Rivendicazione dei diritti della donna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rivendicazione dei diritti della donna
Titolo originale A Vindication of the Rights of Woman
Altri titoli I diritti delle donne,[1]
Il manifesto femminista,[1]
Sui diritti delle donne[1]
Wollstonecraft-right-of-woman.jpg
Copertina della prima edizione
Autore Mary Wollstonecraft
1ª ed. originale 1792
Genere saggio
Lingua originale inglese

La Rivendicazione dei diritti della donna: con critiche sui soggetti politici e morali (A Vindication of the Rights of Woman: with Strictures on Political and Moral Subjects), scritta dalla femminista britannica del diciottesimo secolo Mary Wollstonecraft, è una delle prime opere di filosofia femminista. In essa, l'autrice risponde a quegli intellettuali, teorici politici ed educatori dell'epoca che hanno voluto negare l'istruzione delle donne. Ella afferma che le donne devono avere una formazione adeguata ed una posizione nella società, sostenendo che le donne sono indispensabili per la nazione, perché il loro compito di educazione ai figli e per il sostegno assiduo e continuo che offrono ai propri mariti, prima del dovere di moglie. Invece di considerare le donne come oggetti di ornamento per la società di proprietà del proprio uomo o merci di scambio e d'acquisto mediante il matrimonio, la Wollstonecraft sostiene che esse sono esseri umani che meritano gli stessi diritti fondamentali degli uomini.

È considerato una pietra miliare nella storia del femminismo. Per la prima volta una donna scrive sulla condizione delle donne, con la completa consapevolezza che un cambiamento del ruolo femminile non può dipendere da buone relazioni personali tra i due sessi, ma piuttosto dai diritti sociali, politici ed educativi che devono essere riconosciuti anche al sesso femminile. L'opera fu commissionata da Charles Maurice de Talleyrand-Périgord che nel 1791 le chiese di scrivere un Diritto delle donne per l'Assemblea Nazionale francese che ha dichiarato che solo le donne devono ricevere una educazione nazionale. Il suo commento su questo specifico caso riguardava l'avviarsi di un ampio attacco contro le doppie norme sessuali e di accusare gli uomini per incoraggiare le donne a far valere i propri diritti. La Wollstonecraft perciò scrisse i diritti della donna in fretta, al fine di rispondere direttamente alle manifestazioni in corso. Successivamente mostrò l'intenzione di scrivere un secondo volume più riflessivo tuttavia morì prima di completarla.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Catalogo SBN. URL consultato l'08-05-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura