Pieve di Cento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pieve di Cento
comune
Pieve di Cento – Stemma Pieve di Cento – Bandiera
Pieve di Cento – Veduta
Porta Ferrara (una delle quattro porte del ‘300 oltre a Porta Bologna,Cento e Asia)
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Città metropolitanaCittà metropolitana di Bologna - Stemma.png Bologna
Amministrazione
SindacoSergio Maccagnani (Democratici per Pieve) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate44°42′47″N 11°18′30″E / 44.713056°N 11.308333°E44.713056; 11.308333 (Pieve di Cento)Coordinate: 44°42′47″N 11°18′30″E / 44.713056°N 11.308333°E44.713056; 11.308333 (Pieve di Cento)
Altitudine18 m s.l.m.
Superficie15,94 km²
Abitanti7 075[1] (31-3-2018)
Densità443,85 ab./km²
FrazioniCantone
Comuni confinantiCastello d'Argile, Cento (FE), Galliera, San Pietro in Casale, Terre del Reno (FE)
Altre informazioni
Cod. postale40066
Prefisso051
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT037048
Cod. catastaleG643
TargaBO
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Nome abitantiPievesi
PatronoSan Giuseppe
Giorno festivo19 marzo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pieve di Cento
Pieve di Cento
Pieve di Cento – Mappa
Posizione del comune di Pieve di Cento nella città metropolitana di Bologna
Sito istituzionale

Pieve di Cento (Pîv ed Zent in dialetto bolognese settentrionale[2]) è un comune italiano di 7.075 abitanti della città metropolitana di Bologna, in Emilia-Romagna, situato lungo il corso di pianura del fiume Reno (Italia) nel punto in cui esso lo divide dalla Provincia di Ferrara, fa parte dell'Unione Reno Galliera.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Pieve di Cento è appartenuto alla provincia di Ferrara fino al 1929, anno in cui fu assegnato alla provincia di Bologna[3]. In origine costituiva, come dimostra il nome, la pieve (ossia la chiesa parrocchiale) di Cento, che ne era sprovvista.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Casa degli Anziani.
  • Casa della Musica.
  • Palazzo Comunale
  • Teatro comunale Alice Zeppilli

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • La Rocca
  • Porta Cento
  • Porta Asia
  • Porta Bologna
  • Porta Ferrara

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

ULTIMO DATO ANNO 2016: abitanti 7010

Bonifica Agraria[modifica | modifica wikitesto]

La lunga fase di bonifica dei terreni paludosi, e il loro recupero all'agricoltura, furono operati soprattutto tramite la partecipanza agraria di Pieve di Cento, attraverso la quale gli abitanti del paese, partecipando a oneri e godendo dei vantaggi, mantenevano la proprietà collettiva.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il servizio di trasporto pubblico è assicurato dai servizi di corse suburbane di autobus della società TPER.

Fra il 1889 e il 1955 Pieve di Cento rappresentò il capolinea di una tranvia che la congiungeva con Bologna, intensamente utilizzata sia per il traffico pendolare fra la campagna e gli opifici cittadini, sia per il trasporto delle barbabietole da zucchero, di cui l'abitato era uno dei principali centri di raccolta.

Fino ai primi anni del ‘900 a Pieve di Cento era presente una ferrovia (utilizzata per il trasporto dei lavoratori) con relativa stazione. Non ritenuto più necessario l’utilizzo della linea il trasporto fu rimpiazzato da una serie di bus. Presso il Museo della Storia di Pieve alla Rocca una intera sala è dedicata al tema. Apertura Museo Domenica 10.00-11.00

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
22 ottobre 1986 10 luglio 1990 Gianni Melloni PCI Sindaco [5]
10 luglio 1990 24 aprile 1995 Gianni Melloni PDS, PCI Sindaco [5]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Gianni Melloni lista civica Sindaco [5]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Milena Correggiari lista civica Sindaco [5]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Milena Correggiari lista civica Sindaco [5]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Sergio Maccagnani lista civica Sindaco [5]
26 maggio 2014 in carica Sergio Maccagnani lista civica: Democratici per Pieve Sindaco [5]

Il primo sindaco di Pieve dopo la liberazione è stato Vladimiro Ramponi al quale è stato dedicato il centro culturale (ovvero la biblioteca pubblica e la pinacoteca civica, adiacenti alla Piazza).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2018.
  2. ^ Luigi Lepri, Daniele Vitali (a cura di), Dizionario Bolognese Italiano / Italiano-Bolognese, Bologna, Pendragon, 2007, pp. 348-354, ISBN 978-88-8342-594-3.
  3. ^ Regio Decreto Legge 24 gennaio 1929, n. 106, art. 1
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN169604329 · ISNI (EN0000 0001 2206 9568
Emilia Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di emilia