Alfano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Alfano (disambigua).
Alfano
comune
Alfano – Stemma Alfano – Bandiera
Alfano – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
Sindaco Elena Anna Gerardo (lista civica) dall'11-06-2017
Territorio
Coordinate 40°10′38.85″N 15°25′28.55″E / 40.177458°N 15.424597°E40.177458; 15.424597 (Alfano)Coordinate: 40°10′38.85″N 15°25′28.55″E / 40.177458°N 15.424597°E40.177458; 15.424597 (Alfano)
Altitudine 250 m s.l.m.
Superficie 4,82 km²
Abitanti 1 018[1] (30-4-2017)
Densità 211,2 ab./km²
Comuni confinanti Laurito, Roccagloriosa, Rofrano
Altre informazioni
Cod. postale 84040
Prefisso 0974
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 065004
Cod. catastale A186
Targa SA
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona C, 1 369 GG[2]
Nome abitanti alfanesi
Patrono san Nicola
Giorno festivo 6 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Alfano
Alfano
Alfano – Mappa
Posizione del comune di Alfano all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Gnome-globe.svg Riserva della biosfera
Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano con i siti archeologici di Paestum Velia, e la Certosa di Padula
(EN) Cilento and Vallo di Diano National Park with the Archeological sites of Paestum and Velia, and the Certosa di Padula
Alfano.jpg
Tipo Culturali
Criterio (iii) (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1998 (come patrimonio)
1997 (come riserva)
Scheda UNESCO (EN) Patrimonio
(FR) Patrimonio
(EN) Riserva

Alfano (Alfànu in dialetto cilentano) è un comune italiano di 1 018 abitanti in provincia di Salerno in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è situato nel Cilento, lungo le propaggini meridionali del monte Gelbison. Il suo territorio è parte del parco nazionale.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriverebbe dal gentilizio Alfius[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Di origine medievale, è documentato per la prima volta nel 1309. Dopo essere stato feudo dei Sanseverino e in seguito proprietà del demanio regio, nel 1427 venne assegnato come baronia a Cirillo Dal Verme, nel 1496 fu assegnato al conte Giovanni Carafa, ma torno ai Dal Verme. Nel 1561 Muzio Dal Verme denunziò la morte del padre che aveva Alfano in feudo. Nel 1566 G. Battista Carrofa, conte di Policastro, rinunziò alla lite mossa contro di lui da Muzio Del Verme, circa la giurisdizione di Alfano che venne confermata ai Dal Verme. Nel 1588 Alfano fu acquistata da Paolo Brancaccio. Dal 1619 il feudo passò ai Bernalla che lo possedettero quasi ininterrottamente fino al XVIII secolo.[3]

Dal 1811 al 1860 ha fatto parte del circondario di Laurito, appartenente al Distretto di Vallo del Regno delle Due Sicilie.

Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia ha fatto parte del mandamento di Laurito, appartenente al Circondario di Vallo della Lucania.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Alfano-Stemma.png
Arma

Stemma: D'oro alla lettera A, delineata con il carattere lapidario romano; di nero, accompagnata da due palle di rosso. Ornamenti esteriori da Comune

Gonfalone

Gonfalone: Drappo partito di rosso e di nero riccamente ornato di ricami d'argento e caricato dello stemma sopra descritto con l'iscrizione centrata in argento: Comune di Alfano

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Nicola di Mira
  • Palazzo baronale Novelli (inizio XVIII secolo)

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2015 ad Alfano risultano residenti 14 cittadini stranieri.[5]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La maggioranza della popolazione[6] è di religione cristiana di rito cattolico; il comune appartiene alla diocesi di Vallo della Lucania, con una parrocchia: San Nicola di Mira.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
6 giugno 1993 27 aprile 1997 Egidio Speranza Democrazia Cristiana Sindaco
27 aprile 1997 13 maggio 2001 Amelia Viterale Grosso Lista civica Sindaco
13 maggio 2001 28 maggio 2006 Amelia Viterale Grosso Lista civica Sindaco
28 maggio 2006 27 maggio 2007 Amelia Viterale Grosso Lista civica Sindaco
27 maggio 2007 6 maggio 2012 Angelo Grosso Lista civica Sindaco
6 maggio 2012 11 giugno 2017 Amelia Viterale Grosso Lista civica Sindaco
11 giugno 2017 in carica Elena Anna Gerardo Lista civica Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino regionale Sinistra Sele.

La gestione del ciclo dell'acqua è affidato all'ATO 2 Sele.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

  • Campo di calcio comunale[7]
  • Piscina comunale

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ a b AA. VV., La Campania paese per paese, Firenze, Bonechi, 1997.
  4. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Dati Istat
  6. ^ Diocesi di Vallo della Lucania
  7. ^ Teseogiovani - Rete Informagiovani della Provincia di Salerno[collegamento interrotto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV. La Campania paese per paese, 1997, Bonechi, Firenze.
  • C. Corvino, Guida insolita ai misteri, ai segreti, alle leggende e alle curiosità della Campania, Roma, Newton & Compton editori, 2002.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Comune di Alfano