Tour di Vasco Rossi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Vasco Live Kom 011)

1leftarrow.pngVoce principale: Vasco Rossi.

Lo Stadio delle Alpi di Torino gremito per il concerto di Vasco Rossi nel luglio 2005

I tour di Vasco Rossi sono numerosi e sparsi in tre decenni, in un periodo di tempo che va dal 1980 fino ad oggi.

I primi concerti[modifica | modifica sorgente]

Live dal 1976 al 1979[modifica | modifica sorgente]

L'esordio assoluto di Vasco Rossi in un concerto avviene all'aula magna dell'Istituto Corni di Modena nel 1976, per presentare il 45 giri Jenny/Silvia, da poco uscito.

Nei primissimi anni, Vasco si esibisce live in diversi piccoli concorsi canori, e esegue concerti in piccoli locali, particolarmente in Emilia-Romagna (dove riscuote un discreto seguito, grazie alla fama conquistata come dj ai tempi di Punto Radio) e in Lombardia, ma le dimensioni dei suoi spettacoli sono così piccole che oggi è difficile trovare informazioni.

Colpa D'Alfredo Tour (1980)[modifica | modifica sorgente]

A partire dal 1980, Vasco sarà accompagnato nei suoi concerti dalla Steve Rogers Band, composta da Maurizio Solieri, Massimo Riva, Roberto Casini, Andrea Righi e Mimmo Camporeale, che influenzerà la vita e la carriera artistica di Vasco per molti anni.

Nei primi concerti, tra le altre canzoni, canta anche una propria versione di Supermarket di Lucio Battisti, inserendola a mo' di medley nella canzone Sensazioni forti.

Le date:

Data Città Luogo Note
1980 Trieste [1]
1980 Reggio Emilia Discoteca Marabù
1980 Crespino (RO) Festa de l'Unità
1980 Milano Palasport
14 maggio 1980 Sanguinaro di Fontanellato (PR) Jumbo Music Hall
29 maggio 1980 Mantova Discoteca Caravel
22 giugno 1980 Lido di Camaiore (LU) Versilia Rock
10 luglio 1980 Lainate (MI) Villa Litta
1º settembre 1980 Bologna Teatro Tenda
1º novembre 1980 Collecchio (PR) Taro Taro Club
14 dicembre 1980 Bologna Motorshow
19 dicembre 1980 Bologna Palasport

Siamo Solo Noi Tour (1981)[modifica | modifica sorgente]

Nel tour del 1981, Vasco rende tributo a dei giganti della musica come Eric Clapton, Sex Pistols, Chuck Berry e Rolling Stones cantando rispettivamente Cocaine, God Save the Queen, Johnny B. Goode e Brown Sugar (cantata sempre in coro da Vasco, Riva e Solieri).

Le date:

Data Città Luogo Note
1981 Cesena [2]
1981 Modena
1981 Bergamo
1981 Cremona Palasport
1981 Trento
1981 Treviso
1981 Pavullo nel Frignano (MO)
17 maggio 1981 Pistoia
19 maggio 1981 Bologna
20 maggio 1981 Mestre (VE)
21 maggio 1981 Isola d'Asti (AT)
22 maggio 1981 Genova
28 maggio 1981 Centallo (CN) Discoteca Crazy Boy
5 giugno 1981 Belluno Teatro comunale
12 giugno 1981 Chiavari (GE) Campo sportivo comunale
19 giugno 1981 Novara
giugno 1981 Faenza (RA) Festa de l'Unità
luglio 1981 Taneto (RE) Festa de l'Unità
14 luglio 1981 Maggianico (CO) Villa Gomes (Festa de l'Unità)
20 luglio 1981 Forlì Festa de l'Unità
8 agosto 1981 San Mauro Mare (FC)
14 agosto 1981 Varazze (SV) Campo sportivo
22 agosto 1981 Collecchio (PR) Taro Taro Club
26 agosto 1981 Calcinate (BG) Campo sportivo
settembre 1981 Gonzaga Fiera
4 settembre 1981 Verona Teatro Ristori
17 settembre 1981 Albino (BG) Oratorio
25 settembre 1981 Mantova Palasport
novembre 1981 Toscanella di Dozza (BO) Piro Piro Club
1981 Milano Rolling Stones
1981 Prato Festa de l'Unità

L'inizio del successo[modifica | modifica sorgente]

Vado Al Massimo Tour (1982)[modifica | modifica sorgente]

La discussa apparizione a Sanremo contribuisce ad aumentare notevolmente la notorietà del rocker. Nel 1982 ospita gratuitamente i venditori ambulanti di colore al suo concerto a Pescara come reazione alle critiche di razzismo in seguito alla sua canzone Colpa d'Alfredo.

Le date:

Data Città Luogo Note
1982 Vicenza [3]
1982 Sestri Levante (GE)
1982 Padova Palasport San Lazzaro
1982 Sant'Ilario d'Enza (RE) Festa de l'Unità
1982 San Martino in Rio (RE) Festa de l'Unità
1982 Correggio (RE) Festa de l'Unità
1982 Olgiate Olona (VA)
aprile 1982 Ascona (Svizzera) Discoteca Le Stelle
4 aprile 1982 Lugo di Romagna (RA) Discoteca Baccara "Music Hall"
4 aprile 1982 Zavattarello (PV)
4 aprile 1982 Torino Discoteca Milleluci
21 aprile 1982 Montebello della Battaglia (PV) Dicoteca Tucano
22 aprile 1982 Cavallermaggiore (CN) Le cupole
21 aprile 1982 Vigliano d'Asti (AT) Dancing Crazy
30 aprile 1982 Brescia
maggio 1982 Vascon di Carbonera (TV)
7 maggio 1982 Monticelli d'Ongina (PC) Cellophane
9 maggio 1982 Poggiridenti (SO) Piazza
14 maggio 1982 Forlì Palasport
15 maggio 1982 Deruta (PG) Billo
16 maggio 1982 Cimadolmo (TV) Piazza
19 maggio 1982 Gravellona Toce (NO) Punto Radio
20 maggio 1982 Sassuolo (MO) Picchio Rosso
21 maggio 1982 Bacedasco (PC) Piazza
22 maggio 1982 Cremona Palasport
29 maggio 1982 Longarone (BL) Palazzo delle mostre
30 maggio 1982 Este (PD) Stadio Comunale
2 giugno 1982 Lugo di Romagna (RA)
giugno 1982 Monticelli d'Ongina (PC)
6 giugno 1982 Bacedasco (PC)
25 giugno 1982 Verbania
13 luglio 1982 Bazzano (BO)
15 luglio 1982 Bovolone (VR)
16 luglio 1982 Baiso (RE)
20 luglio 1982 Barco (FE)
22 luglio 1982 San Giovanni in Persiceto (BO)
27 luglio 1982 Campagnola Emilia (RE)
28 luglio 1982 Granarolo dell'Emilia (BO) Festa de L'Unità
29 luglio 1982 Bagnacavallo (RA) Festa de l'Unità
1º agosto 1982 Bolzano
3 agosto 1982 Mestre (VE)
4 agosto 1982 Rimini
6 agosto 1982 Viareggio (LU)
9 agosto 1982 Portoferraio (LI)
10 agosto 1982 Cava de' Tirreni (SA)
11 agosto 1982 Sottomarina (VE) Discoteca Shaker
12 agosto 1982 Scalea (CS)
13 agosto 1982 Sabaudia (RM)
14 agosto 1982 Zocca (MO)
15 agosto 1982 Barletta (BA)
16 agosto 1982 Viserbella (RN)
17 agosto 1982 Catanzaro
18 agosto 1982 Reggio Calabria
21 agosto 1982 Arquà Polesine (RO)
22 agosto 1982 Palermo
23 agosto 1982 Catania
25 agosto 1982 Messina
agosto 1982 Cagliari
29 agosto 1982 San Silvestro (MN)
30 agosto 1982 Brescia
settembre 1982 Sedriano (MI)
4 settembre 1982 Frassineto Po (AL)
5 settembre 1982 Milano Teatro Tenda
6 settembre 1982 Castel Guelfo di Bologna (BO)
15 settembre 1982 Ravenna Centro Internazionale Cà del Liscio
21 settembre 1982 Veduggio con Colzano (MB)
17 ottobre 1982 Lugo di Romagna (RA) Baccarà Music Hall
29 ottobre 1982 Valdengo (BI) Discoteca La peschiera
26 novembre 1982 Acqui Terme (AL) Discoteca Palladium

Bollicine Tour (1983)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1983, locali giudicati sufficientemente grandi l'anno prima, e addirittura sovrabbondanti solo due anni prima, diventano improvvisamente troppo piccoli. Spesso, le date saltano, oppure si svolgono in precarie condizioni di ordine pubblico. La tournée ha un tale successo, che novembre vengono aggiunte delle date, per registrare il primo live della carriera del rocker, Va bene, va bene così. Alcune esibizioni di novembre sono state scelte per registrare il materiale per l'album live Va bene, va bene così, uscito nella primavera del 1984.

Le date:

Data Città Luogo Note
febbraio 1983 Roma Villa Giordani [4]
1º marzo 1983 Castrocaro Terme (FC) Discoteca Bull Bull
marzo 1983 Concordia (MO) Discoteca La Lucciola
24 marzo 1983 Cantù (CO) Palasport
27 marzo 1983 Ravenna Centro Internazionale Cà del Liscio
29 marzo 1983 Piumazzo (MO)
3 aprile 1983 Ozzano Monferrato (AL) Discoteca Raptus
6 aprile 1983 Ferrara
7 aprile 1983 Zingonia (BG)
8 aprile 1983 Brescia
10 aprile 1983 Firenze Teatro Tenda
14 aprile 1983 Formigine
21 aprile 1983 Milano Rolling Stones
25 aprile 1983 Reggio Emilia Marabù
28 aprile 1983 Garlasco (PV) Le rotonde
20 aprile 1983 Perugia Quazzar
2 maggio 1983 Sarmato (PC) Discoteca Pierrot
4 maggio 1983 Piateda (SO)
11 maggio 1983 Lugo di Romagna (RA)
15 maggio 1983 Bergamo
18 maggio 1983 Reggiolo (RE)
20 maggio 1983 Valdengo (VC)
22 maggio 1983 Cornuda (TV)
26 maggio 1983 Genova Palasport
27 maggio 1983 Bellinzona (Svizzera)
28 maggio 1983 Cornedo Vicentino (VI)
29 maggio 1983 Padova Palasport
3 giugno 1983 Peseggia (VE)
4 giugno 1983 Longarone (BL) Palazzo delle mostre
5 giugno 1983 Palmanova (UD)
20 giugno 1983 Verona Manifestazione Rockstar Arena
13 luglio 1983 Appignano (MC) Stadio (Festa de l'Unità)
15 luglio 1983 Saronno (VA) Stadio
22 luglio 1983 Este (PD)
23 luglio 1983 San Giovanni Valdarno (AR) Stadio comunale
24 luglio 1983 Viareggio (LU) Discoteca Bussoladomani
26 luglio 1983 Castelletto Ticino (NO)
28 luglio 1983 Casaleone (VR)
30 luglio 1983 Ostia (RM)
31 luglio 1983 Tarquinia (VT)
4 agosto 1983 Iseo (BS) Teatro Tenda
6 agosto 1983 Fano (PU)
7 agosto 1983 Viareggio (LU) Discoteca Bussoladomani
8 agosto 1983 Chiavari (GE) Stadio Comunale
9 agosto 1983 Pietra Ligure (SV) Campo sportivo
12 agosto 1983 Igea Marina (FO) Discoteca Rio Grande
13 agosto 1983 Vasto (CH) Stadio Aragona
14 agosto 1983 San Benedetto del Tronto (AP)
15 agosto 1983 Pescara
16 agosto 1983 Ostuni (BR)
17 agosto 1983 Taranto Palazzetto dello sport
18 agosto 1983 Gallipoli (LE) Stadio Lido San Giovanni
21 agosto 1983 Scicli (RG) Stadio comunale
22 agosto 1983 Letojanni (ME) Stadio Comunale
25 agosto 1983 Agropoli (SA)
26 agosto 1983 Cava de' Tirreni (SA) Stadio Simonetta Lamberti
27 agosto 1983 Falerna (CZ) Happy Days
28 agosto 1983 Grosseto
31 agosto 1983 Asti
1º settembre 1983 Bormio (SO)
3 settembre 1983 Verona Festivalbar
4 settembre 1983 Vittorio Veneto (TV) Piazza del Duomo
7 settembre 1983 Ravenna
9 settembre 1983 Reggio Emilia Festa de l'Unita
11 settembre 1983 Firenze Parco delle Cascine
15 settembre 1983 Ferrara Giardini Grattacielo
19 settembre 1983 Roma Villa Giordani
21 settembre 1983 Reggio Calabria Campo Sportivo
23 settembre 1983 Alessandria Teatro Tenda
25 settembre 1983 Sassari
26 settembre 1983 Olbia (SS)
28 settembre 1983 Cagliari Palasport
5 ottobre 1983 Voghera (PV)
6 ottobre 1983 Milano Teatro Tenda
1º novembre 1983 Castrocaro Terme (FC)
4 novembre 1983 Valdengo (BI) Peschiera
7 novembre 1983 Torino Teatro Tenda
10 novembre 1983 Verona Discoteca Verona 2000
11 novembre 1983 Bologna Teatro Tenda
17 novembre 1983 Zurigo (Svizzera) Volkshaus
1983 Montebello (PV) Discoteca Tucano

Va bene, va bene così Tour (1984)[modifica | modifica sorgente]

È il tour che segue la pubblicazione dell'album live "Va bene, va bene così" e l'esperienza della detenzione di Vasco nel carcere di Rocca Costanza (Pesaro).

La Steve Rogers Band:

  • Chitarra solista: Maurizio Solieri
  • Chitarra ritmica: Massimo Riva
  • Basso: Claudio Golinelli
  • Tastiere: Mimmo Camporeale
  • Batteria: Daniele Tedeschi
  • Cori: Susy Campisi
  • Sax: Rudy Trevisi

Le date:

Data Città Luogo Note
3 agosto 1984 Milano Marittima (RA) Stadio dei Pini [5]
5 agosto 1984 Fano (PS)
6 agosto 1984 Porto San Giorgio (AP)
8 agosto 1984 Avezzano
9 agosto 1984 Nettuno (Roma)
11 agosto 1984 Lecce
12 agosto 1984 Taranto
14 agosto 1984 Bisceglie (BA)
16 agosto 1984 Sanremo (IM)
17 agosto 1984 Marina di Carrara (MS) (alcuni tafferugli)
19 agosto 1984 Lignano Sabbiadoro (UD)
20 agosto 1984 Bolzano
22 agosto 1984 Mestre (VE)
24 agosto 1984 Santa Margherita Ligure (GE) Discoteca Covo di Nordest
25 agosto 1984 Dicomano (FI)
26 agosto 1984 Reggio Emilia
28 agosto 1984 Ferrara Arena all'aperto "Montagnon"
31 agosto 1984 Livorno
1º settembre 1984 Fabriano (AN) Stadio Comunale
3 settembre 1984 Piacenza
4 settembre 1984 Novara
6 settembre 1984 Trento
7 settembre 1984 Brescia
9 settembre 1984 Valdengo (BI) Discoteca La peschiera
13 settembre 1984 Milano Palasport
15 settembre 1984 Cassano Magnago (VA) trasmesso da Radio 77
settembre 1984 Bolzano
19 settembre 1984 Asti Piazza del Pailo
20 settembre 1984 Genova Palasport
settembre 1984 Sacile (PN)
settembre 1984 Thiene (VI)
23 settembre 1984 Villaverla (VI)
settembre 1984 Cava de' Tirreni (SA)
27 settembre 1984 Letojanni (ME) Stadio comunale
2 ottobre 1984 Novara Stadio
4 ottobre 1984 Torino Stadio Comunale - Curva Maratona Pioggia ininterrotta
5 ottobre 1984 Brescia
1984 Busto Arsizio
1984 Chiasso (Svizzera) Palapenz

Cosa Succede In Città Tour (1985)[modifica | modifica sorgente]

La Steve Rogers Band:

  • Daniele Tedeschi: batteria
  • Claudio Golinelli: basso
  • Maurizio Solieri: chitarra solista
  • Massimo Riva: chitarra ritmica e voci
  • Domenico Camporeale: tastiere
  • Andrea Innesto: sax e cori

Queste le date del tour:

Data Città Luogo Note
20 luglio 1985 Cagliari Stadio Amsicora
21 luglio 1985 Cuglieri (OR)
25 luglio 1985 Sestri Levante (GE) Stadio comunale
26 luglio 1985 Taggia (IM) Ex caserma Revelli
28 luglio 1985 Creazzo (VI) Stadio Comunale
30 luglio 1985 Udine Stadio Friuli
1º agosto 1985 Bolzano Stadio Druso
3 agosto 1985 Mestre (VE) Stadio Zelarino
4 agosto 1985 Misano Adriatico (RN) Autodromo S. Monica
6 agosto 1985 Viareggio (LU) Stadio dei Pini
8 agosto 1985 Tarquinia (VT)
10 agosto 1985 Cava de' Tirreni (SA) Stadio Simonetta Lamberti
11 agosto 1985 Praia a mare (CS) Stadio Comunale
13 agosto 1985 Sabaudia (LT)
15 agosto 1985 San Ferdinando di Puglia (FG) Campo sportivo comunale
17 agosto 1985 Crotone Stadio Ezio Scida
18 agosto 1985 Nicastro (CZ) Stadio Comunale
22 agosto 1985 Palermo Stadio della Favorita
23 agosto 1985 Lentini (SR) Stadio Comunale
24 agosto 1985 Messina Arena della libertà
28 agosto 1985 Noicattaro (BA) Stadio Comunale
30 agosto 1985 Vairano Patenora (CE) Piazza del municipio
1º settembre 1985 Benevento
2 settembre 1985 Napoli Fiera oltremare
4 settembre 1985 Carpi (MO) Piazza dei Martiri
5 settembre 1985 Firenze Palasport
6 settembre 1985 Firenze Palasport
7 settembre 1985 Serata finale "Festivalbar"
8 settembre 1985 Cuneo
10 settembre 1985 Genova Palasport
11 settembre 1985 Varese Ippodromo
13 settembre 1985 Locarno (Svizzera)
15 settembre 1985 Verona Arena di Verona
17 settembre 1985 Torino Stadio Comunale
18 settembre 1985 Milano Arena Civica
19 settembre 1985 Milano Arena Civica
21 settembre 1985 Roma Palazzo dello Sport
22 settembre 1985 Roma Palazzo dello Sport

C'è Chi Dice No Tour (1987)[modifica | modifica sorgente]

Dopo la detenzione, Vasco Rossi raccoglie successi strepitosi anche nelle tournée del 1984 e del 1985, suonando perfino davanti a decine di migliaia di persone all'Arena di Verona o alla Fiera di Oltremare a Napoli.

I concerti si svolgono solitamente in palazzetti sovraffollati, che alla fine degli anni ottanta iniziano a diventare stretti e si passa ai primi concerti agli stadi. L'album C'è chi dice no esce il 19 marzo del 1987, a distanza di due anni da Cosa succede in città.

Queste le date del tour:

Data Città Luogo Note
Prima parte (spazi chiusi):
11 aprile 1987 Padova Palasport San Lazzaro
13 aprile 1987 Verona PalaOlimpia
14 aprile 1987 Genova Palasport
16 aprile 1987 Lugo di Romagna (RA) Baccarà
18 aprile 1987 Caserta Palamaggiò
21 aprile 1987 Pesaro Palasport
23 aprile 1987 Chieti Teatro Tenda
25 aprile 1987 Terni Teatro Tenda
27 aprile 1987 Firenze Palasport
28 aprile 1987 Ferrara Palasport Azzurri d'Italia
30 aprile 1987 Torino Palasport
2 maggio 1987 Siena Palasport Mens Sana
4 maggio 1987 Reggio Emilia Palasport
8 maggio 1987 Vercelli Teatro Tenda
9 maggio 1987 Cantù (CO) Palasport Pianella
11 maggio 1987 Milano Palatrussardi
12 maggio 1987 Milano Palatrussardi
15 maggio 1987 Lugano (Svizzera) Palasport
17 maggio 1987 Gorizia Palasport
21 maggio 1987 Roma Palazzo dello Sport
23 maggio 1987 Livorno Palasport
25 maggio 1987 Modena Palapanini
28 maggio 1987 Bergamo Lazzaretto
29 maggio 1987 Cremona Piazza del Duomo
30 maggio 1987 Varese Teatro Tenda
Dopo circa un mese e mezzo di pausa il tour riprende, stavolta negli spazi aperti:
20 luglio 1987 L'Aquila Stadio Tommaso Fattori
21 luglio 1987 Nettuno (RM) Stadio Comunale
23 luglio 1987 Savona Stadio Valerio Bacigalupo
25 luglio 1987 Sarzana (SP) Stadio Miro Luperi
28 luglio 1987 Pistoia Stadio comunale
29 luglio 1987 Montevarchi (AR) Stadio Brilli Peri
30 luglio 1987 Casteldelpiano (GR) Stadio comunale
2 agosto 1987 Jesolo (VE) discoteca Capannine
3 agosto 1987 Misano Adriatico (RN) Stadio Comunale
4 agosto 1987 Porto Recanati (MC) Stadio Comunale
7 agosto 1987 Alba Adriatica (TE) Stadio Comunale
8 agosto 1987 Vasto (CH), poi spostato a Termoli (CB) Stadio Comunale
9 agosto 1987 Bisceglie (BA) Stadio Comunale
12 agosto 1987 Monopoli (BA) Stadio Veneziani
13 agosto 1987 Gallipoli (LE) Stadio Comunale
14 agosto 1987 Taranto Stadio Jacovone
17 agosto 1987 Praia a Mare (CS) Stadio Comunale
18 agosto 1987 Catanzaro Stadio Nicola Ceravolo
21 agosto 1987 Modica (RG) Stadio Comunale
22 agosto 1987 Milazzo (ME) Stadio Comunale
23 agosto 1987 Pergusa (EN) Stadio Comunale
2 settembre 1987 Viterbo Stadio Rocchi
4 settembre 1987 Viareggio (LU) Stadio dei Pini
6 settembre 1987 Pordenone Parco Galvani
8 settembre 1987 Bologna Festa nazionale de l'Unità Parco Nord
10 settembre 1987 Torino Palasport
14 settembre 1987 Milano Arena Civica
15 settembre 1987 Milano Arena Civica
18 settembre 1987 Omegna (VB) Stadio Liberazione
19 settembre 1987 Mira (VE) Arena
25 settembre 1987 Foggia Stadio Comunale
1º ottobre 1987 Roma Palazzo dello Sport

Durante l'ultimo concerto di questo tour, quello di Roma, furono effettuate le riprese utilizzate per la videocassetta "C'è chi dice no tour 87", messa in vendita per i soci del "Vasco Rossi official fans club". Alcune scene di questo concerto furono anche utilizzate nel film "Ciao ma'...", del regista Giandomenico Curi, uscito nelle sale nella primavera del 1988.

Liberi liberi Tour (1989)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1989, per la prima volta da quasi dieci anni, Vasco non è accompagnato dalla Steve Rogers Band[6] che tenta la carriera solista. La band è coordinata da Andrea Innesto (sax), Daniele Tedeschi (batteria), Alberto Rocchetti (tastiere), Paul Martinez (basso), Andrea Braido (chitarra solista) e Davide Devoti (chitarra ritmica).

Queste le date del tour:

Data Città Luogo Note
 ?? maggio 1989 Madrid (Spagna)
 ?? maggio 1989 Parigi (Francia)
 ?? maggio 1989 Grenoble (Svizzera)
 ?? maggio 1989 Zurigo (Svizzera)
6 giugno 1989 Locarno (Svizzera) Palazzetto Fevi
11 giugno 1989 Neuchatel (Svizzera)
13 giugno 1989 Torino Stadio Comunale
14 giugno 1989 Torino Stadio Comunale
16 giugno 1989 Parma Cittadella
18 giugno 1989 Milano Arena Civica
19 giugno 1989 Milano Arena Civica
21 giugno 1989 Padova Stadio Silvio Appiani
23 giugno 1989 Bari Fiera
26 giugno 1989 Frosinone Stadio comunale
28 giugno 1989 Roma Palaeur
29 giugno 1989 Roma Palaeur
1º luglio 1989 Brescia Stadio comunale
3 luglio 1989 Pesaro Stadio comunale
4 luglio 1989 Assisi (PG) Stadio S. Maria
6 luglio 1989 Prato Stadio Lungobisenzio
7 luglio 1989 Agnano (NA) Ippodromo
27 luglio 1989 Viareggio
29 luglio 1989 Fondi (LT) Stadio Comunale
31 luglio 1989 Grosseto Stadio Comunale
 ?? agosto 1989 Praia a Mare (CS)
2 agosto 1989 Lignano Sabbiadoro (UD) Stadio
4 agosto 1989 Alba Adriatica (TE)
5 agosto 1989 Porto Recanati (MC)
6 agosto 1989 Misano Adriatica (RN)
9 agosto 1989 Albenga (SV)
10 agosto 1989 Sestri Levante (GE) Stadio Comunale
12 agosto 1989 Taranto
14 agosto 1989 Gallipoli
16 agosto 1989 Lamezia Terme (CZ)
17 agosto 1989 Sorrento (NA)
18 agosto 1989 Nettuno (ROMA)
22 agosto 1989 Sciacca (AG)
23 agosto 1989 Partinico (PA)
25 agosto 1989 Messina
26 agosto 1989 Scicli (RG)
27 agosto 1989 Giarre (CT)
29 agosto 1989 Cava de' Tirreni (SA)
31 agosto 1989 Cosenza
1º settembre 1989 Montesarchio (BN) Concerto per la pace
3 settembre 1989 Livorno
5 settembre 1989 Montecatini Terme (PT)
7 settembre 1989 Genova Piazzale Kennedy
8 settembre 1989 Treviglio / Caravaggio (RE) Festa de l'Unità
9 settembre 1989 Cardano al Campo (VA) Disco Nautilus
10 settembre 1989 Locarno (Svizzera)
13 settembre 1989 Omegna (VB)
14 settembre 1989 Biella
15 settembre 1989 Modena
16 settembre 1989 Montevarchi (AR)
19 settembre 1989 Bergamo
20 settembre 1989 Rovigo
22 settembre 1989 Torino Stadio comunale
25 settembre 1989 Benevento
26 settembre 1989 Guidonia (ROMA)
29 settembre 1989 Sassari
30 settembre 1989 Cagliari

Gli anni novanta[modifica | modifica sorgente]

I concerti degli anni novanta sono produzioni colossali, paragonabili a quelle degli artisti esteri più blasonati. In questi anni tornano nella band diversi componenti della Steve Rogers Band.

Fronte del Palco Tour (1990-1991)[modifica | modifica sorgente]

La band del 1990 era composta da Daniele Tedeschi (batteria), Paul Martinez (basso), Alberto Rocchetti (tastiere e cori), Andrea Braido (chitarra solista), Davide Devoti, Andrea Innesto (sax e cori). Nel 1991 rientrano Maurizio Solieri (chitarra solista) e Claudio Golinelli (basso).

Il 1990 rappresenta un'autentica consacrazione per la carriera live di Vasco: lo show "Fronte del Palco", con due concerti (il 10 luglio allo Stadio San Siro a Milano e il 14 luglio allo Stadio Flaminio di Roma) fa il tutto esaurito, raccogliendo circa 130 000 persone (oltre 70.000 a Milano e circa 45.000 a Roma), numeri che quell'anno non riusciranno a raggiungere nemmeno star internazionali del calibro di Madonna e Rolling Stones nei concerti tenuti allo Stadio delle Alpi di Torino ed allo Stadio Flaminio di Roma, impianti di simile capienza.

Il concerto si apre con Diego Spagnoli che grida "Il cielo lasciamolo ai passeri, noi stiamo coi piedi per terra!" ed il disco "Fronte del palco" è una registrazione fatta durante il tour del 1989. La testimonianza dei due concerti del 1990 è affidata a un disco uscito nel 1991 (10/7/90 San Siro) e a una VHS ufficiale; è stato pubblicato anche un libro fotografico.

Lo show si ripete l'anno seguente (1991) raccogliendo grandi successi in diversi stadi italiani: Stadio delle Alpi di Torino (82.000 spettatori), Stadio Cerreti (Campo di Baseball) di Firenze (33.000), Stadio Simonetta Lamberti di Cava dei Tirreni (47.000), Stadio Sant'Elia di Cagliari (25.000) e Stadio Friuli di Udine (52.000).

In più Vasco tiene diverse date in Germania, Svizzera, Francia, Belgio, Olanda e persino una data a Toronto (Canada) ed una a Londra in Inghilterra.

La scaletta, rispetto al "Blasco tour" del 1989 e ai due spettacoli di "Fronte del Palco" del 1990, vede l'aggiunta di Jenny è pazza e Silvia.

Gli Spari Sopra Tour (1993)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gli spari sopra (tour).

Rock Sotto L'Assedio (1995)[modifica | modifica sorgente]

Più che di un tour, si tratta di una sola esibizione in due città, ideato e dedicato alla guerra nella ex Jugoslavia, nella quale si esibirono anche i gruppi rock di Sarajevo. La prima serata al Palasport di Locarno in Svizzera è più che altro un test per le due serate di seguito allo stadio di San Siro a Milano. È un'impresa mai riuscita prima a nessun artista italiano. Alla fine oltre 100.000 spettatori assistono allo spettacolo, 40.000 alla prima serata, 63.000 per la seconda.

L'idea del concerto venne a Vasco dopo aver visto le foto di Massimo Sciacca di alcuni musicisti che suonavano a Sarajevo, nonostante la guerra. Vennero così interrotte le registrazioni di "Nessun pericolo per te" per organizzare la doppia serata.

Il concerto si apre con Generale di De Gregori e poi a seguire i maggiori successi, con un inedito per quell'anno: Anche se, poi pubblicato, con il titolo di Praticamente perfetto, nel successivo album Nessun pericolo per te.

Gli spari sopra e Vivere vengono eseguite con i due gruppi di Sarajevo: i Sikter e i Sarajevo Festival Ensemble.

Lo show venne trasmesso da Radio RaiDue nelle due serate del 7 e 8 luglio (venerdì e sabato) e replicato in parte le mattinate successive perché la diretta era stata sospesa a causa dei TG della notte.

Canale 5 ha poi trasmesso in autunno una porzione abbondante dello show del 7 luglio.

Le particolarità dello show sono molteplici: la presenza di quattro chitarristi (Massimo Riva, Maurizio Solieri, Stef Burns e Nando Bonini), la canzone War, cantata da Massimo Riva a metà dello spettacolo e l'idea di iniziare Delusa con un pezzetto di Albachiara.

Nessun Pericolo Per Te Tour (1996)[modifica | modifica sorgente]

Vasco torna con un super tour nel 1996. Anche questo è tour lunghissimo, 6 mesi e 40 date, e ricalca fedelmente la struttura del tour del 1993, toccando nella sua prima parte i Palasport italiani per poi passare in estate negli stadi delle grandi città, e quindi concludersi negli stadi di città di medie dimensioni. Il tour parte con due date di "prova" il 28 e il 30 marzo a Fragenfel e Bienne, in Svizzera, in vista dell'apertura vera e propria che avviene il 12 aprile al Palastampa di Torino, davanti a 12.000 spettatori. Poi, a ruota, tutti i palazzetti delle principali città italiane: il 15 aprile Bolzano, il 16 Bologna, il 19 e 20 Milano, il 23 Firenze, il 26 Roma, il 30 Acireale, il 4 maggio Palermo e il 7 maggio Caserta. Tutte le date sono state da "tutto esaurito".

La seconda e più importante parte del tour si apre il 15 giugno a Milano, allo Stadio San Siro, dove 63.000 spettatori assistono allo spettacolo del rocker. Il 18 giugno Vasco sbarca a Genova, Stadio Ferraris, da anni chiuso alla musica. Il 21 giugno è la volta dello Stadio delle Alpi di Torino, il 24 dello Stadio Giglio di Reggio Emilia, il 27 tocca alla curva sud dello Stadio Olimpico di Roma, e il 30 il concerto si tiene all'Autodromo del Mugello, vicino Firenze. Il tour prosegue il 4 luglio allo Stadio Lamberti di Cava dei Tirreni e si chiude il 7 allo Stadio Friuli di Udine.

La terza parte del tour si apre il 3 agosto all'Arena Croix Noire di Aosta. Poi per tutto agosto Vasco è in giro per l'Italia: il 4 a Sanremo, il 7 a Montalto di Castro, il 10 a Rimini, l'11 a Pescara, il 14 Lecce, il 17 Catanzaro, il 20 Caltanissetta, il 31 Rosa. Il 3 settembre tocca a Lugano, il 6 Verona, l'8 Cosenza, l'11 Modena, il 14 Ancona, il 17 Varese, il 20 Casale, il 21 Brescia, il 24 Bari. Il lunghissimo tour si conclude trionfalmete il 27 settembre, a Palermo, nella piazza del Foro Italico davanti a 250.000 spettatori. Ultimissima data, il 30 settembre, a Tortolì (Nuoro).

World Wide Tour (1997)[modifica | modifica sorgente]

Vasco torna con questo tour in diversi paesi europei.

Le date del tour sono le seguenti: 19 aprile 1997 Cortemaggiore (PC) - Fillmore Club (riservata al fans club); 21 aprile 1997 Bolzano - Palaonda; 24 aprile 1997 Bruxelles, Belgio - Ancienne Belgique; 25 aprile 1997 Lussemburgo - Belgio - Deffenbak; 27 aprile 1997 Cologne, Germania - E/Werk; 29 aprile 1997 Francoforte, Germania - Hugonotten; 02 maggio 1997 Monaco, Germania - Babylon; 03 maggio 1997 Villach, Austria - Hongresshause; 05 maggio 1997 Vienna, Austria - Rock Hausse; 09 maggio 1997 Skofije, Slovenia - Palasport; 13 maggio 1997 Pratteln (vicino a Basilea), Svizzera; 15 maggio 1997 Ginevra, Svizzera - Arena; 16 maggio 1997 Zurigo, Svizzera - Schutzenhause; 19 maggio 1997 Amstrerdam, Olanda - Paradiso Club; 12 luglio 1997 Bagnoli (NA) - Neapolis Rock Festival; 18 luglio 1997 Montreux, Svizzera - Festival.

Imola Autodromo Enzo Ferrari (1998)[modifica | modifica sorgente]

Il tour ha poche date, tra le quali Zurigo, il Teatro Ariston di Sanremo ed il PalaDozza di Bologna per un'apparizione alla trasmissione Taratatà.

Il concerto all'Autodromo di Imola apre la prima edizione dell'Heineken Jammin' Festival davanti a 120.000 persone. Durante il concerto, Vasco canta Il tempo di morire, di Mogol e Lucio Battisti, come omaggio al cantautore italiano che scomparirà due mesi e mezzo dopo.

Rewind Tour (1999)[modifica | modifica sorgente]

Il tour parte in maniera singolare, con un concerto riservato ai fan club alla discoteca Alcatraz di Milano.

Il tour è estivo e tocca diversi stadi italiani. Per la prima volta Vasco fa due date allo Stadio delle Alpi di Torino ed all'Olimpico di Roma, mentre ancora una volta è escluso lo Stadio Meazza di Milano a causa di problemi con le concessioni comunali.

Il tour (21 date ufficiali e 689.000 spettatori paganti ai concerti) si piazza al primo posto di sempre in fatto a presenze con il "sold out" praticamente in tutte le date. Esso vede però la scomparsa del chitarrista Massimo Riva, avvenuta pochi giorni prima della prima data; a sostituirlo è Maurizio Solieri, mentre l'altro chitarrista è Stef Burns.

La scomparsa di Riva provoca anche qualche variazione nella scaletta, come l'esecuzione di Quanti anni hai con la proiezione del filmato di apertura del concerto di Imola 1998.

Anche Gli angeli viene dedicata a Riva, tra gli applausi del pubblico, mentre Vasco ricorda che «nessuno muore mai completamente, qualche cosa di lui rimane sempre VIVO, dentro di NOI! Viva Massimo Riva!»

Dalla seconda metà del tour viene inserita in scaletta l'inedita La fine del millennio, mentre l'apertura è sempre con Lo show, con Vasco che comincia a cantare fuori dal palco.

Per buona parte delle canzoni Vasco ha una telecamera sugli occhiali che proietta in diretta sui maxi schermi e su Internet quello che lui vede.

Nell'ultima tappa, a Varese, un diluvio mette in dubbio il concerto (Ippodromo esaurito con 26.000 biglietti venduti), ma lo show va avanti lo stesso. Al grido «il cielo lasciamolo ai passeri, noi stiamo coi piedi nel fango», Vasco Rossi e la sua band iniziano a suonare, rinunciando agli effetti di luce, esibendosi quindi solo con dei fari fissi.

Il nuovo millennio[modifica | modifica sorgente]

Stupido Hotel Live (2001)[modifica | modifica sorgente]

Gli anni 2000 ripartono alla grande con un tour estivo nei principali stadi italiani, all'insegna della tecnologia grazie all'ingresso nella band di Frank Nemola con brani come Stendimi. Il tour parte con una data esaurita all'Autodromo di Imola per poi passare il 19 giugno a Torino, Stadio delle Alpi; 22 giugno a Verona, Stadio Bentegodi; 25 giugno a Bari, Arena della Vittoria; 28 giugno a Palermo, Velodromo Paolo Borsellino; 1º luglio a Salerno, Stadio Arechi; 4 luglio a Roma, Stadio Olimpico; 7 luglio a Udine, Stadio Friuli. Da notare che A Bari ancora una volta non è utilizzato il San Nicola ma la più modesta Arena della Vittoria.

Nelle prime date del tour viene eseguita anche Vita spericolata, mentre, alle prove generali di Fabriano, viene eseguita Voglio andare al mare.

Nelle date di Modena, Firenze e Padova, a seguito degli attentati terroristici dell'11 settembre, i concerti si aprono con C'è chi dice no: quest'ultima non viene cantata da Vasco Rossi, ma è annunciata da Diego Spagnoli, con una richiesta di silenzio, e il testo è presente su una cartolina speciale distribuita all'ingresso.

Vasco @ S.Siro 03 (2003) Allestimento e 2 concerti a Fabriano (An)[modifica | modifica sorgente]

Lo stadio San Siro durante un concerto di Vasco Rossi

Nel 2003 Vasco riesce ad ottenere la concessione dello Stadio Meazza di Milano. Nell'estate di quell'anno raccoglie oltre 250.000 fans con tre concerti di seguito, "tutti esauriti". In occasione di questo evento, si scatenano delle polemiche tra lo staff di Vasco, che chiede in concessione lo stadio per una quarta data, e parte del mondo politico, in particolare con il senatore di Alleanza Nazionale Michele Bonatesta, che polemizza contro l'uso di una maglietta da parte del cantante a favore della legalizzazione delle droghe leggere.

Buoni o cattivi Tour (2004-2005)[modifica | modifica sorgente]

Biglietto di prato-gradinata per il concerto di Vasco Rossi al Velodromo di Palermo del 25 giugno 2005

Questo tour riguarda due estati e tocca tutti i principali stadi italiani, questa volta nessuno escluso e "tutti esauriti".

Nel settembre 2004, come appendice al "Buoni o Cattivi tour", Vasco chiude a Catanzaro con un concerto gratuito sotto la pioggia di fronte a circa 400.000 fans per permettere a coloro che non sono riusciti ad accaparrarsi il biglietto in altre date di assistere al tour. In questa occasione viene realizzata la prima diretta in assoluto di un evento live su telefonia cellulare.

Le date del tour sono state aperte da Pia Tuccitto e Simone Tomassini, lanciati dallo stesso Vasco e dalla sua casa discografica Bollicine.

Vasco Live 2007 (2007)[modifica | modifica sorgente]

Lo Stadio del Conero prima del concerto di Rossi del 14 luglio 2007
Biglietto di tribuna per il concerto di Vasco Rossi allo Stadio San Filippo di Messina del 7 luglio 2007

Dopo tre anni di assenza e senza il supporto di un nuovo album, Vasco torna sulle scene con un nuovo tour che fa registrare altri record. Secondo i dati SIAE, infatti, le sue esibizioni si trovano al primo, secondo, quinto e sesto posto nella graduatoria relativa ai concerti più visti nel primo semestre del 2007.[7]

Il primo concerto è la "data zero" presso lo stadio comunale di Latina. Successivamente Vasco avrebbe dovuto tenere il concerto di punta dell'Heineken Jammin' Festival a Venezia, ma un brusco uragano impedisce lo svolgimento della manifestazione rimandando l'uscita sul palco.

Successivamente in giugno ci sono due date allo Stadio Meazza, con musica suonata a un volume più basso dopo le proteste del "Comitato antirumore di San Siro"; non così allo Stadio Olimpico di Roma, dove viene realizzato il DVD live Vasco@Olimpico.07 con la regia di Swan. Prosegue in luglio con esibizioni allo Stadio delle Alpi di Torino, allo Stadio San Filippo di Messina, allo Stadio San Nicola di Bari e infine allo Stadio del Conero di Ancona.

Torna in settembre con una nuova "data zero" a Cosenza, allo Stadio San Vito, per poi cantare anche negli stadi di Firenze, Bologna, Verona e Torino, per chiudere ad Udine.

Vasco.08 Live in concert (2008)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Vasco.08 Live in concert.

Questo tour è quello che promuove l'album Il mondo che vorrei, svoltosi in due parti: la prima a maggio e giugno, la seconda a settembre e ottobre.

Concerto del Primo Maggio a Roma 2009[modifica | modifica sorgente]

In occasione della festività del 1º maggio, Vasco ha tenuto la sua prima esibizione live del 2009 a Roma, al famoso concerto.[8] Il concerto è andato in onda su RaiTre.

Tour Europe indoor[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tour Europe indoor.

È stata una tournée indoor in giro per l'Italia e l'Europa, a tredici anni di distanza dall'ultimo tour al chiuso datato 1996, il Nessun Pericolo Per Te Tour.

Il 22 giugno è uscito il Vasco London Instant Live 04.05.2010, che ricorda la data del 4 maggio 2010 a Londra.

Vasco Live Kom '011 e '013[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Vasco Live Kom '011 e Vasco Live Kom '013.

Il Vasco Live Kom '011 è la tournée collegata all'album Vivere o niente.

Alcune tappe sono saltate per problemi fisici e/o di salute; la tappa del 26 giugno 2011 (la tappa messinese) è saltata anche per motivi di inaccessibilità dello stadio.

Il 14 gennaio 2013 è stata annunciata la prosecuzione del tour interrotto per problemi di salute di Vasco;[9] il 21 gennaio seguente sono state ufficializzate quattro date allo Stadio Olimpico di Torino,[10] e tre date allo stadio dall'Ara di Bologna.[11] Successivamente conquista il premio Medimex 2013 come Miglior Tour.[12]

Vasco Live Kom '014[modifica | modifica sorgente]

Il Vasco Live Kom '014 prevede sette date dell'artista di cui quattro allo Stadio San Siro di Milano e tre allo Stadio Olimpico di Roma. Questo tour segna un altro record per l'artista: è infatti l'unico cantante a raggiungere il maggior numero di presenze consecutive nello stadio milanese.[13]

Concerti e tour fuori dall'Italia[modifica | modifica sorgente]

Pur non avendo mai avuto un successo pari a quello ottenuto in Italia, Vasco ha più volte fatto dei concerti in altri paesi, specialmente in Svizzera. Questa la lista dei concerti fuori dall'Italia:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Colpa d'Alfredo Tour 1980
  2. ^ Siamo solo noi Tour 1981
  3. ^ Vado al massimo Tour 1982
  4. ^ Bollicine Tour 1983
  5. ^ Va ben va bene così Tour 1984
  6. ^ In ventimila a dire "No" insieme a Vasco Rossi Repubblica.it
  7. ^ Concerti 2007, Vasco Rossi sempre al top Rockol.it
  8. ^ Vasco al concerto del 1º maggio Vascorossi.net
  9. ^ In concerto a giugno Vascorossi.net
  10. ^ Vasco Live KOM 013 svelati i 4 concerti evento Vascorossi.net
  11. ^ Vasco Rossi si allena in Puglia "Sono arrivato fino al mare..." Ilrestodelcarlino.it
  12. ^ http://www.optimaitalia.com/blog/2013/11/11/il-livekom-13-di-vasco-rossi-premiato-al-medimex-2013-ecco-tutti-i-vincitori/117165
  13. ^ Vasco Rossi, Live Kom 2014: nuova data a Milano il 10 luglio 2014, ecco info sui biglietti musica.excite.it
  14. ^ Vasco limited edition... ed è già un evento Vascorossi.net
  15. ^ In un primo momento era stata organizzata una tappa a Barcellona per il 16 maggio 2010, ma per motivi tecnici e logistici non è stato possibile organizzare l'evento lì. News: Comunicazione di redazione Vascorossi.net

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock