Paolo Braca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Braca
Paolo Braca.jpg
Braca al Catanzaro nel 1971
Nazionalità Italia Italia
Altezza 173 cm
Peso 69 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Mezzala
Ritirato 1982 - giocatore
1992 - allenatore
Carriera
Giovanili
19??-1961 Giulianova
Squadre di club1
1961-1963 Giulianova 42 (?)
1963-1966 L'Aquila 75 (8)
1966-1967 Napoli 10 (1)
1967 SPAL 2 (0)
1967-1977 Catanzaro 240 (10)
1977-1982 Pro Cavese 125 (3)
Carriera da allenatore
1986-1987Cavese
1990-1991Pro Cavese[1]
1991-1992Battipagliese[2]
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Paolo Braca (Giulianova, 30 luglio 1944) è un ex calciatore italiano, di ruolo mezzala.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È stato prima attaccante, poi interno e centrocampista, arretrato progressivamente - nel corso della sua carriera calcistica - il suo ruolo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Inizia come attaccante esordendo giovanissimo — a soli 17 anni — nel Giulianova in Serie D per passare, nel 1963, in Serie C all'Aquila dove rimane per tre stagioni.

Braca (accosciato, primo da destra) nel Catanzaro del 1971-1972

In occasione di un ritiro del Napoli in Abruzzo, viene selezionato dagli osservatori partenopei e passa in maglia azzurra nell'estate del 1966. Il 25 settembre 1966 Bruno Pesaola lo fa esordire a Napoli contro la SPAL in Serie A, accanto a calciatori come Pierluigi Ronzon, Ottavio Bianchi, Antonio Juliano, Alberto Orlando, Omar Sívori, Cané e successivamente con Gastone Bean e José Altafini. In quel campionato Braca, schierato sistematicamente all'ala sinistra, gioca 10 partite e segna il suo primo ed unico gol nella massima serie il 2 ottobre in trasferta contro la Roma.

Passa nel 1967 proprio alla SPAL del suo esordio in Serie A assieme al giovane Alberto Reif in quanto il presidente dei biancoazzurri, Paolo Mazza, pensa di sfruttare Braca come attaccante. Dopo 2 gare di campionato - contro il Lanerossi Vicenza e contro la Roma - lo sostituisce con i giocatori del Napoli Bean e Alberto Bigon, restituendo ai partenopei Braca che viene girato al Catanzaro in Serie B.

In Calabria Braca — pur scontando una prolungata assenza per un infortunio — si realizza definitivamente dal punto di vista calcistico. Trasformato prima in interno, diviene poi il regista dei giallorossi con i quali gioca dieci campionati, scendendo in campo per 240 volte in campionato e realizzando 10 reti. Con il Catanzaro Braca ottiene due promozioni in Serie A — la prima sotto la guida di Gianni Seghedoni e la seconda sotto quella di Gianni Di Marzio — disputando successivamente entrambi i campionati nella massima serie.

Braca (accosciato, primo da destra) capitano della Cavese nel 1980-1981

Nel 1977 Braca torna in Serie C la Pro Cavese di Corrado Viciani e ottiene, nel 1981 con Pietro Santin come allenatore, la promozione in Serie B. Nel campionato successivo, pur facendo parte della rosa, non viene mai schierato nelcampionato cadetto e pertanto chiude, alla soglia dei 38 anni nel 1982, con il calcio giocato.

In carriera ha collezionato complessivamente 57 presenze ed una rete in Serie A e 199 presenze e 10 reti in Serie B.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Cavese: 1980-1981 (girone B)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del Calcio 1992, Modena, Panini, p. 327
  2. ^ Almanacco illustrato del Calcio 1992, Modena, Panini, p. 359

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gualtiero Becchetti e Giorgio Palmieri, La SPAL 1908-1974, Bologna, Daniele Rubboli Editore, 1974.
  • Carlo Fontanelli e Paolo Negri, Il calcio a Ferrara, Empoli, GEO edizioni, 2009.
  • Almanacco illustrato del Calcio, Modena, Panini, annate 1973, 1975, 1976, 1977 e 1979.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]