Bellaria-Igea Marina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Igea Marina)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Bellaria" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Bellaria (disambigua).
Bellaria-Igea Marina
comune
Bellaria-Igea Marina – Stemma Bellaria-Igea Marina – Bandiera
Bellaria-Igea Marina – Veduta
Chiesa Sacro Cuore
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
ProvinciaProvincia di Rimini-Stemma.svg Rimini
Amministrazione
SindacoFilippo Giorgetti (Forza Italia) dal 26-5-2019
Data di istituzione1956
Territorio
Coordinate44°09′N 12°27′E / 44.15°N 12.45°E44.15; 12.45 (Bellaria-Igea Marina)Coordinate: 44°09′N 12°27′E / 44.15°N 12.45°E44.15; 12.45 (Bellaria-Igea Marina)
Altitudinem s.l.m.
Superficie18,17 km²
Abitanti19 576[1] (31-12-2019)
Densità1 077,38 ab./km²
FrazioniBellaria Monte, Bellaria (sede comunale), Bordonchio, Cagnona, Donegallia, Ghetto dei Pirati, Igea Marina, Palazzina, Villaggio Ricci
Comuni confinantiRimini, San Mauro Pascoli (FC)
Altre informazioni
Cod. postale47814
Prefisso0541
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT099001
Cod. catastaleA747
TargaRN
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantibellariesi - igeani
Patronosant'Apollonia
Giorno festivo9 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Bellaria-Igea Marina
Bellaria-Igea Marina
Bellaria-Igea Marina – Mappa
Posizione del comune di Bellaria-Igea Marina all'interno della provincia di Rimini
Sito istituzionale

Bellaria-Igea Marina (Belària e L'Igéa in romagnolo) è un comune italiano di 19 576 abitanti[1] della provincia di Rimini in Emilia-Romagna.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Bellaria-Igea Marina è situata nell'estremità meridionale della Pianura Padana e risente, seppur marginalmente, del suo clima: affacciandosi sull'alto Adriatico la località è tra il clima mediterraneo e il continentale temperato. Se le estati sono molto calde ma costantemente ventilate e poco piovose, gli inverni hanno invece caratteristiche prettamente padane. Le precipitazioni si concentrano principalmente in primavera e autunno. L'inverno è alquanto freddo poiché esposto alle rigide correnti balcaniche e in alcuni casi siberiane che portano neve e gelo, specialmente in presenza del vento Buran.

Le ultime stagioni invernali, soprattutto tra il 2009 e il 2013 hanno visto notevoli accumuli nevosi dopo una serie di inverni poco rigidi: il territorio, così come tutta la Romagna e buona parte dell'Italia fu soggetto all'eccezionale Ondata di freddo del febbraio 2012, e investito da gelide correnti siberiane che a contatto con correnti più miti hanno prodotto nevicate quasi storiche con accumuli fino a 70 cm sul litorale. A seguito del rasserenamento le temperature sono crollate anche a -12 °C.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Già in età romana sussisteva una piccola borgata a Bordonchio facente riferimento a una stazione di posta al settimo miglio della via Popilia.

Il toponimo Bellaria compare per la prima volta in un documento del 1359, come nome di una fattoria fortificata che si trovava vicino alla chiesa di Santa Margherita, presso la foce del fiume Uso. Nel 1382, posseduta dai Malatesta, vi soggiornò a forza Luigi I d'Angiò, venuto in Italia con un forte esercito francese alla conquista del regno di Napoli:

… A dì XVIII d'agosto venne il duca (Luigi) e sua gente ad albergo a Bellaire e lì bruciò e guastò ciò ch'era fuori de la fortezza […] e ciò avvenne perché misser Galaotto de' Malatesti non volle dargli punto di vittovaglia per tutte le sue terre (Ann. Chronicon ariminense etc (L.A. Muratori, Rerum Italiacarum Scriptores etc. C. 924. T. XV. Milano, 1727).

Che nel Basso Medioevo si trattasse, come concordano le fonti, di una fortezza o comunque di un luogo fortificato spiegherebbe il toponimo 'Bellaria' (in latino 'cose atte all'uso bellico'); possiamo supporre che i Malatesta vi tenessero un deposito di armamenti ed attrezzature da guerra. Nel 1412 vi fu ospite il papa Gregorio XII durante il Grande scisma d'Occidente.

La località passò in diverse mani, fra cui appunto quelle dei Malatesta: attualmente ne rimane solamente il ricordo nel toponimo popolare del luogo e Castèl. Per ordine delle autorità pontificie, tra il 1673 e il 1697 venne eretta una torre di avvistamento per far fronte alle sempre più frequenti e minacciose incursioni costiere della pirateria barbaresca, la torre saracena, poco oltre l'Uso.

Alla fine del XIX secolo si estendeva sulla sinistra della foce una borgata di case di pescatori, che ricoveravano le proprie barche nel fiume. Agli inizi del '900 Vittorio Belli diede il nome della dea Igea, figlia di Asclepio ad un villaggio per le vacanze, progettato nella pineta tra il torrente Uso e la "Torre Pedrera". "Marina" fu associato al nome Igea, quando nella zona meridionale si installarono colonie estive per bambini.

Il comune fu istituito nel 1956[2] per scorporo di tre frazioni del comune di Rimini: Bellaria, Igea Marina e Bordonchio.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Titolo di Città - nastrino per uniforme ordinaria Titolo di Città
«Decreto del Presidente della Repubblica[3]»
— 2015

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Casa Rossa, dimora estiva dello scrittore Alfredo Panzini aperta al pubblico e sede dell'"Accademia Panziniana"
  • Torre saracena, eretta nel XVII secolo dai pescatori; all'interno ospita una raccolta malacologica e di carta moneta
  • Parco del Gelso, vasto polmone verde, intorno all'omonimo lago, raggiunge a sud il centro di Igea Marina
  • Parco Pavese, ubicato più a sud, in un'area attigua alla spiaggia libera, sede di feste e manifestazioni

Il centro urbano comprende una zona esclusivamente pedonale ("Isola dei Platani"), arricchita di aiuole.

Lungo il fiume Uso è stata realizzata, in occasione della risistemazione degli argini del fiume, una pista ciclo-pedonale della lunghezza di circa 6 km, che arriva verso l'interno sino a San Mauro Pascoli. Lungo il percorso sono presenti aree attrezzate per la sosta. Lungo il corso dell'Uso, in prossimità di Bellaria, sono presenti alcuni esemplari di querce e piccoli boschi a prevalenza di pioppi bianchi e neri, di salici e di pini mediterranei, ma si incontrano anche alberi da frutto e piante esotiche. Verso Igea Marina i percorsi attraversano inizialmente fitti canneti per poi proseguire in un paesaggio solcato da canali. La fauna è presente con diverse specie di volatili comuni, ma non è raro incontrare anche l'airone cinerino o il martin pescatore, che nidifica nella zona. Vi si trova anche il rospo smeraldino.

Tra i luoghi di interesse dislocati lungo il percorso sono la "Villa Torlonia" e la chiesa di Santa Margherita, del XVIII secolo, l'ex abbazia Donegallia e il castello Benelli entrambi risalenti al XIII secolo, ed infine la recente "Fornace di Bellaria".

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Dall'anno di istituzione del comune la popolazione ha subito un netto incremento. Alle famiglie occupate nelle attività legate alla marineria e al turismo si sono aggiunti cittadini provenienti da altre regioni italiane ed extracomunitari che hanno trovato lavoro nell'edilizia.

La maggior parte delle attività commerciali si trova nella parte nord del comune, oltre il fiume Uso, mentre la parte sud, eccetto la zona litoranea costituita da alberghi (aperti solo nell'estate) ed ex colonie, con i quartieri del Belverde e Bordonchio, ospita nuovi complessi residenziali.

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 2 619 persone.

Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Il "Palio dei Saraceni" è una manifestazione storica in costumi d'epoca: vi si rappresenta lo sbarco di oltre trecento personaggi da dieci imbarcazioni storiche sul porto canale (lato Bellaria). Il corteo si snoda quindi lungo le principali vie cittadine, con spettacoli di combattimento delle "compagnie d'armi" e accompagnato da musiche orientali suonate da gruppi di musicisti, fino ad arrivare alla Borgata Vecchia, trasformata in un piccolo paese arabo. La manifestazione si conclude con il "palio del Saraceno", un combattimento su una trave sospesa in aria[5].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Da più di 25 anni si svolge il Bellaria Film Festival, manifestazione dedicata al cinema indipendente italiano.

Dal 1998 al 2016, con cadenza annuale e nella seconda metà di maggio, il Centro Congressi Europeo sito in Bellaria ha ospitato lo Starcon, un convegno di fantascienza che ospita lo Sticcon dedicato al media franchise Star Trek e organizzato dallo Star Trek Italian Club, a cui negli anni si sono affiancati altri fan club ed iniziative, come la Italcon, la convention degli scrittori di fantascienza che assegna il Premio Italia.[6] Durante gli annuali quattro giorni di convegno, i fan hanno avuto modo di incontrare attori, registi e sceneggiatori del genere fantastico, partecipare a giochi, gare e dibattiti, ma anche a conferenze scientifiche e letterarie dedicate ad astronomia e fantascienza. Dall'edizione del 2017, il convegno è stato svolto a Chianciano Terme in Toscana.[7][8] Lo STIC ha annunciato che lo Starcon tornerà a svolgersi a Bellaria nel 2019, dal 9 al 12 maggio.[9]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Pesca[modifica | modifica wikitesto]

Logo della Società Cooperativa Marina di Bellaria - Igea Marina

È attiva la tradizionale attività peschereccia di Bellaria: il porto fluviale, pur migliorato non consente tuttavia l'approdo di imbarcazioni di grandi dimensioni. Il settore occupa circa 100 addetti, riuniti nella Società cooperativa Marinara, mentre altri 20 addetti circa non sono associati. Vengono praticate: la pesca a strascico, la pesca delle vongole la pesca da posta con reti a tramagli, la pesca con i "cugulli" o "bertovelli" per la cattura delle seppie e con i cestelli per le lumache di mare. Viene praticato anche l'allevamento di mitili in mare aperto a circa 3 miglia dalla costa. La maggior parte del prodotto viene oggi commercializzato attraverso la grande distribuzione, ma è recentissima la costruzione del mercato ittico all'ingrosso e se ne attende l'apertura.[10]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Il turismo balneare è favorito dai 7 km di spiaggia e dal mare poco profondo in prossimità della spiaggia, con numerosi stabilimenti balneari. Le strutture ricettive e le offerte di attività e svaghi sono numerose, e per una ventina di anni vi è stato presente anche un parco acquatico, l'Aquabell, ormai chiuso dal 2008.

Spiaggia di Bellaria-Igea Marina fuori stagione

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda l'artigianato, Bellaria-Igea Marina è rinomata soprattutto per la produzione di ceramiche.[11]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Bellaria-Igea Marina è attraversata parallelamente alla costa dalla statale Adriatica, ricostruita in variante con caratteristiche di superstrada. Sull'autostrada A14 è presente il casello Rimini Nord - Bellaria - Santarcangelo.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Bellaria prima gli interventi di potenziamento infrastrutturale del 2013

Il territorio comunale è servito dalla stazione di Bellaria e dalla stazione di Igea Marina, poste sulla ferrovia Ferrara-Rimini e servite da treni regionali Trenitalia Tper.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

I trasporti interurbani di Bellaria-Igea Marina vengono svolti con autoservizi di linea gestiti da Start Romagna.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1956 1960 Nino Vasini - Giulio Giorgetti - Odo Fantini - Nino Vasini[12][13] PCI Sindaco
1960 1965 Nino Vasini - Odo Fantini PCI Sindaco
1965 1970 Odo Fantini PCI Sindaco
1970 1975 Odo Fantini - Nino Vasini PCI Sindaco
1975 1980 Aldo Vasini - Pietro Baldassarri[14] PSI Sindaco
1980 1985 Pietro Baldassarri PSI Sindaco
1985 1990 Ferdinando Fabbri PCI Sindaco
1990 1995 Ferdinando Fabbri PCI Sindaco
1995 1999 Italo Lazzarini centrosinistra Sindaco
1999 2004 Gianni Scenna centrosinistra Sindaco
2004 2009 Gianni Scenna centrosinistra Sindaco
2009 2014 Enzo Ceccarelli centrodestra Sindaco
2014 2019 Enzo Ceccarelli centrodestra Sindaco
2019 in carica Filippo Giorgetti Forza Italia Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l'Associazione Calcio Bellaria Igea Marina.

Nel corso del Giro d'Italia 1960 venne disputata una breve frazione a cronometro individuale con partenza a Igea Marina e arrivo a Bellaria vinta da Miguel Poblet.

Il Giro ha fatto nuovamente tappa a Bellaria nel 1987 con l'arrivo della dodicesima tappa vinta da Guido Bontempi.

Ha sede nel comune un "Palazzetto dello Sport" polivalente.

Spettacolo[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune si effettuarono le riprese in esterni del film Bim bum bam di Aurelio Chiesa, uscito nel 1981, che narra le vicende di tre giovani calciatori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Statistiche demografiche ISTAT, su Demo.ISTAT.it, 31 dicembre 2019. URL consultato il 14 agosto 2020.
  2. ^ Costituzione in Comune autonomo di Bellaria Igea Marina D.P.R. 37/56
  3. ^ Bellaria Igea Marina Città (PDF), su comune.bellaria-igea-marina.rn.it. URL consultato il 14 giugno 2020 (archiviato il 14 giugno 2020).
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Flaminia Giurato, Riviera di Rimini: a Bellaria con i Saraceni Dalle leggende alla realtà storica delle guerre corsare con i pirati arabi, su https://www.turismo.it, 11 Luglio 2017. URL consultato il 7 aprile 2020 (archiviato il 7 aprile 2020).
  6. ^ S*, Sticcon, da oggi a domenica a Bellaria con Italcon, Yavincon e Nextcon, su Fantascienza.com, 24 maggio 2012. URL consultato il 15 agosto 2018 (archiviato il 15 agosto 2018).
  7. ^ S*, Addio Bellaria, la Starcon andrà a Chianciano, su Fantascienza.com, 19 novembre 2016. URL consultato il 15 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2018).
  8. ^ Starcon a Chianciano Terme: 4 giorni tra fantascienza, fumetti. Ospite Christopher Lloyd, su gonews.it, 30 aprile 2017. URL consultato il 15 agosto 2018 (archiviato il 15 agosto 2018).
  9. ^ Starcon 2019: Si torna a casa!, su STIC Star Trek News, 24 novembre 2018. URL consultato il 7 aprile 2019 (archiviato il 7 aprile 2019).
  10. ^ Addio vecchia pescheria il mercato ittico è pronto Archiviato il 20 ottobre 2013 in Internet Archive. RomagnaNoi.it
  11. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 2, Roma, A.C.I., 1985, p. 4,6.
  12. ^ Il lungo "regno" di Nino & Odo Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive. Il Nuovo, p.5
  13. ^ I sindaci di Bellaria 1956-2004 Archiviato il 28 aprile 2015 in Internet Archive. La Piazza Rimini
  14. ^ Addio Baldassarri Archiviato il 16 febbraio 2014 in Internet Archive. Romagnanoi.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN133920685 · LCCN (ENn2008019009 · WorldCat Identities (ENlccn-n2008019009