Aleksandăr Cankov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Aleksandăr Cankov
Altsankov.jpeg

Primo ministro della Bulgaria
Durata mandato 9 giugno 1923 –
4 gennaio 1926
Capo di Stato Boris III
Predecessore Aleksandăr Stambolijski
Successore Andrej Ljapčev

Dati generali
Partito politico Accordo popolare

Aleksandăr Colov Cankov, in bulgaro: Александър Цолов Цанков, in IPA: [alɛkˈsandɤr ˈʦɔlof ˈʦankof] (Orjahovo, 29 giugno 1879Buenos Aires, 27 luglio 1959), è stato un politico bulgaro e primo ministro del regno di Bulgaria dal 9 giugno 1923 al 4 gennaio 1926.

Professore di economia politica all'Università di Sofia, dal 1910[1], ebbe un ruolo fondamentale nel rovesciameto del governo di Aleksandăr Stambolijski nel 1923 e fu scelto per guidare la coalizione che succedette al primo ministro deposto.[2] Il colpo di Stato ebbe successo anche grazie all'attitudine neutrale del Partito Comunista Bulgaro verso il partito agrario privandoli del loro supporto.[3] Divenne primo ministro della Bulgaria il 9 giugno dello stesso anno e mantenne il potere fino al 4 gennaio 1926. Il suo governo fu segnato da profonde lotte interne con il partito comunista, che Cankov represse senza pietà, dichiarando la legge marziale e mettendo fuori legge i comunisti nel 1925, dopo l'attentato terroristico alla cattedrale di Sveta Nedelja.[4] Le sue azioni portarono il Comintern a denunciare il governo come "una vittoriosa cricca fascista bulgara", mentre in seguito rivolse la propria attenzione sull'unione agraria popolare, che venne soppressa, anche se meno ferocemente.[5] Ne seguì una breve invasione da parte delle truppe greche, e, anche se non rimasero a lungo in seguito alla condanna della Società delle Nazioni, il paese rimase oberato dai debiti e Cankov venne rimosso dall'incarico dopo il fallimento nell'assicurare un prestito al paese.[6] A questo punto Cankov aveva perso ogni supporto, dato che la gente era ormai stanca del regime di terrore che aveva instaurato.[7]

Dopo essere stato rimosso dalla politica principale del paese, Cankov cominciò a sviluppare un'ammirazione per il fascismo e divenne presto un sostenitore di Adolf Hitler.[8] Nel 1932 istituì il Movimento Sociale Nazionale, un'imitazione del partito nazista tedesco.[9] Il movimento rimase del tutto marginale (anche se rappresentava un'ulteriore frammentazione della coalizione governativa), mancando del supporto di Zveno e non avendo l'approvazione dei nazisti, che era in gran parte riservata all'Unione delle Legioni Nazionali Bulgare.[10] Nonostante ciò, Cankov venne nominato dai nazisti nel 1944 Primo ministro del governo bulgaro in esilio, formato in Germania in risposta al governo del Fronte Patriottico di Kimon Georgiev.[11] Dopo la seconda guerra mondiale Cankov fuggì in Argentina e morì a Belgrano, Buenos Aires, nel 1959.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Philip Rees, Biographical Dictionary of the Extreme Right Since 1890
  2. ^ Rees, op cit
  3. ^ S.G. Evans, A Short History of Bulgaria, London, Lawrence and Wishart, 1960, p. 161
  4. ^ Rees, op cit
  5. ^ Ernst Nolte, The Three Faces Of Fascism, New York: Mentor, 1965, p. 29
  6. ^ Rees, op cit
  7. ^ Evans, op cit, p. 170
  8. ^ Rees, op cit
  9. ^ Roger Griffin, The Nature of Fascism, London: Routledge, 1993, p. 210
  10. ^ Rees, op cit
  11. ^ Stanley G. Payne, A History of Fascism 1914-1945, London, Roultedge, 2001, p. 430
  12. ^ Rees, op cit
Predecessore Primo Ministro della Bulgaria Successore
Aleksandăr Stambolijski 1923 - 1926 Andrej Ljapčev

Controllo di autorità VIAF: 3338934 LCCN: n/00/24252