Parlamento australiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Politica in Australia

Coat of Arms of Australia.svg
Sistema politico dell'Australia

Governo federale

Esecutivo

Legislativo

Giudiziario

modifica

Categorie: Politica e Diritto

L'apertura del Parlamento Australiano, 9 maggio 1901, di Tom Roberts.

Il Parlamento è il ramo legislativo dell'Australia.

È di tipo bicamerale, largamente ispirato al Parlamento del Regno Unito ma con alcune influenze del Congresso degli Stati Uniti. Secondo la prima sezione della Costituzione australiana, il Parlamento si compone di tre rappresentanti: la Regina ("The Queen"), il Senato ("The Senate"), e la Camera dei Rappresentanti ("The House of Representatives"). La Regina è rappresentata dal Governatore Generale.

La Camera bassa, la Camera dei Rappresentanti, è attualmente composta da 150 membri, ciascun deputato ("Rappresentante") rappresenta un distretto, una circoscrizione elettorale corrisponde all'incirca a 85.000 elettori. All'interno di ogni circoscrizione, gli elettori applicano il voto alternativo: indicano in quale ordine vogliono che i candidati possano diventare deputati. Il numero di deputati tuttavia non è fisso, ma varia in base alle redistribuzioni elettorali, che vengono chieste frequentemene. La Camera alta, il Senato, è invece composto da 76 membri: 12 per ciascuno Stato e due per ciascun territorio. I suoi membri sono eletti con un sistema di voto proporzionale. Le due Camere si trovano in due differenti aule del Parlamento ("Parliament House") a Capital Hill, nella Capitale Canberra.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il Parlamento del Commonwealth fu aperto ufficialmente il 9 maggio 1901 a Melbourne nel Royal Exhibition Building, l'unico edificio della città a poter ospitare i 14.000 invitati. Dal 1901 al 1927, il Parlamento si è riunito nel Parlamento dello Stato di Victoria. Il 9 maggio 1927, il Parlamento si trasferì a Canberra, la nuova Capitale, in un edificio chiamato "Old Parliament House". Prevista inizialmente come sede provvisoria, in realtà ospitò il Parlamento per più di 60 anni. Attualmente la sede permanente è sempre a Canberra, in una sede inaugurata il 9 maggio del 1988.

Composizione[modifica | modifica sorgente]

Secondo La Prima Parte della Costituzione australiana, la Regina dell'Australia è uno dei tre componenti del Parlamento. Le sue funzioni sono però normalmente esercitate da un Governatore Generale, scelto dalla Regina su proposta del Primo Ministro. Le sue funzioni sono stabilite dalla Costituzione e dalla legislazione. Tuttavia, per convenzione costituzionale, non esercita quasi mai queste funzioni, se non su consiglio del Primo Ministro o di altri Ministri. Il Senato ha 76 membri. Come per il Senato degli Stati Uniti, che ha fatto da modello, il numero dei Senatori è uguale per ogni Stato, indifferentemente dalla popolazione. La Costituzione prevede che il Parlamento possa stabilire il numero dei Senatori per legge, a patto che i sei Stati originari della Confederazione abbiano lo stesso numero di Senatori. Inoltre, la Costituzione stabilisce che ciascuno Stato sia rappresentato da almeno sei Senatori. Tuttavia, nessuna di queste disposizioni si applica ai nuovi Stati o Territori. In base a una legge approvata nel 1973, ci sono Senatori eletti per rappresentare i Territori (ad eccezione dell' Isola Norfolk). Attualmente, due Senatori rappresentano gli abitanti del Territorio del Nord, e delle Isole di Christmas e di Cocos. Altri due Senatori rappresentano il Territorio della Capitale e il Territorio della Baia di Jervis. Fino al 1949, ciascuno Stato eleggeva il numero minimo di sei Senatori previsto dalla Costituzione. Nelle elezioni del 1984 fu portato a 10, e in quelle del 1984 a 12, gli stessi attualmente previsti.

Il Parlamento può stabilire il numero dei Deputati. La Costituzione prevede che il numero dei Deputati sia nella misura del possibile, il doppio dei Senatori. Il numero dei Deputati per Stato è proporzionale alla loro popolazione, tuttavia, ciascuno dei sei Stati originari del Commonwealth ha assicurati almeno cinque Deputati. La Costituzione non prevede garanzie di rappresentanza per i Territori. Il Parlamento ha dato un seggio al Territorio del Nord nel 1922 e uno al Territorio della Capitale nel 1948. Tuttavia, questi territori avevano limitati diritti di voto fino al 1968.

Tra il 1901 e il 1949 la Camera dei Rappresentanti è stata composta di 74 o 75 membri. Fra il 1949 e il 1984, ha avuto tra 121 e 127 membri. Nel 1984 i membri della Camera e del Senato sono aumentati, e da allora la Camera ha avuto tra i 148 e i 150 membri.

Secondo la sezione 44 della Costituzione, i soggetti aventi cittadinanza straniera non possono sedere in nessuna delle due Camere del Parlamento. Inoltre, la Corte Costituzionale ("The High Courth") in una sentenza a seguito di un caso dibattuto nella Corte, ha stabilito che anche i cittadini del Regno Unito sono da considerarsi stranieri, nonostante il fatto che quando fu votata la Costituzione, tutti i cittadini australiani erano soggetti britannici.

Procedure[modifica | modifica sorgente]

Ciascuna delle due Camere elegge il suo presidente. Quello del Senato è chiamato President (Presidente), mentre quello della Camera Speaker. Vengono eletti a scrutinio segreto. I due presidenti sono in genere membri della maggioranza, ma devono comunque sorvegliare il dibattito e fare osservare le regole in modo imparziale.

La Costituzione consente a ciascuna Camera a stabilire il quorum minimo per affrontare i lavori. Per la Camera dei Rappresentanti è fissato in un quinto dei membri totali, ovvero in 30 deputati, mentre nel Senato è un quarto dei membri totali, ovvero 19 Senatori. In teoria, se non c'è il quorum, nessuna Camera può continuare i lavori. In pratica, però, i membri presenti accettano di non verificare il quorum per poter continuare i dibattiti. Può capitare che l'opposizione chieda la verifica del quorum al fine di mettere in difficoltà il Governo o ritardare l'approvazione delle leggi. In questo caso, la maggioranza deve accertarsi che siano presenti abbastanza suoi esponeneti per poter costituire il quorum.

Le due Camere possono approvare delle mozioni a voce ("vote vocal"). Il Presidente di turno pone la questione da votare e dopo avere sentito i Parlamentari dire "Aye" (Si) e "No" (No), dà il risultato del voto. L'annuncio del risultato del voto pone fine al dibattito, a meno che almeno due membri non chiedano un "divisione" o una registrazione del voto. In questo caso, si attivano gli altoparlanti per chiedere ai Parlamentari di recarsi nella sala del voto. In questo tempo, i membri che sono a favore della mozione si collocano nel lato destro della sala, mentre quelli che sono contrari si collocano nel lato sinistro. Il conteggio è fatto allora da scrutatori della maggioranza e dell'opposizione, e a seconda del risultato la mozione è approvata o bocciata.

In caso di disaccordo su una proposta di legge, la Costituzione prevede una doppia dissoluzione delle due Camere. Se dopo le nuove elezioni il conflitto perdura, il Governo può chiedere di convocare le due Camere per discutere della legge. Questa situazione si è verificata solo nel 1974.

Funzioni[modifica | modifica sorgente]

Il principale ruolo del Parlamento è quello di approvare le leggi. Ciascun membro del Parlamento può proporre un testo di legge, (a bill), ad eccezione di quelle riguardanti il budget (riduzione di spese o introduzione di nuove tasse) che possono essere presentate solo alla Camera dei Rappresentanti. In pratica, la maggior parte delle leggi è proposta dal Governo. Tutti i progetti di legge devono essere approvati dalle due Camere per entrare in vigore. Il Senato ha gli stessi poteri legislativi della Camera dei Rappresentanti, ad eccezione che sulle materie di budget che può solamente approvare o respingere. La formula officiale del Parlamento australiano è: Il Parlamento australiano promulga (The Parliament of Australia enacts).

Il Parlamento ha altre funzioni oltre l'approvazione delle leggi. Può discutere su provvedimenti d'urgenza o di argomenti di importanza pubblica. Questo rappresenta un forum sugli argomenti di politica pubblica. I suoi membri possono proporre mozioni di censura contro il Governo o contro un singolo ministro. Nella maggior parte dei giorni nelle due Camere c'è il "Question Time", in cui i Parlamentari pongono delle domande ai Ministri. I Parlamentari possono anche presentare delle petizioni firmate dai propri elettori. Le due Camere hanno anche un vasto sistema di comitati dove si discute dei progetti di legge, delle inchieste parlamentari o si usano consulenze esterne.

Relazioni con il Governo[modifica | modifica sorgente]

Un Ministro non è tenuto ad essere un membro dell'una o dell'altra Camera al momento della sua nomina, ma è privato delle sue funzioni se non ne farà parte entro tre mesi.

Questa misura fu introdotta nella Costituzione, per permettere ai Ministri del primo Capo di Governo dell'Australia, il Liberale Edmund Barton di essere nominati il 1º gennaio del 1901, nonostante le elezioni federali fossero previste per il 29 e il 30 marzo.

La situazione si è ripetuta quando il Primo Ministro Liberale Harold Holt fu disperso in mare, probabilmente annegato, il 17 dicembre 1967. Il Partito Liberale scelse il Senatore John Gorton come nuovo leader e venne nominato Primo Ministro il 10 gennaio 1968. Il 1º febbraio, Gorton si dimise da Senatore per potersi candidare alle elezioni parziali in un'altra circoscrizione. Per 24 giorni, fu Primo Ministro pur non essendo Parlamentare.

Privilegi[modifica | modifica sorgente]

I membri del Parlamento Australiano non godono di immunità legale: possono essere arrestati e giudicati per qualsiasi tipo di reato. Beneficiano però di un "privilegio parlamentare": non possono essere inquisiti per ciò che dicono dei loro colleghi del Parlamento o di qualcuno esterno ad esso. Questo privilegio si applica anche alle proposte tenute all'interno del Parlamento comunicate ai media. Le commissioni d'inchiesta parlamentare sono coperte dallo stesso privilegio con chiunque vengano a contatto, e questo privilegio riguarda anche i testimoni ascoltati dalle commissioni.

C'è un reato chiamato contempt of Parliament (oltraggio al Parlamento): se una persona parla o agisce in maniera sdegnosa del Parlamento, può essere inquisita e, se riconosciuta colpevole, incarcerata. Il Parlamento ha il diritto di giudicare su questi casi, ma ora questo diritto è stato trasferito ai tribunali.

Elezioni[modifica | modifica sorgente]

Elezioni parlamentari australiane del 2007[modifica | modifica sorgente]

Camera dei Rappresentanti (VST) - Votanti 94,76% (CV) - Schede bianche/nulle 3,95%[1][2]
  Partito Voti % Swing (+/-) Seggi +/-
  Partito Laburista Australiano 5.388.184 43,38 +5,74 83 +23
  Partito Liberale dell'Australia 4.546.600 36,60 –4,22 55 –20
  Verdi Australiani 967.789 7,79 +0,60 0 0
  Partito Nazionale d'Australia 682.424 5,49 –0,40 10 –2
  Family First Party 246.798 1,99 –0,02 0 0
  Democratici Australiani 89.813 0,72 –0,51 0 0
  Indipendenti 276.370 2,23 –0,27 2 –1
  Altri 222.004 1,79 +0,25 0 0
  Totale 12.419.863     150
  Partito Laburista Australiano VINCITORE 52,70 +5,44 83 +23
  Coalizione liberal-nazionale   47,30 –5,44 65 –22

Elezioni parlamentari australiane del 2004[modifica | modifica sorgente]

Camera dei Rappresentanti (VST) - Votanti 94,32% (CV) - Schede bianche/nulle 5,18%
  Partito Voti % Swing (+/-) Seggi +/-
  Partito Liberale dell'Australia 4.781.313 40,81 +3,42 75 +6
  Partito Laburista Australiano 4.409.117 37,64 -0,20 60 -5
  Verdi Australiani 841.734 7,19 +2,23 0 0
  Partito Nazionale d'Australia 690.275 5,89 +0,28 12 -1
  Family First Party 235.315 2,01 * 0 0
  Democratici Australiani 144.832 1,24 -4,17 0 0
  One Nation Party 139.956 1,19 -3,15 0 0
  Indipendenti 292.036 2,49 -0,41 3 0
  Altri 180.554 1,54 -0,01 0 0
  Totale 11.715.132     150
  Coalizione liberal-nazionale VINCITORE 52,74 +1,71 87 +5
  Partito Laburista Australiano   47,26 -1,71 60 -5

Elezioni parlamentari australiane del 2001[modifica | modifica sorgente]

Camera dei Rappresentanti (VST) - Votanti 94,85% (CV) - Schede bianche/nulle 4,82%
  Partito Voti % Swing (+/-) Seggi +/-
  Partito Laburista Australiano 4.341.420 37,84 -2,26 65 -2
  Partito Liberale dell'Australia 4.291.032 37,40 +3,18 69 +5
  Partito Nazionale d'Australia 643.926 5,61 +0,32 13 -3
  Democratici Australiani 620.225 5,41 +0,28 0 0
  Verdi Australiani 569.074 4,96 +2,82 0 0
  One Nation Party 498.032 4,34 -4,09 0 0
  Indipendenti 332.669 2,90 +0,99 3 +2
  Altri 177.696 1,55 -1,23 0 0
  Totale 11.474.074     150 +2
  Coalizione liberal-nazionale VINCITORE 51,03 +2,01 82 +2
  Partito Laburista Australiano   48,97 -2,01 65 -2

Elezioni parlamentari australiane del 1998[modifica | modifica sorgente]

Camera dei Rappresentanti (VST) - Votanti 94,99% (CV) - Schede bianche/nulle 3,78%
  Partito Voti % Swing (+/-) Seggi +/-
  Partito Laburista Australiano 4.454.306 40,10 +1,34 67 +18
  Partito Liberale dell'Australia 3.800.721 34,21 -4,83 64 -11
  One Nation Party 936.621 8,43 * 0 0
  Partito Nazionale d'Australia 588.088 5,29 -2,91 16 -3
  Democratici Australiani 569.935 5,13 -1,63 0 0
  Verdi Australiani 238.035 2,14 -0,78 0 0
  Indipendenti 212.522 1,91 -0,42 1 -4
  Altri 308.835 2,78 +0,79 0 0
  Totale 11.109.063     148  
  Coalizione liberal-nazionale VINCITORE 49,02 -4,61 80 -14
  Partito Laburista Australiano   50,98 +4,61 67 +18

Elezioni parlamentari australiane del 1996[modifica | modifica sorgente]

Camera dei Rappresentanti(VST) - Votanti 95,77% (CV) - Schede bianche/nulle 3,20%
  Partito Voti % Swing (+/-) Seggi +/-
  Partito Liberale dell'Australia 4.248.991 39,04 +1,94 75 +26
  Partito Laburista Australiano 4.217.765 38,75 -6,17 49 -31
  Partito Nazionale d'Australia 893.170 8,21 +1,04 19 +3
  Democratici Australiani 735.848 6,76 +3,01 0 0
  Verdi Australiani 317.654 2,92 +1,06 0 0
  Indipendenti 253.894 2,33 -0,77 5 +3
  Altri 216.530 1,99 -0,11 0 0
  Totale 10.883.852     148 +1
  Coalizione liberal-nazionale VINCITORE 53,63 +5,07 94 +29
  Partito Laburista Australiano   46,37 -5,07 49 -31

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ UWA election summaries
  2. ^ Lower house results: AEC

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Australia Portale Australia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Australia