Molinella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la frazione di Lendinara in provincia di Rovigo, vedi Molinella (Lendinara).
Molinella
comune
Molinella – Stemma Molinella – Bandiera
Molinella – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Città metropolitana Città metropolitana di Bologna - Stemma.png Bologna
Amministrazione
Sindaco Dario Mantovani (Partito Democratico) dal 09/06/2014
Territorio
Coordinate 44°37′03.29″N 11°40′01.88″E / 44.61758°N 11.66719°E44.61758; 11.66719 (Molinella)Coordinate: 44°37′03.29″N 11°40′01.88″E / 44.61758°N 11.66719°E44.61758; 11.66719 (Molinella)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 127,84 km²
Abitanti 17 890[1] (07-11-2016)
Densità 139,94 ab./km²
Frazioni Marmorta, San Martino in Argine, San Pietro Capofiume, Selva Malvezzi
Comuni confinanti Argenta (FE), Baricella, Budrio, Medicina
Altre informazioni
Cod. postale 40062
Prefisso 051
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 037039
Cod. catastale F288
Targa BO
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 168 GG[2]
Nome abitanti Molinellesi
Patrono San Matteo
Giorno festivo 21 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Molinella
Molinella
Molinella – Mappa
Posizione del comune di Molinella nella città metropolitana di Bologna
Sito istituzionale

Molinella (Mulinèla o La Mulinèla in dialetto bolognese orientale[3]) è un comune italiano di 15.876 abitanti[1] situato nell'estremità nord-orientale della città metropolitana di Bologna, in Emilia-Romagna.

Si fregia del titolo di città dal 24 giugno 2003[4]. Il suo nome deriva dall'antica e diffusa presenza di mulini ad acqua, perlopiù scomparsi[5].

L'insediamento e le vie di collegamento[modifica | modifica wikitesto]

Panoramica di Molinella nel 1902, poco prima della demolizione della cella campanaria del campanile di San Matteo

Il territorio comunale si estende nella bassa pianura bolognese ai confini con il ferrarese su di una superficie di 127,87 km² con un'altitudine media di 8 metri sul livello del mare. È quindi il comune con l'altitudine minore di tutta la città metropolitana. I maggiori corsi d'acqua che lo attraversano sono il fiume Reno (appena un chilometro a nord del capoluogo), il torrente Idice e i canali Botte e Lorgana. I Comuni confinanti sono: Argenta (Provincia di Ferrara) a nord e a est, Medicina a Sud, Budrio a Sud-Ovest e Baricella a nord-ovest. I maggiori centri urbani, Bologna e Ferrara distano rispettivamente 36 e 28 km.

Il comune dispone di una stazione ferroviaria nel capoluogo e di una nella località di Guarda, entrambe sulla linea Bologna–Portomaggiore.

A livello della rete stradale i collegamenti principali per Bologna sono dati dalle strade provinciali Zenzalino e San Donato, mentre per Ferrara la strada provinciale Zenzalino fino alla statale Adriatica e la Via Imperiale (SP 25).

Le autostrade più vicine sono la A13 con i caselli di Ferrara Sud (20 km) e Bologna Interporto (25 km) e la A14 con il casello di Castel San Pietro Terme (25 km).

Frazioni e località[modifica | modifica wikitesto]

Le frazioni sono:

Le località principali sono le seguenti:

Alberino

Alberino è un nucleo abitativo aggregato a San Pietro Capofiume addossato al fiume Reno. Qui nacque nel 1856 il poeta Severino Ferrari, amico di Pascoli e del Carducci. La sua casa natia è ancora visibile in buone condizioni.

Alfonsoni

Alfonsoni è un nucleo abitato sorto attorno ad un'antica officina e ad una falegnameria ai primi dell'Ottocento di tale Alfonso Ungarelli che aveva alcuni figli maschi, chiamati perciò gli Alfonsoni; questa località è contigua al capoluogo.

Il solitario campanile di Durazzo è l'unico superstite del borgo medievale distrutto nel XVIII secolo dalle continue alluvioni.

Buriane

Buriane o Le Buriane è un piccolo nucleo abitato al confine sud-ovest del comune, presso Mezzolara, frazione di Budrio. Buriane si trova situato lungo lo stradello omonimo, perpendicolare all'antico corso dell'Idice.

Durazzo è una antica località dove sorgeva l'omonimo borgo, scomparso nel corso degli anni. Rimane soltanto il campanile della seicentesca chiesa dei Santi Filippo e Giacomo.

La villa Malvezzi-Lupari nella località Malvezza

Ghiaroni

Il nome Ghiaroni fa riferimento alla ghiaia colà portata in quantità a fine Settecento per opere idrauliche; questa località è stata accorpata alla frazione di San Pietro Capofiume.

Guarda

Guarda era un antico posto di guardia (da cui il nome) sul fiume Idice, attivo fino al 1816, quando il fiume fu deviato.

Malvezza

Malvezza, così denominata dalla sontuosa villa, recentemente restaurata, costruita a fine Seicento dalle famiglie Malvezzi e Lupari. Accanto alla villa si trova il piccolo oratorio di San Antonio da Padova, in stato di abbandono.

Miravalle

Miravalle è un nucleo abitativo formatosi nel Cinquecento attorno ad un piccolo porto al termine dell'antica via Barattino, in posizione adiacente alle valli, da cui il toponimo.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Le principali attività industriali e artigianali della zona sono date dall'industria elettromeccanica ed elettronica, dalla produzione di macchine agricole e dalla produzione e dalla lavorazione e manipolazione di prodotti agricoli. Ruolo importante è costituito dall'artigianato di servizio e naturalmente dalle attività agricole.

Molinella possiede un'aviosuperficie, dove si trova una sede distaccata dell'aeroclub di Bologna. È frequentemente usata da aerei da turismo e conosciuta per il paracadutismo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A sinistra la torre di Santo Stefano e a destra il campanile pendente

Prima del IV secolo d.C. la zona dove sorge Molinella faceva parte dell'immensa valle Padusa ed era perciò quasi completamente disabitata; l'abitato di fondazione romana più prossimo era verosimilmente Veterana (l'attuale Vedrana di Budrio). A partire IV-V secolo, a causa dei depositi dei fiumi e dei torrenti che qui scaricavano le loro acque, si iniziò a formare un ampio dosso che emergeva dalle acque denominato Ludurium (luogo fangoso). Questa è il più antico toponimo dell'area. La relativa sicurezza di questo luogo, protetto dalle continue alluvioni, permise all'uomo di creare i primi insediamenti stabili.

Il toponimo Molinella, o meglio Torre di Santo Stefano della Mulinella, compare per la prima volta in un documento del 1322. La torre di Santo Stefano venne eretta nel medioevo sul Ludurium per rafforzare il confine bolognese di nord-est, dato che la Torre dei Cavalli, che ne era il baluardo più importante, non garantiva più un controllo efficace dell'esteso confine.

Nel 1371 il cardinale Anglico scrive della torre: "La torre di Molinella è posta fra acque e valli e qui vi è un passo pel quale si va a d Argenta, a Ferrara, alla bassa Romagna per acqua e dal qual passo transitano molte mercanzie, tante importate a Bologna, quante esportate per detti luoghi. Dista IV miglia andando per acqua dalla torre dei Cavalli, e circa XX da Bologna e circa X da Argenta. Detta torre è custodita da un castellano bolognese che ha prestate buone garanzie alla Camera e riceve in paga sei fiorini e mezzo" [6]

Il villaggio costituitosi presso la torre era molto vicino ad una grande ansa del Po di Primaro (in cui venne fatto scorrere il Reno nel Settecento). Presso Traghetto (Argenta), ma appena un chilometro a nord di Molinella, è ancora possibile vedere le antiche arginature e quello che rimane del Po di Primaro che vi giunge da Ferrara.

Paradossalmente prima del Quattrocento erano le frazioni dell'odierna Molinella che avevano maggior fama e il centro più antico era in assoluto quello che si raccoglieva attorno ad un'opera difensiva chiamata Torre dei Cavalli o Cavagli, non più esistente e ricordata da un cippo a 5 km ad est del centro di Molinella, che faceva parte assieme alla Torre di Galliera ed altre ancora di un sistema difensivo bolognese.

Si presume che la principale funzione della Torre dei Cavalli fosse quello di controllare i traffici terrestri e fluviali tra Argenta e Bologna.

Tipico complesso rurale locale a "corte aperta" della fine del XVIII secolo. Gli edifici presentano un intonaco rosso con bordature gialle e imposte verdi, stile molto diffuso negli edifici rurali della zona

Il villaggio presso la torre di Santo Stefano nacque come villaggio di strada[7], crebbe d'importanza a causa dei commerci del suo porto e come passaggio doganale obbligato. Molinella, situata da sempre al confine fra il territorio bolognese e quello ferrarese, era luogo di passaggio importante non solo per il trasporto delle merci, ma anche per il passaggio di fuorusciti e banditi. Il paese era perciò sede di dogane e dazi che controllavano coloro che transitavano sull'Idice e coloro che attraversavano con il traghetto il Po di Primaro a nord di Molinella (Passo del Morgone e Traghetto).

Mappa della zona nel 1599 con evidenziata Molinella

Battaglia della Riccardina[modifica | modifica wikitesto]

Il suo territorio è stato teatro di una battaglia (Battaglia della Riccardina), il 25 luglio 1467, cui partecipò da protagonista Bartolomeo Colleoni. La battaglia è famosa perché il Colleoni vi usò massicciamente, primo caso nella storia, delle armi da fuoco, suscitando per ciò grande scandalo.

Eccidio di Guarda[modifica | modifica wikitesto]

A Guarda di Molinella il 5 ottobre 1914 avvenne un cruento scontro tra i componenti di una colonna organizzata dagli agrari, guidata da Alberto Donini segretario provinciale dell'Associazione agraria, che scortavano alcuni crumiri provenienti dalle province di Modena e di Padova e un nutrito gruppo di braccianti e mezzadri in sciopero. Gli agrari, assaliti dagli scioperanti, furono costretti a fuggire. Il grave episodio provocò cinque morti e numerosi feriti, tra cui lo stesso Donini. Cinquantasei operai furono processati e condannati al confino nell'isola di Capraia, ove rimasero sino al 1919, quando furono liberati a seguito di un'amnistia[8][9].

Fatti di Molinella[modifica | modifica wikitesto]

Molinella è stata celebre nella storia del movimento operaio come luogo simbolo delle lotte delle mondine e come uno dei primi luoghi di creazione delle associazioni sindacali (da ricordare in merito il molinellese Giuseppe Massarenti). Ma grande impressione in tutta Italia provocarono i gravi e cruenti episodi noti come fatti di Molinella del 17 maggio 1949. In tale data i comunisti, contestando il risultato delle elezioni per la locale camera del lavoro la presero d'assalto all'atto stesso dell'insediamento della maggioranza socialdemocratica che aveva vinto. I tafferugli, oltre a un gran numero di feriti, portarono alla morte di una donna. Tali fatti contribuirono a rendere insanabile la frattura fra la corrente socialdemocratica e riformista e quella comunista in seno alla CGIL unitaria, portando alla nascita della UIL.[senza fonte]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Titolo di Città - nastrino per uniforme ordinaria Titolo di Città
«Decreto del Presidente della Repubblica[10]»
— 24 giugno 2003

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il Palazzo del Governatore (XVII secolo) nella frazione di Selva Malvezzi

Territorio e clima[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Molinella era in origine zona paludosa e malsana al centro della Valle Padusa dove si alternavano agli acquitrini e ai canneti, fitti boschi di salici, pioppi e querce situati su isole palustri.

Il territorio è quasi completamente bonificato a parte qualche riserva naturale come la "Vallazza" e la "Boscosa" (entrambe sulla strada che collega il capoluogo a Selva Malvezzi) che possono dare l'idea di come potesse essere il territorio in origine. Queste riserve ed altre ancora all'interno del territorio comunale sono definite zone di protezione speciale (ZPS) per la loro importanza ambientale legata alla conservazione della fauna e della flora locali e fanno parte dei biotipi e ripristini ambientali di Medicina e Molinella.

Il terreno estremamente fertile veniva coltivato fino ad una cinquantina di anni fa prevalentemente a risaia poi si passò gradualmente ad altre coltivazioni come il granoturco, i frutteti e il grano.

Il clima è continentale temperato. Gli inverni sono freddi umidi e non mancano precipitazioni nevose. Nei pressi di Molinella, in località San Pietro Capofiume, sarebbe stata registrata una temperatura minima non ufficiale di -28,8 °C nella notte tra il 12 e il 13 gennaio 1985 (valore che sarebbe il più basso mai registrato in Pianura Padana)[11]; tuttavia, i rilevamenti ufficiali della stazione meteorologica di San Pietro Capofiume hanno fatto registrare una temperatura minima assoluta di -24,8 °C in data 11 gennaio 1985, nel corso della medesima ondata di gelo[12].

La primavera è "fresca" e piovosa e l'autunno estremamente nebbioso. Durante l'estate il clima è caldo afoso, interrotto occasionalmente da forti temporali e acquazzoni.

Persone legate a Molinella[modifica | modifica wikitesto]

Statua di Massarenti a Molinella

Piatti tipici[modifica | modifica wikitesto]

I piatti tipici di Molinella sono:

  • Torta di tagliatelline
  • Panone di Molinella
  • Salsiccia appassita della pertica di mora romagnola di Molinella
  • Nespola di Molinella

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Bruno Selva lista civica "Alleanza civico riformista" Sindaco
2009 2014 Bruno Selva lista civica "Alleanza civico riformista" Sindaco
2014 in carica Dario Mantovani Partito Democratico "PD - Dalla parte di Molinella" Sindaco

Giunta Comunale:

- Dario Mantovani: Deleghe al personale, bilancio, urbanistica, edilizia privata, Polizia Municipale, Città Metropolitana e tutte quelle non espressamente assegnate.

- Gianni Righetti: Assessore all'edilizia pubblica, viabilità, ambiente, agricoltura, Protezione Civile.

- Valentina Landi: Assessore ai servizi educativi e alle pari opportunità.

- Massimo Paderni: Assessore alla sanità e alla comunicazione.

- Giuliana Sabattini: Assessore alle attività produttive, servizi sociali, politiche per la casa.

- Andrea Scalambra: Assessore allo sport, associazionismo, volontariato e tempo libero.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 aprile 2016.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Luigi Lepri, Daniele Vitali (a cura di), Dizionario Bolognese Italiano / Italiano-Bolognese, Bologna, Pendragon, 2007, pp. 348-354, ISBN 978-88-8342-594-3.
  4. ^ Decreto del Presidente della Repubblica
  5. ^ La leggenda popolare farebbe derivare il toponimo da quello di un Mulino di proprietà di una tale Nella con conseguente contrazione e unione dei due nomi. Si tratta certamente di una leggenda, come confermato anche dallo studio monografico del Calori (Bibliografia). Del resto le cosiddette mulinéle erano mulini natanti in legno spostabili lungo i corsi d'acqua. L'unico antico mulino superstite è il cosiddetto Palazzo delle Biscie, che usava le acque del Canalazzo.
  6. ^ A. Theiner, Codex Diplomaticus Dominii temporalis Sanctae Sedis, Roma 1861-186: Descriptio civitatis Bononiensis eiusque comitatus facta anno MCCCLXXI
  7. ^ Questa definizione, presa in prestito nella geografia italiana dal termine tedesco Straßendorf indica un villaggio che segue l'andamento di una strada. Le case si dispongono allineate, spesso in fila unica, ai due lati della strada con i fondi coltivati alle spalle. Nel caso specifico di Molinella, lo sviluppo è avvenuto lungo l'antica strada che collegava il bolognese con Traghetto (Argenta), il principale punto di attraversamento controllato del Primaro.
  8. ^ L'eccidio di Guarda, 5 ottobre 1914, Cronologia di Bologna dall'Unità ad oggi, sito "Biblioteca Salaborsa".
  9. ^ L'episodio di Guarda di Molinella è anche descritto dallo storico Mirco Dondi, in Il conflitto sociale. Dagli albori della sindacalizzazione alla trasformazione delle campagne, capitolo 1914: La prima lunga vertenza mezzadrile e il suo tragico epilogo, Bologna, CLueb, 2012.
  10. ^ http://www.comune.molinella.bo.it/files/norme/pdf/norma31.pdf
  11. ^ Meteo Meteorologia link Roma Gruppo Astrofili Hipparcos Astronomia
  12. ^ San Pietro Capofiume: record mensili dal 1985, climaintoscana.altervista.org.
  13. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tullio Calori, Molinella Cronaca e Storia, Tamari Editori, Bologna 1989
  • Don Vittorio Gardini, Molinella in Saecula Saeculorum, Centro Culturale Cattolico Molinella, Molinella 2002

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN153601238 · BNF: (FRcb12092516j (data)
Emilia Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di emilia