccellenza, giulianovailbelvedere.it, 27 marzo 2017
  154. ^ Il Real Giulianova s'illumina d'immenso sotto i riflettori del Fadini, giulianovailbelvedere.it, 15 marzo 2017
  155. ^ Il Real Giulianova vince la Coppa Italia Promozione, cityrumors.it, 15 aprile 2017
  156. ^ Coppa Italia Promozione al Real, giulianovailbelvedere.it, 15 aprile 2017
  157. ^ La Coppa Mancini assegna il titolo regionale di Promozione e si gioca fra le vincenti dei due gironi. Nello Mancini è stato un dirigente sportivo aquilano. ilmessaggero.it del 17 febbraio 2018.
  158. ^ Il Real Giulianova fa il Triplete, abruzzogol.net, 14 maggio 2017
  159. ^ Al Real Giulianova la Coppa Mancini, giulianovailbelvedere.it, 13 maggio 2017
  160. ^ La formazione titolare: Abate, Del Grosso, Ferretti, Fuschi, Melis, Lenart, Di Paolo, Balducci, Tozzi Borsoi, D'Alessandro, Barlafante. Allenatore Attilio Piccioni. Romano Tozzi Borsoi realizza in campionato 31 reti, segue a quota 14 Francesco Di Paolo
  161. ^ Il Real Giulianova vince la Coppa Italia Eccellenza (con video), cityrumors.it, 7 febbraio 2018
  162. ^ Il Real Giulianova promosso in Serie D, cityrumors.it, 15 aprile 2018
  163. ^ Tuttocampo.it
  164. ^ Formazione titolare: Abate, Del Grosso, Lanza, Fuschi, Borghetti, Flavioni, Di Paolo, Lenart, Tozzi Borsoi, D'Alessandro, Pagliuca. Allenatore Attilio Piccioni. Cannonieri della stagione: Francesco Di Paolo (19 reti), Romano Tozzi Borsoi (17), Francesco Vitelli (8)
  165. ^ dopo aver eliminato Notaresco, Francavilla, Pineto, Cassino, Flaminia e Aquila Montevarchi
  166. ^ Messina, 1-1 a Giulianova in Coppa Italia. Si deciderà al ritorno, tempostretto.it, 27 febbraio 2019
  167. ^ Coppa Italia Serie D, Il Messina ribalta lo 0-2: sfuma la finale per il Giulianova, cityrumors.it, 3 aprile 2019
  168. ^ I cannonieri della stagione sono stati: Francesco Di Paolo (10 reti), Romano Tozzi Borsoi (6) e Alberto Torelli (5); La formazione tipo: Pagliarini, Del Grosso, Fuschi, Ferrini, De Fabritiis, Lenart, Napolano, Antonelli, Torelli, Di Paolo, Tozzi Borsoi
  169. ^ Federico Del Grosso nuovo allenatore del Giulianova, cityrumors.it, 26 agosto 2019
  170. ^ Il Giulianova cade al Fadini e scatta la contestazione, ilcentro.it, 3 febbraio 2020
  171. ^ Il Real Giulianova chiude il girone di andata con una pesante sconfitta, giulianovailbelvedere.it, 22 dicembre 2019
  172. ^ Ufficializzato il regolamento per la serie D, mediagol.it, 24 dicembre 2019
  173. ^ abruzzocalciodilettanti.it, Real Giulianova: lascia il ds Teodoro
  174. ^ Cristiano Del Grosso lascerà dopo soli 4 mesi il Real Giulianova, accasandosi alla Casertana, in Serie C
  175. ^ cityrumors.it, Serie D, il Real Giulianova ‘riunisce’ i gemelli: Cristiano Del Grosso firma con i giallorossi Dopo 15 anni ritorna Cristiano Del Grosso
  176. ^ abruzzocalciodilettanti.it, Inatteso Cristiano Del Grosso: «Lascio il Giulianova a malincuore»
  177. ^ ekuonews.it, Bitetto è il nuovo allenatore del Real Giulianova
  178. ^ rete8.it, In Serie D niente play out e due retrocessioni dirette: Vastese salva, Giulianova quasi
  179. ^ Bartolini trasferisce il titolo da Giulianova, ekuonews.it, luglio 2021
  180. ^ Nata nella settimana precedente a seguito della fusione fra A.S.D. Giulianova, espressione di un quartiere della città e militante in Prima Categoria, con l’A.S.D. Nereto Calcio 1914, iscritto al campionato di Eccellenza, in una nuova società con nome della prima, sede a Giulianova e diritto a disputare il campionato di Eccellenza abruzzese 2021-2022. La nuova squadra riporta sulle maglie, dopo 9 anni, lo stemma del vecchio Giulianova Calcio (numero matricola 21780) concesso in patrocinio (a titolo definitivo dal 2023) dall'associazione "Giuliesi per sempre", che ne deteneva la proprietà dai tempi del fallimento dello storico sodalizio.
  181. ^ Nasce l'Asd Giulianova con Mucciconi presidente, atuttocalcio.tv, luglio 2021
  182. ^ ASD Giulianova-presentata in Comune la stagione 2021-2022, giulianovailbelvedere.it, agosto 2021
  183. ^ Calcio Eccellenza, ufficiale la fusione tra Nereto e ASD Giulianova, ekuonews.it, 8 luglio 2021
  184. ^ Concesso al Giulianova di Mucciconi il patrocinio del logo Giulianova 1924, che tornerà sulle maglie. Pagina fb Radio G–Giulianova del 16 agosto 2021.
  185. ^ 2185 paganti nella partita giocata al Fadini il 13 febbraio 2022 (1-0). rete8.it del 13 febbraio 2022.
  186. ^ L’Aquila implacabile, vola in Sardegna; ilcentro.it; 23 maggio 2022
  187. ^ I marcatori più prolifici della stagione sono stati: Pape Oumar Cissè (15), Kevin Buonavoglia (14) e Francesco Di Paolo (12); Formazione della finale: Boccanera; Barbarossa, La Barba; Giglio (6’ st Traini), Rinaldi, Sciarretta, Buonavoglia (1’ st Cissè); Fe. Di Paolo (26’ st Barlafante), Fr. Di Paolo, M. Cerasi (6’ st Fermo, 27’ st Cappelli), Persiani. A disp.: Di Giovannantonio, Maffione, Di Eleuterio, Di Giuseppe. All. L. Cerasi
  188. ^ Cissè, il fenomeno del Giulianova; ilmessaggero.it; 29 ottobre 2021
  189. ^ sportpeople.net; PROGRESSO-GIULIANOVA, PLAYOFF: UNA GRANDE PROVA D’AFFETTO SENZA RICOMPENSA, del 13 giugno 2023
  190. ^ cityrumors.it; Eccellenza, Giulianova-Progresso a porte chiuse: mano pesante del giudice sportivo; 30 maggio 2023
  191. ^ ekuonews.it; Play-off Eccellenza: Giulianova fuori a testa alta (0-0), ma il Progresso ha meritato la finale; del 4 giugno 2023
  192. ^ Il 26 luglio 2023, dopo aver acquisito il logo del Giulianova Calcio a titolo definitivo, viene ufficializzato il cambiamento del nome della società in Giulianova Calcio 1924, la storica denominazione del club dal 1979 al 2012 con l'aggiunta dell'anno di fondazione.
  193. ^ Comunicato stampa: Presentazione assetto societario del Giulianova Calcio 1924, asdgiulianova.it, 24 luglio 2023
  194. ^ Ultimo incontro datato 24 febbraio 2008, in Lega Pro Seconda Divisione (0-0)
  195. ^ ilmessaggero.it; Gol e spettacolo: finisce 2 a 2 il super derby tra Teramo e Giulianova
  196. ^ certastampa.it; Va al Giulianova il derby, il Teramo perde 1-0
  197. ^ sportabruzzo.com; Il Giulianova spegne il Teramo e si riporta a -5: il derby di ritorno è giallorosso
  198. ^ sportabruzzo.com; Giulianova, la ricostruzione del caso-Cerasi: ecco cosa è successo. E per il futuro…
  199. ^ rainews.it; Teramo vs Giulianova anche in finale di Coppa
  200. ^ Il Giulianova, in vantaggio 2-1, viene dapprima raggiunto all'ultimo minuto dei tempi supplementari da un tiro di testa deviato in rete dalla gamba di un difensore giuliese, per poi fallire il rigore della vittoria e cedere il passo ai tiri ad oltranza.
  201. ^ giulianovailbelvedere.it; Al Teramo il derby di Coppa, il Giulianova cede ai rigori
  202. ^ ilrestodelcarlino.it; Terre ridotto in dieci limita i danni a Giulianova
  203. ^ Gara di ritorno giocata in campo neutro allo stadio Ricci di Sassuolo (MO), con circa 700 giuliesi al seguito
  204. ^ gazzettadimodena.it; Mille tifosi del Giulianova in trasferta, contro il Terre di Castelli si gioca allo stadio Ricci di Sassuolo
  205. ^ sportpeople.net: TERRE DI CASTELLI-GIULIANOVA, PLAYOFF: UN’ECCELLENZA CHE SEMBRA SERIE A
  206. ^ Gara di ritorno giocata in campo neutro allo stadio Fedini di San Giovanni Valdarno (AR)
  207. ^ seried24.com; Terranuova Traiana-Giulianova 1-1, il tabellino
  208. ^ a b Conte, De Berardinis, Galantini(a cura di), Il calcio a Giulianova dalle origini al 1960, Pescara, Paolo de Siena editore, 2004.
  209. ^ Maurizio Franchi, Op. cit., cronistoria del Giulianova Calcio dal 1960-1961 al 2003-2004, pag. 121.
  210. ^ a b c d Pagina ufficiale Facebook Giulianova Calcio.
  211. ^ La fondazione viene festeggiata per tradizione il 7 dicembre, tuttavia non ci sono dati documentari che confermino tale data.
  212. ^ I documenti dell'epoca la ritraggono prevalentemente in casacca bianca e azzurra a strisce verticali. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 8-26-27.
  213. ^ Non ammesso al primo campionato abruzzese, iniziato nell'aprile 1925, per la mancanza di un campo da gioco regolamentare. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 8.
  214. ^ Nel 1926 la Giuliese partecipa al campionato regionale di Terza divisione. Si ricordano le partite col Castrum Silvi (0-5) e l'Ursus di Castellammare Adriatico (8-1). Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 25.
  215. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 25-26-27.
  216. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 9-25.
  217. ^ Il 26 dicembre 1929 viene giocato il primo incontro ufficiale contro il Teramo. Al Comunale la partita termina 1-1, rete di Baffoni al 5' e pareggio ospite con Coppola al 77'. In questa gara i giuliesi indossano una casacca azzurra, mentre i teramani una divisa giallorossa. Numerosi gli incidenti tra le opposte tifoserie. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 25-26-27.
  218. ^ La classifica ufficiale pubblicata dall'Annuario Italiano del Giuoco del Calcio 1930 (3° volume) la riporta senza posizione e senza punti in classifica.
  219. ^ Non iscritto per la mancanza di un campo da gioco regolamentare. L'attuale Fadini viene omologato solo nel 1932, dopo lavori di ampliamento. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 8-9-10.
  220. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 25-27.
  221. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 10-28.
  222. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 29.
  223. ^ a b Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 10.
  224. ^ Al torneo, iniziato il 21 aprile 1934, partecipano 11 squadre divise in due gironi. Alle finali vengono ammesse le prime due classificate di ciascun girone e vi prendono parte Giulianova, Santegidiese, Notaresco, Rosetana. Viene messa in palio la Coppa Danesi. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 28-31.
  225. ^ La Giuliese vince il titolo regionale ma non ottiene il passaggio nella nuova Serie C in quanto questa edizione della Seconda Divisione non prevedeva promozioni, causa riforma dei campionati sovrastanti.
  226. ^ All'inizio del 1937, per motivi di ordine pubblico, viene emessa la nuova disposizione di recintare i rettangoli di gioco. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 33.
  227. ^ Campionato organizzato dal Direttorio IX Zona, avente sede ad Ancona e competente per la regione Marche.
  228. ^ a b Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 35.
  229. ^ La Castrum è l'unica compagine abruzzese ammessa nel direttorio marchigiano, oltre ai dalmati dello Zara.
  230. ^ Nell'estate 1938 i giuliesi ottengono la prima vittoria in trasferta a Teramo, 1-0 con rete di Morselli al 74'. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 38.
  231. ^ Direttorio IX Zona, competente per la regione Marche.
  232. ^ La G.I.L. vi partecipa in una selezione provinciale composta da nove giocatori della Castrum, oltre all'allenatore Compiani. Perde la finale di Roma contro il Brescia del 25 giugno 1939, Stadio dei Marmi, 1-3, giocata alla presenza del Capo dello Stato e del Re d'Italia. In precedenza aveva eliminato: Pescara, Campobasso, Bologna, Perugina, Salerno. Cesare Marcello Conte, Walter De Berardinis, Sandro Galantini (a cura di), Il calcio a Giulianova dalle origini al 1960, Pescara, Paolo de Siena editore, 2004, pag. 41-42.
  233. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 13-43.
  234. ^ Il gioco del calcio è fermo per motivi bellici, tuttavia una compagine del posto, la Stella Rossa, lo tiene vivo organizzando alcune amichevoli contro località limitrofe. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 13.
  235. ^ Iniziato il 24 dicembre 1944, viene vinto dal Pescara sul Chieti. La squadra giuliese fu costretta a ritirarsi, come anche quelle di Popoli, Sulmona e Teramo. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 47-48.
  236. ^ Stagione 1944-1945, solopescara.com
  237. ^ Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 23.
  238. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 53.
  239. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 55.
  240. ^ Promosso il Termoli dopo finale col Popoli. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 59.
  241. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 61.
  242. ^ o girone Marino. I gironi erano divisi in Marino e Montano. pianodorta.it Calcio
  243. ^ Dal 1958 al 1962 viene abbinato al campionato regionale di Prima Categoria.
  244. ^ Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 81.
  245. ^ abruzzocalciodilettanti.it del 24 giugno 2012.
  246. ^ Classifica campionato 2016-2017, abruzzogol.net
  247. ^ Ufficiale - Il Giulianova riabbraccia il logo storico del club, tuttocampo.it, 1 settembre 2021
  248. ^ Data della comunicazione ufficiale.
  249. ^ L'associazione di tifosi Giuliesi per sempre era in possesso del logo del Giulianova Calcio dal 2013.
  250. ^ Conferenza Stampa: Presentazione assetto societario del Giulianova Calcio 1924, TRSP TV, 26 luglio 2023.
  251. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 25.
  252. ^ a b Riccardo Cerulli, Giulianova 1860, 1959.
  253. ^ Nel 1936 la Castrum adotta il giallorosso come colore sociale. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 10.
  254. ^ Stemma comune di Giulianova, comuni-italiani.it
  255. ^ Pagina ufficiale Facebook ASD Giulianova del 16 agosto 2021.
  256. ^ Lo scudetto viene inoltre riprodotto sopra una casacca BluMare con fascia diagonale giallorossa e su una classica bianca con striscia orizzontale gialla e rossa, scelte tra numerose maglie storiche del Giulianova e dopo un sondaggio effettuato sulla pagina societaria. Pagina ufficiale Facebook ASD Giulianova del 16, 20 e 27 agosto 2021.
  257. ^ L'inno viene presentato il 2 settembre 2001 nell'incontro interno col Chieti. Il Centro del 3 settembre 2001, pag. 20.
  258. ^ Inno del Giulianova, grazianocaprioni.it, 2001
  259. ^ Pagina fb RadioG–Giulianova del 22 ottobre 2021.
  260. ^ Oh Giulianova, inno in dialetto giuliese di Franco Tancredi. sandrodiremigio.com
  261. ^ Teramo-Giulianova: Tra diavolo e lupo derby della rabbia. Il Tempo d'Abruzzo del 7 marzo 1976, pag. 7.
  262. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 3.
  263. ^ Negli anni '80 gli ultrà sfoggiavano spesso un bandierone con impresso il disegno di una lupa simile a quella capitolina. rivieraoggi.it del 4 marzo 2004.
  264. ^ Castrum Novum, provincia.teramo.it, 2007
  265. ^ Lo stadio Rubens Fadini, forzaleoni.it, 2 settembre 2010
  266. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 60.
  267. ^ Rubens Fadini l'eroe per caso dello stadio di Giulianova, storiefuorigioco.altervista.org, 22 ottobre 2015
  268. ^ L'estrazione venne effettuata nel novembre 1951, un ragazzo del posto prelevò da un'urna (alcune fonti indicano un cappello) un bussolotto con il nome del calciatore. Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 7-9.
  269. ^ Almanacco illustrato del Calcio 1977 - Edizioni Panini Modena, 36° volume, pag. 298.
  270. ^ Pagina fb Giulianova Calcio del 31 marzo 2022.
  271. ^ La Gazzetta dello Sport del 12 novembre 1973, pag. 20.
  272. ^ Il Campo sportivo Castrum-Orsini nel quartiere Annunziata, giulianovailbelvedere.it, 15 ottobre 2016
  273. ^ Il Castrum-Orsini omologato per la Serie D, ilcentro.gelocal.it, 26 novembre 2016, su ilcentro.gelocal.it. URL consultato il 2 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2017).
  274. ^ Il 30 dicembre 2016 il Giulianova ha disputato il suo primo incontro al Castrum, 4-1 in amichevole contro la Folgore Veregra. Cronache fermane.it del 31 dicembre 2016.
  275. ^ Organigramma
  276. ^ Pagina fb Giulianova Calcio e sito Tuttocampo.it consultati nel novembre 2023 e febbraio 2024.
  277. ^ Prende il posto di Girolamo D'Alessandro nel febbraio 2024.
  278. ^ Prende il posto di Marco Triboletti nel febbraio 2024.
  279. ^ Album foto: Maglie del Giulianova, con stagione calcistica e sponsor dal 1993 al 2019. Pag. fb Real Giulianova.
  280. ^ ilcentro.it del 25 settembre 2020.
  281. ^ Pagina fb Giulianova Annunziata Calcio, 30 luglio 2020.
  282. ^ Pagina fb Giulianova Calcio, 3 dicembre 2022.
  283. ^ Pagina fb Giulianova Calcio, 16 settembre 2023.
  284. ^ Solidarietà giuliese per la città dell'Aquila, giulianovanews.blogspot.com, 10 aprile 2009
  285. ^ Decennale sisma L'Aquila, ilcapoluogo.it, 5 aprile 2019
  286. ^ Punto raccolta presso la palestra del Rubens Fadini, stradadeiparchi.it, 26 agosto 2016
  287. ^ Raccolta fondi per costruire due campi e una tribuna ad Amatrice, abruzzoweb.it, 27 gennaio 2017
  288. ^ Il progetto per Amatrice viene completato e inaugurato il 21 settembre 2018. ilcapoluogo.it del settembre 2018.
  289. ^ Pagina ufficiale Facebook Real Giulianova del 22 gennaio 2017.
  290. ^ Giulianova e il settore giovanile, pressreader.com, 24 gennaio 2012
  291. ^ Titoli Nazionali Giovanili del Giulianova, giulianovacalcio.blogspot.it, 4 luglio 2007, su giulianovacalcio.blogspot.it. URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2017).
  292. ^ Maurizio Franchi, Op. cit., da pag. 263 a pag. 271. (I primi nove scudetti).
  293. ^ Il decimo titolo giovanile, ilquotidiano.it, 2 luglio 2007
  294. ^ Giulianova Berretti campione d'Italia - 3-0 contro il Cittadella, giulianova.it, 12 giugno 2006 Archiviato il 13 aprile 2014 in Internet Archive.
  295. ^ Nella stagione 1964-1965 le società semiprofessioniste giocarono insieme alle professioniste. Il Giulianova si classificò al 4º posto dopo semifinale contro la Juventus e finale 3º-4º posto con l'Udinese. In questa stagione la squadra Allievi juventina conquistò per la prima volta il titolo di campione d'Italia. Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 14.
  296. ^ Marcatori: Fantini (F) al 9' e 46', Di Vincenzo (G) al 27' e 74' (rig.).
  297. ^ Intervista a Francesco Marcozzi, ilfattoquotidiano.it, 3 dicembre 2020
  298. ^ La telecronaca più pazza della tv (con video), corriere.it, 29 agosto 2015
  299. ^ Marcozzi e Giulianova-Frosinone, claudiogiambene.com, 16 maggio 2015
  300. ^ Mediaset Extra si riaccende all'insegna degli anni '90, davidemaggio.it, 10 aprile 2020
  301. ^ La Città del 5 dicembre 2020, pag. 15.
  302. ^ Maurizio Franchi, 1971-1996 - 25 anni di vittorie, Giulianova, Digiprint Group, 2004, pag. 127-128.
  303. ^ Archivio della Società Giulianova Calcio.
  304. ^ Allenatori e presidenti, realgiulianova.it, su realgiulianova.it. URL consultato il 30 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2018).
  305. ^ Almanacco illustrato del Calcio 1940 - Edizioni Rizzoli, pag. 206.
  306. ^ Giulianova fucina rigogliosa di talenti e tecnici, giulianovailbelvedere.it, 24 gennaio 2012
  307. ^ Sergio Conte-Profilo giocatore. transfermarkt.it
  308. ^ Statistiche rossonere-Franco Tancredi, magliarossonera.it
  309. ^ Federico Del Grosso e l'Inter, ilcentro.it, 10 luglio 2011
  310. ^ Stefano Olivieri, giulianovailbelvedere.it, 20 marzo 2016
  311. ^ Pagina ufficiale Facebook del 3 maggio 2020.
  312. ^ Maurizio Caccavale, difensore, nel Giulianova dal 1999 al 2002. carrierecalciatori.it
  313. ^ Gianni Califano, attaccante, in giallorosso nei primi anni duemila per 5 stagioni. Ha realizzato 52 reti. carrierecalciatori.it
  314. ^ Roberto Vernisi, centrocampista, ha militato nel Giulianova negli anni settanta in serie C con 156 presenze. transfermarkt.it
  315. ^ Danilo Di Vincenzo, attaccante, in giallorosso nel 1994-1995 e 1995-1996. Ha realizzato 30 reti. carrierecalciatori.it
  316. ^ Stefano Grilli, portiere, ha militato nel Giulianova dal 1995 al 2000. transfermarkt.it
  317. ^ Federico Del Grosso, difensore, ha militato nel Giulianova dal 2000 al 2004 e dal 2012 al 2019. transfermarkt.it
  318. ^ Giuseppe Tortorici, difensore, ha militato nel Giulianova dal 1975 al 1980 e dal 1985 al 1991. transfermarkt.it
  319. ^ Hall of Fame, asroma.com, 2012
  320. ^ Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 191.
  321. ^ Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 239.
  322. ^ Franco Tancredi: il mondo in giallo e in rosso, giulianovailbelvedere.it, 2 maggio 2010
  323. ^ Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 275.
  324. ^ Universiadi 2015, repubblica.it, 13 luglio 2015
  325. ^ Bulgaria-Malta - rete di Galabinov, ilsussidiario.net, 16 novembre 2014
  326. ^ Bulgaria–Italia. La vigilia di Galabinov, fantacalcio.it, 27 marzo 2021
  327. ^ La Castrum è l'unica compagine abruzzese ammessa nel Direttorio IX Zona, competente per la regione Marche.
  328. ^ Assegna il titolo regionale di Promozione.
  329. ^ Torneo di Prima Categoria ULIC, viene messa in palio dagli organizzatori la Coppa Dino Danesi. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 28.
  330. ^ senza ricorrere a ripescaggi e/o fallimenti pilotati
  331. ^ Vittorie iniziali consecutive, dalla 1ª all'8ª giornata. giulianovailbelvedere.it del 20 gennaio 2013.
  332. ^ Torneo 1983-1984.
  333. ^ I record della Serie C, Lega Pro - Notizie di calcio - notiziedicalcio.jimdo.com
  334. ^ Dati aggiornati dalla stagione 1952-1953.
  335. ^ nel contesto la difesa giallorossa risulta una delle meno battute di sempre con 16 reti al passivo in 38 incontri
  336. ^ Il record assoluto è del portiere Tarabocchia, imbattuto per 1791 minuti nella stagione 1974-1975, nel Lecce. notiziedicalcio.jimdo.com
  337. ^ Dalla 22ª alla 37ª giornata, la rete venne realizzata dalla Massese alla 27ª di campionato.
  338. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 64.
  339. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 69-70.
  340. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 70.
  341. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 40.
  342. ^ Francesco Giorgini. Enciclopediacalciatori.it
  343. ^ Silvano Magheri. Enciclopediacalciatori.it
  344. ^ Roberto Ciccotelli. Enciclopediacalciatori.it
  345. ^ Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 73.
  346. ^ Record dalla serie C alla lega Pro, jimdofree.com
  347. ^ I capocannonieri della serie C, rsssf.com
  348. ^ Conte, De Berardinis, Galantini. Il calcio a Giulianova dalle origini al 1960.
  349. ^ Record di presenze. Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 124.
  350. ^ Record di reti. Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 133.
  351. ^ Goleador e presenze, realgiulianova.it, su realgiulianova.it. URL consultato il 30 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2018).
  352. ^ Federico Del Grosso. Tuttocalciatori.net
  353. ^ Francesco Di Paolo. Tuttocalciatori.net, giulianovailbelvedere.it
  354. ^ Francesco Di Paolo. Tuttocampo.it
  355. ^ Romano Tozzi Borsoi. Tuttocampo.it
  356. ^ Francesco Morga. Tuttocalciatori.net
  357. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 3-67-70.
  358. ^ Il tifo–il C.U.G., buscotto.it, 2005
  359. ^ Ultras giuliesi, rivieraoggi.it, 4 marzo 2004
  360. ^ La tifoseria giuliese, bustocco.it, gennaio 2006
  361. ^ rivieraoggi.it; Giulianova, giallorossi d'Abruzzo; 2004
  362. ^ Per il 40ennale del C.U.G., settembre 2019, gli Ultras esposero lo striscione: "Dal 1979 con mentalità e passione".
  363. ^ Centro raccolta Ultras Giulianova, cityrumors.it, 24 agosto 2016
  364. ^ Comunicato gruppo Vecchio Stile, sportpeople.net, 4 settembre 2021
  365. ^ Pagina Facebook CUG 1979 Giulianova, 2023.
  366. ^ Comunicato Andrea Costa, controtendenzabo.blogspot.com, 31 maggio 2012
  367. ^ Dieci anni di Contro Tendenza Bologna, sportpeople.net, 22 dicembre 2014
  368. ^ L'amicizia con la Santegidiese, abruzzogol.net, 19 settembre 2016
  369. ^ I tifosi della Juve Stabia - gemellaggi/amicizie, pianetaempoli.it, 16 aprile 2013 Archiviato il 4 gennaio 2014 in Internet Archive.
  370. ^ Pescara, buoni rapporti/reciproca stima, pianetaempoli.it, 30 maggio 2014 Archiviato il 26 agosto 2014 in Internet Archive.
  371. ^ Spal, quando la solidarietà degli altri è una lezione di vita, boysparma1977.it, 24 aprile 2009
  372. ^ I tifosi della Pro Vercelli, pianetaempoli.it, 14 aprile 2018
  373. ^ Il tifo giuliese e l'amicizia con L'Aquila, bustocco.it, 2005
  374. ^ Fondi per Amatrice con l'iniziativa proposta dai Red Blue Eagles L'Aquila, cityrumors.it, 14 dicembre 2016
  375. ^ "L'Aquila 1927 ringrazia il Giulianova Calcio e il popolo giallorosso per la signorilità dimostrata nella vicinanza alla nostra comunità cittadina, colpita dal tragico evento dell’asilo Primo Maggio.", dalla pagina ufficiale Facebook L'Aquila 1927 del 22 maggio 2022.
  376. ^ Pagina Facebook Giulianova Calcio e L'Aquila 1927 dell'8 gennaio 2023.
  377. ^ Le amicizie con Molfetta e Trani, bp.blogspot.com
  378. ^ 1-0 nel 141º Derby d'Abruzzo, giulianova.it, 15 settembre 2003 Archiviato il 22 ottobre 2013 in Internet Archive.
  379. ^ Giulianova: Il derby con il Teramo del 1938 e i timori per l'ordine pubblico, giulianovanews.it, 22 marzo 2020
  380. ^ Il 26 dicembre 1929, di giovedì, viene giocato il primo incontro ufficiale tra A.S. Teramo e Pro Italia Giulianova. Al Comunale di Teramo la partita termina 1-1, con numerosi incidenti tra le opposte tifoserie già prima della gara. Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 25-26-27.
  381. ^ Il Tempo-Abruzzo del 7 settembre 1969.
  382. ^ Il Tempo-Abruzzo del 30 marzo 1970, servizio incontro Giulianova-Teramo.
  383. ^ La Coppa dell'Amicizia è stata disputata dal 1969 al 1974. Il Tempo d'Abruzzo del 30 maggio 1974.
  384. ^ Il Centro del 24 agosto 1998, incontro in notturna di Coppa Italia Giulianova-Teramo.
  385. ^ La storica rivalità col Lanciano, lanciano.it, 15 febbraio 2007 Archiviato il 6 ottobre 2014 in Internet Archive.
  386. ^ Conte, De Berardinis, Galantini, Op. cit., pag. 16-17-18.
  387. ^ Il tifo organizzato: le rivalità corregionali, wordpress.com, 5 settembre 2013
  388. ^ Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 7-8.
  389. ^ La rivalità con l'Ancona risale principalmente ai playoff di serie C1 stagione 1996-1997, quando si crearono forti tensioni tra le due società e tifoserie. gazzetta.it del 30 maggio 1997, di Nicola Binda. Altri disordini ebbero luogo nel campionato di serie D 2013-2014. abruzzoindependent.it del 15 maggio 2014.
  390. ^ Rivalità di confine. Nelle stagioni di C1, dal 1996 al 2002, non si verificarono incidenti nonostante il grande seguito di entrambe le fazioni. Una intesa tra le due tifoserie venne raggiunta al termine della stagione 2014-2015. picenotime.it del 29 agosto 2015.
  391. ^ Il derby col Chieti, abruzzo24ore.tv, 15 novembre 2011
  392. ^ Amici e rivali della Fermana, brigategialloblu.com
  393. ^ Il derby dell'Adriatico con la Samb., gelocal.it, 15 ottobre 2006
  394. ^ Tifoseria Frosinone, rangers.it, 3 aprile 2009
  395. ^ La rivalità con la Pistoiese risale alla stagione di serie C2 1991-1992, quando a Pistoia, nell'ultima di campionato del 21 giugno 1992, si verificarono numerosi incidenti tra le opposte tifoserie. Maurizio Franchi, Op. cit., pag. 19.
  396. ^ Col Sora incidenti nei playout, tifonet.it, 2 giugno 2003
  397. ^ Tifoseria Viterbese, wordpress.com, 23 marzo 2010
  398. ^ Coppa Italia Giulianova-Montevarchi, giulianovailbelvedere.it, 30 gennaio 2019
  399. ^ Lodigiani: Amicizie e rivalità, ultralodigiani.org
  400. ^ Il tifo giuliese: rivalità passate (Casertana e Palermo), bustocco.it, settembre 2005
  • A cura di Sandro Galantini con testi di Cesare Marcello Conte, Walter De Berardinis, Sandro Galantini, Il calcio a Giulianova dalle origini al 1960, Pescara, Paolo de Siena editore, 2004.
  • Maurizio Franchi, 1971-1996 - 25 anni di vittorie, Giulianova, Digiprint Group, 2004.

Voci correlate

[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio