Olevano sul Tusciano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Olevano sul Tusciano
comune
Olevano sul Tusciano – Stemma
Veduta di Ariano, capoluogo di Olevano sul Tusciano
Veduta di Ariano, capoluogo di Olevano sul Tusciano
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
Sindaco Michele Volzone (lista civica Aria Nuova) dal 27.05.2013
Territorio
Coordinate 40°39′N 15°01′E / 40.65°N 15.016667°E40.65; 15.016667 (Olevano sul Tusciano)Coordinate: 40°39′N 15°01′E / 40.65°N 15.016667°E40.65; 15.016667 (Olevano sul Tusciano)
Altitudine 220 m s.l.m.
Superficie 26,72 km²
Abitanti 7 010[1] (31-08-2011)
Densità 262,35 ab./km²
Frazioni Ariano, Monticelli, Salitto
Comuni confinanti Acerno, Battipaglia, Campagna, Eboli, Montecorvino Rovella
Altre informazioni
Cod. postale 84062
Prefisso 0828
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 065082
Cod. catastale G023
Targa SA
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti olevanesi
Patrono san Michele Arcangelo
Giorno festivo 8 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Olevano sul Tusciano
Olevano sul Tusciano
Posizione del comune di Olevano sul Tusciano all'interno della provincia di Salerno
Posizione del comune di Olevano sul Tusciano all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

Olevano sul Tusciano è un comune sparso italiano di 7.010 abitanti della provincia di Salerno in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale comprende il tratto medio della valle del fiume Tusciano. Confina a nord con Acerno, a est la catena montuosa comprendente il Monte Costa Calda, il Monte Molaro e il Monte Raione lo separa da Campagna; a sud i Monti di Eboli delimitano il confine con Eboli e con Battipaglia mentre a ovest confina con Montecorvino Rovella.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

La stazione meteorologica più vicina è quella di Battipaglia.

BATTIPAGLIA Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 13,2 14,0 16,1 18,6 22,9 26,7 29,1 29,5 27,0 22,8 18,1 14,2 13,8 19,2 28,4 22,6 21,0
T. min. mediaC) 4,9 5,2 6,5 8,4 11,7 15,1 17,5 17,8 15,9 12,6 8,7 6,0 5,4 8,9 16,8 12,4 10,9

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1811 al 1860 ha fatto parte del circondario di Montecorvino, appartenente al Distretto di Salerno del Regno delle Due Sicilie.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia, ha fatto parte del mandamento di Montecorvino, appartenente al Circondario di Salerno. Ha subito gravi danni a causa del terremoto del 1980.

Nel 1980 il comune è stato fortemente danneggiato dal Terremoto dell'Irpinia; soprattutto la frazione Salitto nella zona confinante con il comune d'Acerno.

L'unità d'Italia e il cambio del toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Con l'arrivo di Garibaldi e la proclamazione del Regno d'Italia fu nominato Sindaco reggente il giovanissimo medico Tasso Giuseppe con al fianco l'assessore Don Berniero Nicolino. Il 9 settembre 1861 Olevano riconosce Vittorio Emanuele Re d'Italia. Il 10 novembre 1861 all'età di 39 anni è Sindaco il sacerdote don Berniero Nicolino (e lo sarà fino al 5 dicembre 1877 giorno della sua morte improvvisa forse per avvelenamento). Nel Luglio del 1862 la Regia Prefettura notificò al Consiglio Comunale dell'epoca una Circolare del Ministero dell'Interno del Regno d'Italia intesa “a togliere l'identità di nome che si riscontra in parecchi Comuni del Regno la quale è ben spesso cagione di equivoci ed imbarazzi, perciò invita questo Municipio a cambiare il nome al Comune di Olevano che è compreso fra quelli che hanno identità di nome con altri del Regno, od a farvi qualche aggiunta onde distinguerlo”. Il Consiglio Comunale di Olevano nella seduta del 6 novembre 1862, sentite le diverse proposte toponomastiche e prestando riguardo alla storia del luogo, deliberò di assumere la denominazione di Olevano sul Tusciano, aggiungendo quindi il nome del fiume che attraversa il territorio comunale. Il Regio Decreto n. 1078 dato a Torino il 14 dicembre 1862 dal Re d'Italia Vittorio Emanuele II decretò l'autorizzazione ad assumere la nuova denominazione per il comune. A causa di un errore di trascrizione e confondendo la T di Tusciano in F, Olevano si ritrovò a chiamarsi erroneamente Fusciano invece di Tusciano. Il 14 dicembre 1862 arrivò l'autorizzazione al Comune attraverso il Regio Decreto n.1078 a chiamarsi con Fusciano. Il Comune fu costretto ad accettare momentaneamente tale denominazione e a denunciarne immediatamente l'errore per la sua correzione. Infatti il 29 dicembre 1862 il Comune cambia denominazione in Olevano sul Fusciano. Il 15 marzo del 1863 il Comune si vede notificare, dopo il suo giusto ricorso, un nuovo Regio Decreto n.1204 che autorizza il Comune ad assumere la nuova e definitiva denominazione attuale. Tale Decreto venne registrato alla Corte dei Conti il 10 aprile 1863 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia il 17 aprile 1863. [2]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Grotta di San Michele Arcangelo: Battesimo di Cristo, affresco del IX secolo

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Villa romana di S. Maria a Corte.

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Castrum Olibani - Il castello longobardo.
Veduta di Salitto

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Grotta di San Michele Arcangelo.
  • Cella di San Vincenzo.
  • Convento di Santa Maria di Costantinopoli: edificato nel XVI secolo dai Domenicani.
  • Santa Maria a Corte.
  • Chiesa parrocchiale di S. Maria a Corte (1600).
  • Chiesa parrocchiale di San Leone Magno (1700).
  • Chiesa parrocchiale di Santa Lucia (1700).
  • Congrega di Santa Regina in borgo Monticello (1470).
  • Cappella di Santa Maria delle Grazie in Monticelli (1746).
  • Congrega di San Giacomo in Ariano (1400).
  • Congrega di San Rocco in Ariano (1889).
  • Cappella di San Rocco (ruderi) vicino al fiume Tusciano.
  • Cappella della Madonna della Neve (1500).
  • Congrega di Santa Maria del Soccorso in borgo Busolino di Salitto (1515).
  • Cappella di Maria Santissima del Rosario in borgo Valle di Salitto (1968).
  • Cappella della Madonna delle Grazie in borgo Capocasale di Salitto (1500).

Altro[modifica | modifica wikitesto]

  • Grotta di Nardantuono: braccio della Grotta di San Michele che la leggenda vuole sia stato rifugio delle bande brigantesche guidate da Antonio di Nardo, al secolo il brigante Nardantuono.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2007 a Olevano sul Tusciano risultano residenti 156 cittadini stranieri. Le nazionalità principali sono:[4]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La maggioranza della popolazione[5] è di religione cristiana di rito cattolico; il comune appartiene alla forania di Battipaglia-Olevano S.T. dell'Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno, con tre parrocchie.

L'altra confessione cristiana presente è quella evangelica[6] con una comunità ubicata ad Ariano.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Il borgo di Monticello

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo parrocchiale di Santa Maria a Corte in borgo Monticello.

Radio[modifica | modifica wikitesto]

  • Radio Flash Salerno attiva dalle ore 12:30 del 5 luglio del 1985[7].

Persone legate a Olevano sul Tusciano[modifica | modifica wikitesto]

Beato Fra Paolo Da Olevano (Olevano sul Tusciano 1400 - Baronissi 2 marzo 1451); è stato frate laico nel Convento della Santissima Trinità di Baronissi[senza fonte]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

In base allo statuto comunale di Olevano sul Tusciano[8], le frazioni sono[9]:

  • Ariano, 1.673 abitanti, 197 m s.l.m.; è il capoluogo comunale ove ha sede il municipio.
  • Monticelli, 3.336 abitanti, 150 m s.l.m.; la frazione è composta dal vecchio borgo Monticello e dalla nuova urbanizzazione.
  • Salitto, situata a 420 m s.l.m., alle pendici del Castrum Olibani, ha 1.390 abitanti. La frazione è composta, oltre al centro del paese, anche di cinque borghi.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio è prevalentemente destinato alla produzione agricola e rientra nell'area di produzione dell'olio di oliva DOP Colline Salernitane.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

  • Strada Provinciale 29 Battipaglia-Innesto SR 164, principale asse stradale del comune;
  • Strada Provinciale 325 Innesto SR 164-Innesto SP 428 (Frosano);
  • Strada Provinciale 350 Innesto SP 29 (Olevano)-Eboli;
  • Strada Provinciale 428 Macchia Monticelli (Innesto SR 164-Olevano sul Tusciano).
  • Strada Provinciale 230 Forbici di Olevano-Ariano.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

La mobilità è affidata, per quanto riguarda i trasporti urbani ed extraurbani, alla società SITA.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

La sede comunale è ubicata nella frazione Ariano.

Sindaci[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1999 2002 Luigi Peccia Sindaco
2002 2003 Rosa Maria Falasca Commissario prefettizio
2003 2013 Adriano Ciancio Sindaco
2013 in carica Michele Volzone Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte della Comunità montana Monti Picentini.

Per quel che riguarda la gestione dell'irrigazione e del miglioramento fondiario, l'ente competente è il Consorzio di bonifica in Destra del fiume Sele.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio è l'Asd San Michele Olevano nata nel 2002 San Michele Olevano. Partecipa al campionato regionale di Seconda Categoria. Ad Olevano opera l'Usd Olevano Soccer (Scuola Calcio) che partecipa ai campionati regionali e provinciali organizzati dalla Figc- Settore Giovanile e Scolastico.

Strutture sportive[modifica | modifica wikitesto]

  • Campo di calcio San Michele ubicato a Monticelli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2011.
  2. ^ Michele Cicatelli, Olevano: Scoperta, conoscenza e valorizzazione della sua storia (Attraverso i documenti),Edizioni Centro Culturale Studi Storici - Santa Maria di Castellabate (SA) giugno 2014
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Dati Istat
  5. ^ Arcidiocesi di Salerno - Campagna - Acerno
  6. ^ Le Chiese Cristiane Evangeliche nella Valle del Sele, di Romolo RICCIARDIELLO
  7. ^ [1]
  8. ^ Statuto comunale di Olevano sul Tusciano
  9. ^ 14º Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN132505243