Mohammed Daud Khan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mohammed Daud Khan
Mohammed-Daoud-Khan.jpg

Presidente della Repubblica dell'Afghanistan
Durata mandato 17 luglio 1973 –
27 aprile 1978
Predecessore Mohammed Zahir Shah
Successore Abdul Qadir Dagarwal

Primo Ministro del Regno dell'Afghanistan
Durata mandato 7 settembre 1953 –
10 marzo 1963
Predecessore Shah Mahmud Khan
Successore Mohammad Yusuf

Mohammed Daud Khan (Kabul, 18 luglio 1909Kabul, 28 aprile 1978) è stato un politico afghano, che rovesciò la monarchia del suo primo cugino Mohammed Zahir Shah e divenne il primo Presidente dell'Afghanistan dal 1973 fino al suo assassinio nel 1978 a seguito della Rivoluzione di Saur.

Daud era noto per le sue idee progressiste, soprattutto in relazione ai diritti delle donne, per l'avvio di due progetti di ammodernamento di cinque anni.[1]


Relazioni diplomatiche con l'URSS[modifica | modifica sorgente]

Il Presidente Daud incontrò Leonid Brezhnev in visita di stato a Mosca dal 12 al 15 aprile 1977. Chiese un incontro privato con il Premier Sovietico, per discutere con lui sul modello di intensificazione delle operazioni in Afghanistan. In particolare il tentativo di intensificazione Sovietica per unire le due fazioni dei partiti comunisti afghani Parcham e Khalq.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Barnett Rubin, DĀWŪD KHAN in Ehsan Yarshater (a cura di), Encyclopædia Iranica, Online Edition, United States, Columbia University. URL consultato il January 2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 48810736 LCCN: no95025730