Emmeline Pankhurst

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emmeline Goulden Pankhurst

Emmeline Goulden Pankhurst (Manchester, 15 luglio 1858Londra, 14 giugno 1928) è stata un'attivista e politica britannica che guidò il movimento suffragista femminile inglese.

Emmeline Pankhurst arrestata davanti a Buckingham Palace mente tenta di portare una petizione al re Giorgio V - maggio 1914

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente da una famiglia dell'alta borghesia, figlia di Robert Goulden e Sophia Crane, completò i suoi studi a Parigi nel 1877. Incontrò nell'autunno del 1878 il suo futuro sposo, Richard Marsden Pankhurst, di professione avvocato: lui aveva 44 anni, lei 20. Due anni dopo, nel 1879 si sposarono.

Emmeline all'età di 7 anni circa ebbe uno spiacevole evento. Una notte mentre era nel suo letto i genitori le si avvicinarono per darle la buananotte, il padre convinto che stesse dormendo le si avvicinò e disse: -Se solo fossi un maschio-. La piccola capì che nella società la donna non era abbastanza importante; fu così che sviluppò gli ideali sul diritto di voto per le donne

I due coniugi si impegnarono subito in favore dell'uguaglianza politica delle donne. Promotrice di vari gruppi, primo fra tutti la Lega per il diritto di voto alle donne (Women’s Franchise League in inglese), diede un grosso contributo all'ottenimento, nel 1894, del diritto al voto per le donne nelle elezioni locali. Nel 1903 fondò il Women's Social and Political Union, che si prefiggeva come principale obiettivo l'estensione del suffragio alle donne. Il movimento si proponeva come forza esterna alle formazioni partitiche e spesso fu a queste contrapposto (al tempo godette di cattiva fama a causa delle azioni di violenza delle suffragette a danno di edifici pubblici). Nel 1918 venne sancito il suffragio femminile anche per la camera dei Comuni.

Emmeline Pankhurst ebbe tre figlie Christabel, Sylvia e Adela, che continuarono la lotta iniziata dalla madre.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 44380444 LCCN: n50050204