Drago (araldica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In araldica il drago è una figura araldica chimerica che simboleggia vigilanza, custodia e fedeltà. Il drago è anche assunto come emblema di valore militare e come tale è presente negli stemmi militari italiani relativi alle truppe corazzate.

Il drago è rappresentato, di norma, alato e con le fauci aperte. Le zampe anteriori possono essere sia d'aquila che di leone, il corpo è di rettile, come la coda, e le zampe posteriori, se presenti, sono di leone.

Fu usato come emblema dai Ghibellini e, quindi, i Guelfi portarono spesso l'aquila rossa, loro riconosciuta da Clemente IV, che afferrava con gli artigli un drago di verde. Ma tali regole non sono regole stabili e fisse, ma più legate al momento, anche se è presente anche questo tipo di utilizzo.

Nell'araldica civica, italiana ma non solo, è molto frequente la figura di San Giorgio che uccide il drago.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Araldica Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica