Meolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Meolo (disambigua).
Meolo
comune
Meolo – Stemma
(dettagli)
Meolo – Veduta
Palazzo Cappello
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
Città metropolitanaProvincia di Venezia-Stemma.svg Venezia
Amministrazione
SindacoDaniele Pavan (centro-destra) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate45°37′13.08″N 12°27′21.24″E / 45.6203°N 12.4559°E45.6203; 12.4559 (Meolo)
Altitudinem s.l.m.
Superficie26,61 km²
Abitanti6 225[1] (31-10-2021)
Densità233,93 ab./km²
FrazioniLosson della Battaglia, Marteggia
Comuni confinantiFossalta di Piave, Monastier di Treviso (TV), Musile di Piave, Quarto d'Altino, Roncade (TV)
Altre informazioni
Cod. postale30020
Prefisso0421
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT027022
Cod. catastaleF130
TargaVE
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 447 GG[3]
Nome abitantimeolesi
Patronosan Giovanni Battista
Giorno festivo24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Meolo
Meolo
Meolo – Mappa
Posizione del comune di Meolo nella città metropolitana di Venezia
Sito istituzionale

Méolo (Méoło o Mégoło[4] in veneto; Medulus[5] in latino) è un comune italiano di 6500 abitanti circa, della città metropolitana di Venezia in Veneto. Comunità Europea dello Sport 2016. Gemellato con Berre-l'Étang, un paesino della Francia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Meolo è un comune della città metropolitana di Venezia, situato a nord in posizione di confine con la provincia di Treviso. Il suo territorio è attraversato dal fiume Meolo dal quale ha preso il nome; è a -2 metri dal livello del mar Adriatico, e il suo territorio pianeggiante confina verso nord con Monastier di Treviso e Fossalta di Piave. Verso est il confine con il comune di Musile di Piave è rappresentato dal tracciato della Strada statale 14 della Venezia Giulia, mentre Verso sud sud-ovest il confine con il comune di Roncade è tracciato dal corso del fiume Vallio. Il territorio adibito all'agricoltura è in gran parte a scolo meccanico. Le opere di bonifica sono costituite da ampi canali di scolo che confluiscono al grande impianto di sollevamento che getta le acque nel fiume Sile a Portegrandi. La parte sud in località Marteggia è attraversata dal tracciato storico dell'antica via Annia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Il Comune ha un proprio gonfalone e un proprio stemma, adottati con deliberazione del Consiglio Comunale n. 69 del 3 luglio 1992[6]:

«scudo sannitico troncato e riporta nella parte superiore: su fondo rosso, castello d'argento con merli alla guelfa con torre con due finestre rotonde e portale; nella parte inferiore, su sfondo azzurro, due alberi fondati su terreno verde; all'esterno ha nella parte superiore una corona da Comune d'argento e nella parte inferiore due fronde incrociate, una di quercia e l'altra di alloro; il fondo riporta la scritta Medulum su nastro rosso»

(art. 2 dello Statuto comunale)

Il gonfalone è rappresentato da un drappo azzurro e bianco.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di San Giovanni Battista (Meolo).
  • Chiesa di San Giovanni Battista (XV secolo). La chiesa è tre navate con cappelle laterali, presenta facciata in stile romanico a mattoni, orientata verso ovest. Il presbiterio allungato presenta un'abside semicircolare. Nel soffitto a volta del presbiterio si colloca un importante ciclo pittorico con dipinti a firma di Giandomenico Tiepolo datati 1758. Detti affreschi furono oggetto di un'importante opera di conservazione: Furono infatti danneggiati da una bomba durante la prima guerra mondiale e perciò staccati, messi in sicurezza e ricollocati nella loro posizione originale nel 1921. Notevole anche l'organo, un Gerhard Hradetzky del 1996. Il campanile in stile rinascimentale è in posizione ovest addossato alla facciata.[7]

Ville venete[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[10]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è interessato dal passaggio dell'autostrada A4. È presente un'uscita autostradale (denominata "Meolo-Roncade") destinata a servire il territorio meolese e il vicino litorale anche al fine di favorire un rapido accesso alle spiagge da parte dei villeggianti.

Altra arteria importante servente l'abitato è la strada statale 14 della Venezia Giulia.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La banchina dei binari 2 e 1 (quello lato Fabbricato Viaggiatori)
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Meolo.

Meolo è dotata di una stazione ferroviaria sulla linea Venezia-Trieste, linea interamente a due binari.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Nillo Tallon Centrosinistra Sindaco
2009 27 maggio 2014 Michele Basso PdL-Lega Nord Sindaco
27 maggio 2014 26 maggio 2019 Loretta Aliprandi lista civica Cambiamo Meolo Sindaco
26 maggio 2019 "in carica" Daniele Pavan Lega-Forza Italia-Fratelli d'Italia Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1989 Meolo è gemellato con il comune di Berre-l'Étang (Francia) a cui è stata intitolata una piazza nel 2014.

Dal 2021 Meolo è anche gemellato con Valdengo (Biella).

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l'A.S.D. Calcio Meolo[11] 1929 che ha militato nel girone sandonatese di Terza Categoria nella stagione 2018-2019.

Basket[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2021 esiste la società cestista Cotonificio Meolese

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bortoletto Toniolo, Le Tre Venezie, Grafiche Antiga, Cornuda, Treviso, 2001 n. 1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305427043
  Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Veneto