Sintra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'autovettura monovolume Opel, vedi Opel Sintra.
Sintra
comune
Sintra – Stemma Sintra – Bandiera
Sintra – Veduta
Veduta
Localizzazione
StatoPortogallo Portogallo
RegioneLisbona
DistrettoLisbona
Territorio
Coordinate38°47′N 9°25′W / 38.783333°N 9.416667°W38.783333; -9.416667 (Sintra)
Altitudine317 m s.l.m.
Superficie319 km²
Abitanti377 837 (2011)
Densità1 184,44 ab./km²
Comuni confinantiAmadora, Cascais, Loures, Mafra, Odivelas, Oeiras
Altre informazioni
Cod. postale2714-501
Prefisso(+351)...
Fuso orarioUTC+0
SubregioneGrande Lisbona
Cartografia
Sintra – Localizzazione
Sito istituzionale

Sintra ('sĩtɾɐ) è un comune portoghese situato nel distretto di Lisbona.

È un importante centro della regione storica dell'Estremadura all'estremo nord della Serra dello stesso nome, in un paesaggio che comprende pareti rocciose e lussureggianti giardini. Dal 1995 il paesaggio culturale di Sintra fa parte della lista dei patrimoni dell'umanità.

Per la sua bellezza e austerità, nell'Ottocento fu molto amata da artisti e scrittori europei come Hans Christian Andersen, che la definì “il posto più bello del Portogallo” o il poeta tragico inglese Lord Byron, che in Childe Harold's Pilgrimage la definisce "giardino dell'Eden" ("Cintra's glorious Eden intervenes in variegated maze of mount and glen").

La popolazione della municipalità è cresciuta notevolmente a partire dagli anni 1980 e nel 2011 ammontava a 377 835 persone[1] raggruppate in un'area di 319,23 km²,[2] facendola diventare una delle maggiori destinazioni turistiche del Portogallo.

Sintra è diventata una delle più ricche e costose località del Portogallo e dell'intera penisola iberica,[3][4][5][6] meta ricercata da un crescente numero di stranieri che intendono trasferirsi a vivere nella Riviera portoghese.[7][8][9][10][11] Viene considerata come uno dei migliori posti in cui vivere nel Portogallo.[12][13]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Già insediamento arabo, fu faticosamente ripreso nella prima fase della Reconquista promossa dai re delle Asturie, trovandosi all'inizio dell'XI secolo al limite del regno del Portucale.

Il 30 agosto 1808, nel palazzo di Queluz, sito nell'omonima freguesia di Sintra, venne siglata fra i generali inglesi Sir Harry Burrard, 1º baronetto di Lymington (1755-1813) e Sir Hew Dalrymple, 1º baronetto di High Mark (1750-1830), ed il generale francese Junot, la controversa Convenzione di Sintra, con la quale gli inglesi accettavano la resa francese dopo la sconfitta francese a Vimeiro ad opera di lord Wellington e s'impegnavano a rimpatriare il contingente francese (oltre 20 000 fra soldati ed ufficiali) con navi inglesi.

Fu residenza estiva dei re portoghesi ed è composta da tre distinte parti: São Pedro, centro commerciale, Estefania con la stazione ferroviaria e un grande parco pubblico, Vila Velha con il grande palazzo reale.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
Paesaggio Culturale di Sintra
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Nt-sintra1.jpg
TipoCulturali
Criterio(ii) (iv) (v)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal1995
Scheda UNESCO(EN) Cultural Landscape of Sintra
(FR) Scheda

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Palácio da Pena in origine era un monastero abitato da monaci, poi abbandonato nel 1775 a causa degli ingenti danni subiti dal terremoto.[14] Fu ricostruito nel 1840-50 su progetto dell'architetto Ludwig von Eschwege per il principe consorte Ferdinando di Coburgo Gotha marito di Maria II del Portogallo, regina del Portogallo dal 1826 al 1828. Nelle sue parti si mescolano tutti gli stili: arabo, gotico, manuelino, rinascimentale, barocco. Il grande parco all'inglese intorno al castello è ricchissimo ed è stato celebrato dal musicista Richard Strauss; fa parte del parco anche la Cruz Alta, che con i suoi 529 metri di altitudine è il punto più alto della Sierra di Sintra. Ciò che colpisce maggiormente è il colore che varia da un giallo acceso, al rosso aranciato per finire con un azzurro dato dagli azulejos.
  • Il Castelo dos Mouros sopra la Vila Velha si staglia alto sulla città fra le rocce e le querce della Sierra. È stato costruito nel VII secolo dagli Arabi come dice il suo nome, ma è stato poi più volte rimaneggiato. Passando per il Castelo dos Mouros, si giunge al Palácio Nacional da Pena, che era la residenza estiva dei regnanti portoghesi.
  • Il Palácio Nacional de Sintra è un complesso di varie costruzioni, con due enormi camini di forma conica, eretto in forme gotico-moresche nel XIV secolo da Giovanni I del Portogallo.
  • La Quinta da Regaleira, vasta tenuta con palazzo, giardini, fontane e grotte dell'inizio del XX secolo, di chiaro intento simbolico.
  • Il palazzo di Monserrate (Palácio de Monserrate), palazzo in stile moresco realizzato nella forma attuale a partire dal 1856 per volere di Sir Francis Cook e circondato da giardini creati a partire dal XVIII secolo.[15]

Anche i dintorni di Sintra offrono interessanti palazzi e giardini: appena fuori città c'è il Palácio de Seteais del XVIII secolo oggi albergo di lusso, e la Quinta de Penha Verde della prima metà del secolo XVI con un parco. A 4 km si trova la Quinta de Monserrate in stile arabeggiante del XVIII secolo, con un vasto parco pieno di piante di tutti i continenti, cascate, fontane e un bosco di felci arborescenti. Ancora, è segnalata da una lapide commemorativa ma non visitabile la casa in cui visse lo scrittore danese Hans Christian Andersen.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

A 9 km c'è la località di Colares, nota per i suoi vini rossi profumati e per la spiaggia di Azenhas do Mar; a 18 km c'è il Cabo da Roca punto estremo occidentale d'Europa, chiamato dai Romani Promontorium magnum.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Popolazione di Sintra (1801 – 2011)
1801 1849 1900 1930 1960 1981 1991 2001 2011
12 486 17 129 26 074 37 986 79 964 226 428 260 951 363 749 377 837

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Freguesias[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sintra è gemellata con le seguenti città:

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Statistics Portugal, su www.ine.pt.
  2. ^ DGTerritório - Carta Administrativa Oficial de Portugal - Versão 2017 (em vigor), su www.dgterritorio.pt.
  3. ^ Jornal Economico - Lisboa, Cascais e Sintra são os municípios que mais encaixam com IMI, su jornaleconomico.sapo.pt.
  4. ^ RTP, Rádio e Televisão de Portugal-António Carneiro RTP, Seis dos quinze concelhos mais ricos situam-se na Região de Lisboa, su www.rtp.pt.
  5. ^ Cristina Ferreira, Grande Lisboa é a região ibérica mais rica em poder de compra, su PÚBLICO.
  6. ^ Victor Villarpando, Sintra fica do lado de Lisboa e tem a maior cara de conto de fadas, su Jornal CORREIO - Notícias e opiniões que a Bahia quer saber, 17 novembre 2014.
  7. ^ Mercado imobiliário em alta dá apelido de nova Miami a Lisboa, su Folha de S.Paulo, 28 giugno 2018.
  8. ^ Sintra reduz taxas para empreendimentos de luxo, su www.dn.pt.
  9. ^ SAPO, Investir 1,3 milhões de euros para vender imóveis de luxo em Lisboa, su SAPO 24.
  10. ^ Portugal é a nova Miami para os brasileiros ricos, su www.dn.pt.
  11. ^ Expresso - O negócio milionário das casas de luxo em Portugal, su Jornal Expresso.
  12. ^ Observador e Observador, Cascais é a terceira melhor cidade do país, depois de Lisboa e Porto, su Observador.
  13. ^ Cidades de Portugal para morar, veja quais são as melhores!, su eurodicas.com.br, 24 agosto 2017.
  14. ^ Sintra Portogallo: tappa sorprendente al Parco paesaggistico culturale, su inguaribileviaggiatore.it.
  15. ^ (PT) Palácio e Parque de Monserrate - História, su Parques de Sintra. URL consultato l'8 settembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN138429597 · LCCN (ENn84190492 · GND (DE4297825-7 · BNF (FRcb12356009j (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n84190492