Carlos Ferrater

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlos Ferrater i Lambarri

Carlos Ferrater i Lambarri (Barcellona, 22 novembre 1944) è un architetto spagnolo.

Dal 2006 lavora con il suo studio Office of Architecture in Barcelona (OAB), fondato con Xavier Martí, Lucía Ferrater e Borja Ferrater.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si laurea in Architettura presso la Escuela de Arquitectura de Barcelona nel 1971. È membro della Real Academia de Bellas Artes de Sant Jordi.

Professore di progettazione architettonica presso l'Universidad Politécnica de Cataluña e direttore dei corsi di Architettura all'Universidad Internacional Menéndez Pelayo di Santander, nonché membro del Consiglio della Scuola di Architettura dell'Escuela de Arquitectura de la Universidad Ramón LLull.

Tra i più noti architetti europei, ottiene la fama a livello europeo d internazionale progettando l'Hotel Villa Olimpica e il Villaggio Olimpico della Valle Hebrón a Barcellona in occasione delle Olimpiadi del 1992.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Hotel Villa Olímpica, Barcelona
  • Villaggio Olimpico della Valle Hebrón, Barcelona
  • Hotel Rey Juan Carlos I, Barcellona
  • Edificio IMPIVA, Castellón
  • Palacio de Congresos de Cataluña
  • Giardino Botanico di Barcellona
  • Auditorium e palazzo dei congressi di Castellón
  • Stazione Zaragoza-Delicias (Carlos Ferrater, Félix Arranz e José María Valero)
  • Jardines junto a la Qubba, Granada
  • Parco della Scienza, Granada
  • Chiesa evangelica, Barcelona
  • Torre WTC, Torre 22@
  • Torre Aquileia, Jesolo[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ edilportale com s.p.a, Inaugurata a Jesolo la Torre Aquileia, su Archiportale. URL consultato l'8 gennaio 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Preziosi, Carlos Ferrater. Opere e progetti, Electa, 2002
  • S. Di Petrillo, V. Matarazzo, Sessanta domande a Carlos Ferrater, CLEAN, 2010
  • C. Ferrater, A. Nuria, OAB Carlos Ferrater and Partners, DeAgostini

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN117324855 · ISNI (EN0000 0001 1455 7780 · LCCN (ENnr91015762 · BNF (FRcb15844700z (data) · BNE (ESXX950302 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nr91015762