Vanuatu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vanuatu
Vanuatu – Bandiera Vanuatu - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Let us stand firm in God
Vanuatu - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Repubblica di Vanuatu
Nome ufficiale Ripablik blong Vanuatu
Lingue ufficiali bislama, francese, inglese
Capitale Port Vila  (44 039[1] ab. / censimento 2009)
Politica
Forma di governo Repubblica
Capo di Stato Iolu Abil
Capo di Governo Sato Kilman
Indipendenza 30 luglio 1980 dal Regno Unito e dalla Francia
Ingresso nell'ONU  
Superficie
Totale 12 200 km² (156º)
 % delle acque trascurabile
Popolazione
Totale 239.651 ab. (2009) (173º)
Densità 21 ab./km²
Tasso di crescita 2,12% (2012)[2]
Geografia
Continente Oceania
Confini Nessuno
Fuso orario UTC +11
Economia
Valuta Vatu
PIL (nominale) 787[3] milioni di $ (2012) (177º)
PIL pro capite (nominale) 3 142 $ (2012) (121º)
PIL (PPA) 1 213 milioni di $ (2012) (178º)
PIL pro capite (PPA) 4 843 $ (2012) (125º)
ISU (2011) 0,617 (medio) (125º)
Fecondità 3,8 (2011)[4]
Varie
Codici ISO 3166 VU, VUT, 548
TLD .vu
Prefisso tel. +678
Sigla autom. VAN
Inno nazionale Yumi, Yumi, Yumi
Festa nazionale 30 luglio
Vanuatu - Mappa
Evoluzione storica
Stato precedente Francia Regno Unito Nuove Ebridi
 

Coordinate: 16°38′S 168°01′E / 16.633333°S 168.016667°E-16.633333; 168.016667

Vanuatu, il cui nome ufficiale è Repubblica di Vanuatu (in Bislama: Ripablik blong Vanuatu, in inglese: Republic of Vanuatu, in francese: République de Vanuatu) è uno stato insulare situato nell'Oceano Pacifico meridionale.

L'arcipelago, che ha origine vulcanica, si trova circa a 1 750 km ad est dell'Australia, 500 km a nord est della Nuova Caledonia, ad ovest di Figi ed a sud delle Isole Salomone.[5] Le isole che lo compongono furono denominate Nuove Ebridi durante il periodo coloniale.

Vanuatu è una repubblica parlamentare; l'attuale capo di stato è Iolu Abil, il primo ministro è Sato Kilman.

Le lingue ufficiali sono il bislama (vanuatuano), l'inglese e il francese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia di Vanuatu.

Le prime tracce di presenza umana sulle isole risalgono al 4000 a.C. mentre quelle di insediamenti stabili risalgono al 1300 a.C. quando popolazioni melanesiane appartenenti alla cultura Lapita iniziarono a colonizzare le isole settentrionali muovendosi progressivamente verso ovest.
I risultati di ricerche archeologiche risalenti al 1994 hanno stabilito infatti che i primi colonizzatori dell'arcipelago furono le popolazioni melanesiane appartenenti alla cultura Lapita; in seguito vi furono incursioni di popolazioni polinesiane, soprattutto nella parte meridionale dell'arcipelago.

La tradizione orale, confermata da scavi archeologici effettuati sull'isola di Retoka, afferma che intorno al 1200 sull'arcipelago viveva una società composta da etnie diverse e molto stratificata, guidata dal sovrano Roy Mata (o Roymata), la cui morte fu celebrata con complessi riti funebri.

Nel 1606 l'esploratore portoghese Pedro Fernández de Quirós divenne il primo europeo a raggiungere le isole[5] alle quali diede il nome di La Austrialia del Espiritu Santo, dove il nome Austrialia era in onore dell'Austria, paese d'origine del sovrano spagnolo;[6] l'isola su cui sbarcò è tuttora chiamata Espiritu Santo. Gli europei vi si stabilirono nel tardo XVIII secolo; in seguito l'esploratore britannico James Cook visitò le isole nel corso del suo secondo viaggio in Oceania dando loro il nome di Nuove Ebridi.

Nel 1906 la Francia ed il Regno Unito concordarono un controllo internazionale operato da entrambi per le Nuove Ebridi, nome con cui erano allora conosciute le isole. Nel 1960 la popolazione di Vanuatu iniziò ad esercitare delle pressioni per ottenere prima l'auto-governo e poi l'indipendenza; la piena sovranità fu infine garantita da entrambi i paesi europei il 30 luglio 1980, giorno in cui Vanuatu entrò a far parte del Commonwealth delle nazioni. Nel 1981 entrò a far parte delle Nazioni Unite, e nel 1983 del Movimento dei Non-Allineati.

Durante il 1990, Vanuatu attraversò una fase di instabilità politica, che portò ad una maggiore decentralizzazione governativa. La Vanuatu Mobile Force, un gruppo paramilitare, tentò un colpo di stato nel 1996, anno in cui il governo di Maxime Carlot Korman fu accusato di corruzione. Dal 1997 vi sono state numerose elezioni, le più recenti delle quali nel 2004.

Ultimi terremoti[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 dicembre 2010 un forte terremoto di magnitudo 7,6 ha colpito l'isola causando uno tsunami.

Il 29 dicembre 2010 un nuovo terremoto di magnitudo 6,8 colpisce l'isola.

Il 21 agosto 2011 un altro terremoto di magnitudo 7,5 colpisce l'isola con pericolo tsunami.

Il 9 marzo 2012 un ulteriore terremoto di magnitudo 7,1 colpisce l'isola.

Il 21 ottobre 2012 un ulteriore terremoto di magnitudo 6,6 colpisce l'isola.[7]

Il 26 luglio 2013 un ulteriore terremoto di magnitudo 6,2 colpisce l'isola con pericolo tsunami.

Il 1 gennaio 2014 un ulteriore terremoto di magnitudo 6,6 colpisce l'isola.

Il 7 febbraio 2014 un altro terremoto di magnitudo 6,5 colpisce l'isola.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Geografia di Vanuatu.

Vanuatu è un arcipelago situato nell'Oceano Pacifico, precisamente sul limite orientale del Mar dei Coralli; ad est di esso si trovano le isole Figi, a sud la Nuova Caledonia e a nord-ovest le isole Salomone.[5]

L'arcipelago, che da nord a sud si estende per circa 800 km con una superficie complessiva di 12 200 k, ha vagamente la forma di una Y ed è composto da 83 isole[8] relativamente piccole, 65 delle quali sono abitate.
Di tutte le 83 isole, solo 14 hanno una superficie superiore ai 100 k.

Due delle isole - Matthew e Hunter - sono rivendicate anche dal dipartimento francese d'oltremare della Nuova Caledonia.

Le due isole principali sono Espiritu Santo (3 956 km²) e Malakula (2 041 km²), seguono: Éfaté (900 km²), Erromango (888 km²), Ambrym (678 km²), Tanna (555 km²), Isola di Pentecoste (491 km²), Épi (445 km²), Ambae o Aoba (402 km²), Vanua Lava (334 km²), Santa Maria (328 km²), Maéwo (304 km²), Malo (180 km²) e Anatom o Aneityum (159 km²).

Le città principali sono Port Vila, situata sull'isola di Éfaté, e Luganville sull'isola di Espiritu Santo.[5]

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

La spianata di cenere vulcanica del Mount Yasur nell'isola di Tanna.

Molte delle isole sono montagnose e di origine vulcanica.
Sull'isola di Tanna si trova il vulcano Mount Yasur e sull'isola di Ambae quello di Lombenben, che nel 1995 ha dato segni di attività.

Le isole sono frequentemente scosse da terremoti. Gli ultimi terremoti rilevanti sono avvenuti nel 1999 e nel 2002; quest'ultimo ha provocato danni consistenti nella capitale Port Vila; entrambi i terremoti hanno dato origine a degli tsunami. Una nuova forte scossa di terremoto di magnitudo 6 è stata rilevata dai sismografi a largo delle coste di Vanuatu il 29 gennaio 2010, senza tuttavia provocare nessuno tsunami.

Vanuatu è riconosciuta come una ecoregione terrestre a sé, chiamata Foreste pluviali di Vanuatu. Vanuatu fa parte dell'ecozona Australasia, che comprende anche la vicina Nuova Caledonia e le Isole Salomone, così come l'Australia, la Nuova Guinea e la Nuova Zelanda. La percentuale di acque interne è trascurabile.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima è fra il tropicale e l'equatoriale. Tuttavia fra i territori montagnosi e quelli pianeggianti delle isole, vi sono chiare differenze di clima a seconda dell'altitudine e dell'influenza degli Alisei. A bassa quota sul versante sud-est le isole, sopravento, hanno un clima tipicamente equatoriale (piovosità annua variabile tra i 2 500 e i 4 000 mm); a nord-ovest, sottovento, sono caratterizzate da un clima tropicale con due stagioni dell'anno (piovosità annuale normalmente inferiore a 2 000 mm). Al di sopra di un'altitudine di circa 500 - 600 m a sud e di 200 - 300 m a nord, il clima dell'arcipelago è molto umido, con frequenti nebbie e precipitazioni superiori ai 5 000 mm/anno.

Da maggio ad ottobre (mesi invernali), nelle Nuove Ebridi soffiano a sud-est molte brezze; come conseguenza, si hanno giornate di sole e notti fresche. Da novembre ad aprile l'aria è molto umida a causa delle piogge frequenti e intense. In questo periodo dell'anno le temperature sono alte, e i cicloni sono frequenti. La temperatura media durante la stagione delle piogge nelle isole settentrionali è di 30 °C, nella stagione secca circa 20 °C; nelle isole meridionali la temperatura media annua varia tra i 17 °C e i 29 °C.[9] L'umidità durante la stagione delle piogge può raggiungere il 90%; durante la stagione secca l’umidità si attesta invece attorno al 70-74%.

La stagione delle piogge in tutte le isole di Vanuatu dura da gennaio a marzo. Il mese più piovoso dell'anno è febbraio, con 20 giorni di pioggia; i mesi più asciutti sono agosto e settembre. Le precipitazioni medie annue nel nord-est delle isole sono di circa 4 000 mm, a sud di 2 360 mm.
I cicloni sulle isole, che si verificano come detto durante i mesi caldi, si concentrano in dicembre e marzo, e si originano sul Mar dei Coralli, che si trova a nord-ovest di Vanuatu.

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

La popolazione al censimento del 2009 ammonta a 234 023 persone.[1] Gran parte della popolazione vive in zone rurali o in piccoli villaggi e solo Port Vila, Luganville e Saint Gennarè superano i 10 000 abitanti.

Città[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte delle città vanuatuane sono villaggi; Tre sono le città principali:

  • Port Vila, la capitale (44.039 abitanti);
  • Luganville, (13.167 abitanti);
  • Saint Gennarè (11.579 abitanti).

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo della popolazione mostra un andamento crescente e continuo come evidenziabile dalla tabella a fianco.

Sviluppo della popolazione di Vanuatu. (dati FAO, anno 2005); numero di abitanti in migliaia.

Etnie[modifica | modifica wikitesto]

Gli abitanti di Vanuatu, che si definiscono Ni-Vanuatu, sono per lo più di origine Melanesiana (98,5%), con solo una piccola percentuale di origine mista europea, asiatica e di altre isole del Pacifico. Alcune delle isole più esterne hanno abitanti di origine polinesiana.[10]

Secondo i dati del censimento del 1999 il 98,2% della popolazione è Ni-Vanuatu, ovvero indigeno dell'arcipelago. Una discreta percentuale di popolazione vive nelle aree urbane di Port Vila e delle altre città principali dell'arcipelago; la popolazione rimanente vive in aree rurali.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo una statistica del 2005, l'appartenenza religiosa è così suddivisa:

Cristianesimo: 93,20 %

Religioni etniche: 4,40 %

Bahai: 1,20 %

Non religiosi: 0,30 %

Buddhisti: 0,30 %

Islamici: 0,20 %

Altri/non specificato: 0,30 %

Lingue[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono tre lingue ufficiali: inglese, francese e bislama (una lingua pidgin che si è evoluta a partire dall'inglese) che è la lingua nazionale. (oppure detta vanuatuano).

Nell'arcipelago si parlano inoltre 113 dialetti indigeni;[11] uno di questi è la lingua araki, parlata solo da 8 persone. La densità delle lingue pro capite è la più alta di ogni nazione nel mondo (una media di solo 2 000 persone per lingua); solo Papua Nuova Guinea presenta una densità linguistica paragonabile a quella di Vanuatu.
Tutti i dialetti appartengono al ramo oceanico delle lingue austronesiane.

Ordinamento dello stato[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Suddivisioni di Vanuatu.
Province di Vanuatu

Nel 1994 l'arcipelago è stato suddiviso in sei province i cui nomi sono formati dalle lettere iniziali delle isole che le costituiscono:

  • Malampa (composta dalle isole di Malakula, Ambrym, Paama)
  • Penama (Pentecoste, Ambae, Maewo)
  • Sanma (Santo, Malo)
  • Shefa (Shepherds group, Efate)
  • Tafea (Tanna, Aniwa, Futuna, Erromango, Aneityum)
  • Torba (Torres islands, Banks islands)

Le province dispongono di un parlamentino autonomo chiamato consiglio provinciale che si occupa, tra l'altro, della politica fiscale locale e della regolamentazione di materie locali come il turismo, il bilancio provinciale e la fornitura di alcuni servizi essenziali.

A loro volta le province sono suddivise in comuni (costituiti da una sola isola) guidati da un consiglio e da un sindaco eletto tra i membri del consiglio.

Rivendicazioni territoriali[modifica | modifica wikitesto]

Le piccole isole disabitate di Matthew e Hunter sono contese da Vanuatu e dalla Francia/Nuova Caledonia. Ogni anno, in occasione dei festeggiamenti dell'indipendenza, vi viene issata la bandiera di Vanuatu ed ogni anno il governo francese esprime una protesta formale per quest'azione. Le schermaglie durano dal 1980, anno dell'indipendenza ma non vi sono mai state operazioni militari per il possesso di queste due isole.

Città principali[modifica | modifica wikitesto]

I centri abitati principali sono la capitale Port Vila che al censimento del 1999 aveva una popolazione di 29 356 abitanti e Luganville con 10 738 abitanti[12].

Istituzioni[modifica | modifica wikitesto]

Il Parlamento di Vanuatu.

Il Parlamento di Vanuatu è unicamerale e ha 52 membri, eletti ogni 4 anni tramite voto popolare. Il leader del principale partito nel Parlamento è eletto di solito come Primo Ministro di Vanuatu, e capo di governo. Il capo di stato, il Presidente di Vanuatu, è scelto ogni 5 anni dal parlamento e dai presidenti dei 6 governi di provincia.

Un'altra istituzione prevista dalla Costituzione è quella del Consiglio Nazionale dei Capi[10] (localmente chiamato Malvatu Mauri), composto da membri eletti dai capi distrettuali e che ha funzioni consultive su tutto ciò che riguarda le abitudini e tradizioni dell'arcipelago.

Ordinamento scolastico[modifica | modifica wikitesto]

La percentuale di analfabetismo è nel 2005 del 26%, la più alta del continente dopo Papua Nuova Guinea. Vista la popolazione esigua è insolito che questo indice statistico sia così alto; va però notato che è stato fatto molto per ridurlo, basti pensare che pochi anni prima equivaleva al 36%, dieci punti in più. I progressi in questo campo hanno permesso un notevole incremento dell'Indice di Sviluppo Umano.

A Port Vila e in altri tre centri, vi sono Campus universitari dell'Università del Pacifico del Sud. Nel campus di Port Vila, noto come Emalus Campus, ha sede la facoltà di Giurisprudenza.

Sistema sanitario[modifica | modifica wikitesto]

La situazione sanitaria permette una durata della vita discreta: 67 anni in media, 65 per gli uomini e 69 per le donne.
I dati sulla mortalità infantile sono drammatici, recentemente stimati al 4,7%; l'indice di mortalità è invece contenuto, al 6,2%. L'incremento demografico è elevato, dunque è difficile far fronte alle esigenze sanitarie di tutti.


Economia[modifica | modifica wikitesto]

Mercato a Port Vila.

L'80%[5] circa della popolazione si occupa di agricoltura di sussistenza o su piccola scala, principalmente coltivazione di noci di cocco o di altri prodotti per l'esportazione. Il prodotto principale è la copra (che costituisce il 35% delle esportazioni del piccolo stato) seguita da legname, bovini e cacao. Più recentemente è cresciuta l'esportazione di estratti della radice di kava.
In aggiunta a ciò il governo ha mantenuto lo status (già esistente al momento dell'indipendenza) di paradiso fiscale e centro finanziario off-shore. Sono circa 2000 le istituzioni registrate che offrono una vasta gamma di servizi finanziari, legali o assicurativi off-shore.

Nel 2002 in seguito a pressioni internazionali riguardanti il riciclaggio di denaro vi è stato un aumento dei controlli sul settore finanziario.

Comunque, per la bassa imposizione fiscale attuata ed, in particolare, per l'assenza di norme e misure restrittive di controllo sul versante delle transazioni finanziarie, Vanuatu è annoverata tra i cosiddetti "paradisi fiscali". Infatti (unitamente alle Filippine, Isole Cook, Liberia, Isole Marshall, Montserrat, Nauru, Niue, Panamá, Belize, Brunei, Costa Rica, Guatemala e Uruguay) sono le 14 giurisdizioni che, in base all'ultimo Rapporto del giugno 2010 dell'Organizzazione con sede a Parigi, ancora figurano nella cosiddetta lista grigia dell'Ocse sotto la voce tax heaven e centri finanziari.[13] Anche il sistema fiscale italiano, col Decreto Ministeriale 04/05/1999, l'ha inserita tra gli Stati o Territori aventi un regime fiscale privilegiato, nella Black List o lista nera, ponendo quindi limitazioni fiscali ai rapporti economico commerciali che si intrattengono tra le aziende italiane ed i soggetti ubicati in tale territorio.

Il 75% delle esportazioni di prodotti agricoli riguardano l'olio di cocco, la kava, la copra e i bovini; l'agricoltura contribuisce per oltre il 20% del PIL (dato del 2006).

Vanuatu rivendica una zona economica esclusiva di 735 893 k, ciò nonostante solo pochi ni-vanuatu si dedicano alla pesca per la quale vengono rilasciate concessioni a flotte straniere.

La crescita economica nel 2006 è stata pari al 3,4% quasi interamente determinata dal settore dei servizi, in particolare dal turismo. Altri settori rilevanti sono quello edile (15,7%), il commercio all'ingrosso e al dettaglio (12,4%), e il mercato immobiliare (11,2%). Si è registrato un miglioramento nei risultati dell'agricoltura in seguito ad una diminuzione dei prezzi locali della copra.

Un accordo chiamato Recognized Seasonal Employer (RSE) permette a lavoratori poco qualificati ni-vanuatu di lavorare stagionalmente in Nuova Zelanda; a partire dal giugno 2007 si attendono da questo programma entrate per circa 20 milioni di vatu, la moneta locale.


Arte[modifica | modifica wikitesto]

Tamburi in legno intagliato, al Bernice P. Bishop Museum di Vanuatu.
Maschera in legno di Vanuatu.

L'arte di questo arcipelago è considerata tra le più interessanti dell'intera Oceania, data la sua colorata espressività. La scultura è caratterizzata da una certa stilizzazione delle statue, per le quali il materiale utilizzato è generalmente il legno; altra forma di scultura è costituita dalle maschere. Originale in molti suoi aspetti, dell'arte di Vanuatu si nota la singolarità delle figure gonfiate con erba e ricoperte con argilla dipinta, che ne costituiscono la forma più caratteristica. Gli oggetti usati per i riti tradizionali si notano per la particolare cura.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Nazionale di calcio di Vanuatu.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • [1]. Ufficio Turismo di Vanuatu. Richiamato il 9 gennaio, 2006.
  • [2]. About.com. Richiamato il 9 gennaio, 2006.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (PDF) Censimento 2009
  2. ^ (EN) Population growth rate in CIA World Factbook. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  3. ^ Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013
  4. ^ Tasso di fertilità nel 2011. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  5. ^ a b c d e (EN) U.S. Department of State: Background notes. URL consultato l'8 novembre 2008.
  6. ^ (EN) Encyclopædia Britannica: Espiritu Santo. URL consultato l'8 novembre 2008.
  7. ^ Sisma 6,6 nel Pacifico meridionale in TGcom 24, 21 ottobre 2012. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  8. ^ (EN) Vanuatu Tourism Office: The Islands of Vanuatu. URL consultato il 16 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 16 giunio 2007).
  9. ^ Dati riferiti alla capitale dello stato, Port Vila.
  10. ^ a b (EN) Encyclopædia Britannica: Vanuatu. URL consultato il 16 novembre 2008.
  11. ^ (EN) Culture of Vanuatu sul sito vanuatutourism.com (versione archiviata)
  12. ^ (EN) Vanuatu Statistics Office: Vanuatu Population Summary. URL consultato il 16 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2009).
  13. ^ Ocse: a zero la black list, due le new entry nella white FiscoOggi.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]