Sessa Cilento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sessa Cilento
comune
Sessa Cilento – Stemma
Sessa Cilento – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Campania-Stemma.svg Campania
ProvinciaProvincia di Salerno-Stemma.svg Salerno
Amministrazione
SindacoGiovanni Chirico (lista civica) dal 5-6-2016
Territorio
Coordinate40°16′N 15°05′E / 40.266667°N 15.083333°E40.266667; 15.083333 (Sessa Cilento)Coordinate: 40°16′N 15°05′E / 40.266667°N 15.083333°E40.266667; 15.083333 (Sessa Cilento)
Altitudine550 m s.l.m.
Superficie18,04 km²
Abitanti1 229[1] (31-5-2020)
Densità68,13 ab./km²
FrazioniCasigliano, Castagneta, Felitto Piano, San Mango Cilento, Santa Lucia, Valle
Comuni confinantiLustra, Omignano, Perdifumo, Pollica, San Mauro Cilento, Serramezzana, Stella Cilento
Altre informazioni
Cod. postale84074
Prefisso0974
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT065141
Cod. catastaleI677
TargaSA
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Nome abitantisessesi
Patronosanto Stefano
Giorno festivo3 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sessa Cilento
Sessa Cilento
Sessa Cilento – Mappa
Posizione del comune di Sessa Cilento all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

Sessa Cilento è un comune italiano di 1 229 abitanti della provincia di Salerno in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1811 al 1860 ha fatto parte del circondario di Pollica, appartenente al Distretto di Vallo del Regno delle Due Sicilie.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia ha fatto parte del mandamento di Pollica, appartenente al Circondario di Vallo della Lucania.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzo "Coccoli", palazzo " Giordano", piazza "Pompeo L'ebano" a Sessa
  • Palazzo "Coppola" a Valle C.To
  • Palazzo "Del Giudice" a San Mango

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di Santo Stefano protomartire
  • Chiesa di Santa Maria degli eremiti
  • Chiesa di San Nicola di Bari
  • Chiesa dei Santi Pietro e Paolo
  • Chiesa di Maria Santissima Assunta al cimitero

Numerose sono anche le cappelle presenti nelle strade del centro storico e nelle campagne:

  • Cappella di Santa Lucia vergine e martire
  • Cappella dell'Immacolata
  • Cappella di San Donato vescovo
  • Cappella della Santissima Trinità
  • Cappella di San Rocco
  • Cappella della Madonna del Carmine
  • Cappella di Sant'Aniello abate
  • Cappella di Sant'Agnese

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Circa 600 abitanti risiedono nella frazione San Mango Cilento. Abitanti censiti[2]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Sessa Cilento è la sede della Pinacoteca d’Arte Contemporanea Pietro Volpe che ospita il catalogo della donazione Volpe-Boschetti da cui la struttura museale ha mosso i primi passi.[3]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

  • Strada Provinciale 15 Innesto SR 267 (S. Pietro) - Innesto SR 267 (Acciaroli).
  • Strada Provinciale 116 Innesto SS 18 (Omignano Scalo) - Innesto SP 15 (Sessa Cilento).
  • Strada Provinciale 441 Innesto SP 15 (Mercato Cilento) - Casigliano di Sessa Cilento.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

La mobilità è affidata, per i trasporti urbani, alla società Autolinee Giuliano sas aderente alla Società Consortile Salernitana Trasporti.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio fa parte della Comunità montana Alento-Monte Stella e dell'Unione dei comuni Valle dell'Alento.

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino regionale Sinistra Sele.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 maggio 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ Antonella Agresti, Nel cuore del Cilento Antico apre la Pinacoteca d’Arte Contemporanea Pietro Volpe, su infocilento.it, 26 aprile 2016. URL consultato il 7 agosto 2018 (archiviato il 26 aprile 2016).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN139997543 · WorldCat Identities (ENlccn-nr95037230
Campania Portale Campania: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Campania