Pavone (araldica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In araldica il pavone, simbolo di vanità o di ricchezza quando è rappresentato nell'atto di fare le ruota, indica invece l'umiltà quando presenta la coda chiusa ed abbassata[1].

Le penne di pavone compaiono di frequente nei cimieri, particolarmente in quelle familiari del centro Europa. Le penne di pavone si riconoscono dalla presenza di una macchia scura posta all'estremità, che le differenzia da quelle di struzzo che compaiono generalmente di colore bianco (argento) pieno. Oltre che come simbolo, nell'etica cavalleresca aveva un peso precipuo tanto che i voti più solenni erano prestati dai Cavalieri sul pavone.[2][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ugo di San Vittore De bestiis et aliis rebus (I, 55)(1096-1141); Maria Grazia Blasio, Anna Morisi, Francesca Niutta, Atti del convegno di studi : Roma, 2-3-4 dicembre 2004, edito da Roma nel Rinascimento, 2006 (p. 314); Luigi Bevilacqua, Oltre il simbolo: il pavone e la fontana
  2. ^ Domenico V. Ripa Montesano, Vademecum di Loggia, Roma, Edizione Gran Loggia Phoenix, 2009, ISBN 978-88-905059-0-4.
  3. ^ Franco Cuomo, Gli Ordini Cavallereschi, Roma, Newton & Compton Editori, 2004, ISBN 88-8289-973-X.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Araldica Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica