Pasquale Minuti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pasquale Minuti
Nazionalità Italia Italia
Altezza 169 cm
Peso 65 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1997 - giocatore
Carriera
Giovanili
Sambenedettese
Squadre di club1
1981-1984 Sambenedettese 6 (0)
1984-1985 Lucchese 26 (3)
1985-1986 Siena 16 (1)
1986-1988 Lanciano 60 (10)
1988-1989 Fano 29 (15)
1989-1990 Licata 33 (3)
1990-1993 Sambenedettese 77 (23)
1993-1994 Giulianova 15 (4)
1994-1995 Avellino 23 (8)
1995-1996 Ascoli 30 (3)
1996-1997 Pisa 28 (6)
Carriera da allenatore
2004-2006 Maceratese Vice
2006-2008 600px Giallo e Azzurro.svg Cuprense
2008-2009 Maceratese
2009 Sambenedettese
2010-2011 600px Giallo e Blu Strisce-Flag.svg Montegranaro
2011 600px bisection vertical HEX-FF0000 White.svg Ripatransone United
2014-2016 600px Rosso Giallo e Blu con banda Gialla.png Atletico Azzurra Colli
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 27 aprile 2015

Pasquale Minuti (San Benedetto del Tronto, 16 febbraio 1965) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresce nel vivaio della Sambenedettese ed esordisce giovanissimo in Serie B, dove trova poco spazio. Viene ceduto quindi alla Lucchese. Nella seconda metà degli anni ottanta indossa diverse maglie fino ad approdare al Licata, in Serie B, dove retrocede nella stagione 1989-1990.

L'anno successivo torna alla Sambenedettese, che era retrocessa in Serie C2. In questa annata realizza 11 gol e ottiene la promozione in Serie C1; nei due anni successivi rimane a San Benedetto del Tronto, dove il club riesce a salvarsi in entrambi i casi prima di fallire.

Successivamente veste le maglie di Giulianova, Avellino (dove ottiene una promozione in Serie B), Ascoli e Pisa. Dopo l'avventura toscana continua a giocare in club non professionistici delle Marche; nel 2004-2005, quarantenne, viene chiamato dalla Maceratese per fare da giocatore-vice allenatore di Francesco Nocera (ex capitano dell'Ancona) e gioca 2 gare realizzando una rete.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006-2007 si siede sulla panchina della Cuprense, in Promozione, e la porta ad una salvezza. Nella stagione successiva vince i play-off contro la Fermana e porta la squadra a giocare in Eccellenza.

Nel giugno 2008 viene chiamato per allenare, questa volta non da vice, la Maceratese. La squadra chiude la stagione con la retrocessione dalla Serie D.

Nel 2009 inizia l'avventura nella Sambenedettese appena fallita, che ripartì dall'Eccellenza; dopo appena due giornate, avendo totalizzato un punto, si dimette dall'incarico per lasciar posto ad Ottavio Palladini.

Nel 2010 viene chiamato alla guida del Montegranaro in Eccellenza dove ottiene la salvezza. Dal 16 dicembre 2011 subentra alla guida del Ripatransone United.[1] Nella stagione 2014-2015 viene chiamato sulla panchina dell'Atletico Azzurra Colli in Prima Categoria, con cui vince il campionato e viene confermato per la stagione successiva in Promozione[2]. A gennaio 2016 viene esonerato.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Sambenedettese: 1991-1992

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Atletico Azzurra Colli: 2014-2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ecco Colella, Orlandi e Casali. "Ripatransone United protagonista"[collegamento interrotto] Quelliche.net
  2. ^ Pagellone di fine anno

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]