Andrea Innesto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrea Innesto
Andrea Innesto.jpg
Andrea Innesto "Cucchia"
NazionalitàItalia Italia
Periodo di attività musicale1982 – in attività
StrumentoSassofono
Sito ufficiale

Andrea Innesto (Bologna, 10 settembre 1964) è un sassofonista italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Soprannominato "Cucchia", è il sassofonista della Steve Rogers Band e di Vasco Rossi dal 1985 al 2017.

Intraprese lo studio del flauto traverso all'età di 11 anni e concludendoli 7 anni al conservatorio "Santa Cecilia" in Roma. In contemporanea, intraprese anche lo studio del sax alto e soprano dall'età di 15 anni.

Ha iniziato nel 1982 l'attività professionale suonando al Bandiera Gialla di Rimini con un gruppo cover anni sessanta, Marzio e i Bandiera Gialla, detto anche Macho Band, che raggiunse con il brano “I'm a Man” la Top Ten negli Stati Uniti.[senza fonte] Nel 1983 incontra Sergio Bardotti e inizia a incidere con artisti quali Loredana Bertè, Ornella Vanoni e Umberto Bindi. Nel 1984 al Bandiera Gialla di Rimini, conobbe il gruppo di Vasco Rossi, la Steve Rogers Band assieme al suo produttore Guido Elmi, che lo contattarono per un provino l'anno successivo. Entrò a far parte in pianta stabile nel 1985 con lo staff musicale di Vasco Rossi e realizzando in contemporanea il primo album della Steve Rogers Band “I duri non ballano”. Nel 1986 collabora con un altro artista italiano, Gianni Morandi nell'album “Le italiane sono belle”.

Nel 1987 inizia così il tour di Vasco “C'è chi dice no” nei maggiori palasport italiani; l'anno seguente la Steve Rogers Band ottiene la massima popolarità con il secondo album “Alzati la gonna”.

Nel 1989, lascia la Steve, proseguendo la collaborazione con il rocker di Zocca.

Numerose sono però le varie produzioni e collaborazioni che Andrea compie nel corso degli anni: nel 1990 raggiunge le prime 10 posizioni nella classifica inglese con la produzione dance "Tingo Tango". Nel 1992, collabora per la realizzazione dell'album di Ector Dona facendosi conoscere in Spagna. Nel 1994 partecipa anche a manifestazioni extra musicali, come la realizzazione di tutta la colonna sonora per Enrico Coveri nelle sfilate parigine “Pret a Porter 94/95”. Nel 1997 registra con Patty Pravo in studio col brano scritto da Vasco Rossi, Gaetano Curreri e da Roberto Ferri in “E dimmi che non vuoi morire”, presentata anche al Festival di Sanremo dello stesso anno e suonata in tournée realizzando circa 80 concerti. Nel 1998 continua la sua collaborazione nella band di Patty Pravo, realizzando 45 concerti in tutta Italia. Nel 1999 incide il suo album in proprio "Rispetto Alla Melodia", inserendo brani italiani popolari rivisitati in diversi arrangiamenti jazzistici e non. Nell'estate del 2000 partecipa in qualità di sassofonista-attore al Road Movie "Eldorado" sulle strade dell'Australia nel periodo di agosto e settembre, con Shel Shapiro, Angelo Cannavacciuolo, percorrendo un viaggio di 9600 km attraverso il deserto: da Perth a Cairns.

Nel 2001 partecipa al "Pavarotti International" con Patty Pravo.

Nel 2006 collabora con Michele Fazio e Damiano Marino per la realizzazione di 3 brani nell'album "Waves".

Nel 2012 suona nel cd Di bene in meglio di Mauro Patelli, storico chitarrista di Luca Carboni al suo esordio solista.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]