Dittatura costituzionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Una dittatura costituzionale è una forma di governo in cui i poteri dittatoriali sono esercitati durante un'emergenza. Il dittatore non ha poteri assoluti e la sua autorità resta limitata dalla Costituzione.

Agli inizi della Repubblica Romana era prevista la possibilità che un dittatore potesse governare per un determinato periodo di tempo, anche se le sue azioni erano soggette a revisione al termine del suo mandato.

La Costituzione degli Stati Uniti include una clausola che afferma che il Presidente può "aggiornare la seduta (del Congresso) ad una data che egli ritiene opportuna". Tuttavia, ciò può essere effettuato solo quando entrambe le Camere si trovano in disaccordo sulla data stessa. Abramo Lincoln, presidente degli Stati Uniti durante la Guerra civile americana, assunse poteri straordinari per preservare l'Unione.