Collecchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la storica fattoria padronale di Magliano in Toscana in provincia di Grosseto, vedi Fattoria di Collecchio.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la frazione di Castel di Lama in provincia di Ascoli, vedi Collecchio (Castel di Lama).
Collecchio
comune
Collecchio – Stemma Collecchio – Bandiera
Collecchio – Veduta
Piazza della Repubblica con sullo sfondo il palazzo nuovo del Municipio
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
ProvinciaProvincia di Parma-Stemma.svg Parma
Amministrazione
SindacoPaolo Bianchi (lista civica) dall'8-6-2009 (2º mandato dal 26-5-2014)
Territorio
Coordinate44°45′09.7″N 10°12′56.5″E / 44.752694°N 10.215694°E44.752694; 10.215694 (Collecchio)Coordinate: 44°45′09.7″N 10°12′56.5″E / 44.752694°N 10.215694°E44.752694; 10.215694 (Collecchio)
Altitudine112 m s.l.m.
Superficie58,83 km²
Abitanti14 616[2] (30-6-2017)
Densità248,44 ab./km²
FrazioniGaiano, Lemignano, Madregolo, Ozzano Taro, Pontescodogna, San Martino Sinzano[1]
Comuni confinantiFornovo di Taro, Medesano, Noceto, Parma, Sala Baganza
Altre informazioni
Cod. postale43044
Prefisso0521
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT034009
Cod. catastaleC852
TargaPR
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanticollecchiesi
Patronosan Prospero
Giorno festivo24 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Collecchio
Collecchio
Collecchio – Mappa
Posizione del comune di Collecchio nella provincia di Parma
Sito istituzionale

Collecchio (Colècc' in dialetto parmigiano[3][4]) è un comune italiano di 14 616 abitanti[2] della provincia di Parma.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Collecchio sorge sulla riva destra del fiume Taro, a una decina di chilometri a sud-ovest di Parma, cui è collegato attraverso la strada statale 62 della Cisa e la linea ferroviaria Parma-La Spezia.[5]

Il territorio comunale è quasi totalmente pianeggiante, a eccezione della zona collinare su cui si trova una porzione del centro di Collecchio, sviluppata attorno alla pieve di San Prospero. Dal margine sud-ovest dell'abitato si sviluppa il parco naturale regionale dei Boschi di Carrega, che prosegue nell'adiacente comune di Sala Baganza.[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le più antiche tracce umane rinvenute nella zona risalgono al Paleolitico, ma i primi insediamenti sorsero probabilmente durante l'età del bronzo, quando i Terramaricoli edificarono due villaggi palafitticoli[6] al Torrazzo di Madregolo e sul Poggio di Collecchio.[7]

In epoca romana si sviluppò, forse nella zona del Poggio, il centro di Sustrina o Sustizia,[6] importante per la collocazione lungo la prosecuzione della via Clodia Secunda, che, passando per Forum Novum, univa Parma a Luni;[8] l'insediamento, rivale della vicina città di Parma, fu raso al suolo nel 27 a.C. per volere dell'imperatore Ottaviano Augusto.[6]

Dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente, nella zona i Longobardi fondarono alcuni piccoli centri abitati, come testimoniato dal rinvenimento di alcune sepolture.[5]

Già in epoca altomedievale la vicinanza con la via Francigena, percorsa dai pellegrini diretti dal Nord Europa alla città di Roma, favorì l'edificazione della pieve di San Martino a Mecritulus e di quella di San Prospero a Colliculum (col significato di "piccolo colle"), oltre alla costruzione di numerosi xenodochi per viandanti.[5]

Tuttavia, il primo documento[9] che attesti l'esistenza di un nucleo abitato risale al 929, quando il territorio dipendeva direttamente dall'autorità episcopale di Parma;[10] nel 995 il vescovo Sigefredo II donò al Capitolo della Cattedrale di Parma la curte di "Coliclo", insieme a numerose altre del Parmense.[11]

Fu forse costruito nell'XI secolo il castello di Collecchio, che, più che un maniero nel senso del termine, era probabilmente un palazzo comitale fortificato; l'edificio, che sorgeva sul luogo dell'odierna villa Paveri Fontana,[6] fu menzionato in un documento del 1073, in cui il vescovo Everardo confermò alla badessa Berta del monastero di San Paolo la proprietà di alcuni beni nella corte di Collecchio.[12]

Nel 1195 l'imperatore del Sacro Romano Impero Enrico VI di Svevia confermò al vescovo Obizzo Fieschi il possesso del feudo; tuttavia, anche il Comune di Parma vantava diritti sul luogo e un accordo fu raggiunto solo nel 1221,[6] in seguito all'intervento del papa Onorio III, che assegnò al vescovo di Parma il potere su Collecchio, Colorno, Poviglio, Gualtieri, Montecchio, Castrignano, Corniglio, Rigosa, Vallisnera, Berceto, Terenzo, Pietrabalza, Pietramogolana, Corniana e Bardone.[13]

Nel 1303 i Rossi, da tempo proprietari di numerose terre nella zona di Collecchio, si rifugiarono in seguito alla loro cacciata da Parma nel loro castello di Mancapane, che probabilmente sorgeva sul Poggio; due anni dopo Giberto III da Correggio attaccò il maniero; durante gli aspri scontri, l'edificio fu distrutto, ma anche l'adiacente borgo di Collecchio fu devastato.[6]

Sorte analoga toccò nel 1325 al castello vescovile, che fu attaccato e raso al suolo dalle truppe dei Pallavicino alleate del signore di Milano Azzone Visconti; nel 1335 i parmigiani lo ricostruirono, ma l'anno successivo gli Scaligeri lo assaltarono e lo distrussero nuovamente.[6]

Il borgo di Collecchio, dipendente dal Comune di Parma, subì nel 1417 le scorrerie di Alberico II da Barbiano; per questo gli abitanti nel 1428 edificarono una bastia difensiva, ma il podestà di Parma Rolando Lampugnani la fece demolire per evitare che potesse cadere in mani nemiche.[6] Nel 1449 la località fu interessata ancora da scontri tra Jacopo Piccinino, che, alleato dai parmigiani, si asserragliò a Collecchio, e Pier Maria II de' Rossi, che, alleato di Francesco Sforza, si stanziò nel castello di Felino.[14]

Tornato nelle mani dei parmigiani, il feudo nel 1513 fu occupato dalla contessa Sanvitale di Sala Baganza,[15] ma nel 1522 il conte Girolamo lo rivendette al Comune di Parma.[14]

Nei decenni seguenti i marchesi Prati, poi Dalla Rosa Prati, iniziarono ad acquistare terre ed edifici a Collecchio, ove nel 1574 fecero costruire, sui resti del palazzo comitale, la loro villa estiva; si occuparono anche, in nome dei Farnese, di incarichi amministrativi sia in città che nel borgo.[16] Nel 1777 furono insigniti da parte del duca Ferdinando di Borbone dei diritti feudali su Collecchio, Collecchiello e Madregolo, che mantennero fino alla loro abolizione sancita da Napoleone nel 1805.[14]

L'anno seguente Collecchio divenne sede di Comune (o mairie), comprendente anche le frazioni di Collecchiello, Madregolo e Giarola; Gaiano, appartenente a Sala Baganza, e Ozzano Taro, appartenente a Fornovo di Taro, furono aggregate dopo l'Unità d'Italia;[17] San Martino Sinzano, comune autonomo istituito per decreto napoleonico, fu annesso nel 1866, perdendo parte del territorio a vantaggio dei comuni limitrofi di Parma e San Pancrazio Parmense.[18]

Durante la seconda guerra mondiale, nel 1944 Collecchio subì in più occasioni le incursioni degli aerei alleati, che causarono molteplici vittime; oltre al centro abitato, nel mese di luglio di quell'anno fu colpita la polveriera che sorgeva nei pressi di Pontescodogna.[19] Il paese fu liberato il 27 aprile del 1945 grazie all'azione dei soldati dell'esercito brasiliano.[20]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Pieve di San Prospero[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pieve di San Prospero (Collecchio).

Edificata originariamente in stile romanico lombardo verso la fine dell'XI secolo, la pieve, posta lungo la Via Francigena, fu ampliata nel XIII secolo e parzialmente modificata nel XV, nel XVI e nel XVIII; nel XX secolo fu avviata una serie di lavori finalizzata a ripristinare l'aspetto romanico lombardo della chiesa, che comportarono nel 1912 la demolizione delle cappelle laterali cinquecentesche, nel 1922 l'edificazione della torre campanaria e nel 1935 la ricostruzione della facciata; dell'edificio originario restano le absidi laterali e i pilastri con capitelli della navata centrale, mentre della ristrutturazione duecentesca rimangono l'abside rettangolare nel mezzo, la torre-tiburio, il portale d'ingresso e l'impianto basilicale a tre navate, coperte da quattrocentesche volte a crociera; all'interno sono inoltre conservati la calcarea fonte battesimale romanica e un marmoreo bassorilievo raffigurante il Battesimo di Cristo, in stile bizantino, entrambi risalenti al XIII secolo.[21]

Chiesa di San Martino[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di San Martino (Collecchio).

Innalzata originariamente in stile romanico lungo la Via Francigena, la pieve crollò a causa della vicinanza col fiume Taro tra il XIII e il XIV secolo e fu ricostruita in stile barocco intorno al 1634; l'attuale chiesa di Madregolo conserva ancora i capitelli romanici coi simboli degli evangelisti murati agli spigoli della torre campanaria.[22]

Chiesa di San Nicomede[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di San Nicomede.

Edificata originariamente in stile romanico all'interno della corte rurale medievale di Giarola, all'epoca appartenente al monastero di San Paolo di Parma, la chiesa fu menzionata per la prima volta in una bolla pontificia del 1187; modificata nel 1760 in stile neoclassico, fu quasi completamente distrutta dai bombardamenti alleati della seconda guerra mondiale; ricostruita nel 1950 nelle originarie forme romaniche, fu restaurata nel 2014; il luogo di culto conserva della struttura originaria parte dei muri esterni, decorati con un motivo ad archetti pensili in cotto; all'interno ospita alcune opere di pregio risalenti al XVII e XVIII secolo.[23]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Castello di Collecchio[modifica | modifica wikitesto]

Costruito forse nell'XI secolo, l'edificio, benché noto come "castello di Collecchio", era probabilmente un palazzo comitale fortificato, eretto per volere dei vescovi di Parma quale presidio del borgo; menzionato per la prima volta nel 1073, nel 1325 fu raso al suolo dalle truppe dei Pallavicino alleate dei Visconti; ricostruito dai parmigiani nel 1335, fu nuovamente distrutto l'anno seguente dagli Scaligeri; riedificato dai collecchiesi nel 1428 in forme di bastia difensiva, fu demolito per ordine del podestà di Parma e sui suoi resti fu costruita nel 1574 la villa Paveri Fontana.[6]

Castello di Mancapane[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Castello di Mancapane (Collecchio).

Edificato probabilmente sul Poggio entro il XIII secolo, forse per volere dei Rossi, il maniero nel 1303 fu scelto come rifugio dalla famiglia, in seguito alla sua cacciata da Parma, ma fu distrutto nel 1305 da Giberto III da Correggio; in parte ricostruito, secondo la tradizione pochi anni dopo avrebbe ospitato per una notte Dante Alighieri, che, lamentandosi del trattamento ricevuto, avrebbe rinominato l'edificio "castello di Mancapane" o "Manchapan"; abbandonato al degrado nei secoli successivi, durante la seconda guerra mondiale divenne la sede del comando locale delle truppe tedesche e fu per questo distrutto dagli alleati; i suoi ultimi resti furono demoliti nel 1963.[6][24]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Villa Paveri Fontana[modifica | modifica wikitesto]

Arco del Bargello, ingresso di villa Paveri Fontana
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Villa Paveri Fontana.

Edificata nel 1574 sui resti del "castello di Collecchio", la villa rinascimentale, residenza estiva del marchese di Collecchio Marcello Prati il seniore, fu probabilmente progettata dall'architetto Giovanni Boscoli, che si occupò anche del restauro dell'arco del Bargello d'accesso al parco; modificata nel 1631 con la sopraelevazione della torretta, nel 1687 e nel 1703 fu internamente decorata per volere dei marchesi Dalla Rosa Prati con scenografici affreschi dai fratelli Ferdinando e Francesco Galli da Bibbiena, che ricostruirono anche la facciata in stile barocco e progettarono la monumentale fontana dei Tritoni posta al centro del cortile d'ingresso; ereditata alla fine del XIX secolo dai marchesi Paveri Fontana, l'ampia tenuta, trasmessa nel XX secolo ai conti Santucci Fontanelli, comprende inoltre l'antica corte a fianco della villa, con l'ex oratorio seicentesco intitolato alla Croce, dal 1976 sede della corale Collecchiese "Mario Dellapina"; accanto all'arco trionfale d'accesso sorge infine l'oratorio della Madonna di Loreto, costruito intorno al 1709 per volere della marchesa Fiorita Bajardi Prati.[25]

Villa Soragna[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Villa Soragna.

Edificata nelle forme neoclassiche dalla famiglia Tarchioni agli inizi del XIX secolo, la villa, alienata nel 1900 al marchese Guido Maria Meli Lupi di Soragna, fu ristrutturata in stile liberty probabilmente dall'architetto Antonio Citterio; acquistata nel 1972 dal Comune di Collecchio, fu dapprima adibita a scuola elementare e, dopo un accurato restauro effettuato nel 1997, a sede del centro culturale "Villa Soragna", della biblioteca comunale e di parte degli uffici comunali. Caratterizzata esternamente dall'elegante loggiato d'ingresso a sud e dall'alta torre panoramica, la struttura presenta al suo interno una pregevole sala interamente affrescata, oggi destinata a stanza di lettura, oltre a vari ambienti utilizzati per esposizioni temporanee. Il vasto parco, intitolato all'antifascista Fortunato Nevicati, è aperto al pubblico e ospita un bar, spazi attrezzati e recinti per animali da cortile, oltre a una colonia di conigli nani in libertà.[26]

Villa del Ferlaro[modifica | modifica wikitesto]

La villa in una cartolina d'epoca
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Villa del Ferlaro.

Costruita nei pressi di Sala Baganza sul luogo di un preesistente casino di caccia tra il 1828 e il 1831, la villa neoclassica, commissionata all'architetto Paolo Gazola dalla duchessa di Parma Maria Luigia quale residenza estiva dei due figli Albertina e Guglielmo di Montenuovo, fu contestualmente arricchita di un grande giardino all'inglese progettato da Carlo Barvitius, che la collegò al vicino Casino dei Boschi attraverso un viale di cedri; donata nel 1835 alla Camera ducale di Parma, l'immensa tenuta passò nel 1847 ai duchi Borbone e, dopo l'Unità d'Italia, ai Savoia, che nel 1870 la cedettero in gran parte all'ingegner Severino Grattoni; alienata nel 1881 ai principi Carrega di Lucedio, fu successivamente frazionata tra gli eredi; acquistata nel secondo dopoguerra dall'imprenditore Renzo Salvarani, la villa del Ferlaro, circondata da un parco di 18 ettari, fu nuovamente rivenduta verso il 1980; completamente restaurata e adibita a sede per cerimonie, sfilate o manifestazioni, fu nuovamente messa in vendita nel 2016.[27][28][29]

Villa Bertozzi[modifica | modifica wikitesto]

Edificata a Collecchiello nel 1818 per volere del marchese Ludovico Bergonzi, la villa neoclassica, progettata secondo la tradizione dall'architetto Paolo Gazola o più probabilmente dall'architetto Gaetano Canevari, fu acquistata successivamente dai conti Anguissola Scotti e nel XX secolo dagli imprenditori Bertozzi; nota anche come Villa Madonna degli Angeli, la grandiosa costruzione, sviluppata simmetricamente su tre corpi collegati da gallerie e caratterizzata dall'imponente pronao su due livelli coronato da frontone, sorge all'interno di un parco all'inglese di 30 000 m²; al suo interno contiene vari saloni decorati con stucchi e affreschi, tra cui la sala da pranzo ellittica con colonnato corinzio.[30][31][32][33]

Corte di Giarola[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Corte di Giarola.

Costruita originariamente tra l'VIII e il IX secolo quale presidio fortificato per volere della casata del nobile franco Ingo, la struttura fu donata nel 1034 al monastero di San Paolo di Parma, che la trasformò in una corte rurale indipendente, dotata di abitazioni, stalle, caseificio, mulino e chiesa romanica interna; modificata e ampliata a più riprese nei secoli successivi, fu confiscata nel 1811 dal governo napoleonico e affittata a imprenditori agricoli; acquistata alla fine del XIX secolo dalla famiglia Montagna, fu adibita a fabbrica di conserva e caseificio con annesso allevamento di suini; danneggiata dai bombardamenti degli aerei alleati del 1945, che distrussero quasi completamente la chiesa di San Nicomede, fu in parte alienata nel 1957 all'imprenditore Ercole Azzali; caduta in degrado dopo la cessazione dell'attività industriale, nel 1998 fu comprata dall'Ente Parco Fluviale Regionale del Taro, poi Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale, che ne avviò i lavori di ristrutturazione adibendone una parte a propria sede; al suo interno il grande edificio ospita inoltre il Museo del pomodoro, il Museo della pasta, il Museo del Parco del Taro, il Teatro alla Corte, due sale convegni e un ristorante.[23][34][35]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[36]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Gli stranieri residenti a Collecchio al 31 dicembre 2013 sono 1.262 e rappresentano l'8,8% della popolazione residente.

La comunità straniera più numerosa è quella proveniente dalla Romania con il 19,9% di tutti gli stranieri presenti sul territorio, seguita dall'Albania (13,1%) e dalla Moldavia (9,8%):[37]

  1. Romania, 285
  2. Albania, 187
  3. Moldavia, 140

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Museo del pomodoro[modifica | modifica wikitesto]

Ala ovest della Corte di Giarola con l'ingresso del Museo del pomodoro
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Museo del pomodoro.

Collocato al piano terreno dell'ala ovest della Corte di Giarola, il percorso espositivo è suddiviso in sette sezioni dedicate alla storia del processo di lavorazione del pomodoro.[38]

Museo della pasta[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Museo della pasta.

Collocato al primo piano dell'ala ovest della Corte di Giarola, il percorso espositivo è suddiviso in sei sezioni dedicate al grano e alla storia del processo di produzione della pasta.[39]

Museo Ettore Guatelli[modifica | modifica wikitesto]

Interni del Museo Guatelli
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Museo Ettore Guatelli.

Collocato all'interno del podere Bellafoglia di Ozzano Taro, il museo espone una ricchissima collezione di oggetti di uso quotidiano utilizzati dalle famiglie contadine del Parmense fino agli inizi del XX secolo.[40]

Persone legate a Collecchio[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune divenne sede già alla fine del XIX secolo di numerose industrie appartenenti al settore agro-alimentare, favorite dalla creazione della ferrovia Pontremolese, attiva tra Parma e Collecchio dal 1882; mentre molte delle più piccole furono successivamente chiuse, sono ancora presenti nel territorio, oltre ad altre di dimensioni più modeste, la Parmalat e la Rodolfi Mansueto S.p.A.[41]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La città è attraversata da nord-est a sud-ovest dalla strada statale 62 della Cisa e dalla linea ferroviaria Pontremolese, che serve il paese grazie alla stazione posta a margine del centro.[5]

Tra il 1910 e il 1954 Collecchio fu servita dalle tranvie Parma-Fornovo e Parma-Marzolara; quest'ultima si diramava dalla prima in località Stradella.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Municipio di Collecchio

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Sindaci eletti dal Consiglio Comunale[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
24 ottobre 1985 27 giugno 1990 Claudio Magnani Partito Socialista Italiano Sindaco [42]
9 luglio 1990 24 aprile 1995 Walter Civetta Partito Socialista Italiano Sindaco [42]

Sindaci eletti direttamente dai cittadini[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Alfredo Peri Partito Democratico della Sinistra-Democratici di Sinistra Sindaco [42]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Giuseppe Romanini Democratici di Sinistra Sindaco [42]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Giuseppe Romanini Democratici di Sinistra-Partito Democratico Sindaco [42]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Paolo Bianchi lista civica di centro-sinistra sostenuta dal Partito Democratico Sindaco [42]
26 maggio 2014 in carica Paolo Bianchi lista civica: Collecchio democratica, sostenuta dal Partito Democratico Sindaco [42]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio di Collecchio è l'"A.S.D. Polisportiva Il Cervo"; la prima squadra milita nel girone A emiliano-romagnolo di Promozione.[43]

A Collecchio ha sede dal 1996 il "Villaggio Crociato", centro sportivo del Parma Calcio.[44]

Baseball[modifica | modifica wikitesto]

Il "Collecchio Baseball Club" è una società polivalente (baseball e softball) iscritta nei campionati federali dal 1974;[45] la sezione baseball milita in Serie A Federale e la sezione softball in ISL (Italian Softball League); la società utilizza l'impianto sportivo "Giannino Zinelli", che comprende un campo da baseball, uno da softball e uno per gli allenamenti, oltre alla palestra e alla Club House.[46]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Collecchio - Statuto.
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2017.
  3. ^ Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, p. 219.
  4. ^ Capacchi, pp. 895.
  5. ^ a b c d e Marcheselli, p. 104.
  6. ^ a b c d e f g h i j Marcheselli, p. 10.
  7. ^ Collecchio e la sua terra, su www.museidelcibo.it. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  8. ^ La storia, su www.viadelvoltosanto.it. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  9. ^ pergamena conservata all'Archivio di Stato di Parma
  10. ^ Nuova città di Collecchio, su www.urbanistica.unipr.it. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  11. ^ Affò, 1792, p. 370.
  12. ^ Affò, 1793, p. 93.
  13. ^ Affò, 1793, p. 102.
  14. ^ a b c Marcheselli, p. 11.
  15. ^ GuidaPiù, p. 7.
  16. ^ Marcheselli, p. 107.
  17. ^ Marcheselli, p. 108.
  18. ^ Storia dei Comuni, su www.elesh.it. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  19. ^ I bombardamenti, su www.istitutostoricoparma.it. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  20. ^ I Brasiliani liberano Collecchio, su www.parmadaily.it. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  21. ^ Pieve di San Prospero, romanico-emiliaromagna.com. URL consultato il 2 maggio 2016.
  22. ^ Le Chiese, comune.collecchio.pr.it. URL consultato il 3 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2016).
  23. ^ a b Ubaldo Del Sante, Un antico centro di trasformazione agro-alimentare - Breve storia della Corte di Giarola, del suo caseificio e della sua fabbrica di conserve (DOC), su storage.aicod.it. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  24. ^ Collecchio: il Castello perduto, su www.google.com. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  25. ^ Marcheselli, pp. 96-98.
  26. ^ Parco Comunale Nevicati - Collecchio, su bbcc.ibc.regione.emilia-romagna.it. URL consultato il 18 aprile 2016.
  27. ^ Villa del Ferlaro, su www.ilparcopiubello.it. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  28. ^ Descrizione, su bbcc.ibc.regione.emilia-romagna.it. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  29. ^ Maria Chiara Perri, Da Maria Luigia all'agenzia immobiliare: in vendita la Villa del Ferlaro a Collecchio, in parma.repubblica.it, 9 giugno 2016. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  30. ^ GuidaPiù, p. 9.
  31. ^ Marcheselli, p. 113.
  32. ^ Da leader nella commercializzazione del Parmigiano a leader nel controllo dell'intera filiera produttiva, su www.informacibo.it. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  33. ^ Nuova sede operativa di Parma…si comincia!, su almater.it. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  34. ^ La Storia della Corte di Giarola di Collecchio, su webcache.googleusercontent.com. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  35. ^ La Corte di Giarola, su webcache.googleusercontent.com. URL consultato il 29 gennaio 2017.
  36. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  37. ^ Bilancio Demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2013 per sesso e cittadinanza, su demo.istat.it.
  38. ^ Villa, p. 71.
  39. ^ Il Museo della Pasta - Percorso espositivo, su www.museidelcibo.it. URL consultato il 30 gennaio 2017.
  40. ^ Il Museo del quotidiano, su www.museoguatelli.it. URL consultato il 30 gennaio 2017.
  41. ^ Marcheselli, p. 116.
  42. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/.
  43. ^ Home page, su www.polisportivailcervo.it. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  44. ^ Impianti, su parmacalcio1913.com. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  45. ^ Home page, su www.collecchio-bs.it. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  46. ^ Impianto sportivo, su www.collecchio-bs.it. URL consultato il 23 gennaio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, Garzanti, 1996.
  • Infoturismo, in GuidaPiù, Collecchio, Reggio Emilia, Gruppo GuidaPiù srl, 2007.
  • Ireneo Affò, Storia della città di Parma, Tomo primo, Parma, Stamperia Carmignani, 1792.
  • Ireneo Affò, Storia della città di Parma, Tomo secondo, Parma, Stamperia Carmignani, 1793.
  • Guglielmo Capacchi, Dizionario Italiano-Parmigiano, Tomo II M-Z, Parma, Artegrafica Silva.
  • Tiziano Marcheselli, Collecchio di una volta, Parma, Gazzetta di Parma Editore, 2008.
  • Mariagrazia Villa, Il Museo del Pomodoro, in Parma economica, nº 1, Parma, Camera di Commercio di Parma, 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN246979180
Parma Portale Parma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Parma