Calvanico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Calvanico
comune
Calvanico – Stemma Calvanico – Bandiera
Calvanico – Veduta
Calvanico vista dal Pizzo San Michele
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Campania-Stemma.svg Campania
ProvinciaProvincia di Salerno-Stemma.svg Salerno
Amministrazione
SindacoFrancesco Gismondi (lista civica Calvanico 2000) dal 14-4-2008 (3º mandato dal 10-6-2018)
Territorio
Coordinate40°47′N 14°50′E / 40.783333°N 14.833333°E40.783333; 14.833333 (Calvanico)
Altitudine600 m s.l.m.
Superficie14,91 km²
Abitanti1 378[1] (31-3-2022)
Densità92,42 ab./km²
Comuni confinantiFisciano, Giffoni Sei Casali, Castiglione del Genovesi, Giffoni Valle Piana, Montoro (AV), Serino (AV), Solofra (AV)
Altre informazioni
Cod. postale84080
Prefisso089
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT065020
Cod. catastaleB437
TargaSA
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[2]
Cl. climaticazona D, 1 669 GG[3]
Nome abitanticalvanicesi (cravagnuoli in dialetto campano)[non chiaro]
Patronosan Michele Arcangelo
Giorno festivo29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Calvanico
Calvanico
Calvanico – Mappa
Posizione del comune di Calvanico all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

Calvanico (Cravànichë in campano[4]) è un comune italiano di 1 378 abitanti della provincia di Salerno in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'abitato di Calvanico è circondato da montagne su quasi tutti i lati. La vetta più alta è il monte Mai (1 607 metri), ma altre vette imponenti sono il Pizzo San Michele, il Toppo dell'Uovo, i monti Tre Cappelle e gli impervi crinali del monte Serrapiana e delle Serre del Torrione. A Sud il profilo montuoso è più dolce e le montagne sono meno impervie, tra queste annoveriamo il monte Monna, il monte Marano, il Mon Vosco e la Nevea che chiudono a Sud la Valle Calvanicese. Il territorio di Calvanico comprende estesi boschi misti di latifoglie e immensi castagneti. Il Faggio domina la scena su vaste porzioni del territorio Calvanicese, nelle fredde valli dei monti Mai forma faggete a perdita d'occhio (valle del Faggeto), ma è ben presente anche sulle colline a Sud del paese dove è presente la sorgente denominata acqua dei Faggi. La quercia domina i ripidi pendii del monte Serrapiana. Boschi misti di latifoglie sono ben presenti in tutto il territorio e si alternano a estesi Castagneti e Noccioleti di alta qualità.

La buona esposizione del territorio sia agli umidi e miti venti marittimi che a quelli più freddi appenninici rende ottima e unica la qualità delle Castagne e delle Nocciole di Calvanico.

Le Castagne di Calvanico appartengono alla qualità IGP di Serino, con caratteristiche organolettiche uniche (Qualità di castagna che cresce solo sulle pedemontane dei monti del Terminio, dei monti Mai e del Pizzo San Michele).

Anche le Nocciole di Calvanico sono di alta qualità appartenendo alla famiglia della famosa Nocciola Tonda di Giffoni, nota in tutta Italia. La tonda di Giffoni cresce lungo la fascia collinare tra la vicina Giffoni e Calvanico.

Gli uliveti a Calvanico sono pochi e sono presenti solo sui pendii ben aperti verso il mare e con esposizione a Sud. In alcuni inverni particolarmente rigidi (come il 2017 o il 1985) molte piante di Ulivo sono state danneggiate dalla neve e dal gelo

Clima e Idrografia[modifica | modifica wikitesto]

Il clima è quello tipicamente di alta collina interna esposta al versante Tirrenico dell'Italia centro-meridionale, caratterizzato da inverno piuttosto freddo e molto piovoso, estati miti, rese piacevoli dalla Brezza di Monte (Calata dal Pizzo San Michele secondo la denominazione locale) che rinfresca le serate calvanicesi. Di giorno si attiva una piacevole ventilazione di brezza da ponente, arriva dal golfo e risale la vallata. L'estate è la stagione meno piovosa (ma non mancano improvvisi temporali o acquazzoni che si formano dai monti Mai). Le stagioni intermedie sono parecchio piovose.

I venti umidi marittimi (Libeccio, Scirocco e Ponente) risalgono le barriere montuose delle Serre del Torrione o del Pizzo San Michele generando frequenti e persistenti precipitazioni sull'area. Nel periodo autunnale le precipitazioni possono durare giorni e giorni intervallate solo da brevi pause. Picco precipitativo in autunno- inverno.

La nevicate, nonostante la vicinanza al mare, sono un fenomeno frequente a Calvanico. I freddi venti Settentrionali (Tramontana, Maestrale e Grecale) accumulano umidità sulla retrostante catene montuosa dei Mai, generando nubi e precipitazioni nevose (in inverno) talora abbondanti. Non sono rare veloci nevicate anche ad inizio primavera (marzo- aprile) a Calvanico. Tra le faggete dei monti Mai la neve resiste per molti mesi ogni anno e alimenta le grandi riserve idriche della Montagna. Le grandi riserve idriche della catena dei monti Mai non solo alimentano gli acquedotti di Calvanico e della Valle dell'Irno, ma in parte alimentano anche gli acquedotti della città di Salerno (con le captazioni di Prepezzano) e i Grandi Acquedotti della Tornola di Serino (Versante Nord), che portano l'Acqua fino a tutta la città e provincia di Napoli (a Serino le acque che scendono dai monti Mai si riuniscono con l'enorme mole di acque che scende dal vicino monte Terminio)

L'Acqua Pura di Calvanico

Sono innumerevoli le sorgenti sparse sul territorio di Calvanico, alcune scendono verso il golfo di Salerno e altre si dirigono verso la piana di San Severino per sfociare addirittura nel Golfo di Napoli.

Dai monti Mai si formano grandi Sorgenti ricche di acqua che alimentano anche vari acquedotti tra le province di Salerno, Napoli e Avellino. L'Acqua della Tagliata, del Faggeto, Del Gradone, della Nocciola, Acqua della Bugia , Acqua del Cerino e tante altre sorgenti si formano alle falde dei monti Mai. Dal Pizzo San Michele le sorgenti principali sono quelle dell'acqua Santa (anche essa alimenta alcuni Acquedotti), Acquella e Acqua Carpegna). Innumerevoli le sorgenti anche sulla fascia montuosa a Sud del Paese dove si annoverano, tra le principali, l'acqua dei Montemarano, di Tofa, della Nevea, dei Faggi, del Cannolicchio e altre sorgenti.

La ricchezza di acqua del territorio è stata motivo di ricchezza fin dai tempi antichi. Sul territorio di Calvanico ci sono almeno 5 mulini ad acqua che in passato sfruttavano l'acqua come fonte di Energia e lavoro per trasformare materie prime in prodotti finiti. A Capo Calvanico in passato si lavoravano anche i bachi da seta sul ruscello passante per il vallone della Tenda.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Calvanico nacque già nella Preistoria. Negli anni si evolve, e diventerà un vero e proprio feudo, verranno costruite molte chiese, palazzi e ville. Nel Medioevo, una leggenda, narra, che, sul Pizzo San Michele, apparse l'omonimo arcangelo, e venne eretta una chiesa in suo onore. Nel 1600 venne costruita una statua dedicata all'arcangelo, fatta interamente d'argento motivo di culto intenso da parte dei Calvanicesi, e non solo, anche di molti italiani provenienti da nord. Nel '700 vennero demolite alcune chiese, per fare spazio ad altre parrocchie. Nel 1973 vennero trovati degli scheletri nella congrega della chiesa del Salvatore, appartenenti alla prima metà del '700, forse alcuni schiavi morti proprio in quel luogo. Il territorio comunale fu gravemente danneggiato dal terremoto del 1980.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Fontana di piazza Conforti

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

L'area naturalistica "Frassineto" si estende su una superficie di 81,25 ettari, è ricoperta interamente da bosco ceduo avviato ad alto fusto, deve la sua denominazione al frassino, largamente presente. Essa è ubicata per la maggior parte nel territorio di Calvanico (circa (77,1 ettari) e per la restante parte nel territorio di Fisciano (circa 4,15 ettari). È percorsa da quattro sentieri[5].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La maggioranza della popolazione è di religione cristiana di rito cattolico[7]; il comune appartiene all'arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

  • Strada Provinciale 24/a Ponte don Melillo-Fisciano-Calvanico-bivio Gaiano.
  • Strada Provinciale 119 Innesto SP 24-Mezzina di Calvanico.
  • Strada Provinciale 187 Innesto SP 24-Piè di Calvanico (piazza comunale)-Innesto SP 119-Mezzina di Calvanico.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sindaci[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
20 novembre 1994 11 giugno 1998 Michele Rega UdC Sindaco
11 giugno 1998 29 novembre 1998 Raffaella De Asmundis - commissario straordinario
29 novembre 1998 25 maggio 2003 Antonio Conforti centro-sinistra Sindaco
26 maggio 2003 13 aprile 2008 Antonio Conforti lista civica Sindaco
14 aprile 2008 26 maggio 2013 Francesco Gismondi lista civica Sindaco
27 maggio 2013 in carica Francesco Gismondi lista civica Calvanico 2000 Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte della Comunità montana Irno - Solofrana e dell'Unione dei Comuni Valle dell'Orco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio demografico anno 2022 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani., Milano, Garzanti, 1996, p. 118, ISBN 88-11-30500-4.
  5. ^ Legambiente
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Arcidiocesi di Salerno - Campagna - Acerno

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • L. Giustiniani, Dizionario geografico ragionato del Regno di Napoli Napoli, 1797-1805 (ristampa anastatica, Bologna, 1969), ad vocem
  • G. Crisci - A. Campagna, Salerno Sacra (Ricerche storiche), Salerno, 1962
  • ------ Calvanico: i luoghi, le strutture, Calvanico, s. d. [1982]
  • A. Conforti (a cura di), I Portali. Pietre Stemmi Casati a Calvanico , vol.I I Festa dell'Artigianato, Calvanico, 1988
  • M. Sessa, Calvanico. Fascino del passato, oasi del futuro, Lancusi-Fisciano, 1993
  • R. Bergamo - V. D'Alessio, Calvanico (alla ricerca delle origini), Solofra, 1995
  • [L. Noia], Calvanico. "Paese dell'anima", Calvanico, s. d. [1996]
  • --- La Campania paese per paese, Firenze, 1996, ad vocem
  • L. Conforti, L'Abate Gian Francesco Conforti, Baronissi, 1999
  • A. Gismondi, Calvanico e la Chiesa Parrocchiale del SS. Salvatore, Lancusi-Fisciano, 2001
  • A. Pisano - G. Villari (a cura di), Nel territorio della Zona Irno c'è...Guida breve per coloro che desiderano godere il "rurale", Calvanico, 2001
  • G. Crisci, Salerno Sacra (Ricerche storiche), vol.II, Penta-Fisciano, 2001 (2ª ed.)
  • R. Bergamo - V. D'Alessio, Il culto di San Michele Arcangelo. La chiesa sul Pizzo di San Michele, Solofra, 2004
  • V. D'Alessio, Il culto di San Michele Arcangelo. Santuari tra Salerno e Avellino, Montoro Inferiore, 2006

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN235310086
  Portale Salerno: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Salerno