Jesolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Jesolo (disambigua).
Jesolo
comune
Jesolo – Stemma Jesolo – Bandiera
Jesolo – Veduta
Lido di Jesolo vista da un pontile
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto-Stemma.png Veneto
Città metropolitanaProvincia di Venezia-Stemma.png Venezia
Amministrazione
SindacoValerio Zoggia (Forza Italia, Partito Democratico centrodestra e centrosinistra) dal 21-5-2012
Territorio
Coordinate45°32′02″N 12°38′27″E / 45.533889°N 12.640833°E45.533889; 12.640833 (Jesolo)Coordinate: 45°32′02″N 12°38′27″E / 45.533889°N 12.640833°E45.533889; 12.640833 (Jesolo)
Altitudinem s.l.m.
Superficie95,25 km²
Abitanti26 268[2] (30-11-2017)
Densità275,78 ab./km²
FrazioniCortellazzo, Lido di Jesolo, Passarella di Sotto, Valle di Lio Maggiore[1]
Comuni confinantiCavallino-Treporti, Eraclea, Musile di Piave, San Donà di Piave
Altre informazioni
Cod. postale30016
Prefisso0421
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT027019
Cod. catastaleC388
TargaVE
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona E, 2 345 GG[3]
Nome abitantiJesolani
PatronoSan Giovanni Battista
Giorno festivo24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Jesolo
Jesolo
Jesolo – Mappa
Posizione del comune di Jesolo nella città metropolitana di Venezia
Sito istituzionale

Jesolo (Jèxoło in veneto) è un comune italiano di 26 268 abitanti[2] della città metropolitana di Venezia in Veneto.

Una delle maggiori spiagge italiane, Jesolo registra ogni anno circa 1.2 milioni di arrivi per 5.4 milioni di presenze ufficiali, cifre che la collocano al settimo posto assoluto in Italia fra le destinazioni turistiche, e al terzo fra le stazioni balneari[4]. Con 204.711,4 presenze per mille abitanti, è anche uno dei 50 comuni italiani a maggiore pressione turistica[4].

La storia di Jesolo è strettamente legata a quella di Venezia, in quanto erede della antica città lagunare di Equilio, una delle fondatrici della lega lagunare che avrebbe poi portato alla nascita di Venezia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Jesolo si estende lungo la costa veneziana, su un territorio pianeggiante affacciato sul mare Adriatico e orlato dalla laguna di Jesolo (22 km²), dai fiumi Sile e Piave, e alle foci di questo dall'antistante laguna del Mort. La valle di Dragojesolo è, insieme con quella di Grassabò, la più estesa della laguna Nord di Venezia. La fascia costiera è bassa e sabbiosa, costituita da una ininterrotta spiaggia lunga circa 12 chilometri e di ampiezza variabile tra i 30 e i 100 metri.

La stragrande maggioranza delle aree urbanizzate della città si trovano su una sorta di "isola", delimitata dai fiumi: Piave nuovo (a est), Piave Vecchio a ovest con le acque del Sile da Caposile e nel letto del vecchio Piave, e dal canale artificiale Cavetta, che parte dal centro di Jesolo paese e si inoltra verso Cortellazzo.

Panorama notturno
La spiaggia

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome antico di Jesolo era Equilium (dal latino equus o dal venetico ekvo), cioè città dei cavalli. Il nome richiama l'allevamento del cavallo per il quale erano celebrati gli antichi Veneti.

Il nome attuale di Jesolo deriva probabilmente da una serie di errori di trascrizione di quello più antico (Equilo, Esulo, Lesulo, Jexulo, Jexollo, Jesolum).

Dal Cinquecento fino al 1930 Jesolo era chiamata Cavazuccherina. Questo nome derivava dall'omonimo canale (in veneziano Cava), aperto il 20 aprile 1499 e costruito da Alvise Zucharin (Zuccherina).

La grafia ufficiale, usata dal comune, è Jesolo, ma talora è utilizzata erroneamente anche la grafia Iesolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Equilio.

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

In epoca pre-romana e romana la laguna di Venezia si estendeva dall'odierna Chioggia fino a Grado e c'erano molte isole. Tra queste ce n'era una chiamata Equilio ed era un vicus abitato da Veneti che vivevano di pesca e di allevamento.

La caduta di Roma e la nascita di Venezia[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alla caduta dell'Impero romano d'Occidente ci furono invasioni di barbari nell'Italia e anche nell'entroterra veneto. Ebbe inizio una migrazione dalle città romane come Altino verso le isole lagunari più sicure. Con la riconquista bizantina nella zona lagunare venne creato prima il distretto di Venetikà dell'Esarcato d'Italia e poi del Ducato di Venezia. Equilio fu una delle città fondatrici di questo ducato e seguì in seguito le vicende della Repubblica di Venezia. La città divenne un centro fiorente e sorse anche una Diocesi. In seguito, una serie di avvenimenti (come lo spostarsi del patriziato a Venezia e l'interramento della laguna) portò a una lenta decadenza, culminata nel 1466 con la soppressione della diocesi.

La rinascita: Cavazuccherina[modifica | modifica wikitesto]

La lenta ripresa avvenne grazie al patrizio veneziano Soranzo, proprietario di molte terre nella zona, che fece costruire, a proprie spese, una chiesa, poi dedicata a San Giovanni Battista ed eretta a parrocchia nel 1495, la più antica del Basso Piave. Attorno alla nuova chiesa si ricostituì il villaggio per favorire l'abitabilità della zona. La Repubblica di Venezia attuò vari interventi di diversione fluviale, miranti principalmente ad allontanare i fiumi Piave e Sile. Il più importante venne realizzato nel 1499 con la costruzione di un canale che collegava il vecchio alveo del Piave (ora Sile) a quello attuale. Questo canale (cava), che passava per il nuovo paese, fu realizzato dall'ingegnere Alvise Zucharin e diede nome al nuovo abitato, Cavazuccherina.

XIX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Con la campagna d'Italia di Napoleone Bonaparte, la Repubblica di Venezia cadde. Deposto l'ultimo doge anche Jesolo entrò prima nell'orbita francese e dopo il Trattato di Campoformio e il Congresso di Vienna divenne territorio dell'Impero austriaco.

In questo periodo di confusione però sono da ricordare che con la nuova suddivisione amministrativa del territorio, Cavazuccherina divenne comune autonomo di III classe il 22 dicembre 1807. Con l'avvento degli austriaci venne costituito un consorzio per favorire il miglioramento dei territori lagunari, ormai ridotti a palude ("Consorzio Passarella") e venne la prima tumulazione del camposanto.

XX secolo[modifica | modifica wikitesto]

L'annessione al Regno d'Italia non migliorò la situazione preesistente. Stando infatti alla tavoletta IGM del 1892, l'intero territorio comunale si presentava paludoso, eccettuate solo le dune sabbiose del litorale, in particolare verso est (Valloni e Motteroni dell'Uva, alti fino a 6 m); nei nomi delle paludi di allora si riconosce la toponomastica attuale (Palude Pesara, delle Mura, Fornera, del Molinato, Posteselle). Ancora nella tavoletta del 1908, la situazione appare invariata, se si eccettua uno stabilimento balneare[5], fondato nel 1895 sul luogo del futuro Albergo Bagni e Miramare (ora Condominio Bagni e Miramare)[6].

Era tuttavia imminente la bonifica integrale delle paludi a nord del Sile e del Canale Cavetta: già nella tavoletta del 1910 questo territorio appare bonificato e diviso in lotti agricoli[5].

Durante la prima guerra mondiale la popolazione di Cavazuccherina fu costretta ad evacuare. Mentre gli Italiani allagavano la zona di Caposile, verso le foci del Piave, gli austriaci presidiavano il territorio paludoso, dove la malaria e l'influenza spagnola (febbre di origine virale), mietevano vittime.

Nel primo dopoguerra i "Consorzi di Bonifica del Basso Piave" predisposero la cosiddetta "Grande Bonifica". I lavori furono attuati tra il 1920 e il 1930 dal quinzanese Tomaso Nember (cui è intitolata una piazza all'estremità occidentale del litorale) e dal gabianese Giovanni Gorio. Gorio e Nember acquistarono le paludi alle spalle del litorale, ne diressero la bonifica e fondarono l'azienda agricola di Ca' Brescia, situata nell'entroterra dell'attuale Piazza Marina e affidata a centinaia di braccianti della Bassa Bresciana. Furono così introdotte le coltivazioni di frumento, granoturco e barbabietola da zucchero, alle quali si aggiunsero le piantagioni di alberi da frutto ed i vigneti.[7]

Ma la "Grande Bonifica" permise soprattutto la prima valorizzazione turistica del litorale, coi primi stabilimenti per le cure elioterapiche, i primi alberghi ed i primi ristoranti. Nella parte centrale del litorale (località Marina Bassa e Spiaggia) sorse nel 1927 il Lido di Treviso, per opera del trevisano ing. Enrico Silvestri: qui fu eretto nello stesso anno l'Istituto elioterapico "DUX", rinominato dopo la caduta del Fascismo in "Istituto Marino", ora Ospedale. Per la parte occidentale del litorale, Tomaso Nember si rivolse all'ing. Giuseppe Alberti, di Brescia città: a lui si dovette nel 1928 la sistemazione del Lido dei Lombardi[8]. Il litorale orientale rimase invece occupato dai Valloni e dai Motteroni dell'Uva, che verranno spianati gradatamente nel secondo dopoguerra.[9]

Il 28 agosto 1930 Cavazuccherina fu rinominata con l'antico nome di Jesolo[10] e il Lido di Treviso fu denominato Lido di Jesolo.

Lo sviluppo segnò una battuta d'arresto con lo scoppio della Seconda guerra mondiale ma, tornata la pace, la ripresa partì a ritmo sempre più veloce.

Jesolo Lido ha ospitato negli anni ottanta, in una struttura della Croce Rossa Italiana un centinaio cittadini polacchi che avevano richiesto asilo politico e negli anni novanta circa 1400 profughi provenienti dalla ex-Jugoslavia. Nel biennio 2007-2008 la struttura è stata utilizzata dalla Croce Rossa Italiana per corsi di aggiornamento e, durante il periodo estivo, per ospitare gli agenti di Polizia che vengono distaccati presso la città per mantenere l'ordine pubblico. Dall'estate del 2007 la struttura ha nuovamente ospitato dei profughi provenienti da alcuni paesi del continente africano.

Il 28 e il 29 aprile 2007, Jesolo ha ospitato il 27º Raduno degli Artiglieri d'Italia, organizzato dall'Associazione nazionale artiglieri d'Italia.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

« D'azzurro al Drago di rosso »

(Descrizione araldica dello stemma del Comune di Jesolo)

« Il gonfalone è costituito da un drappo di colore azzurro riccamente ornato di ricami d'oro e caricato dello stemma comunale con l'iscrizione centrale in oro: Città di Jesolo »

(Descrizione del Gonfalone del Comune di Jesolo)

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Uno stabilimento balneare

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[11]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2015 gli stranieri residenti nel comune sono 2 932, ovvero l'11,22% della popolazione. Di seguito sono riportati i gruppi più consistenti[12]:

  1. Romania, 773
  2. Bangladesh, 497
  3. Albania, 337
  4. Moldavia, 179
  5. Marocco, 170
  6. Ucraina, 154
  7. Cina, 103
  8. Polonia, 67
  9. Repubblica di Macedonia, 61
  10. Serbia, 60

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Mostra archeologica permanente presso il Comune
  • Museo civico di storia naturale, circa 15 000 reperti che rappresentano la fauna più significativa dell'area europea e paleartica
  • Museo Storico Militare "Vidotto", raccolta permanente di reperti, uniformi, armi e mezzi appartenenti alle forze armate e di polizia da fine '800 ad oggi.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 2015 si svolge la 22ª edizione del Concours Mondial de Bruxelles, prestigiosa competizione enologica internazionale, che ogni anno assegna giudizi di qualità su migliaia di vini provenienti da tutto il mondo.
  • Dal 2013 le finali nazionali del concorso Miss Italia si svolgono al Pala Arrex con diretta su La7.
  • "Jesolo Air Extreme", La Città di Jesolo ospita dal 1998, durante la stagione balneare, il grande spettacolo acrobatico “Air Extreme”. La manifestazione aerea è caratterizzata dalla presenza della Pattuglia Acrobatica Nazionale Frecce Tricolori e diversi team civili e militari.
  • "Festival Internazionale Sculture di Sabbia", esposizione di sculture monumentali di sabbia. Jesolo è stata la pioniera dal 1997.
Sculture di sabbia a Jesolo
  • Presepe di sabbia - Sand Nativity", esposizione di sculture monumentali di sabbia ispirate al tema della natività. Dal 2002 in Piazza Marconi si svolge durante il periodo natalizio questa importante manifestazione il cui incasso viene devoluto ad associazioni impegnate in azioni di aiuto delle popolazioni povere del mondo. Alla manifestazione partecipano alcuni dei più noti scultori di sabbia del mondo.
  • Festa patronale con il "Palio Remiero delle Contrade", gara di mascarete a due remi, e lo spettacolo pirotecnico in riva al Sile.
  • "Incontro col passato", mercato di antiquariato dal 1988 (piazza Torino) e "Giovedì antiquario e del collezionista", dal 1994, ogni giovedì da giugno ad agosto, prima in piazza Brescia ora in piazzetta Casabianca.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Lido di Jesolo è stato "set televisivo" per la mini serie televisiva italiana Kiss Me Licia, prodotta alla fine degli anni ottanta, che tuttavia era ambientata a New York: in realtà Times Square era piazza Mazzini ed il Madison Square Garden una ex-discoteca all'epoca ancora attiva, il Mr. Charlie (che nel corso degli anni ha cambiato svariati nomi).
  • Sempre il Lido di Jesolo è stato set cinematografico per il film Americano Rosso del 1990. Gran parte del film è girato all'interno dello storico hotel Casabianca che per lo stile liberty e l'architettura anni venti ben si confaceva all'ambientazione storica del film.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

La città di Jesolo si estende su una superficie urbana di circa 15 chilometri quadrati, suddivisa tra il centro storico (comunemente chiamato "Jesolo Paese") e la città balneare vera e propria (Jesolo Lido), estesa lungo la costa per circa 13 chilometri con una profondità variabile tra 300 metri e due chilometri.

La zona del Lido si articola in una lunga serie di piazze, ognuna facente da baricentro ad un quartiere, che fanno da punto di riferimento per la vita di residenti e turisti. Le principali sono piazza Drago (il baricentro geografico della città, e sede per decenni della stazione degli autobus), piazza Mazzini (il perno della vita notturna jesolana), piazza Milano (baricentro della zona Est).

La peculiare demografia di Jesolo è stata studiata dettagliatamente in occasione del Master Plan di Tange[13]. Sebbene gli abitanti di Jesolo siano solo 26.000 circa, la città è dimensionata per ospitare comodamente altri 140.000 turisti[13]. Secondo le stime più comuni Jesolo raggiunge nel picco delle due settimane centrali di agosto una popolazione di circa 300.000 persone. Ogni fine settimana estivo vede decine se non centinaia di migliaia di pendolari raggiungere la località dove trascorrono la giornata.

I residenti di distribuiscono abbastanza equamente a metà tra il capoluogo (11.275 ab.) e il Lido (11.155 ab.). Decisamente meno popolate le frazioni di Cortellazzo (1980 ab.) e Passarella di Sotto (901 ab.)[14].

Gli anni duemila e lo sviluppo verticale[modifica | modifica wikitesto]

La spiaggia di Jesolo al tramonto, 2009 - vista della zona del Lido Centro
Le torri di Piazza Drago
G-tower di Piazza Marina

A partire dalla seconda metà degli anni novanta, l'amministrazione comunale, ha lanciato un ambizioso programma di rilancio urbanistico, comunemente noto come "Master Plan", realizzato da Kenzō Tange.

A partire dal 2000 molti alberghi sono stati riconvertiti in residence e moltissime aree, prima ad uso agricolo, sono state convertite ad uso residenziale, permettendo così la costruzione di decine di nuove strutture ricettive a bassa densità (villaggi turistici), o in alcuni casi ad alta densità, con una verticalizzazione degli edifici (comunemente chiamati "torri") senza precedenti in nessun'altra grande spiaggia italiana.

La Torre Aquileia in costruzione

Tra i progetti già realizzati, molti progettati da architetti di fama internazionale (le cosiddette 'archistar'), vale la pena citare:

  • Torre Aquileia (22 piani fuori terra per 73 metri di altezza): progettata da Carlos Ferrater, con il suo tetto a vela è diventata l'edificio più alto del nordest italiano;
  • Torri di Piazza Drago (due torri di 22 piani fuori terra ciascuna per 78 metri): caratterizzate da guglie illuminate la notte da fari multicolori, sono diventate ormai due tra i simboli di Jesolo;
  • Torre Merville - Casa Nel Parco (24 piani fuori terra per 84 metri d'altezza): progettata da Gonçalo Byrne, questa torre rivestita di pareti a specchio azzurre domina la skyline della zona Pineta;
  • Wave Towers (17 e 14 piani fuori terra): di recent costruzione, queste nuove torri alle spalle di piazza Trieste sono anch'esse riconoscibili da balconi illuminati al neon;
  • Golf Club Jesolo: campo da golf a 18 buche, la cui espansione a 27 buche è stata recentemente approvata;
  • Bafile 360 (10 piani);
  • Jesolo Lido Village, progetto di Richard Meier.

Già precedentemente lo skyline cittadino vedeva la presenza di altre strutture verticali adiacenti alla costa, già a partire dalla fine degli anni settanta, con tre residence ed un hotel alti rispettivamente 20 (Residence Pineta costruito nel 1964, nelle vicinanze di piazza Europa), 17 (Residence Palace),16 (Hotel Caravelle) e 13 piani (Residence Airone) piani fuori terra.

Numerosi altri progetti sono stati approvati o sono in fase di realizzazione, tra cui:

  • Oriente 35, progetto di Aurelio Galfetti;
  • Laguna Tower, una torre di 16 piani fuori terra a destinazione mista museale-residenziale, che sorgera' all'interno del parco commerciale Laguna Shopping;
  • Residenza Bafjle, un edificio residenziale di 12 piani in fase di costruzione nella zona di piazza Trieste;
  • Residenze Podium, un complesso commerciale-residenziale in costruzione sul sito in cui sorgeva la vecchia scuola elementare Giosue' Carducci;
  • la Porta Est di Jesolo, un progetto colossale che prevede la costruzione tra l'altro di due torri residenziali di 40-45 piani, progettata da B+D+M Architetti;
  • Un nuovo complesso turistico del valore di 80 milioni di euro, che includera' una torre di 26 piani fuori terra, un hotel, un auditorium e una spa, nella zone precendentemente occupata dalla colonia marina Stella Maris, progettato da C+S Architetti;
  • Lam Tower, la torre in legno più alta d'Europa (12 piani);
  • Jesolo Magica, un mega-centro commerciale (53.000 m²) progettato dalla scomparsa Zaha Hadid.

L'isola pedonale più lunga d'Europa[modifica | modifica wikitesto]

Jesolo vanta quella che è conosciuta come l'isola pedonale più lunga d'Europa. La via commerciale è popolata da oltre 1200 tra negozi, ristoranti, bar e locali di tendenza[15]. Il tratto principale (da piazza Manzoni al camping Internazionale) è lungo 6 chilometri[16]. Il tratto secondario, lungo le via Levantina e Altinate nella zona Est, si sviluppa per circa 2.1 chilometri.

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Lo Statuto comunale all'art. 3 c. 2 riconosce le seguenti frazioni:

  • Cortellazzo, sorge presso la foce del Piave; comprende anche Jesolo Pineta, estremità orientale del Lido[17]
  • Lido di Jesolo, località a vocazione turistica, posta approssimativamente tra il Sile, il mare, il Piave e le vie Corer, Pazienti, Roma Destra. È suddiviso in tre parrocchie: S. Cuore, corrispondente al vecchio Lido dei Lombardi; S. Maria Ausiliatrice, sul litorale centrale; Ss. Liberale e Mauro, sul litorale orientale[17].
  • Passarella di Sotto, situata al confine con il comune di San Donà di Piave (dove si trova Passarella di Sopra). È presente una chiesa del XIX secolo.
  • Valle di Lio Maggiore, località al confine con il comune di Cavallino-Treporti e adiacente la laguna di Venezia. È presente un oratorio settecentesco dedicato a S. Antonio da Firenze o S. Antonino (con una scultura lignea quattrocentesca). Vi sono poi i resti di una torre, detta Torre Caligo, di epoca romana con funzioni doganali. L'economia è basata sulla pesca.

Altre località[modifica | modifica wikitesto]

  • Ca' Fornera, a circa 3 km dal capoluogo comunale. La sua chiesa, del 1995, dipende dalla parrocchia di S. Giovanni Battista a Jesolo[17]. La località comprende un castello di fine sec. XIX, detto La Castellana.
  • Ca' Nani, a circa 2 km dal capoluogo, l'unica zona comunale all'interno della Diocesi di Treviso e non del Patriarcato di Venezia. Comprende un oratorio del 1737, ora diroccato.
  • Ca' Pirami, bonificata negli anni venti del XX secolo (in tempi antichi era stata una zona paludosa[18]), questa località a vocazione originariamente agricola (frutteti) ora ha un carattere residenziale. Rientra nella parrocchia di S. Giovanni Battista a Jesolo[17].
  • La Bassa, nuova zona artigianale, posta approssimativamente tra le vie La Bassa, Ferrari, Roma Destra e Aleardi.
  • Piave Nuovo, centro abitato lungo la sponda del Piave, tra il Ponte di Eraclea e Passarella di Sotto. Rientra nella parrocchia della Passarella di Sotto[17].

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia di Jesolo si basa soprattutto sul turismo, con un'abbondante offerta di strutture ricettive di vario tipo (spesso dotate del servizio di animazione) e numerose occasioni di svago. Come detto, Jesolo è una della maggiori spiagge italiane, ed è nota per essere la prima per l'estensione della sua spiaggia (approssimativamente 15 km)[19], posta fra quelle di Eraclea Mare (frazione di Eraclea) e di Cavallino-Treporti.

Jesolo vanta la presenza di diverse centinaia di alberghi (in passato fino a 460, oggi intorno ai 350), 275 dei quali membri della Associazione Jesolana Albergatori (AJA)[20]. L'AJA fu fondata ufficialmente nel 1952 come delegazione dell'AVA (Associazione Veneziana Albergatori)[20].

In anni recenti la qualità dell'offerta turistica ha dato segni di netto miglioramento. Due hotel a cinque stelle hanno aperto nella zona delle ex colonie, altri due sono attualmente in costruzione, ed altri ancora sono in progetto. I quattro stelle sono attualmente 49[21].

All'apice della sua vita turistica, Jesolo vantava circa 6 milioni e mezzo di presenze turistiche all'anno. Negli ultimi anni, a causa della concorrenza di nuove località, i flussi turistici si sono attestati intorno ai 5.4 milioni all'anno. Benché la sua popolazione stabile ammonti a soli 26.268 abitanti, durante l'estate Jesolo può raggiungere una popolazione giornaliera di quasi 500.000 abitanti tra turisti alloggiati nelle strutture ricettive e pendolari[senza fonte].

Negli ultimi venti anni del XX secolo la cittadina ha conosciuto una progressiva crescita anche nel settore dei servizi: grazie alla spinta trainante del settore turistico, sono sorte molte aziende legate alle forniture alberghiere, della ristorazione, di costruzione ed in generale servizi commerciali legati alle diverse realtà economiche presenti nel territorio. Un ruolo importante è svolto dalla Jesolo Turismo spa, una societa' a maggioranza pubblica che gestisce il Campeggio International, il Palazzo del Turismo Pala Arrex, gli stabilimenti balneari Oro Beach e Green Beach.

In piccola misura è presente nell'entroterra comunale una variegata realtà agricola, che nel corso degli anni ha però perso importanza.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporto urbano[modifica | modifica wikitesto]

Il trasporto pubblico urbano ed extraurbano è gestito dall'Azienda Trasporti del Veneto Orientale (ATVO). L'aziende gestisce due linee urbane: la linea 2 (Autostazione-Cortellazzo) e la linea 3 (Autostazione-Faro) che coprono l'intera lunghezza del Lido. Ad esse si aggiungono le linee 5 e 5/ per il terminal traghetti di Punta Sabbioni, che svolgono servizio urbano nel tratto jesolano.

Nel periodo estivo via Bafile, la principale via del Lido, è percorsa da diversi trenini su gomma gestiti dalla società Jtaca, partecipata al 100% dal Comune di Jesolo, in collaborazione con ATVO. Jtaca gestisce altresì la rete di parcheggi cittadini, il trasporto scolastico comunale, e il servizio di bikesharing[22].

Rete stradale[modifica | modifica wikitesto]

Le principali vie d'accesso a Jesolo sono la SR 43 "del mare" Portegrandi - Jesolo e la SP 42 "Jesolana" Punta Sabbioni - San Michele al Tagliamento. È stata ultimato a fine gennaio 2013 il primo lotto di una circonvallazione esterna al capoluogo con lo scopo di indirizzare parte del traffico verso la meno congestionata zona Est del Lido. Il secondo lotto della circonvallazione (dalla intersezione con via Roma Sx alla rotonda alle spalle di piazza Torino) è collegato alla realizzazione del progetto Porta Est.

La questione dell'accesso alla città è discussa da decenni, senza però portare a risultati concreti. Il 14.02.2012 la Regione Veneto trasmise il progetto preliminare della Via del Mare, una nuova autostrada di collegamento tra il nuovo casello autostradale di Meolo e la rotonda Frova alle porte di Jesolo[23]. Il progetto era stato individuato già nel Piano Regionale dei Trasporti della Regione Veneto del 2004 e dalla Variante a valenza paesaggistica al Piano Territoriale Regionale di Coordinamento del 2013[24]. In seguito, indagini aperte dalla Procura della Repubblica in merito e dubbi riguardo la sostenibilita' economica del progetto in project financing hanno portato alla sospensione dell'iter dell'opera[24].

La nuova autostrada, a due corsie per senso di marcia più corsia di emergenza, avrebbe in buona parte riutilizzato il tracciato della esistente SR 43. Recentemente (fine 2017) è stata avanzata[25] la proposta di un collegamento alternativo, in forma di superstrada, con il casello autostradale di Noventa di Piave (sempre sulla A4).

Stazioni ferroviarie[modifica | modifica wikitesto]

Jesolo non dispone di una stazione ferroviaria, poiché la linea Venezia-Trieste percorre, per motivi storici, un percorso rettilineo a circa 25 chilometri dal mare attraversando i borghi di San Dona' di Piave e Portogruaro. La stazione più vicina è quella di San Dona' di Piave - Jesolo, situata a nord del centro di San Dona'.

Aeroporti[modifica | modifica wikitesto]

I due aeroporti di riferimento sono il Marco Polo di Venezia, il terzo maggior scalo italiano, situato a 30 chilometri, e l'aeroporto di Treviso Sant'Angelo, servito dalla low-cost Ryanair e distante 40 chilometri. Entrambi sono raggiungibili in auto in 30/40 minuti. ATVO gestisce anche la linea "Lido di Jesolo Express" che collega la città all'aeroporto Marco Polo di Venezia.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
27 aprile 1987 2 agosto 1990 Achille Pasqual PSI Sindaco [26]
2 agosto 1990 25 gennaio 1992 Achille Pasqual PSI Sindaco [27]
25 gennaio 1992 6 novembre 1992 Danilo Lunardelli PSI Sindaco [28]
6 novembre 1992 19 agosto 1993 Davide Zoggia PDS Sindaco [28]
20 agosto 1993 6 dicembre 1993 Cesare Della Gaspera - commissario straordinario
6 dicembre 1993 17 novembre 1997 Renato Martin Liga Veneta-Lega Nord Sindaco [29]
17 novembre 1997 11 giugno 2002 Renato Martin Lega Nord Sindaco [30]
11 giugno 2002 12 giugno 2007 Francesco Calzavara centro-destra (liste civiche) Sindaco [31]
12 giugno 2007 21 maggio 2012 Francesco Calzavara centro-destra (liste civiche, PDL, Lega Nord, UDC) Sindaco [32]
21 maggio 2012 26 giugno 2017 Valerio Zoggia PDL, PD, UdC, Lista civica Sindaco [33]
26 giugno 2017 in carica Valerio Zoggia FI, PD, Civiche Sindaco [34]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Francia Épinal
  • Austria Velden am Wörther See, dal 2006 Le associazioni artistiche delle due città (Circolo Artistico di Jesolo e Kunstverein Velden) sono gemellate culturalmente. La cerimonia è avvenuta a Velden, alla presenza dei rappresentanti dei due Circoli Artistici cittadini e delle principali autorità politiche delle due località.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Ginnastica artistica

In città si svolge il Trofeo Città di Jesolo di Ginnastica Artistica[35] organizzato dalla S.G.A. Gymnasium di Treviso. La manifestazione è considerata la più importante al mondo tra le gare non ufficiali di ginnastica artistica femminile.[senza fonte] Nel comune ha sede inoltre la Moonlight Half Marathon[36], una mezza maratona internazionale misurata e certificata, inserita nel calendario FIDAL. Nel 2011, dal 7 al 9 ottobre, si è svolta presso lo stadio Armando Picchi la 38ª edizione dei Campionati Italiani di Atletica Leggera Individuali e per Regioni categoria Cadetti/e.

Calcio

A Jesolo esistono due società calcistiche, la prima a è l'A.C.D. Jesolo, attualmente in Prima Categoria, con alle spalle diverse stagioni in Serie D, la seconda è il Calcio Futuro Jesolo 2013, che attualmente milita in Terza Categoria, alla quale si è iscritta per la prima volta nella stagione 2015-2016. Inoltre a Jesolo era presente un'altra società, l'Unione Sportiva Città di Jesolo, fondata nel 1969, che ha giocato in Serie C2 nella stagione 2005-2006, scomparsa nel 2013 dopo la fusione con l'A.C. San Donà del 2010. Lo Stadio Picchi nel 1986 ha ospitato il "Mundialito Femminile", torneo internazionale nel quale la Nazionale femminile di calcio italiana vinse il titolo di "Campione del Mondo".

Ciclismo

Jesolo è stata varie volte arrivo di tappa del Giro d'Italia. Nel 1955 la 16ª tappa vide la vittoria di Rino Benedetti; nel 1970 un'altra 16ª tappa del 1970 si concluse con la vittoria di Dino Zandegù. Nel 1987 vi fu la vittoria di Paolo Cimini alla 14ª tappa; mentre l'anno successivo Paolo Rosola vinse la 20ª tappa. Nel 2015 la 13ª tappa è stata vinta da Sacha Modolo.

Pallacanestro

La città ha avuto dal 1968 fino al 2004 una propria rappresentativa, la B.C. Jesolo Basket; nel 2004 si è unita con la squadra della vicina San Donà di Piave, facendo nascere la Jesolosandonà Basket. Attualmente la squadra partecipa alla Serie A Dilettanti e gioca al PalaCornaro di Jesolo. Dopo il 2010, quando lo JesoloSandonà ha rinunciato a formare la prima squadra continuando l'attività giovanile, nel 2011 è stato riformato un roster per la prima squadra sotto la vecchia società del Basket Club Jesolo.

Pallamano

Nel 2008 la città è stata la sede principale del Campionato mondiale universitario di pallamano

Pallavolo

L'Unionvolley gareggia in serie B1 nazionale del campionato di volley femminile

Rugby

La squadra della città è lo Jesolo Rugby. Attualmente milita nel campionato di Serie B. Nasce nel 1987 e partecipa nella stagione 1987/1988 al Campionato di C2 Triveneto. Lo stadio Picchi ha ospitato nel 2007 la Finale di Coppa Italia di Rugby.

Tutti gli sport

Nel 2007 si sono tenuti i 61º Campionati Nazionali Universitari

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Jesolo - Statuto (Articolo 3)
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2017.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ a b ISTAT, Movimento turistico in Italia, Anno 2016 (PDF), su istat.it.
  5. ^ a b Copia archiviata, su igmi.org. URL consultato il 16 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2017).
  6. ^ F. CIBIN, Jesolo ieri e oggi in foto, Jesolo 2012, 79.
  7. ^ E. MIRANI, Quelle spiagge create dai bassaioli, "Giornale di Brescia" 20 gennaio 2012, 24.
  8. ^ Un altro personaggio-chiave di quegli anni fu il berlinghese Giacomo Tempini: chiamato da Tomaso Nember, bonificò vaste zone ed eresse una colonia marina per bambini berlinghesi e logratesi. A lui è dedicato un largo del litorale centrale
  9. ^ Camillo Pavan, 1989
  10. ^ R.D. 28 agosto 1930, n. 1436
  11. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  12. ^ Bilancio Demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2015 per sesso e cittadinanza, ISTAT. URL consultato il 22 luglio 2016.
  13. ^ a b Kenzo Tange Associates, Demografia di Jesolo (JPG), su sit.jesolo.it.
  14. ^ In assenza di dati ufficiali precisi si è fatto riferimento alla popolazione della parrocchia, reperibile nel sito della CEI.
  15. ^ L'isola pedonale più lunga d'Europa. Jesolo.it, su jesolo.it.
  16. ^ Google Maps., su google.co.uk.
  17. ^ a b c d e Patriarcato di Venezia - Parrocchie e Vicariati Archiviato il 1º luglio 2012 in Internet Archive.
  18. ^ grilbassopiave.it; Camillo Pavan, 1989
  19. ^ Federconsorzi, associazione di categoria
  20. ^ a b Associazione Jesolana Albergatori, L'Associazione oggi., su aja.it.
  21. ^ Hotel 4 stelle a Jesolo, Jesolo.it, su jesolo.it.
  22. ^ Jtaca S.R.L., su jtaca.com.
  23. ^ NUOVA Via del Mare: Collegamento A4 - Jesolo e litorali. Sit.jesolo.it, su sit.jesolo.it.
  24. ^ a b Superstrada del mare Meolo-Jesolo. Unioncamere Veneto., su trail.unioncamereveneto.it.
  25. ^ Una superstrada per arrivare a Jesolo. Il Mattino di Padova., su mattinopadova.gelocal.it.
  26. ^ Eletto consigliere comunale il 12 maggio 1985.
  27. ^ Eletto il 6 maggio 1990.
  28. ^ a b Eletto consigliere comunale il 6 maggio 1990.
  29. ^ Eletto il 21 novembre.
  30. ^ Eletto il 16 novembre.
  31. ^ Eletto il 26 maggio.
  32. ^ Eletto il 27 maggio.
  33. ^ Eletto il 21 maggio.
  34. ^ RiEletto il 26 giugno.
  35. ^ VIII Trofeo Città di Jesolo di Ginnastica artistica - Comune di Jesolo
  36. ^ Moonlight Half Marathon - Comune di Jesolo

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN168177167 · GND (DE4257239-3 · BNF (FRcb121000567 (data)