Porta delle Lame

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Porta delle Lame
Mura di Bologna
0035 - Bologna - Agostino Barelli, Porta delle lame (1677) - Foto Giovanni Dall'Orto, 18-Nov-2007.jpg
StatoItalia Italia
CittàBologna
Coordinate44°30′08.53″N 11°19′59.84″E / 44.50237°N 11.33329°E44.50237; 11.33329Coordinate: 44°30′08.53″N 11°19′59.84″E / 44.50237°N 11.33329°E44.50237; 11.33329
Informazioni generali
Tipoporta cittadina
CostruzioneXIII secolo-1677
Condizione attualericostruita in stile barocco
Informazioni militari
Azioni di guerrabattaglia di Porta Lame
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Porta delle Lame (pôrta däl Lâm in bolognese, meglio conosciuta semplicemente come Porta Lame) è una delle porte della terza cinta muraria di Bologna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Porta Lame sorge alla fine di via Lame, dove cambia nome in via Zanardi, in corrispondenza dell'incrocio con i viali di Circonvallazione. Venne edificata per la prima volta nel XIII secolo. La porta si trovava vicino al porto della città e alla salara, e dall'asse viario su cui venne eretta si raggiungeva la parte bassa della pianura coperta da numerosi specchi d'acqua (da qui lame, che in latino significa palude).

In origine aveva un cassero coperto e nel 1334 fu dotata di due ponti levatoi, uno per i carri e uno per i pedoni. Con l'abbattimento del cassero medievale, fra il 1674 e il 1677 è stata completamente ricostruita ed è stato innalzato l'attuale edificio di stile barocco[1].

Il 7 novembre del 1944 i partigiani hanno intrapreso una dura battaglia contro l'esercito tedesco, riuscendo infine ad avere la meglio. La battaglia di Porta Lame viene ricordata come il più importante scontro fra le truppe nazifasciste e i partigiani all'interno di una città, durante la Seconda guerra mondiale[2].

Attraverso i lavori di restauro eseguiti fra il 2007 e il 2009, porta Lame è stata riportata agli antichi splendori. (All'esterno vi sono le due statue di bronzo dedicate al Partigiano e alla Partigiana: tratte dal monumento di bronzo di "Mussolini a Cavallo" dello Stadio).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giancarlo Roversi, Le mura perdute. Storia e immagini dell'ultima cerchia fortificata di Bologna; Grafis Edizioni, Bologna, 1985.
  • C'era Bologna. Porta per porta la città rivela i suoi antichi segreti, a cura di Tiziano Costa e Oriano Tassinari Clò; Newton periodici, Roma, 1991.
  • Luigi Arbizzani, Sguardi sull'ultimo secolo. Bologna e la sua provincia, 1859-1961; Galileo, Bologna, 1961.
  • La battaglia di Porta Lame. 1944 sette novembre 1969; Arte stampe, Bologna, 1970.
  • Renato Romagnoli, 50º Anniversario della battaglia di Porta Lame e della Bolognina; Moderna, Bologna, 1995.
  • Luciano Bergonzini, La svastica a Bologna, settembre 1943-aprile 1945; Il Mulino, Bologna, 1998.
  • Bologna è libera. Pagine e documenti della Resistenza, a cura di Luigi Arbizzani, Giorgio Colliva, Sergio Soglia; ANPI, Bologna, 1965.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]