Falconara Marittima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Falconara Marittima
comune
Falconara Marittima – Stemma
Falconara Marittima – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Marche.svg Marche
Provincia Provincia di Ancona-Stemma.png Ancona
Sindaco Goffredo Brandoni (PdL) dal 10-06-2013
Territorio
Coordinate 43°37′46.56″N 13°23′48.48″E / 43.6296°N 13.3968°E43.6296; 13.3968 (Falconara Marittima)Coordinate: 43°37′46.56″N 13°23′48.48″E / 43.6296°N 13.3968°E43.6296; 13.3968 (Falconara Marittima)
Altitudine 5 m s.l.m.
Superficie 25,46 km²
Abitanti 26 389[1] (31-10-2013)
Densità 1 036,49 ab./km²
Frazioni Castelferretti, Falconara Alta, Fiumesino, Palombina Vecchia, Rocca Priora, Villanova, Tesoro
Comuni confinanti Ancona, Camerata Picena, Chiaravalle, Montemarciano
Altre informazioni
Cod. postale 60015
Prefisso 071
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 042018
Cod. catastale D472
Targa AN
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona D, 1 888 GG[2]
Nome abitanti falconaresi
Patrono Madonna del Rosario
Giorno festivo 8 maggio
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Falconara Marittima
Posizione del comune di Falconara Marittima nella provincia di Ancona
Posizione del comune di Falconara Marittima nella provincia di Ancona
Sito istituzionale

Falconara Marittima è un comune italiano di 26.389 [1] abitanti della provincia di Ancona nelle Marche.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

La cittadina è abbastanza vicina ad Ancona, con la quale forma un unico agglomerato urbano, tanto che i quartieri di Palombina Vecchia (Falconara) e Palombina nuova (Ancona) sono contigui; si estende interamente lungo la costa del mare Adriatico e si presenta con un lungo lido sabbioso frequentato d'estate anche da molti turisti e, naturalmente, dalla popolazione locale. Falconara si affaccia sul Golfo di Ancona, cosa che rende il suo litorale paesaggisticamente interessante.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'origine dell'abitato è senza dubbio da rapportarsi con la costruzione del castello dei conti Cortesi, proprietari di buona parte del territorio dei dintorni. Le prime notizie si hanno attorno all'anno 1225 quando i conti chiesero protezione ad Ancona ed aggregarono tutti i loro castelli al contado, pur mantenendo una certa autonomia. Falconara divenne così uno dei castelli di Ancona.

Già dall'inizio del Cinquecento si presero decisioni di carattere comunale, ma solo dopo la metà dello stesso secolo si ebbe un vero organismo degno di questa definizione, anche se per Ancona le castella ricoprirono sempre molta importanza sia strategica che a causa della ricchezza di quelle terre.

L'economia fu sempre stazionaria perché i proprietari terrieri rimasero sempre le stesse famiglie: Ferretti, Fatati, Torriglioni e Bourbon del Monte.

Si ebbe una grande trasformazione solo dopo la costruzione della linea ferroviaria Ancona-Orte ed Ancona-Bologna (1860-1870), da allora tutta l'attività si spostò dall'entroterra alla costa. Divenne un importante centro di convegni civili e politici.

Durante il fascismo, dal 1928[3] venne accorpata ad Ancona e solo dopo la guerra, nel 1948[4] ritornò ad essere un comune a sé.

Toponimo[modifica | modifica sorgente]

Il nome deriva dal condottiero Falcone, al seguito del generale Belisario, a cui intorno all'anno 540 Giustiniano I donò il territorio di Falconara Marittima, dopo la sconfitta dei Goti che avevano invaso il Piceno.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

  • La chiesa di Santa Maria della Misericordia risalente al XV secolo e costruita per volere dei conti Ferretti presenta all'interno interessanti affreschi della scuola marchigiana del Quattrocento.

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

  • Il castello di Falconara Alta risalente al periodo tra il VII ed il XII secolo, fu uno dei circa venti castelli di Ancona. Cessata la funzione di difesa del territorio anconetano, fu sottoposto a varie trasformazioni e divenne residenza di campagna. Ultimamente è stato restaurato e riportato per quanto possibile allo stato originario.
  • Castelferretti, risalente al 1384-1386 venne edificato da Francesco Ferretti. Nel 1397 ottenne l'erezione a contea grazie al papa Bonifacio IX. Presieduto da forze armate fu rifugio per le popolazioni circostanti durante le lotte nella Marca anconitana.
  • Il castello di Rocca Priora fu un baluardo per la difesa di Ancona per le incursioni di nemici provenienti dal nord. Dopo un'incursione venne munito di feritoie e ponte levatoio. Il marchese Trionfi nel 1756 lo restaurò completamente e lo adibì ad abitazione. Fra i castelli di Ancona, Rocca Priora è uno di quelli meglio conservati.
  • La Villa Monte Domini costruita sulla collina che domina Castelferretti dai conti Ferretti sembra attorno all'anno 1505. È collegata all'abitato con un bella scalinata.

Aree naturali[modifica | modifica sorgente]

  • A Falconara Marittima è nato nel 1968 un Parco Zoo che oggi conta un'estensione di oltre 60.000 m².

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Attualmente Falconara è interessata da un forte flusso migratorio extracomunitario.In particolare etnie albanesi e rumene.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Istruzione[modifica | modifica sorgente]

Biblioteche[modifica | modifica sorgente]

  • La biblioteca francescana e picena creata da padre Candido Mariotti è completamente dedicata a san Francesco d'Assisi ed ai francescani; nel 1934 l'intera raccolta fu trasferita nel convento dei frati minori di Falconara.

Eventi[modifica | modifica sorgente]

Mostra Mercato del fumetto[modifica | modifica sorgente]

  • Ogni anno nel mese di agosto viene tenuta a Falconara Marittima nella centralissima Piazza Mazzini la Mostra Mercato del fumetto che richiama appassionati da ogni regione italiana.

Persone legate a Falconara[modifica | modifica sorgente]

Economia[modifica | modifica sorgente]

Industria[modifica | modifica sorgente]

La principale risorsa economica è la raffineria api, che crea preoccupazioni ambientali e sanitarie per la popolazione di Falconara e dei comuni limitrofi. Altre piccole industrie ed aziende artigianali contribuiscono ad aumentare il lavoro.

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Lungo il litorale sono presenti ristoranti caratteristici, piccole pensioni ed alberghi, ma la vocazione turistica della località e le spiagge ben attrezzate, come precedentemente detto, vengono fortemente limitate dalla presenza del citato polo energetico, infatti sovente dei tratti di mare vengono vietati alla balneazione a causa di possibili sversamenti di idrocarburi.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Ferrovie[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione di Falconara Marittima e Rete filoviaria di Ancona.

A Falconara Marittima è presente il nodo ferroviario fra la linea adriatica Bologna-Ancona e l'appenninica Roma-Ancona, oltre all'aeroporto internazionale Raffaello Sanzio.

Sulla linea per Orte è presente la fermata di Falconara Stadio.

Aeroporti[modifica | modifica sorgente]

L'adiacenza dell'aeroporto, della ferrovia adriatica e degli impianti API adibiti alla produzione di energia elettrica procurano ulteriori timori per la sicurezza della zona.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1993 1997 Roberto Oreficini lista civica Sindaco
1997 2006 Giancarlo Carletti centrosinistra Sindaco
2006 2007 Riccardo Recanatini centrosinistra Sindaco
2007 27 aprile 2008 Mario Rosario Ruffo Comm. Pref.
28 aprile 2008 in carica Goffredo Brandoni centrodestra Sindaco

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio e calcio a 5[modifica | modifica sorgente]

La squadra locale di calcio è l'ASD Falconarese. Dal passato illustre, ha giocato in IV serie; non iscrittasi, all'inizio della stagione 2013-14, al campionato di competenza, è ripartita dalla Seconda Categoria (dove milita attualmente), dopo 94 anni di storia. I suoi colori sociali erano il bianco e il verde e gioca nello stadio Roccheggiani di Falconara Marittima.

Nella frazione di Castelferretti ci sono due squadre inoltre, la Castelfrettese (Promozione) e il Castelferretti (Terza Categoria).

Poi c'è anche l'F.C. Falconara, che ha come colori sociali il bianco ed il rosso e gioca in Seconda Categoria. Infine, nella frazione Palombina Vecchia c'è l' ASD Palombina Vecchia (Terza Categoria).

Tre le squadre di calcio a 5. Dal 2000 in attività il Leopardi Falconara, che dal 1995 al 2012 ha schierato pure una formazione nei campionati federali di calcio a 11. Nell'estate 2012 si fonde con i Dolphins, squadra di calcio a 5 femminile militante in serie C regionale, assumendo il nome di Città di Falconara. Nel 2012-13 la sezione femminile conquista la promozione in serie A nazionale, vincendo tutte le partite del campionato, riportando così la città di Falconara in una massima serie. La sezione maschile milita attualmente (stagione 2013-14) in serie C1, la massima categoria del futsal regionale, dopo essere stata ripescata al termine della stagione 2012-13 quando aveva raggiunto il triangolare finale dei play off per l'accesso alla C1. Il Dlf Dinamis Falconara milita attualmente in serie C2 maschile. Il Castelferretti, squadra dell'omonima frazione falconarese, vince nel 2012-13 il girone B della serie D maschile e conquista una storica promozione in C2.

Pallavolo[modifica | modifica sorgente]

La squadra locale di pallavolo, la Pallavolo Falconara, ha militato per molti anni nel campionato di A1, conquistando due semifinali scudetto negli anni ottanta e una coppa confederale (assimilabile alla Coppa Uefa del calcio). Nel 2000-2001 cede il titolo alla Dorica Pallavolo di Ancona.

La società sportiva Sabini Castelferretti è una squadra di pallavolo che attualmente milita nella serie C maschile del campionato italiano, tra le più antiche società di pallavolo delle Marche (1966). Vanta passate stagioni in serie A2.

Rugby[modifica | modifica sorgente]

Nel maggio 2006 è nata la squadra del Falconara Rugby A.S.D. che milita nel campionato di serie C; il campo sportivo, detto "del Cormorano", si trova in località Rocca Priora. La società ha un ampio settore giovanile con squadre under: 6, 8, 10, 12, 14 e 16, e dal 2011 vanta la presenza della squadra di Rugby Old dei Granchiavanti.

Attualmente (2013), l'allenatore dell'under 16 è Davide Palpacelli, assistito da Simone Tiranti e Giuseppe Del Latte. I giocatori dell'under 16 sono: Calusio, Iannolo, Cingolani, Del Monte, Nath, Francella, Tiranti, De Abreu, Ionna, Bonanni Costa, Misaxhiu, Pierpaoli, Gambelli, Bellagamba.

Personalità sportive legate a Falconara marittima[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 ottobre 2013.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Regio Decreto 15 aprile 1928, n. 882. Aggregazione al comune di Ancona dei comuni di Montesicuro e Paterno d'Ancona nonché del territorio del comune di Falconara Marittima situato a destra del fiume Esino, ed aggregazione al comune di Chiaravalle del territorio del comune di Falconara Marittima situato a sinistra del fiume Esino
  4. ^ Decreto Legislativo 2 marzo 1948, n. 165. Ricostituzione del comune di Falconara Marittima (Ancona)
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche