Adelmo Capelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adelmo Capelli
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista o difensore)
Ritirato 1971 - giocatore
1990 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
195?-1969 Del Duca Ascoli 228 (12; -2)
1969-1970 Civitanovese ? (?)
1970-1972 Giulianova 8+ (2+)[1]
Carriera da allenatore
1969-1970 Civitanovese
1970-1972 Giulianova
1972-1973 Maceratese
1974-1976 Chieti
1977-1978 Giulianova
1978-1979 Catania
1979-1980 Taranto
1980-1981 Brindisi
1982-1983 Trento
1984-1985 Trento
1987-1988 Alessandria
1988-1990 Sassuolo
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Adelmo Capelli (Roma, 23 aprile 1937 – ...) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo centrocampista o difensore.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Giocava preferenzialmente come mediano, con buone doti sia in fase di interdizione sia nella costruzione del gioco; in diversi periodi all'Ascoli giocò anche come terzino sinistro, mentre nella stagione 1965-1966 giocò come vero e proprio regista di centrocampo[2].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Fu innovativo rispetto all'epoca in cui allenò, dal momento che fu uno dei primi allenatori in Italia a giocare con una difesa completamente a zona[3].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Tra la fine degli anni '50 e l'inizio degli anni '60 ha giocato per otto stagioni consecutive in Serie C con la maglia dell'Ascoli, segnando complessivamente 12 gol (8 dei quali nella stagione 1965-1966) in 228 presenze con la maglia bianconera; il 14 febbraio 1965 a San Benedetto del Tronto giocò una parte della partita in porta, subendo 2 gol, a causa dell'infortunio occorso in seguito ad uno scontro fortuito con l'attaccante della Sambenedettese Alfiero Caposciutti al portiere bianconero Roberto Strulli, che alcune ore più tardi avrebbe perso la vita a causa dell'incidente[4]. Nella stagione 1969-1970 è stato giocatore ed allenatore della Civitanovese, in Serie D[5]. Successivamente ha vinto un campionato di Serie D con la maglia del Giulianova nella stagione 1970-1971, nella quale ricopriva il doppio ruolo di giocatore ed allenatore; nella stessa stagione mise a segno un gol nello scontro diretto vinto per 2-1 contro il Bellaria, decisivo ai fini della vittoria del campionato[6].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la vittoria della Serie D con il Giulianova, abbandonò definitivamente il campo rimanendo nella società giallorossa con il solo ruolo di allenatore, che mantenne per tutta la stagione 1971-1972, disputata nel campionato di Serie C. L'anno seguente ha allenato la Maceratese. Nella stagione 1974-1975 alla settima giornata di campionato sostituì Leo Zavatti sulla panchina del Chieti, in Serie C; venne riconfermato alla guida della squadra neroverde anche per la stagione successiva, venendo però esonerato dopo la quarta giornata del girone d'andata in favore di Cristoforo Pinti[7]. Tornò alla guida del Giulianova nella stagione 1977-1978, nella quale subentrò in panchina a stagione in corso a Sergio Manente, chiudendo il campionato al 14º posto in classifica, con la squadra che retrocedette pertanto nel nascente campionato di Serie C2. L'anno seguente ha allenato il Catania[8], nel campionato di Serie C1[9], chiuso al 3º posto in classifica. Ha allenato per le prime 14 partite di campionato il Taranto nella stagione 1979-1980, in Serie B[10]; l'anno successivo allenò il Brindisi nel campionato di Serie C2[11][12]. Allenò poi il Trento in due diversi periodi: nella stagione 1982-1983, nella quale subentrò in panchina a Stevanato dopo poche giornate di campionato[13] (chiusa con un 8º posto in classifica in Serie C1) e nella Serie C1[14], chiusa con l'ultimo posto in classifica e la conseguente retrocessione in Serie C2. Nella stagione 1987-1988 viene ingaggiato dall'Alessandria, società militante in Serie C2, che lo sostituisce a campionato in corso con Dino Ballacci[15]. Nella stagione 1988-1989 ha allenato il Sassuolo in Serie C2, ottenendo un 5º posto in classifica; è stato riconfermato sulla panchina degli emiliani anche per la stagione 1989-1990, sempre in quarta serie, nella quale è stato esonerato a campionato in corso e sostituito da Raffaello Vernacchia[16]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Giulianova: 1970-1971

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Giulianova: 1970-1971

Note[modifica | modifica wikitesto]