Castel Maggiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Castelmaggiore" rimanda qui. Se stai cercando la frazione di Calci in provincia di Pisa, vedi Castelmaggiore (Calci).
Castel Maggiore
comune
Castel Maggiore – Stemma Castel Maggiore – Bandiera
Castel Maggiore – Veduta
Il Palazzo comunale.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Città metropolitanaCittà metropolitana di Bologna - Stemma.svg Bologna
Amministrazione
SindacoBelinda Gottardi (PD) dal 26-5-2014 (2º mandato dal 27-5-2019)
Territorio
Coordinate44°34′40″N 11°21′42″E / 44.577778°N 11.361667°E44.577778; 11.361667 (Castel Maggiore)Coordinate: 44°34′40″N 11°21′42″E / 44.577778°N 11.361667°E44.577778; 11.361667 (Castel Maggiore)
Altitudine29 m s.l.m.
Superficie30,9 km²
Abitanti18 622[1] (31-12-2019)
Densità602,65 ab./km²
FrazioniCastello, Boschetto, Castiglia, Garluda (o Lirone), Primo Maggio, Sabbiuno di Piano, Torre Verde, Trebbo di Reno, Osteria del Gallo
Comuni confinantiArgelato, Bentivoglio, Bologna, Calderara di Reno, Granarolo dell'Emilia, Sala Bolognese
Altre informazioni
Cod. postale40013
Prefisso051
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT037019
Cod. catastaleC204
TargaBO
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 224 GG[3]
Nome abitanticastelmaggioresi
Patronosant'Andrea Apostolo
Giorno festivo30 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castel Maggiore
Castel Maggiore
Castel Maggiore – Mappa
Posizione del comune di Castel Maggiore nella città metropolitana di Bologna
Sito istituzionale

Castel Maggiore (a volte indicato erroneamente come Castelmaggiore; Castèl Mażåur in dialetto bolognese[4]) è un comune italiano di 18 622 abitanti della città metropolitana di Bologna in Emilia-Romagna, situato a circa nove chilometri a nord rispetto al centro storico del capoluogo, fa parte dell'Unione Reno Galliera.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi testi che parlano dell'esistenza del Comune, anticamente chiamato Castaniolo, risalgono a documenti del X secolo. L'edifizio più antico ancora presente nel territorio comunale è la chiesa (ormai non più ufficiata) dedicata a San Biagio, nella zona industriale (Via di Saliceto, incrocio con Strada Stradellazzo - o Strada Stradellaccio, o Via Stradellaccio). Di costruzione romanica, dalla semplice architettura, è affiancata da un tozzo campanile, non particolarmente alto, ma di un certo fascino. In seguito Castaniolo venne caratterizzato dall'appellativo Maggiore, per distinguerlo dalla località Castagnolo Minore del comune di Bentivoglio. La leggenda narra che il nome derivi da un grosso tronco di castagno che sarebbe stato trasportato sul territorio comunale dal Canale Navile.

Il 3 giugno 1818 viene ufficializzato dalle autorità pontificie il cambio di nome da Castagnolo Maggiore a Castel Maggiore in seguito alla crescita urbanistica che il paese attraversa all'inizio dell XIX secolo.[5] Il paese subì notevoli bombardamenti durante la Seconda guerra mondiale a causa del passaggio della ferrovia Bologna-Padova.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Titolo di Città - nastrino per uniforme ordinaria Titolo di Città
«Decreto del Presidente della Repubblica[6]»
— 7 novembre 2006

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Castel Maggiore non può vantare particolari emergenze storico-artistiche o monumenti di rilievo di natura pubblica, tuttavia il territorio comunale ospita edifici privati di notevole interesse. In particolare, meritano una citazione:

  • Villa Zarri, cinquecentesca ma rimaneggiata nel Settecento, con ampio giardino disseminato di statue, sede anche di una piccola azienda produttrice di brandy di qualità.
  • Villa Salina, che ora ospita strutture di proprietà della Regione, dal caratteristico cancello sormontato da sfingi. Si trova nella frazione Primo Maggio, a sud del centro di Castel Maggiore.
  • Villa Isabella, tipica villa bolognese d'età barocca, di cui conserva ancora interessanti affreschi nella loggia passante ed in alcune stanze al piano terreno, oltre a svariate statue nel giardino e un laghetto artificiale con isoletta (oggi privo di acqua).

Inoltre, il comune è attraversato dal Canale Navile, che da Bologna giunge fino a Malalbergo (per una lunghezza complessiva di 33 km). Piacevole si rivela passeggiare lungo le rive del canale, in particolare nei pressi dell'antico palazzo del sostegno, con timpano triangolare e altorilievo neoclassico. Anche il Lungoreno offre la possibilità di percorsi naturalistici di interesse, in particolare a Trebbo di Reno. Nel territorio di Castel Maggiore è sita la caserma "Montezemolo" del Reggimento genio ferrovieri. Nel 2013 in via Matteotti si sta completando un altro grattacielo (oltre a quello già esistente di Piazza II Agosto 1980), la Torre Frascari. Con i suoi 25 piani e 87 metri di altezza sarà il terzo edificio più alto della città metropolitana di Bologna, il primo escludendo il capoluogo.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Primo Maggio[modifica | modifica wikitesto]

Primo Maggio è una piccola frazione a sud del comune. Confina direttamente col quartiere Corticella di Bologna. È presente la Villa Salina, una scuola elementare, una materna e la stazione ferroviaria di Corticella.

Trebbo di Reno[modifica | modifica wikitesto]

Trebbo di Reno prende il suo nome dall'omonimo fiume che lo attraversa e dal luogo dove s'incontrano tre vie, onde al paese naturalmente vennero, nel passato i nomi di Triplum, poi Tribium, ed infine nel Medioevo Tribblum, e da quelli corrotti si chiamò come pur ora Trebbo. Si trova a sud-ovest di Castel Maggiore ed a pochi chilometri, fuori di Porta delle Lame, dal Comune di Bologna. Nel territorio di questa frazione si trova la Chiesa di San Giovanni Battista del Trebbo, la chiesa parrocchiale del paese.

Boschetto[modifica | modifica wikitesto]

La frazione Boschetto è situata a nord-ovest del comune di Castel Maggiore. Vi risiedono 27 abitanti[7].

Torre Verde[modifica | modifica wikitesto]

La frazione Torre Verde è situata a nord della frazione Trebbo ed a sud della località Garluda e della frazione Boschetto.

Sabbiuno di Piano[modifica | modifica wikitesto]

Piccolo agglomerato di case ad est del capoluogo, passata la strada via Saliceto. È quivi presente una scuola elementare (Franchini), un ristorante, una comunità di accoglienza (Giovanni XXIII), una scuola materna (parrocchiale).

Parrocchie[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Sottopasso della Stazione ferroviaria suburbana di Castel Maggiore
Torre Frascari 1 in costruzione a Castel Maggiore

Il servizio di trasporto pubblico a Castel Maggiore è assicurato dalle autocorse urbane (prolungamenti festivi), suburbane e interurbane svolte dalla società TPER. Il comune è inoltre servito dalla stazione urbana di Bologna Corticella e da quella suburbana di Castel Maggiore, entrambe parte della rete del Servizio Ferroviario Metropolitano di Bologna. Fra il 1889 e il 1955 la frazione Trebbo ospitò una stazione della Tranvia Bologna-Pieve di Cento, intensamente utilizzata sia per il traffico pendolare fra la campagna e gli opifici bolognesi che per il trasporto delle barbabietole da zucchero, allora fra i principali prodotti agricoli della zona.

Istruzione e cultura[modifica | modifica wikitesto]

All'interno del territorio comunale è presente una scuola secondaria di secondo grado: l'Istituto Statale Istruzione Superiore John Maynard Keynes[9]. L'Istituto offre contemporaneamente un'istruzione di tipo liceale (con un liceo scientifico e un liceo linguistico) e una formazione di tipo tecnico. Gli alunni di tale Istituto partecipano attivamente anche alla realizzazione di spettacoli e musical per il Teatro Biagi D'Antona, anch'esso situato all'interno del territorio comunale.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Primo cittadino Partito Coalizione Mandato Elezione
Inizio Fine
Amedeo Servisi Partito Comunista Italiano 1946 1951 Elezioni 1946
Mario Mazzacurati Partito Comunista Italiano 1951 1956 Elezioni 1951
Carlo Garulli Partito Socialista Italiano 1956 1960 Elezioni 1956
1960 1965 Elezioni 1960
1965 1970 Elezioni 1965
Amedeo Mazzoni Partito Comunista Italiano 1970 1975 Elezioni 1970
1975 1980 Elezioni 1975
Renzo Maresti Partito Comunista Italiano 1980 1985 Elezioni 1980
1985 1986 Elezioni 1985
Mauro Grazia Partito Comunista Italiano 1986 1990
1990 1992 Elezioni 1980
Gabriella Ercolini Partito Democratico della Sinistra 1992 1995
Democratici di Sinistra 1995 1999 Elezioni 1995
1999 2004 Elezioni 1999
Marco Monesi Democratici di Sinistra DS-DL-PRC 2004 2009 Elezioni 2004
Partito Democratico PD-IdV-FdS 2009 2014 Elezioni 2009
Belinda Gottardi Partito Democratico PD-SEL 2014 2019 Elezioni 2014
PD-Lista civica 2019 in carica Elezioni 2019

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Luigi Lepri, Daniele Vitali (a cura di), Dizionario Bolognese Italiano / Italiano-Bolognese, Bologna, Pendragon, 2007, pp. 348-354, ISBN 978-88-8342-594-3.
  5. ^ Il Comune di Castel Maggiore assume l'attuale denominazione, su cittametropolitana.bo.it. URL consultato il 3 giugno 2020.
  6. ^ http://www.comune.castel-maggiore.bo.it/servizi/Menu/dinamica.aspx?idSezione=439&idArea=3&idCat=70&ID=133&TipoElemento=categoria
  7. ^ La frazione di Boschetto nel comune di Castel Maggiore, su italia.indettaglio.it.
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ Sito istituzionale

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN150210987
Emilia Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Emilia