Navanethem Pillay

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Navanethem Pillay

Navanethem Pillay chiamata anche Navi Pillay (in tamil: நவநீதம் பிள்ளை) (Durban, 23 settembre 1941) è un magistrato sudafricano, giudice della Corte Penale Internazionale, dal 1º settembre 2008 ricopre la carica di Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani.

Sudafricana di origine tamil è stata la prima donna non-bianca presso l'Alta corte del Sudafrica[1], è stata magistrato presso la Corte Penale Internazionale e Presidente del Tribunale Penale Internazionale per il Ruanda. Ha adottato il documento "Born Free and Equal" nelle orientamento sessuale e identità di genere di diritto internazionale, settembre 2012.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Reuters (28 luglio 2008). “FACTBOX-South Africa's Pillay is new human rights chief”. Consultato il 1º maggio 2008.
  2. ^ BORN FREE AND EQUAL - Sexual orientation and gender identity in international human rights law

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 122765965 LCCN: n82132512

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie