Perito (Campania)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Perito
comune
Perito – Stemma
Perito – Veduta
Una veduta del paese
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Campania-Stemma.svg Campania
ProvinciaProvincia di Salerno-Stemma.png Salerno
Amministrazione
SindacoCarlo Cirillo (lista civica Insieme per crescere) dal 10-6-2018
Territorio
Coordinate40°18′N 15°09′E / 40.3°N 15.15°E40.3; 15.15 (Perito)Coordinate: 40°18′N 15°09′E / 40.3°N 15.15°E40.3; 15.15 (Perito)
Altitudine465 m s.l.m.
Superficie24 km²
Abitanti880[1] (30-6-2019)
Densità36,67 ab./km²
FrazioniOstigliano, Isca Abbate
Comuni confinantiCicerale, Lustra, Monteforte Cilento, Orria, Prignano Cilento, Rutino, Salento
Altre informazioni
Cod. postale84060
Prefisso0974
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT065092
Cod. catastaleG455
TargaSA
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Nome abitantiPeritesi
PatronoSan Nicola
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Perito
Perito
Perito – Mappa
Posizione del comune di Perito all'interno della provincia di Salerno
Sito istituzionale

Perito (Prito in dialetto cilentano[2]) è un comune italiano di 880 abitanti della provincia di Salerno in Campania. Il nome deriva probabilmente dal latino piretum, pereto, indicante una zona ricca di peri selvatici.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

La stazione meteorologica più vicina è quella di Casal Velino. In base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +8,7 °C; quella del mese più caldo, agosto, è di +25,7 °C[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa dedicata a San Nicola di Bari.

Sebbene non si conosca la data esatta di fondazione del paese, Emilio Gatto, nella sua Storia di Perito[4], ipotizzò che i primi abitanti del luogo si fossero spostati dalla vicina Elea quando questa tramontò nel medioevo. Essi probabilmente cercarono rifugio dai barbari sulle colline vicine, la cui posizione era strategica per la difesa. Da alcune notizie riportate dallo storico cilentano Pietro Ebner, riferite da alcuni documenti del Codex diplomaticus Cavensis, si può dedurre l'esistenza di Perito già in un periodo compreso tra il X secolo e il 1137.

La tradizione afferma che prima dell’attuale borgo di Perito sia esistito “Perito sottano” (Perito di sotto), un piccolo borgo abitato, poi distrutto dal generale Formica, in cui oggi si trova la chiesa di santa Caterina. Gatto ipotizza che questo borgo, ammessa la sua esistenza, possa essere stato distrutto o dai Saraceni, o dagli Almogaveri catalani durante la Guerra dei Vespri, cioè in un periodo collocabile, rispettivamente, nei secoli XI o XIV. Il gran numero di soldati che risaliva la collina doveva dare l’impressione, agli abitanti del borgo, di un brulicare di formiche; da qui deriverebbe il nome del leggendario condottiero che distrusse Perito sottano.

Il borgo rivestì importanza per tutto il Medioevo come cittadella fortificata a controllo delle valli sottostanti. La chiesa di San Nicola (XVI secolo) vanta un monumentale campanile edificato dal recupero di un'antica torre di epoca angioina.[5]

Il casale di Perito fece parte prima della Baronia di Novi e poi della Baronia di Gioi, passando nei secoli nelle mani di diversi padroni, che non erano né nativi del luogo né vi abitavano. Nel 1806, con Giuseppe Bonaparte nuovo re del regno di Napoli, quando il regime feudale fu abolito dalla legge di eversione, insieme con il casale di Ostigliano, Perito divenne frazione del comune di Orria, perdendo la propria autonomia come università.

Diversi abitanti di Perito presero parte ai moti del Cilento del 1828 e qui furono arrestati i fratelli Capozzoli. Perito acquistò lo status di comune autonomo solo il 1 marzo 1850 e Ostigliano ne divenne frazione.

Nel 1860, in pieno Risorgimento, una novantina di peritesi si unì all'esercito di Garibaldi quando questo sbarcò a Sapri. Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia, ha fatto parte del mandamento di Gioi, appartenente al Circondario di Vallo della Lucania.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Sagra[modifica | modifica wikitesto]

Ogni anno si tiene nel mese di agosto, in un bosco ceduo castanile a monte del paese, la Festa nel bosco.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

  • Strada Provinciale 56 Italia.svg Strada Provinciale 56/a Innesto SS 18-Ostigliano-Perito-Orria.
  • Strada Provinciale 430 Italia.svg Strada Provinciale 430/a Innesto SS 18 (Paestum)-Agropoli Nord-Agropoli Sud-Prignano Cilento-Perito-Omignano (loc. Ponti Rossi)-Vallo Scalo.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte della Comunità montana Gelbison e Cervati e dell'Unione dei comuni Valle dell'Alento.

Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino regionale Sinistra Sele.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2019.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 481.
  3. ^ Tabella climatica mensile e annuale (TXT), in Archivio climatico DBT, ENEA.
  4. ^ Emilio Gatto, Un pezzo di storia di una terra del Cilento, Perito Chi eravamo - Chi siamo, 1999.
  5. ^ Amedeo La Greca, Guida al Cilento 1, I Paesi, Centro di Promozione Culturale per il Cilento, Acciaroli, 1993, p. 89.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]