Diritti delle donne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Status delle donne nel mondo, da 0-rosso a 100-blu.

Il tema dei diritti delle donne si è sviluppato giuridicamente sul finire del XVIII secolo grazie agli scritti Rivendicazione dei diritti della donna (A Vindication of the Rights of Woman, 1792) di Mary Wollstonecraft e Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina (Déclaration des droits de la femme et de la citoyenne, 1791) di Olympe de Gouges, la quale si ispirò al modello della Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino (1789).[1]

La rivendicazione dei diritti delle donne (civili, economici e politici) è stata assimilata in seguito al movimento del femminismo.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eva Cantarella, prefazione a Mary Wollstonecraft, Sui diritti delle donne, RCS, 2010, pp. 6-7.
  2. ^ Femminismo in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 23 dicembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto