Giovan Battista Fabbri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri omonimi, vedi Giovan Battista Fabbri (disambigua).
Giovan Battista Fabbri
Giovan Battista Fabbri.jpg
Gibì Fabbri negli anni settanta
Nazionalità bandiera Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex Centrocampista)
Ritirato 1959 - giocatore
Carriera
Giovanili
Flag of None.svg San Pietro in Casale
Squadre di club1
1945-1947 Centese Centese 33 (14)
1947-1949 Modena Modena 37 (6)
1949-1955 Messina Messina 157 (21)
1955-1956 SPAL SPAL 24 (2)
1956-1957 Pavia Pavia 31 (5)
1957-1959 Varese Varese 38 (7)
Carriera da allenatore
1957-1959 Varese Varese
1959-1963 Torino Torino Giovanili
1963-1964 SPAL SPAL Giovanili
1964-1965 SPAL SPAL
1965-1969 SPAL SPAL Giovanili
1969-1970 SPAL SPAL
1970-1971 Cesena Cesena Giovanili
1971-1972 Sangiovannese Sangiovannese
1972-1973 Giulianova Giulianova
1973-1974 Livorno Livorno
1974-1976 Piacenza Piacenza
1976-1979 L.R. Vicenza L.R. Vicenza
1979-1981 Ascoli Picchio Ascoli
1981-1982 Cesena Cesena
1982-1983 Reggiana Reggiana
1983-1984 Catania Catania
1984-1985 Catanzaro Catanzaro
1985-1986 Foggia Foggia
1986-1987 Bologna
1987-1988 SPAL SPAL
1988-1989 Unione Venezia Venezia
1992-1993 SPAL SPAL
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 
« Ebbi l'onore che Gianni Brera venne in spogliatoio a congratularsi e disse: "Veramente, non avrei mai creduto che una squadra di provincia giocasse al calcio come ha giocato il Vicenza". »
(Giovan Battista Fabbri, allenatore del Lanerossi Vicenza tra il 1976 e il 1979.[1])

Giovanni Battista Fabbri, noto anche come G.B. Fabbri o Gibì Fabbri[2] (San Pietro in Casale, 8 marzo 1926Ferrara, 2 giugno 2015), è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, fra le altre, di Piacenza, Vicenza, Catanzaro, Ascoli, SPAL, Cesena e Bologna.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 ha scritto il libro autobiografico "Gibì, una vita di bel calcio" (Bacchilega editore)[3].

Muore la sera di martedì 2 giugno 2015, all'età di 89 anni.[4]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore eclettico, ha ricoperto numerosi ruoli, tra cui quelli di ala e mediano. Per le sue doti di corsa e resistenza era soprannominato Brusalerba[3].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Fabbri predicava un calcio che per l'epoca (anni settanta/ottanta) era considerato in Italia avanzatissimo, una derivazione del calcio totale olandese[5][6]: terzini a stantuffare sulle fasce, difensori e attaccanti a scambiarsi i ruoli senza troppi imbarazzi[7] e un'estrema spettacolarità di gioco che però veniva pagata con una certa fragilità difensiva[8]. Utilizzava un solo attaccante centrale, supportato dagli inserimenti delle ali sulle corsie esterne e dalle sovrapposizioni dei terzini[9], e preferibilmente senza impiegare un vero e proprio regista[6].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato la carriera nella S.P. Centese in Serie C, disputando 32 partite con 14 reti tra il 1945 e il 1947 e conquistando la promozione in Serie B[10]. In seguito si trasferisce al Modena, con cui esordisce in Serie A nella stagione 1947-1948, e quindi disputa sette stagioni nel Messina (una in Serie C e sei in Serie B)[11]. Nel 1955 torna per una stagione in Serie A con la SPAL, per poi concludere la carriera di calciatore con Pavia (retrocesso dalla Serie B alla Serie C)[12] e Varese, dove ha assunto il doppio ruolo di allenatore-giocatore nel campionato di IV Serie 1957-1958[13].

Ha totalizzato complessivamente da calciatore 61 presenze e 8 reti in Serie A e 140 presenze e 13 reti in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'esordio a Varese, guida le giovanili di Torino[6], SPAL (dove siede a più riprese sulla panchina della prima squadra[13], lanciando il giovane Fabio Capello[3]) e Cesena[13].

Fabbri al Giulianova nel 1972, fra Tancredi, Curi e Alessandrini.

In seguito allena la Sangiovannese, in Serie C[13], e prosegue sulle panchine di Giulianova, dove sfiora la Serie B chiudendo il campionato di C al 2º posto, e Livorno[13]: in Toscana non conclude la stagione, a causa di attriti con la dirigenza, che voleva imporre a Fabbri la formazione[14]. Nel 1974 siede sulla panchina del Piacenza, con cui vince il campionato di Serie C ma non riesce a ottenere la salvezza in quello cadetto, a causa di carenze di organico e un filotto di cinque sconfitte consecutive nel finale di stagione[8][14].

Lasciata Piacenza, viene ingaggiato dal presidente del Lanerossi Vicenza Giuseppe Farina[14]. In Veneto Fabbri ottiene il rilancio personale, potendo contare anche su un giovane Paolo Rossi nelle file della formazione berica. Proprio a Fabbri è attribuita l'intuizione di avere spostato il futuro Pablito dal ruolo di ala destra a quello di centravanti a causa della contingente mancanza di un centrattacco in squadra[3][5]. Con il Lanerossi conquistò nell'arco di due anni una promozione in Serie A e quindi nel 1977-1978 uno storico secondo posto nella massima serie alle spalle della Juventus. Al termine di quella stagione Fabbri vinse il prestigioso riconoscimento del Seminatore d'Oro come migliore allenatore italiano dell'anno[3][5].

Nella stagione successiva, complici le cessioni di Roberto Filippi e Giuseppe Lelj, il Vicenza retrocede in Serie B mostrando solo a sprazzi il gioco spettacolare esibito nelle annate precedenti[15]. Si trasferisce quindi sulla panchina dell'Ascoli, che porta al quinto posto in campionato, massimo traguardo raggiunto dal club marchigiano nella sua storia[13]. Ha inoltre allenato in Serie A anche il Cesena (dove è stato esonerato, complici cattivi risultati e l'ostilità dell'ambiente[16]) e il Catania, con un intermezzo alla Reggiana in Serie B: in tutti e tre i casi le squadre retrocedono a fine stagione[13].

Fabbri e Paolo Rossi, tra i maggiori artefici del cosiddetto Real Vicenza di fine anni settanta.

Nel 1984 riparte dalla Serie C1, alla guida del Catanzaro, con cui ottiene la promozione nella serie cadetta al termine della stagione 1984-1985[17]. Nelle due annate successive subentra sulle panchine del Foggia (sostituendo Corrado Viciani[13]), in C1, e del Bologna, in Serie B, dove è chiamato a sostituire Vincenzo Guerini[18]. Con i rossoblu ottiene la salvezza, ma il suo contratto non viene rinnovato perché il Bologna aveva già messo sotto contratto il giovane allenatore Luigi Maifredi per l'anno successivo[18].

Torna quindi per una stagione alla SPAL (subentrando a Giancarlo Cella[13]), per poi allenare il Venezia-Mestre di Maurizio Zamparini, dove, fra mille polemiche (soprattutto del presidente Zamparini, che considerava la rosa adatta alla categoria) favorì l'esordio della cosiddetta "linea verde", lanciando nel panorama calcistico tre giovani ragazzi, tra cui il promettente trequartista Niky Panarello ed il metronomo di centrocampo Cavedon, e diventando il primo di una lunga serie di allenatori esonerati o non riconfermati dall'imprenditore friulano[19]. Nella stagione 1989-1990 abbandona il campo e diventa il direttore tecnico del Catanzaro.[20]Nel 1990 torna per l'ennesima volta a Ferrara, questa volta come direttore tecnico[21]: ottiene la doppia promozione dalla Serie C2 alla Serie B nel biennio 1990-1992[5][13]. Conclude la carriera di allenatore l'anno seguente sulla panchina degli emiliani, alternandosi a Rino Marchesi e Gian Cesare Discepoli[22].

Ha giocato e allenato in 48 campionati ufficiali, dal 1945 al 1993. La sua attività di allenatore è continuata fino al 1999 con il Club Italia, la squadra federale dei Campioni del Mondo del 1982, per un totale di 57 anni di attività[13].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Messina: 1949-1950

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Lanerossi Vicenza: 1976-1977
Piacenza: 1974-1975
Catanzaro: 1984-1985
SPAL: 1991-1992
1977-1978

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giovan Battista Fabbri nell'intervista della videocassetta VICENZA CALCIO 1902 2002 – 100 ANNI BIANCOROSSI DELLA NOBILE PROVINCIALE
  2. ^ Addio a Gibì Fabbri Lanuovaferrara.gelocal.it
  3. ^ a b c d e Fabbri, il maestro dei maestri "Ho insegnato il calcio ai big" La Gazzetta dello Sport, 2 gennaio 2010
  4. ^ Addio a G.B. Fabbri, Mago del Real Vicenza, in: Il Giornale di Vicenza, 03-06-2015
  5. ^ a b c d Cinquantanni di calcio con Brusalerba. Una serata amarcord con Gibì Fabbri L'Unità, 22 maggio 2010
  6. ^ a b c La ricetta di Gibì: calcio, amore e fantasia Avvenire, 6 marzo 2011
  7. ^ P.Gentilotti, S.Gavardi, Piacenza: i colori del sogno, ed. Sperling&Kupfer, pag.15
  8. ^ a b Stagione 1975-1976 storiapiacenza1919.it
  9. ^ M.Sconcerti, Storia delle idee del calcio, Baldini-Castoldi-Dalai editore, pag.176
  10. ^ C.Mazzaschi, Almanacco storico del calcio centese, pagg.70-76
  11. ^ Statistiche su Messinastory.it web.tiscali.it
  12. ^ Stagione 1956-1957 paviacalcio.altervista.org
  13. ^ a b c d e f g h i j k Giovan Battista Fabbri, 50 Campionati-Story. Da Grande Spal a Real Vicenza di Paolo Rossi. E tanta serie A per Gibì polesinesport.it
  14. ^ a b c Confidenzialmente...G.B. storiedicalcio.altervista.org
  15. ^ Real Vicenza storiedicalcio.altervisya.org
  16. ^ “La vita di bel calcio di Gian Battista Fabbri” Corriere Romagna, 24 dicembre 2008
  17. ^ Stagione 1984-1985 catanzaro1929.com
  18. ^ a b COSE DA PAZZI, È LA SERIE B La Repubblica, 28 ottobre 1987, pag.24
  19. ^ Fabbri: io, prima vittima del mangia-allenatori Zamparini sport.sky.it
  20. ^ Lutto nel calcio, morto Fabbri: precursore del calcio totale ed “inventore” di Paolo Rossi fanpage.it
  21. ^ C.Fontanelli, P.Negri, Il calcio a Ferrara, GEO Edizioni, pag.13
  22. ^ Si è dimesso Fabbri. La Spal a Discepoli Il Corriere della Sera, 12 maggio 1993, pag.35

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]