Sala Baganza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sala Baganza
comune
Sala Baganza – Stemma Sala Baganza – Bandiera
Sala Baganza – Veduta
La Rocca Sanvitale di Sala Baganza
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Provincia Provincia di Parma-Stemma.svg Parma
Amministrazione
Sindaco Aldo Spina (centrosinistra) dal 05/06/2016
Territorio
Coordinate 44°43′N 10°14′E / 44.716667°N 10.233333°E44.716667; 10.233333 (Sala Baganza)Coordinate: 44°43′N 10°14′E / 44.716667°N 10.233333°E44.716667; 10.233333 (Sala Baganza)
Altitudine 176 m s.l.m.
Superficie 30,76 km²
Abitanti 5 558[1] (31-12-2014)
Densità 180,69 ab./km²
Frazioni Case Marconi, Casino de' Boschi, Castellaro, Limido, Maiatico, San Vitale Baganza, Segalara, Talignano
Comuni confinanti Calestano, Collecchio, Felino, Fornovo di Taro, Parma, Terenzo
Altre informazioni
Cod. postale 43038
Prefisso 0521
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 034031
Cod. catastale H682
Targa PR
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti salesi
Patrono SS. Stefano e Lorenzo
Giorno festivo 26 dicembre e 10 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sala Baganza
Sala Baganza
Sala Baganza – Mappa
Posizione del comune di Sala Baganza nella provincia di Parma
Sito istituzionale

Sala Baganza (Säla in dialetto parmigiano[2]) è un comune italiano di 5.558[1] abitanti della provincia di Parma, circa 12 km a sud del capoluogo provinciale. È sede di numerose aziende del comparto metalmeccanico e del settore agroalimentare (soprattutto lavorazione carne suina per produzione di salumi), dislocate tra Castellaro e San Vitale Baganza, sulla riva sinistra del torrente Baganza. L'offerta eno-gastronomica può essere considerata di pregio: il comune è infatti terra del Prosciutto di Parma, del Parmigiano Reggiano e zona di produzione del vino Malvasia.

L'11 giugno 2011 una parte del paese di Sala Baganza e la frazione di Talignano (insieme ad alcune aree dei comuni vicini di Collecchio e Fornovo di Taro) sono state duramente colpite da un'alluvione dovuta all'esondazione del Rio Ginestra e del Torrente Scodogna a causa di intense precipitazioni. L'evento calamitoso ha causato la morte di una persona e feriti gravi. I danni ammontano a circa 7.200.000 euro per privati e aziende e circa 450.000 euro i danni pubblici. Sono 185 le famiglie e 50 le attività produttive colpite.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo Sala è di origine longobarda ed è attestato in molte regioni italiane, ad esempio: Sala Bolognese, Sala Comacina (Como), Sala Biellese, Sala Consilina (Salerno), La Sala, a Usigliano di Lari, Pisa, nonché in Svizzera, a Sala Capriasca. La sala era la terra direttamente occupata dal presidio germanico e si contrapponeva alle terre tributarie degli altri abitanti, che corrispondevano ai longobardi in veste di tributo parte dei raccolti. Il termine deriva dal longobardo saliz, che significa fattoria.

Il termine Baganza, dal nome del torrente sulla cui sponda si trova il paese, fu aggiunto per decreto reale solo nel 1862. Il nome è di etimo incerto, ma potrebbe derivare dalla radice celtica bagus (faggio), albero molto comune nella Val Baganza.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa dei Santi Stefano e Lorenzo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa dei Santi Stefano e Lorenzo (Sala Baganza).

Edificata tra il 1582 e il 1586 per volere dei conti Sanvitale quale oratorio del convento degli Agostiniani, la chiesa fu elevata a parrocchia nel 1694 in sostituzione della vicina cappella medievale intitolata a santo Stefano, oggi scomparsa; ampliata e decorata in stile neoclassico nel 1801 per volere del duca di Parma Ferdinando di Borbone, fu nuovamente modificata tra il 1930 e il 1939 con l'allungamento dell'abside, la costruzione delle cappelle laterali e la sopraelevazione della torre campanaria; il luogo di culto conserva gli affreschi staccati dell'antica cappella di Santo Stefano, realizzati tra il XVI e il XVII secolo da Cesare Baglioni, oltre a tre pregevoli dipinti settecenteschi e ottocenteschi di Enrico Bandini, Domenico Muzzi e Gaetano Callani.[3]

Pieve di San Biagio[modifica | modifica wikitesto]

Pieve di San Biagio
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Pieve di San Biagio (Sala Baganza).

Edificata a Talignano in stile romanico probabilmente agli inizi del XII secolo, la pieve fu modificata tra il XVI e il XVIII secolo con l'aggiunta di decorazioni barocche e neoclassiche; restaurata tra il 1930 e il 1940 riportando il luce la veste originaria, la chiesa conserva sul portale d'ingresso una pregevole lunetta contenente un bassorilievo del XIII secolo, raffigurante la Psicostasia.[4]

Chiesa di San Vitale[modifica | modifica wikitesto]

Edificata a San Vitale Baganza entro il X secolo, la pieve romanica fu gravemente danneggiata nel 1834 da una violenta scossa tellurica, che risparmiò soltanto il campanile settecentesco; ricostruita completamente in stile neoclassico tra il 1835 e il 1841 su disegno dell'architetto Lorenzo Raschi, fu completata con la facciata, progettata dall'architetto Luigi Bianchi, nel 1868 e arricchita delle statue di Agostino Ferrarini nel 1885; lesionata nel 2008 da un nuovo terremoto, fu interamente restaurata e riaperta al culto nel 2012; la chiesa ospita varie opere di pregio, tra cui due dipinti del 1774 del pittore Giuseppe Peroni.[5]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Rocca Sanvitale[modifica | modifica wikitesto]

Rocca Sanvitale
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Rocca Sanvitale (Sala Baganza).

Castello di San Vitale Baganza[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Castello di San Vitale Baganza.

Costruito a San Vitale Baganza in epoca imprecisata, il castello, appartenente nel 1142 all'abbazia di San Giovanni Evangelista di Parma, passò in seguito al Comune di Parma; conquistato dai Rossi, fu successivamente assegnato ai conti Sanvitale, che ne mantennero il possesso fino al 1612, quando a causa della presunta congiura dei feudatari tutti i loro beni furono assorbiti dalla Camera ducale di Parma; modificato e mutilato più volte nei secoli, il maniero conserva della struttura trecentesca la torre quadrata a sud e l'alto edificio principale a nord, collegati da un corpo centrale più basso; di pregio risultano un piccolo affresco seicentesco raffigurante la Madonna, posto sulla parete meridionale del mastio, e una finestra quattrocentesca ad arco trilobato con cornice in cotto, affacciata sul lato est.[6]

Castello di Monte Palero[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Castello di Monte Palero.

Costruito a Monte Palero nel 1196 dai Pallavicino, il castello fu espugnato nel 1267 dal Comune guelfo di Parma, che ne decretò la demolizione nel 1295; riassegnato successivamente ai Marchesi, il feudo fu conquistato nel 1405 dal vescovo Giacomo de' Rossi, che fece ricostruire sugli antichi ruderi una fortificazione difensiva, detta "Castel Palerio", che tuttavia fu abbandonata dopo pochi anni, quando i Rossi furono costretti a restituirla ai Pallavicino; assorbito dalla Camera ducale di Parma, il maniero fu assegnato nel 1631 al marchese Marcello Prati e successivamente ai conti Bondani, che lo mantennero fino all'abolizione napoleonica dei diritti feudali del 1805; sprofondato già all'epoca in profondo degrado, l'edificio fu completamente demolito tra la fine del XIX secolo e gli inizi del XX e sulle sue rovine furono costruiti alcuni edifici a uso residenziale e agricolo, modificati dopo il 1970.[7]

Castello di Segalara[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Castello di Segalara.

Menzionato per la prima volta nel 1141, il castello di Segalara fu a lungo conteso tra varie famiglie, tra le quali i Sanvitale; conquistato e rinforzato dai Rossi tra il XIII e il XIV secolo, fu assorbito nel 1666 dalla Camera ducale di Parma; assegnato nel 1682 al marchese Gian Antonio Canossa di Pontremoli, fu in seguito trasformato in una villa, acquistata nel XIX secolo dalla famiglia Franceschi e successivamente frazionata in più unità.[8]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Casino dei Boschi[modifica | modifica wikitesto]

Casino dei Boschi
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Casino dei Boschi.

Edificato tra il 1775 e il 1789 in stile neoclassico sul luogo di un preesistente casino di caccia dell'immensa tenuta farnesiana, il grande complesso fu commissionato all'architetto Ennemond Alexandre Petitot dalla duchessa Maria Amalia, moglie del duca di Parma Ferdinando di Borbone; acquistato nel 1819 dalla duchessa Maria Luigia, che incaricò del suo ampliamento l'architetto Nicola Bettoli, fu arricchito del parco all'inglese disegnato dal giardiniere Carlo Barvitius, concluso nel 1832; donato nel 1835 dalla duchessa alla Camera ducale di Parma, passò ai duchi Borbone e, dopo l'Unità d'Italia, ai Savoia, che nel 1870 lo cedettero all'ingegner Severino Grattoni; alienato nel 1881 ai principi Carrega di Lucedio, nella prima metà del XX secolo fu parzialmente adibito a residenza per circa 30 nuclei familiari; abbandonato dopo il 1960, cadde nel degrado, accentuato dal terremoto del 1983. In parte alienato a partire dal 1994 al Consorzio Parco naturale regionale dei Boschi di Carrega, il complesso, esteso su una superficie complessiva di circa 13 000 m², comprende la villa ducale, la lunghissima "Prolunga" con colonnato dorico, il "Casinetto" centrale, sede del Consorzio e del museo dei Boschi e del Territorio, la "Corte rustica" o "Ghetto", la "Casa di Pietra" e le ghiacciaie; il "Giardino monumentale", solcato da due viali d'accesso delimitati da piante monumentali, è caratterizzato dall'alternanza di ampie praterie a fitte boscaglie di alberi ornamentali secolari, frammisti alla vegetazione spontanea.[9]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Parco naturale regionale dei Boschi di Carrega[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Parco naturale regionale dei Boschi di Carrega.

Parte del parco naturale regionale dei Boschi di Carrega si trova all'interno dei confini comunali di Sala Baganza.

Gonfalone comunale

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[10]

Persone legate a Sala Baganza[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Serie storica dei sindaci dal 1946:[12][13]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
ottobre 1946 ottobre 1949 Antonio Rivara Sindaco
ottobre 1949 giugno 1951 Gaetano Bandini Sindaco
giugno 1951 luglio 1956 Remo Bussi Sindaco
luglio 1956 luglio 1970 Pierino Lambertini Sindaco
luglio 1970 maggio 1978 Renato Monica Sindaco
maggio 1978 24 aprile 1995 Paolo Carpena PCI, PDS Sindaco
24 aprile 1995 13 luglio 1996 Mauro Carra centro-sinistra Sindaco
18 novembre 1996 30 maggio 2006 Ferdinando Cigala centro-sinistra Sindaco [14]
30 maggio 2006 5 giugno 2016 Cristina Merusi centro-sinistra Sindaco [15]
5 giugno 2016 in carica Aldo Spina PD-centro-sinistra Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Quest'anno si svolgeranno nel mese di Agosto i Campionati Italiani di Tiro con arco,nel parco di Carrega.

È presente dal 1971 la società di baseball, la A.S.D Sala Baganza baseball militante il campionato italiano di baseball di serie A Federale e di serie B, oltre le varie categorie giovanili e la squadra under 12 di softball.

In estate si svolge a Sala il "Torneo internazionale giovanile di baseball e softball" che nel 2016 giungerà alla 32 edizione.

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

  • ''Golf Club La Rocca - Il comune vanta un campo da golf a 18 buche creato nel 1985 nelle vicinanze della Rocca Sanvitale.[senza fonte]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1910 e il 1954 Sala Baganza fu servita dalla tranvia Parma-Marzolara.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b ISTAT: Popolazione residente al 31/12/2014.
  2. ^ Guglielmo Capacchi, Dizionario Italiano-Parmigiano. Tomo II M-Z, Artegrafica Silva, pp. 895ss.
  3. ^ Itinerario religioso - Luoghi d'anima: alla scoperta della chiesa parrocchiale di Sala Baganza, su www.castellidelducato.it. URL consultato il 7 gennaio 2017.
  4. ^ Talignano, Pieve di San Biagio, piazzaduomoparma.com. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  5. ^ Chiesa di San Vitale "San Vitale di Baganza, Sala Baganza", su www.chieseitaliane.chiesacattolica.it. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  6. ^ San Vitale Baganza, su www.scuolasalabaganza.com. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  7. ^ Relazione illustrativa con analisi storico-critica (PDF), su salabaganza.progettidiimpresa.it. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  8. ^ Castello di Segalara: un luogo tutto da riscoprire, su www.scuolasalabaganza.com. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  9. ^ Descrizione, su bbcc.ibc.regione.emilia-romagna.it. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  10. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  11. ^ a b {R. Lasagni - dizionario biografico dei parmigiani}
  12. ^ http://www.ilborgodiparma.it/archivio_900/sindaci_prov_pr/sindaci_prov_pr_4.htm
  13. ^ Storia amministrativa del comune di Sala Baganza (PR).
  14. ^ Rieletto il 13 maggio 2001.
  15. ^ Rieletta il 16 maggio 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN233872755
Parma Portale Parma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Parma