Sala Consilina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sala Consilina
comune
Sala Consilina – Stemma Sala Consilina – Bandiera
Sala Consilina – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
Sindaco Francesco Cavallone (centrosinistra) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 40°24′N 15°36′E / 40.4°N 15.6°E40.4; 15.6 (Sala Consilina)Coordinate: 40°24′N 15°36′E / 40.4°N 15.6°E40.4; 15.6 (Sala Consilina)
Altitudine 614 m s.l.m.
Superficie 59,7 km²
Abitanti 12 651[1] (30-04-2015)
Densità 211,91 ab./km²
Frazioni Grecia, Quattro Querce, San Raffaele, San Rocco, San Sebastiano, Sant'Antonio, Sant'Eustachio, Santo Leo, Santo Stefano, Trinità
Comuni confinanti Atena Lucana, Brienza (PZ), Marsico Nuovo (PZ), Padula, Sassano, Teggiano
Altre informazioni
Cod. postale 84036
Prefisso 0975
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 065114
Cod. catastale H683
Targa SA
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Nome abitanti salesi
Patrono San Michele Arcangelo
Giorno festivo 8 maggio e 29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sala Consilina
Sala Consilina
Posizione del comune di Sala Consilina all'interno della provincia di Salerno
Posizione del comune di Sala Consilina all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

Sala Consilina è un comune italiano di 12.651 abitanti[2] della provincia di Salerno in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Situato sul lato orientale del Vallo di Diano, dista 85km da Salerno e appena 50km da Potenza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Era il centro più grande del Vallo di Diano, popolato certamente già dal IX secolo a.C., come testimonia la vasta necropoli. Sono di epoca romana le notizie sul centro di Consilinum, da cui ebbe origine l'odierna Sala Consilina, eretta durante la colonizzazione longobarda. Al periodo della dominazione normanna risalgono le chiese di San Leone IX, Santo Stefano e Sant'Eustachio. Nel 1246 Federico II distrusse la città per vendicarsi di una congiura. Gli Aragonesi, nel 1497, la distrussero per lo stesso motivo. Nel Seicento, Sala Consilina diventa sede vescovile. A questa fase risalgono la Grancia di San Lorenzo, la Chiesa di San Pietro, i palazzi signorili dei Gatta, dei Vairo e dei Bigotti. Nel XVIII secolo numerosi altri palazzi vennero edificati, come quelli delle famiglie: Acciari, Grammatico, Bove, Falcone e Caratù.

Dal 1806 al 1860 è stato capoluogo dell'omonimo distretto del Regno delle Due Sicilie.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia è stato capoluogo dell'omonimo circondario.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Titolo di Città - nastrino per uniforme ordinaria Titolo di Città
«D.P.R. 2081»
— 2 aprile 1990 Sala Consilina

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa della Santissima Annunziata
  • Cappella di San Giuseppe (1700)
  • Chiesa di Santo Stefano (XII secolo), al suo interno sono conservati i dipinti Madonna della Consolazione con i Santi Agostino, Stefano, Maria Maddalena e Monica e Madonna delle Grazie e Santi Onofrio e Carlo Borromeo del pittore seicentesco Pietrafesa.
  • Grancia di San Lorenzo
  • Chiesa di San Pietro (ricostruita ex novo intorno al 1950)
  • Chiesa di Sant'Anna
  • Chiesa di Sant'Antonio
  • Chiesa di Sant'Eustachio (1130)
  • Chiesa della SS. Trinità
  • Chiesa di S. Rocco

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzo Grammatico (1722)
  • Palazzo Acciaro (1735)
  • Palazzo Bove (XVII secolo)
  • Palazzo Vannata (XVIII secolo)
  • Palazzo Romano (XVIII secolo)

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello normanno e sue mura di cinta (1250 circa)

Aree boschive[modifica | modifica wikitesto]

  • Località S. Lucia
  • Località Sito Alto
  • Località Petroso
  • Località Telegrafo
  • Località Monte Vergine e Castello

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Immigrazione straniera[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2007 a Sala Consilina risultano residenti 295 cittadini stranieri. Le nazionalità principali sono:[4]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La maggioranza della popolazione è di religione cristiana appartenenti principalmente alla chiesa cattolica[5]; il comune appartiene alla forania di Teggiano-Sala, della diocesi di Teggiano-Policastro, ed ha sei parrocchie.

L'altra confessione cristiana presente è quella evangelica con due comunità:[6]

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate a Sala Consilina[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Circondario di Sala Consilina

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Centro commerciale molto attivo, numerosi erano i negozi e i centri distribuzione all'ingrosso, punto di riferimento per tutti i comuni del comprensorio e anche per le vicine regioni poichéera il centro più grande di una vasta area e racchiude un'utenza di più di 100.000 persone. Vantava numerose concessionarie di automobili e questo ne faceva un polo di attrazione per tutto il sud della Campania, alta Calabria e Basilicata. L'economia cittadina si basa su proventi delle pensioni. Numerose erano le imprese dedite alla lavorazione del ferro, legno, presenti anche piccole e medie industrie alimentari (caseifici,frantoi).

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

  • Uscita autostradale di Sala Consilina sull'A3 Salerno-Reggio Calabria.
  • Strada statale 19 delle Calabrie.
  • Strada Provinciale 11/e S.Marco-Piedimonte-Macchiaroli-Silla-Innesto SS 19(S.Vito)
  • Strada Provinciale 49 Innesto SS 19(S.Antonio)-Innesto SS 19(Tressanti).
  • Strada Provinciale 52 Sala Consilina-Teggiano(Innesto SP 11-loc.Macchiarola).
  • Strada Provinciale 59 Innesto SP 11-Stazione di Sassano.
  • Strada Provinciale 92 Innesto SS 19-Stazione di Sala Consilina.
  • Strada Provinciale 226 Innesto SS 19(Villa Acacia)-Innesto SP 11(Scalo di Sassano).
  • Strada Provinciale 242 Innesto SS 19(Villa Diana)-Innesto SP 49.
  • Strada Provinciale 243 Innesto SP 59(Stazione di Sassano)-Innesto SS 19(loc. Fonte).
  • Strada Provinciale 295 Strada Ponte Filo-inizio territorio di Teggiano.
  • Strada Provinciale 330 Innesto SS 19-Lagno Termine-Innesto SP 11(Macchiarola).
  • Strada Provinciale 395 Innesto SP 11(Silla)-Innesto SP 49(Sala Consilina).

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte della Comunità montana Vallo di Diano.

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino interregionale del fiume Sele.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 maggio 1990 la 2ª tappa del Giro d'Italia 1990 si è conclusa a Sala Consilina con la vittoria di Giovanni Fidanza.

Calcio: Atletico Consilinum - stagione 2013-2014 Campionato Regionale Campano di I Categoria.

Pallavolo: La "Puntotel Sala Consilina" della Polisportiva Antares A.S.D. - stagione (2011-2012) (2012-2013) 2013-2014 milita nel Campionato Nazionale di Pallavolo di Serie A2 femminile - (www.volleyantares.it)

Calcio a 5: A.S.D. Sporting Sala Consilina - stagione 2011/2012 campionato di serie B girone D; Real Sala - Stagione 2012/2013 campionato regionale di serie c2 girone c; Sport Zone - Stagione 2012/2013 campionato regionale di serie c2 girone c

Basket: Valdiano Pallacanestro e Basket Trinità stagione 2010/2011 campionato di serie D

Tennis tavolo: I Ragazzi di San Rocco - stagione 2011/2012 campionato serie C

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

  • Stadio Comunale "Osvaldo Rossi"
  • Palazzetto dello Sport Comunale " Giuseppe Zingaro" già "Palapozzillo"
  • Palestra Comunale Istituto Tecnico Industriale "Gerolamo Gatta"
  • Palestra Liceo Classico "Marco Tullio Cicerone"
  • Palestra scuole Elementari
  • Il Gazebo via Viscigliete"
  • ValPista karting raceway

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Bilancio demografico Mensile 2015.
  2. ^ Dato Istat al 30/4/2015.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Dati Istat
  5. ^ [1] Sito della Diocesi
  6. ^ Evangelici.net
  7. ^ Sito della Croce Rossa Italiana
  8. ^ [2]
  9. ^ [3]
  10. ^ [4]
  11. ^ [5]
  12. ^ [6]
  13. ^ Supremus Civilis et Militaris Ordo Templi Hierosolymitani S.C.M.O.T.H. 1804 OSMTJ., su www.scmoth1804osmtj.org. URL consultato il 17 novembre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN234175593 · GND: (DE4105211-0 · BNF: (FRcb124573193 (data)
Campania Portale Campania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Campania