Castiglione dei Pepoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castiglione dei Pepoli
comune
Castiglione dei Pepoli – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Provincia Provincia di Bologna-Stemma.png Bologna
Amministrazione
Sindaco Maurizio Fabbri (lista civica Bene comune) dal 27/05/2014
Territorio
Coordinate 44°09′00″N 11°09′00″E / 44.15°N 11.15°E44.15; 11.15 (Castiglione dei Pepoli)Coordinate: 44°09′00″N 11°09′00″E / 44.15°N 11.15°E44.15; 11.15 (Castiglione dei Pepoli)
Altitudine 691 m s.l.m.
Superficie 65,76 km²
Abitanti 5 739[1] (31-12-2014)
Densità 87,27 ab./km²
Frazioni Baragazza, Ca' di Landino, Creda, Lagaro, Rasora, Roncobilaccio, San Giacomo, Sparvo, Spianamento, Monte Baducco, Valli
Comuni confinanti Barberino di Mugello (FI), Camugnano, Firenzuola (FI), Grizzana Morandi, San Benedetto Val di Sambro, Vernio (PO)
Altre informazioni
Cod. postale 40035
Prefisso 0534
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 037022
Cod. catastale C296
Targa BO
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti castiglionesi
Patrono san Lorenzo
Giorno festivo 10 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castiglione dei Pepoli
Castiglione dei Pepoli
Posizione del comune di Castiglione dei Pepoli nella città metropolitana di Bologna
Posizione del comune di Castiglione dei Pepoli nella città metropolitana di Bologna
Sito istituzionale

Castiglione dei Pepoli (Castión in dialetto bolognese montano alto[2][3]) è un comune italiano di 5.739 abitanti della città metropolitana di Bologna, in Emilia-Romagna.

Noto dapprima come Castiglione dei Gatti[4], fino al 1863, divenne poi feudo dei Pepoli. Nel XII secolo si trovava sotto la signoria feudale dei conti Alberti di Prato e Mangone. Nel 1340 le terre degli Alberti furono vendute ai Pepoli. È oggi uno dei comuni membri dell'Unione dell'Appennino Bolognese.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]


Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istituzioni scolastiche[modifica | modifica wikitesto]

  • IIS Caduti della Direttissima, scuola secondaria che raccoglie 4 diversi indirizzi: Liceo Scientifico, IGEA (tecnico commerciale), Professionale per l'Industria Elettrico-Elettronica, Professionale per il Turismo. A partire dal 2006 è attivo presso la scuola un corso serale di indirizzo tecnico-commerciale che affianca l'attività, avviata da diversi anni, del centro territoriale per l'educazione degli adulti. tel 0534 803511
  • IC Castiglione Camugnano, istituto comprensivo tel 0534 91120

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

  • Baragazza è una frazione di circa 1000 abitanti sita a 4 km da Castiglione dei Pepoli, ai piedi del Santuario della Beata Vergine delle Grazie di Boccadirio, meta turistica per migliaia di fedeli. Il patrono è San Michele Arcangelo, festeggiato il 29 settembre.
  • Bagucci dista da Castiglione dei Pepoli 2,09 Km, e si trova a 856 metri sul livello del mare e conta circa 20 residenti.
  • Lagaro è una frazione di circa 1000 abitanti, si trova a 400 m di altezza e ciò garantisce un clima mite durante l'estate e non troppo rigido in inverno. Il patrono è San Mamante, festeggiato ufficialmente nella prima domenica di settembre.
  • Rasora si trova a circa 5 km dal capoluogo in direzione di Prato e ha una popolazione di circa 100 abitanti. Il patrono è San Rocco, festeggiato il 16 agosto.
  • Roncobilaccio a 1 km dal casello autostradale omonimo è un noto snodo dell'appennino tosco emiliano, posto a metà tra Prato e Bologna, ai piedi del passo della Futa.
  • Sparvo si trova a pochi chilometri dal centro del paese ed è sede di alcune attività agricole, essendo per buona parte campi e campagna. Località di Sparvo sono Prediera di Sopra e Prediera di Sotto.
  • Monte Baducco, situato a circa 1.000 metri di quota nei pressi del Monte Gatta
  • Creda è una frazione di circa 350 abitanti, si trova a 500 m di altezza e dista 7 km dal capoluogo. Il patrono è San Giacomo Maggiore festeggiato il 25 luglio.

Persone legate a Castiglione dei Pepoli[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il comune era servito da una stazione ubicata nella Grande Galleria dell'Appennino posta sulla Ferrovia Bologna-Firenze (direttissima). La stazione, denominata Precedenze ed ora disabilitata, era raggiungibile tramite un tunnel inclinato di 27[6] gradi sull'orizzonte, attrezzato con 1.863 gradini. Il tunnel pedonale sbucava in località Cà di Landino.

Ai limiti meridionali del territorio comunale è ubicata la stazione meteorologica di Cottede, attiva dal 1938 e gestita dal Servizio Idrometeorologico dell'ARPA Emilia-Romagna.

Nel territorio comunale, in via Bolognese 51, si trova un cimitero di guerra sudafricano contenente le spoglie di 502 soldati della Seconda guerra mondiale.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
21 giugno 1985 24 aprile 1995 Giancarlo Rocchetta PCI, PDS Sindaco [7]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Prospero Giorgi centro Sindaco [7]
14 giugno 1999 8 giugno 2009 Marcello Materassi lista civica Sindaco [7]
8 giugno 2009 27 maggio 2014 Daniela Enrica Aureli lista civica Sindaco [7]
27 maggio 2014 in carica Maurizio Fabbri lista civica: Bene comune Sindaco [7]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l'A.S.D. Castiglione Calcio che milita nel girone A bolognese di 3ª Categoria.

Pallacanestro[modifica | modifica wikitesto]

La Pallacanestro Castiglione, fondata nel 1995 è attualmente iscritta al campionato seniores CSI di Bologna.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Comune di Castiglione dei Pepoli - Popolazione residente al 31 dicembre 2014.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 178.
  3. ^ Luigi Lepri, Daniele Vitali (a cura di), Dizionario Bolognese Italiano / Italiano-Bolognese, Bologna, Pendragon, 2007, pp. 348-354, ISBN 978-88-8342-594-3.
  4. ^ TCI: Emilia Romagna Anna Ferrari-Bravo, Touring Editore, 1991.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Supplemento a "La tecnica professionale", luglio 1934, pag.3
  7. ^ a b c d e http://amministratori.interno.it/
emilia Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di emilia