Leone di Giuda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leone di Giuda

Il Leone di Giuda è il simbolo della tribù ebraica di Giuda. Giuda, il quarto figlio di Giacobbe, è considerato il fondatore della tribù. Esso ha il suo riferimento nel libro della Genesi nella Bibbia. Secondo la tradizione ebraica, da questa tribù erano gli antenati del David, il secondo re del Regno Unito di Giuda e di Israele.
L'associazione tra Giuda e il leone può essere innanzitutto trovata nella benedizione di Giacobbe a Giuda di cui si legge nel Libro della Genesi. Sia il re Davide che Gesù discendono dalla tribù di Giuda, di cui il leone è simbolo. Il Leone di Giuda è anche un'espressione usata nell'Apocalisse per indicare il Messia.

Nel giudaismo[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la tradizione ebraica, l'iniziatore della Tribù di Giuda era uno dei figli di Giacobbe, che venne chiamato Giuda (ebraico Yehuda), Giacobbe stesso che ha benedetto [1] simbolicamente chiamandolo Giuda leone Gur Aryeh (in ebraico: גּוּר אַרְיֵה יְהוּדָה - "cucciolo di leone"), questa nozione ha la sua corrispondenza con il sole che sorge.[2]

Come simbolo, il leone ha correlazione con l'oro e il sole che ha trovato espressione nelle culture dell'antichità e proseguendo nel Medioevo in poi.[2] Re degli animali e possesso di forza, il leone è un simbolo di dignità e di vittoria, così come lotta perpetua e l'esaltazione della virilità[2] dal momento che nel suo potere e la giustizia. Dio è come un leone della tribù di Giuda è che a sua volta come un leone.[3] Attraverso il nome di "Ariel" (Leone di Dio), nella lingua e nella cultura degli Israeliti la città di Gerusalemme è associato al re Davide, che secondo la tradizione biblica apparteneva alla tribù di Giuda, di conseguenza, nel corso dei secoli, il Leone di Giuda è un simbolo di Gerusalemme e ha rappresentato le comunità ebraiche di Israele e quelli che vivono in altre parti del mondo.

Nella storia ebraica[modifica | modifica wikitesto]

Nel cristianesimo[modifica | modifica wikitesto]

 Cristo come l'Agnello di Dio e Leone di Giuda
Cristo come l'Agnello di Dio e Leone di Giuda. Emblema della Comunità delle Beatitudini.

La tradizione cristiana usa il termine "Leone di Giuda" per rappresentare Gesù di Nazareth, quando era un membro della tribù di Giuda e nel Nuovo Testamento essa è indicata come "appartenenza alla tribù di Davide".[3] espressione simile usato nel Libro della Rivelazione per riferirsi a Gesù: "Allora uno degli anziani mi disse: 'Non piangere, perché il Leone della tribù di Giuda, il Germoglio di Davide, ha vinto per aprire il libro e i sette sigilli ".[7]

In Etiopia[modifica | modifica wikitesto]

Bandiera dell'Etiopia con il Leone di Giuda, 1897.
Bandiera Imperiale Haile Selassie d'Etiopia, con il Leone di Giuda, il scettro croce e quattro stelle di David.

Il Leone di Giuda appare nelle tradizioni storiche d'Etiopia dal testo del "Kebra Nagast" del V secolo d.C, la monarchia etiope emerse dai discendenti della leggendaria Regina di Saba e re Salomone, quando visitò il re d'Israele a Gerusalemme, attribuendo a entrambi la paternità del re etiope Menelik I, il leggendario fondatore del Regno di Axum nel IV secolo a.C primo stato etiope. Mentre Salomone era un membro della tribù di Giuda (come figlio del re Davide) era ovvio che Menelik poteva anche affermare di discendere da quella tribù.

Tradizione etiope inoltre afferma che la stirpe di Menelik sono andati direttamente o indirettamente nelle dinastie imperiali dell'Etiopia (la dinastia Zagwe e la Dinastia Salomonica fino al XX secolo, quando l'imperatore Haile Selassie venne rovesciato nel 1974. Cronache etiopi sostengono anche ci sono stati gli immigrati israeliani dalla tribù di Dan e la tribù di Giuda, che si stabilì in Etiopia a seguito della regina di Saba e sarebbero gli antenati dei moderni ebrei Falasha. Questo spiega perché il Leone di Giuda simbolo ufficiale è apparso ampiamente in Etiopia nella monarchia imperiale, francobolli, bandiera, moneta etc.

Nel Movimento Rastafari[modifica | modifica wikitesto]

Nel movimento di Rastafari, il Leone di Giuda è una rappresentazione dell'imperatore Haile Selassie I d'Etiopia incoronato imperatore il 2 novembre 1930, come il titolo imperiale di "Re dei re e Leone di Giuda". L'enorme venerazione Haile Selassie per i Rastafariani, unico monarca nero che governò uno stato indipendente e il suo status come "profeta di liberazione" ha causato al movimento Rastafari di adottare il Leone di Giuda simbolo le loro credenze. Per i rastafariani il leone di Giuda è il simbolo della genia della terra d'Etiopia, da essi considerata la nazione più antica e immutata del mondo. Simbolo centrale nella cultura rastafariana ed etiope, viene citato in moltissimi testi di musicisti reggae come Bob Marley, Peter Tosh.

Emblema d'Etiopia[modifica | modifica wikitesto]

Nella storia dei gerosolimitani[modifica | modifica wikitesto]

Altri utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

Nell'araldica militare italiana il leone passante di Giuda, tenente nella branca destra una croce d'oro caricata del Cristo d'argento, è il simbolo concesso alle unità che hanno combattuto nella campagna d'Africa Orientale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Genesi 49:9
  2. ^ a b c José Eduardo Cirlot, A Dictionary of Symbols, Londra: Routledge, 1993, pp. 189-90.
  3. ^ a b Udo Becker, Encyclopedia of Symbols (Lexikon der Symbole), Londra e Nuova York: Continuum, 1994, pp. 179-180.
  4. ^ Sarah Kochav, Israel, Barcelona: Folio, 2005, p. 26.
  5. ^ In ebreo, Yeshuá Tová significa "Buena Redenzione".
  6. ^ Museo Ebraico di Nuova York.
  7. ^ Apocalisse 5:5

Bibliografía[modifica | modifica wikitesto]

  • (ES) Becker, Udo. Encyclopedia of Symbols, Londres y Nueva York: Continuum, 1994.
  • (ES) Cirlot, José Eduardo. A Dictionary of Symbols (Diccionario de símbolos tradicionales), Londres: Routledge, 1993.
  • (ES) Dubnow, Simón. Historia del pueblo judío, Buenos Aires: Sigal, 1977.
  • (ES) Kochav, Sarah. Israel, Barcelona: Folio, 2005.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]