Angelo (araldica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Angelo è un termine utilizzato in araldica per indicare uno spirito celeste in forma di garzoncello, sempre sbarbato, vestito, colle ali lunghe ed aperte, le mani giunte ed il corpo in maestà.

L'angelo, spesso rappresentato con le fattezze di una fanciulla, è solitamente vestito con una lunga dalmatica ed ha le ali quasi sempre con le punte rivolte in basso, cioè abbassate. L'arcangelo San Michele si riconosce dal fatto che è armato, e spesso intento ad atterrare un drago.

In molti casi un angelo, rappresentato anche in forme diverse da quella ordinaria sopra indicata, è utilizzato come tenente dello scudo. Alti angeli compaiono spesso armati di spada e, talora, di bilancia come simboli di giustizia divina.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Manno, Vocabolario araldico ufficiale, Roma, Civelli, 1907.
  • Piero Guelfi Camajani, Dizionario araldico, Milano, Hoepli, 1940.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Araldica Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica